Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
MERIDIAN DAWN
The Fever Syndrome

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
KIKO LOUREIRO
Open Source

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Pride Of Lions - The Roaring Of Dreams
( 3977 letture )
Terzo ruggito d’orgoglio per i leoni di Jim Peterik, che nonostante negli ultimi anni abbia svolto un’intensa attività compositiva, dividendosi tra la sua band, i suoi progetti solisti ed alcune eccellenti collaborazioni, come quella con l’ex batterista dei Night Ranger Kelly Keagy, continua a sfornare brani che riescono sempre a puntare su melodie e ritornelli vincenti e memorabili. Certo la vena compositiva dell’ex Survivor non è un mistero per nessuno da molti anni, ma ciò che più meraviglia è la continuità e la qualità che lo stesso autore riesce a dare ai suoi lavori dopo tanti anni di carriera, e senza mai allontanarsi dalle sue convinzioni e dalla sua passione per le melodie cristalline e avvincenti, a ciò si aggiunga poi che ad interpretare le sue azzeccate linee melodiche c’è Toby Hitchcock, singer dalle enormi qualità che conferma la sua progressiva e costante crescita artistica ad ogni nuova release, ed ecco che il gioco è fatto, anche se personalmente ritengo che il Jimi Jamison di lavori come Vital Signs o When Seconds Count sia impareggiabile.
The Roaring Of Dreams, questo il titolo della terza uscita dei Pride of Lions, si muove tra il tipico AOR West Coast di Survivor e compagnia bella e sonorità più dedite al pomp rock di gruppi come i Magnum, paragone quest’ultimo però da prendere con le pinze, presentandosi così come perfetto punto d’incontro tra le prime due uscite di questa band, l’omonimo e radiofonico Pride Of Lions ed il più pomposo Destiny Stone.
L’opener Heaven on Earth e la successiva Book Of Life partono proprio all’insegna di un melodico pomp rock dai toni un po’ epici, ritornelli pieni ed iper-melodici trionfalmente resi dall’interpretazione estesa e potente di Hitchcock, ma è sicuramente la parte centrale del platter a regalare le emozioni maggiori, a partire dalla favolosa Love’s Eternal Flame, brano che sposta il lavoro verso un più tipico AOR West Coast, con dolci e sognanti melodie affidate alle chitarra e al fondamentale apporto delle tastiere, ed anche la più adrenaliniche Language Of The Heart e Let Me You Go proseguono la release su alti standard qualitativi, due brani che più degli altri sembrano ricollegarsi alla tradizione stilistica dell’ex band di Peterik, di cui i Pride of Lions, come lui stesso dichiara, sembrano essere la naturale e moderna evoluzione. Arriva poi la dolcissima Faithful Heart, che mostra il loro lato più radiofonico ed orecchiabile in un melodicissimo pezzo che, specie nel suo refrain, riporta alla mente i mitici Toto, mentre si ritorna ad un sound più pomposo con la bellissima Defying Gravity, così dopo una parte centrale così ricca di potenziali hit, arrivano una serie di piacevoli pezzi che tuttavia non riescono a tenere il passo degli altri, a partire dalla title-track e Secret Of The Way. La malinconica Astonish You e la semi-acustica e toccante Tall Ships fanno subito intendere che anche il finale sarà di gran livello, ed infatti a suggellare una chiusura dall’alto tasso emotivo e qualitativo ci pensa la lunga ed epica Turnaround, in cui Toby duetta con la giovane sorella Tori.
The Roaring Of Dreams è l’ennesimo ottimo album di un gruppo che ormai può considerarsi uno degli esponenti di punta della scena AOR, un album che tuttavia cresce dopo qualche ascolto, risultando meno immediato di quanto solitamente avviene con lavori di tal genere, mentre un doveroso plauso va rivolto, oltre che al solito Peterik, ad un Toby Hitchcock davvero strepitoso.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
48.12 su 31 voti [ VOTA]
Andrew Lloyd
Domenica 24 Maggio 2020, 1.17.00
6
Un disco da avere assolutamente per gli amanti del genere. Tra le uscite più signficative aor/melodic del nuovo millennio.
The Mad Avenger
Sabato 7 Aprile 2012, 12.47.47
5
Bel disco!!!! Assolutamente bello e ai livelli di Pride of Lions...sottovalutato con i voti sia dalla recensione che dal lettore!!!! Voto 94
Autumn
Mercoledì 26 Novembre 2008, 22.47.40
4
Ma che tiro ha "Let me let you go"????? Disco favoloso
Roberto
Domenica 1 Aprile 2007, 19.51.14
3
Veramente bellissimo, Turn around meravigliosa!!!
Thomas
Sabato 31 Marzo 2007, 21.16.12
2
Bellissimo disco
Il Mentalista
Venerdì 30 Marzo 2007, 18.28.50
1
Strepitoso, dritto nella mia top ten del 2007! Grande Jim!
INFORMAZIONI
2007
Frontiers Records
AOR
Tracklist
1. Heaven on Earth
2. Book of Life
3. Love’s Eternal Flame
4. Language of the Heart
5. Let Me You Go
6. Faithful Heart
7. Defying Gravity
8. The Roaring of Dreams
9. Secret of the Way
10. Astonish You
11. Tall Ships
12. Turnaround
Line Up
Toby Hitchcock (vocal)
Jim Peterik (guitar)
Mike Aquino (guitar)
Christian Cullen (keyboard)
Ed Brekenfield (drums)
 
RECENSIONI
80
95
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]