Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La special edition CD+DVD
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
HOUSTON
III

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

DevilDriver - The Fury of Our Maker`s Hand
14/10/2017
( 683 letture )
I primi dieci anni del Terzo Millennio, come già spesso detto in queste sedi, sono stati un periodo di grande importanza e fioritura del metal moderno: da fine anni 90 fino al 2010 si sono venute a prospettare tutta una serie di band e album che hanno cambiato le sorti del metal, trasformandolo pian piano. Per fare alcune semplificazioni esemplari, il death metal/brutal diventava deathcore, il death melodico diventava melodic metalcore e il thrash metal diventava groove (se vogliamo già molto prima, con una certa band di nome Pantera). Ed è proprio al groove metal che volevamo andare a parare, prendendo in considerazione i DevilDriver, con il loro straordinario The Fury of Our Maker’s Hand, facenti parte della seconda ondata di band groove metal americane e sicuramente alfieri della NWOAHM.
Il 2005 è stato -fra gli altri- un anno decisivo per il modern metal (con lavori come Killing with a Smile dei Parkway Drive, Doom dei Job For a Cowboy, e Shadows Are Security degli As I Lay Dying), e proprio in quest’anno usciva l’album in questione, contribuendo all’arricchimento dell’evoluzione e del divenire ormai nell’etere.
Premettendo che già con il precedente album self-titled (Roadrunner, 2003) la band aveva espresso molte delle proprie intenzioni, The Fury of Our Maker's Hand va ad affinare idee, strutture e prospettive.
Con ''groove'' intendiamo dunque un thrash metal spigoloso, dissonante, accattivante e in your face. La produzione è già moderna, la voce è molto più estrema, i riff di chitarra e i ritmi sincopati vanno ad anticipare tutta quella geometria e quei suoni spessi che saranno poi in parte ripresi molti anni dopo dal djent. La sensazione incalzante e accattivante di questo lavoro, il cui assetto è dato da una presenza costante e preponderante di tutti gli strumenti, porta a un continuo desiderio di movimento e incapacità di star fermi. Non a caso i DevilDriver sono diventati famosi anche per il loro tentativo di entrare nel guinness dei primati per il circle pit più grande del mondo.
In questo bel quadro c’è però spazio per lo swed metal, ben camuffato nelle strutture, ma assolutamente presente. Così la melodia agrodolce di gusto Goteborg fa capolino nel mezzo dell’aggressività pura, stupendo e carezzando per un attimo l’ascoltatore. Vi è dunque un’alternanza e commistione di un gusto puramente americano a sfumature nord europee, fattore che crea una variegatura onnipresente ed efficace insieme ai vari cambi di ritmo.
Proprio grazie a ciò, ci è stata regalata una delle intro più belle della storia recente nel pezzo d'apertura End of the Line. Non bastano le parole per descrivere l’intensità e il divenire di questa manciata di secondi di chitarre pulite ed effettate: dilatato, echeggiante, lungimirante, si tratta di un inizio inaspettato che diventerà poi in un pezzo storico.
Sono in realtà i primi 4-5 pezzi che stupiscono per il loro susseguirsi in un songwriting davvero straordinario e di classe, anche se selvaggio e infuriato. Driving Down the Darkness con la sua batteria dinamica e il suo groove molto catchy, Grin Fucked incalzante e sfacciata, Hold Back the Day con le sue chitarre guizzanti e il suo ritornello che si manda a memoria, e la bellissima Sin and Sacrifice con la sua intensa, interiore attitudine swed' che ben si alterna alla primordialità.

La voce di Dez Fafara, un growl piuttosto acido e graffiante, è inconfondibile e lui la utilizza per linee vocali decisamente animalesche, dinamiche anche se per lo più monofrequenza e a volte strafottenti. Le chitarre invece sono un tripudio di pattern ritmici, mentre i soli sono relativamente semplici ma brillanti (Pale Horse Apocalypse), il tutto supportato dalla ricchissima impalcatura di batteria.
Il pezzo Ripped Apart ci colpisce per i suoi riff metalcore, sia però chiaro che questo album fa l’occhiolino al metal/HC per attitudine, ma non vi troviamo sfacciate dimostrazioni all’atto pratico: si tratta quindi dell’altra faccia del modern metal.
Per chiudere in bellezza la tracklist abbiamo la geometrica ed esaltante Before the Hangman's Noose ma soprattutto la title track, evocativa e altisonante con inserti di cantato pulito.
Dal punto di vista dei contenuti lirici, già il nome e il logo della band (la ''Cross of confusion'' che mette in dubbio la validità dei dogmi del cristianesimo) nonché il titolo stesso del lavoro dicono molto sul modus pensandi dei Nostri. Infatti, nei testi, troviamo l’espressione di un essere umano confuso, spaesato e arrabbiato, che si pone domande in un cosmo controllato da forze non sempre identificabili con una divinità retta.
In conclusione, un lavoro esemplare nell’ambito del groove, che parte in quarta e mantiene un ottimo livello qualitativo per tutta la sua durata. Un album da ascoltare assolutamente per accademia e puro intrattenimento, in quanto segnante nel passaggio dal metal old school al metal più moderno.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
81.62 su 8 voti [ VOTA]
Metal Maniac
Lunedì 23 Ottobre 2017, 14.33.29
13
in effetti leggendo su Wikipedia il deathcore viene descritto come un ibrido tra metalcore, death metal e hardcore punk, che non mi sembra corrispondano alle caratteristiche dei nostri, mentre i devildriver vengono definiti come groove metal e melodic death metal... inoltre nella traccia n. 3 "grinfucked" c'è un passaggio che ricorda molto l'album "storm of the light's bane" dei dissection... però thrash direi proprio di no... quindi tirando le somme il modo più corretto di definirli a questo punto penso sia "melodic death/groove"...
Acasualdjebtleman
Domenica 22 Ottobre 2017, 22.34.38
12
mai capito chi li diefinisce deathcore. qui ci sono tante sonorita groove/thrash e melo death ma 0 core. comunque questo é un gran bell'album.
MetalDeprival
Giovedì 19 Ottobre 2017, 11.03.24
11
È sicuramente il loro album migliore ed è dei primi tre (gli altri non li ho ascoltati) il loro album più sfaccettato e personale. Groove, Deathcore, fate vobis; qua c'è un gran gusto per il riff ed una ottima prova della band tutta e la produzione è azzeccatissima. Voto 85!
Metal Maniac
Mercoledì 18 Ottobre 2017, 14.51.50
10
ma infatti secondo me il modo più corretto di definirli rimane "deathcore", che sarà pure un termine ugualmente non eccezionale, ma rende bene l'idea sulle loro sonorità, che sono una specie di death metal moderno... quando sento "groove" a me vengono in mente i pantera e i machine head, non i devildriver... anche il recensore lo dice, nonostante siano degli stati uniti nel loro sound si sente un rimando non tanto celato al nord europa, e quando penso al nord europa mi vengono in mente soprattutto black e death, e non thrash e groove...
Metal Shock
Mercoledì 18 Ottobre 2017, 7.18.09
9
Groove, groove, grooooove!!! Che razza di termine, sempre considerato stupido....mah!!!! Comunque i DevilDriver sono sempre stati un`onesta band di thrash modeno, capace di fare buoni brani, ma tanti altri ripetitivi e noiosi. Questo disco lo reputo discreto, diciamo un 70, ma nulla piu`.
OSVALDO
Mercoledì 18 Ottobre 2017, 6.02.40
8
Il loro migliore secondo me... a differenza di tanti album tristemente piatti dello stesso genere (compresi gli ultimi dei devildriver) ogni brano fa storia a se e i minuti scorrono che è una meraviglia, tra miriadi di riffs davvero ben riusciti, linee vocali ben ispirate e una attitutide dannatamente aggressiva. ottima prova
Galilee
Lunedì 16 Ottobre 2017, 12.42.42
7
Niente da fare, non riesco a capire il suono di questa band. Ho anche assistito ad un loro concerto ma non sono riuscito a distinguere un pezzo dall'altro. Per le mie orecchie, inascoltabili.
Macca
Lunedì 16 Ottobre 2017, 10.33.45
6
Il loro lavoro migliore, stupenda "Hold Back The Day". In ogni caso non mi hanno mai fatto impazzire, soprattutto gli ultimi li trovo abbastanza pallosi e monocordi a parte una manciata di brani quì e là. Voto 75
El Gringo
Domenica 15 Ottobre 2017, 13.07.34
5
Confermo in toto quanto detto da picchiatello tranne che per il voto che io ritengo debba essere un bel 92. Furiosi!
El Gringo
Domenica 15 Ottobre 2017, 13.07.33
4
Confermo in toto quanto detto da picchiatello tranne che per il voto che io ritengo debba essere un bel 92. Furiosi!
Metal Maniac
Sabato 14 Ottobre 2017, 20.35.31
3
che disco ragazzi, il loro migliore concordo... si è parlato dell'apertura da brividi di "end of the line", ma perché forse la chiusura della titletrack gli è inferiore? un disco da ascoltare sostanzialmente dall'inizio alla fine, ma la palma della traccia migliore la do alla n. 8 "just run"... incredibile sia la musica che la voce di dez... non mi vergogno di esagerare con il voto, per me questo è 95.
picchiatello
Sabato 14 Ottobre 2017, 16.35.13
2
il disco migliore dei devildriver, ma tutto sommato i primi tre sono i loro dischi piu accettabili. Voto 80
Havismat
Sabato 14 Ottobre 2017, 12.26.19
1
Finalmente avete recensito questa perla.
INFORMAZIONI
2005
Roadrunner Records
Groove
Tracklist
1. End of the Line
2. Driving Down the Darkness
3. Grinfucked
4. Hold Back the Day
5. Sin & Sacrifice
6. Ripped Apart
7. Pale Horse Apocalypse
8. Just Run
9. Impending Disaster
10. Bear Witness Unto
11. Before the Hangman's Noose
12. The Fury of Our Maker's Hand
Line Up
Dez Fafara (Voce)
Jeffrey Kendrick (Chitarra)
Michael Spreitzer (Chitarra)
Jon Miller (Basso)
John Boecklin (Batteria, Chitarra)
 
RECENSIONI
74
75
80
80
83
70
ARTICOLI
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
20/01/2012
Live Report
MACHINE HEAD + BRING ME THE HORIZON + DEVILDRIVER + DARKEST HOUR
Alcatraz, Milano, 13/11/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]