Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Nuclear Assault - The Plague
28/10/2017
( 773 letture )
La terza pubblicazione dei Nuclear Assault, per i meno avveduti creatura del poliedrico bassista Dan Lilker, precedentemente tra le file dei concittadini Anthrax, vede la luce nuovamente sotto forma di EP, come l'esordio Brain Death uscito nell'agosto dell'86. Pubblicato poco meno di un anno dopo l'acclamato debutto su lunga distanza Game Over, il quale aveva presentato una band già piuttosto matura alle prese con un thrash brutale e senza fronzoli fortemente influenzato da certo punk, l'EP continua per la strada precedentemente tracciata. In questo capitolo, come nel precedente, Lilker fa più che mai tesoro della fondamentale, seppur breve, esperienza vissuta a fianco degli ex compagni degli Anthrax con i S.O.D., side project basilare che per la prima volta coniugava le sonorità e l'attitudine prettamente punk a quelle metal, andando a creare quello che poi verrà identificato come "crossover".

Il lavoro si snoda così in sei tracce tutte oscillanti tra i tre e i quattro minuti di durata, senza così indugiare in superflui orpelli puntando maggiormente sull'aggressività e l'attacco frontale, in pieno spirito punk. D'altro canto il riccioluto bassista mai ha celato la sua passione per l'hardcore punk più tirato e per le sfuriate speed metal senza compromessi, volendo costantemente alzare l'asticella della violenza sonora, cosa che lo porterà a fondare, uscito dai Nuclear Assault nel 1992, i Brutal Truth, più orientati sul grindcore. È proprio il suo basso tonante che introduce e fa da solida base al primo pezzo, strumentale dal titolo dell'album precedente; nonostante le affilate chitarre ci si mantiene su un ritmo cadenzato, giusto antipasto per la successiva Nightmares, nella quale invece i tempi si fanno già più incalzanti. L'album è però ricordato in particolar modo per la terza traccia, la controversa Butt Fuck, altrimenti rinominata You Figure It Out, dal testo talmente scandaloso da non essere nemmeno riportato nel booklet della recente ristampa della Century Media. La canzone in questione difatti tratta con humor nerissimo, memore dei già citati S.O.D., la morte di Razzle, chitarrista dei finnici Hanoi Rocks, causata dalla guida in stato di ebbrezza di Vince Neil dei Mötley Crüe, immaginando le drammatiche ed efferate conseguenze nel caso quest'ultimo fosse stato incarcerato. Attraverso l'apparente leggerezza con cui si tratta di un episodio increscioso, i Nuclear Assault lanciano una feroce invettiva, in piena attitudine punk, nei confronti del contraddittorio sistema americano, per il quale si rimane in libertà nonostante aver commesso un omicidio solamente per il fatto di essere un famoso cantante. Nella seconda metà della composizione inoltre i Nostri improvvisano uno stralunato quanto improbabile blues –che per certi versi ricorda i Fear, grezza punk band newyorkese– nel quale si giustificano dicendo chiaramente "Siamo musicisti e possiamo fare tutto quello che vogliamo", prendendosela con chi li contesta e finendo l'invettiva verso la costosa e calda Los Angeles ed i suoi effeminati cittadini.
Dopo la ferocia lirica e sonora (soprattutto gli stacchi sul ritornello alla velocità della luce) di Butt Fuck si torna a lidi più canonici con le ultime tre composizioni, sebbene ci sia spazio anche per ritmi più lenti e drammatici come nella title track, che continua sulle coordinate tracciate da Brain Death nell'album precedente. In chiusura invece la sfuriata di Cross of Iron, brano che avrebbe dovuto dare il titolo all'EP, nel quale John Connelly si sgola inseguendo la chitarra di Anthony Bramante come di consuetudine.

Ristampato in tempi recenti dalla Century Media assieme al precedente Game Over ed alcune registrazioni live all'Hammersmith Odeon dell'89, The Plague risulta ancora oggi un tassello non indifferente nella produzione dei Nuclear Assault seppur nella sua brevità. Esso funge infatti da passaggio tra i fragorosi esordi fortemente venati dall'hardcore punk a lidi più ragionati e "tecnici" che verranno maggiormente allo scoperto nei capitoli successivi Survive e Handle With Care iniziando così ad irrobustire e perfezionare il proprio assalto frontale nonché ad espandere ulteriormente il seguito della band, beneficiando paradossalmente anche di una canzona scabrosa e diretta che andava a colpire al cuore il politically correct, aizzando le ire dei benpensanti.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
95 su 4 voti [ VOTA]
Silvia
Giovedì 2 Novembre 2017, 21.10.03
32
@rik, è vero, oltretutto l’EP non va più di moda mi pare, oppure è spesso una raccolta di pezzi già editi. Anch’io mi “accontento” di una perla del genere . Non capisco poi perchè li abbiano censurati in ristampa quando il testo si trova anche sul web
rik bay area thrash
Giovedì 2 Novembre 2017, 20.28.02
31
Silvia, pensa solo come sono cambiati i tempi ... i nuclear assault pubblicarono questo six track ep di qualità eccelsa (e mi ripeto, purtroppo non un album ), oggigiorno molti gruppi ti propinano dischi della durata di un'ora allungando ( alcune volte ) il 'brodo' all' inverosimile .... nel mio piccolo mi accontento di questo 'dischetto' spettacolare (imho)
Silvia
Giovedì 2 Novembre 2017, 19.48.40
30
@Elluis, è vero! Invece gli Exodus non uscirono? Come dice rik che anni! Tornando all''EP, molto belli anche i testi, se vogliamo pure coraggiosi.
Elluis
Giovedì 2 Novembre 2017, 18.40.06
29
Silvia no, non fu una delusione, era risaputo che Lilker e Evans erano avvezzi a certi usi e abusi di sostanze, ma non fu niente di sconvolgente, e alla fine Bramante era quello di cui me ne fregava di meno. Ricordo che anche gli Holy Terror furono molto disponibili, il bassista Floyd firmò un sacco di autografi e pareva molto divertito.
rik bay area thrash
Giovedì 2 Novembre 2017, 18.06.23
28
@Elluis, capperi che esperienza . Siamo fatti in tanti modi, chi più amichevole chi meno. Il fatto più importante e che tu ti sia ritrovato con la persona piu socievole. Esperienza da raccontare e tramandare ai posteri per un' epoca unica e irripetibile . Anni di thrash e che thrash !!!!
Silvia
Giovedì 2 Novembre 2017, 17.53.41
27
Hahaha, @Elluis, spero non sia stata una delusione, anche perchè magari da ragazzi si fa caso a queste cose... Comunque si diceva anche che John fosse un moderato e non si facesse troppo a pezzi. Poi non so... Comunque sempre bello sentire conferme su persone che avevano un’attitudine positiva come lui
Elluis
Giovedì 2 Novembre 2017, 17.42.16
26
@Silvia sì, Connelly fu un vero signore in quell'occasione, al contrario di Anthony Bramante che invece fu un vero stronzo, con il classico atteggiamento da rockstar della serie "mollatemi e non disturbatemi". Anche Lilker e Evans non furono molto amichevoli, ma mi sa che la ragione era un'altra, e cioè che erano troppo messi per fare "amicizia"... hehe !!
Silvia
Giovedì 2 Novembre 2017, 17.16.27
25
@Elluis che bella esperienza ! Io avrei dato oro x esserci perche' ero innamorata pazza dei 3 gruppi (con Anthrax e Testament)! Fra l'altro Connelly mi stava particolarmente simpatico, sembrava sempre gentile. Comunque giusto, non poteva essere 88 perche' Fabulous Disaster e' uscito inizio 89 (che tempi!!! )
Elluis
Giovedì 2 Novembre 2017, 16.47.59
24
@Silvia e @rik bay area era il marzo dell'89, io c'ero, arrivai prestissimo, nonostante abitassi a neanche 15 minuti a piedi dal Rolling Stone; dopo il concerto che fu fottutamente devastante, sia quello degli Exodus sia quello dei Nuclear, uscì John Connelly che aveva una fame nera e così con due suoi roadie , io mi offrii di accompagnarli a mangiare una pizza dietro il Rolling. Lui fu gentilissimo e super disponibile. Conservo ancora un pezzo di tovaglia di carta della pizzeria dove lui mi scrisse i nomi di alcuni pezzi che avevano già scritto per il loro nuovo album (che poi era Handle w/ Care) e poi l'autografo. L'EP qua sopra recensito invece fa parte della mia crescita musicale, in un momento particolare in cui ero innamorato pazzo dei Nuclear. Voto 90.
ObscureSolstice
Martedì 31 Ottobre 2017, 17.33.13
23
che botta di ep. Da avere a tutti i costi. Una prosecuzione di quell'esordio micidiale dal nome Game Over. Micidiale
Metal Shock
Martedì 31 Ottobre 2017, 7.37.03
22
Fino ad Handle with care un grande gruppo, poi in calo. Questo ep e` la conferma di una band capace di tirare dritto come un treno, guidata dall`acida voce di Connelly, riconoscibile lontano un miglio. Mitica Butt Fuck!!!!
El Gringo
Lunedì 30 Ottobre 2017, 20.24.19
21
Ho anch'io la ristampa doppia su cd come Lambruscore, Survive e Handle su lp. Out lo ascoltai all'epoca ma non lo presi perche lo ritenni un po "spompo" rispetto ai primi 4. Lilker genio assoluto, l'ho sempre seguito anche coi Brutal Truth ma coi Nuclear ha dato il meglio di se a mio modesto parere. Gruppo controcorrente per il periodo e con i loro testi prendevano a pugni in faccia chiunque. Avrebbero meritato molto di piu ma evidentemente non erano da Billboard. La mia classifica personale: Survive, Game Over, The Plague e Handle.
thrasher
Domenica 29 Ottobre 2017, 21.05.49
20
Voto 100 punto
dead again
Domenica 29 Ottobre 2017, 17.54.50
19
26 Gennaio 1989 giorno che non dimentichero' mai per il pacco che ci hanno tirato, maledetti eravamo pronti per spaccare con loro che dovevano aprire il concerto ed invece diedero forfait avevamo consumato la cassetta di game over per mesi, grandissimo album ancora molto attuale, comunque al loro posto sono arrivati i raw power e la festa e' iniziata alla grande. Album da avere assolutamente.
Silvia
Domenica 29 Ottobre 2017, 17.21.19
18
Invece x me questa perla rimane imbattuta perchè è la sintesi del loro sound più personale e poi The Plague è un pezzo atipico fantastico. Un lento con la voce acida di John non ha eguali ... Anch’io a fine anni 80 divenni feticista dopo aver distrutto molti vinili, oggi rari ma inascoltabili... Comunque uno dei miei gruppi preferiti e stra-ascoltati davvero! Mi ricordo che registravo su VHS anche le loro interviste dalla Power Hour (o simile), hahaha. @tino, io considero out of order era un po’ stanco nel songwriting ma è comunque un signor disco sì.
tino
Domenica 29 Ottobre 2017, 16.46.34
17
Beh out of order e' un signor disco, ci sono sonorità che strizzano l'occhio a gruppi come Death o obituary pur non snaturandosi.
Vitadathrasher
Domenica 29 Ottobre 2017, 16.00.03
16
Produzione poco curata, per una delle migliori band thrash ottantiane. A me piacciono anche gli album post Handle. Ho il vinile, ma sono talmente feticista che l’ascolto in cassetta per non rovinarlo.
lisablack
Domenica 29 Ottobre 2017, 7.12.53
15
Questo è un grande EP eccome!! Mi associo al commento di Doom, album da avere tutti almeno fino ad Handle with Care, il mio preferito rimane Game Over tra i miglior thrash album di sempre.
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 22.46.56
14
È vero era su Survive ! Ma all’epoca non l’ascoltai neppure... Ai tempi ero veramente oltranzista, hahaha
Tino
Sabato 28 Ottobre 2017, 22.10.28
13
Voce asprigna...alla Robert plant infatti hanno pure coverizzato i led zeppelin
Mulo
Sabato 28 Ottobre 2017, 17.24.08
12
Nuclear Assault sono stati un istituzione in ambito trashcore e fino ad Handle...hanno partorito solo capolavori!Questo ep lo metto al secondo posto nella mia classifica personale dei loro lavoro (il podio è occupato da Handle....).Questo The Plague lo conosco a memoria (ascoltato 1 milione di volte),voto 90/100,con 2 canzoni in più di livello avrei dato 95.
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 16.57.08
11
Sì @rik lo conosco ma non mi piace come l’altro. Beh spero too much too soon but for the best on the long run
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 16.57.08
10
Sì @rik lo conosco ma non mi piace come l’altro. Beh spero too much too soon but for the best on the long run
rik bay area thrash
Sabato 28 Ottobre 2017, 16.47.29
9
@Silvia, in effetti l' hc/punk non lo seguo, mi fermo al thrash va oltre le mie capacità intellettive . Se per caso hai voglia, degli holy terror prova ad ascoltare terror and submission (se non l'hai già fatto) che è il primo album. Anche loro con un suono riconoscibile e un singer con una voce molto particolare. Purtroppo molti concerti li ho persi per vari motivi che non sto ad elencare .... come si dice in alcuni casi : too much too soon ...
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 16.21.06
8
Chiedo scusa c’è un errore di copia incolla, credo si capisca
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 16.19.43
7
Esatto @rik, molto asprigna . No non ti sbagli, il tour doveva essere nell’88 credo ma purtroppo io non ero presente... Comunque sì thrash fest ognuno con stili diversi fra l’altro ! Tu c’eri? Io no, purtroppo da adolescente ho perso tutti gli eventi :-/. Sì sì, come no, conosco benissimo gli Holy Terror, erano una delle mie fissazioni, Minds War uno dei miei dischi preferiti del thrash, consumata la cassetta ! X un certo periodo sono stati a livelli altissimi, poi purtroppo sono finiti nel dimenticatoio, ma non x i fans perchè quell’album anche oggi è speciale secondo me. Anche i Nuclear Assault sono stati molto importanti x me e non perdo occasione di dire che grazie a loro mi sono avvicinata all’hc/punk (so che non è una delle tue preferenze )
rik bsy area thrash
Sabato 28 Ottobre 2017, 15.52.46
6
Silvia, si è vero , connelly ha una voce molto particolare diciamo 'asprigna' (non so se mi spiego) ma perfetta per il 'suono' dei nuclear. Può essere che mi sbaglio, ma fecero una data in italia in compagnia degli holy terror (probabilmente li conosci) con gli exodus headliner ai tempi di fabolus disaster . I report furono entusiasti ... thrash fest ... evviva .
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 15.40.59
5
Oltretutto la voce di John era diversa da tutte le altre
rik bay area thrash
Sabato 28 Ottobre 2017, 14.41.19
4
Peccato sia 'solo' un ep. I nuclear assault non hanno mai avuto 'solo' una proposta unidirezionale dedita alla velocità fine a stessa ma piuttosto sono sempre stati molto bravi ad alternare sfuriate thrash/core con stacchi mosh da delirio . Hanno realizzato pezzi speed e brani cadenzati, e questi ultimi sempre molto potenti e di buon gusto. Gruppo purtroppo underrated ed è un vero peccato perché hanno realizzato fino ad .... with care album di pregevolissima qualità. Ma si ritorna sempre alla solita storia e cioè mai accontentarsi sempre dei soliti 'quattro'. Per carità grandi, questo non di discute, ma ripeto c'è tanta qualità oltre ... se si vuole ovviamente . Il bello e che i nuclear assault avevano anche un suono riconoscibile cosa non da poco. (Imho)
Silvia
Sabato 28 Ottobre 2017, 13.03.24
3
Quanti ricordi! X me il più bello della loro discografia
LAMBRUSCORE
Sabato 28 Ottobre 2017, 12.25.55
2
Io ce l'ho insieme a Game Over ,in una ristampa di parecchi anni fa, da avere come tutti i loro lavori, fino a Handle.. -compreso-
Doom
Sabato 28 Ottobre 2017, 12.04.49
1
Ep bellissimo che insieme a Game Over, Survive e Handle with care non si possono non avere nella propria discografia. Spesso sottovalutati, rimangono dei grandi.
INFORMAZIONI
1987
Combat Records
Thrash
Tracklist
1. Game Over
2. Nightmares
3. Butt Fuck (You Figure It Out)
4. Justice
5. The Plague
6. Cross of Iron
Line Up
John Connelly (Voce, Chitarra)
Anthony Bramante (Chitarra)
Dan Lilker (Basso)
Glenn Evans (Batteria)
 
RECENSIONI
50
60
60
90
92
80
85
ARTICOLI
30/07/2015
Live Report
NUCLEAR ASSAULT + ASSAULTER + ENFORCES
Traffic Club, Roma, 23/07/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]