Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

The Judge - Tell It to the Judge
29/10/2017
( 322 letture )
La storia dei The Judge ha inizio nel lontano 2006 a Granite City, Illinois, dall'incontro fra il chitarrista Dylan Jarret e il batterista Evan Anderson, ai quali si unisce il bassista Zach Ravelle. Questo nucleo prende il nome di Unfallen. Dopo varie vicissitudini che portano allo scioglimento del gruppo e che vedranno il chitarrista impegnato nel progetto rock/blues The Ripper, finalmente nel giugno 2010 Jarret e Anderson si ritrovano in casa del primo per provare assieme tutta l'estate. Ai due, che nel frattempo hanno preso il nome di The Judge, si aggiungono prima il bassista Kevin Jones e successivamente il cantante Tyler Swope.

Il sound della band americana ricorda molto da vicino quello di gruppi britannici che hanno scritto la storia della musica pesante negli anni 70. È così che in Tell It to the Judge troviamo brani hard rock veloci, lineari, con la chitarra elettrica perennemente in risalto anche grazie agli immancabili solo e la voce carica del singer sporcata da qualche effetto. Le canzoni più interessanti sono l'impaziente Strange Ways, la quale si affida al wah-wah per tutta la sua durata e che mette in mostra un bel connubio blues/rock fra Cream e Led Zeppelin. La seguente Changing World si sposta invece come sonorità verso il Nord Europa, offrendoci un calzante rallentamento nel cuore del pezzo dove la tensione è mantenuta altissima dal rullo di tamburi. Islands e High Flyin' sono i brani più lunghi dell'LP e si rifanno esplicitamente ai maestri Black Sabbath, perciò le strofe subiscono rallentamenti dai tratti psichedelici e persino un delicato tocco di esoterismo, alternandosi a ritornelli potenti in linea con gli altri pezzi presenti sull'album. Il problema più grande della band è che talvolta non si capisce bene dove il pezzo vada a parare, in quanto non esce quasi mai dai canoni blues/rock imposti dalla band.

I ragazzi devono migliorare nella composizione apportando anche delle variazioni sostanziali tra un brano e l'altro e nel fatto di impegnare meglio l'ascoltatore, senza lasciargli molteplici pause morte fatte di riffoni e adrenalina ma nulla più, come accade su Go on Home. Una volta superati questi ostacoli i The Judge potrebbero avere la strana spianata, visto che le capacità esecutive e il sound non sono per nulla male.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Ripple Music Records
Hard Rock
Tracklist
1. Empty Halls
2. From the Mountain
3. Strange Ways
4. Changing World
5. Islands
6. Go on Home
7. High Flyin'
8. Darkest Daze
9. Parade of Sin
Line Up
Tyler Swope (Voce)
Dylan Jarrett (Chitarra)
Kevin Jones (Basso)
Evan Anderson (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]