Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
HOMEWRECKER
Hell Is Here Now

CONCERTI

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

Rust - Rust
07/11/2017
( 760 letture )
La mania per i ruggenti anni 80, come è ormai evidente, è più viva che mai e sta contagiando pressoché ogni settore dell'arte e dell'intrattenimento: assistiamo, in campo televisivo, a serie come Stranger Things, che fanno del culto degli eighties una vera e propria bandiera; anche in campo musicale, tuttavia, il metal e soprattutto l'hard rock di quel decennio sono fra i generi maggiormente riproposti dalle nuove leve. Fra di esse meritano un ascolto i toscani Rust: formatisi nel 2015 ad opera di musicisti di comprovata esperienza, hanno recentemente pubblicato l'EP che andremo a breve a recensire, un succoso antipasto in vista di un album probabilmente destinato a vedere la luce nel 2018.

I nostri, come detto, propongono un solido hard rock “dalle sfumature vintage”, per usare le loro stesse parole: l'EP è inaugurato da Already Gone, che mette già in mostra le qualità dei nostri amici: la chitarra di Simone Aveotti tesse riff efficaci e di sicuro impatto, mentre la sezione ritmica formata da Andrea Sbardella e Lorenzo Travaglini tiene il tempo con maestria; il singer Matteo Trambusti, dal canto suo, sfodera una timbrica calda ed intrigante, con un occhio ad un genio del rock quale Glenn Hughes. Il brano, piuttosto lungo, si divide fra momenti più ariosi ed altri più pesanti, in una alternanza ben gestita che, se non ci fa gridare al miracolo, ci invoglia però a proseguire l'ascolto: Close Your Eyes è maggiormente melodica rispetto alla prima traccia ed, ancora una volta, mostra come i Rust si divertano molto a variare velocità e ritmo, passando da momenti in cui gli strumentisti danno il meglio di sé ad altri in cui è il solo frontman a prendersi la scena, giungendo infine ad un magnifico assolo di chitarra da parte di Aveotti. Bloodthirsty si apre invece con il basso di Sbardella in evidenza, ma vede poi un deciso intervento della chitarra e degli altri strumenti, che ci conducono attraverso uno dei migliori brani dell'EP. Il cuore del lavoro è per l'appunto la parte meglio riuscita, giacché anche Merciless Heart ci convince pienamente, grazie soprattutto alle ottime strofe, benedette da una chitarra in stato di grazia. Qualche soluzione più moderna, molto gradita peraltro, fa capolino nella bella Hopeless, più oscura come si evince anche nel titolo ed anche nella conclusiva The Storm, ottimamente divisa fra parti più melodiche ed altre più heavy.

Non c'è che dire, insomma, quest'opera prima dei toscani merita più di un ascolto e ci incuriosisce molto all'idea di ascoltare presto un full-length; lungi dall'inventare qualcosa di particolare, i Rust si mostrano però capaci di interpretare in maniera decisamente convincente e coinvolgente quanto fatto dai maestri del passato, offrendoci un ottimo esempio di hard rock al tempo stesso fresco e nostalgico. La nostra sola raccomandazione è: fate presto con l'album!



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
91 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Hard Rock
Tracklist
1. Already Gone
2. Close Your Eyes
3. Bloodthirsty
4. Mercilesss Heart
5. Hopeless
6. The Storm
Line Up
Matteo Trambusti (Voce)
Simone Aveotti (Chitarra)
Andrea Sbardella (Basso)
Lorenzo Travaglini (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
28/06/2014
Intervista
RUSTLESS
Un grande ritorno
21/11/2013
Live Report
ULVER + PAMELA KRUSTIN
Teatro Regio, Parma, 16/11/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]