Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

22/04/18
ROSS THE BOSS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

22/04/18
NE OBLIVISCARIS + ALLEGAEON + VIRVUM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

Taake - Kong Vinter
24/11/2017
( 2132 letture )
Chiunque abbia una certa consuetudine con l’opera del glaciale Hoest avrà senz’altro appreso della release imminente di Kong Vinter senza esserne particolarmente sorpreso. Il mastermind norvegese si è difatti apprestato ancora una volta a dare alle stampe il proprio full-length rispettando la cadenza triennale che ne scandisce l’intera discografia. Alla precisione cronologica pressoché disarmante con la quale vengono di volta offerti al pubblico i lavori targati Taake, si accompagnano inequivocabilmente quelle poche certezze circa le coordinate fondamentali del microcosmo dei nostri: un second wave black tradizionale nei suoi elementi basilari ma perennemente pervaso da un’atmosfera tanto epica quanto melanconica nonché inserti tratti dalle tradizioni più disparate: basti pensare al banjo presente in Myr al riffing di matrice thrash che di tanto in tanto fa la propria comparsa nelle composizioni, elementi progressive e, per certi versi persino post metal. Tutto ciò viene di volta in volta rielaborato attraverso il filtro di una personalità tanto conturbante quanto geniale, capace di un songwriting particolarmente efficace ed ammaliante. Sebbene sia possibile scorgere questi tratti anche in Kong Vinter, i Taake si divertono nuovamente a sconvolgere l’alchimia del proprio creato, mostrando di non voler tornare sui proprio passi. Premesso dunque che difficilmente l’ascoltatore si troverà dinanzi ad una riedizione di un Nattestid Ser Porten Vid o di un Over Bjørgvin Gråter Himmerik, cosa è lecito aspettarsi da Kong Vinter? Ci troviamo dinanzi ad un tiro mancino, preannunciante un rovinoso flop o ad un lavoro soddisfacente? Scopriamo lentamente le carte di Hoest.

Un rumore di fondo statico ed un giro di basso cupo e distorto ci introducono alla opener Sverdets Vei, immediatamente lanciata in un riff in tremolo immediato ed efficace, accompagnato da un blast beat. Ad increspare l’apparente linearità della traccia intervengono armonizzazioni in chiave minore affidate a più linee di chitarra su una sezione ritmica varia ed equilibrata. Il brano è comunque dominato da un certo piglio crepuscolare e sognante che smorza l’aggressività in favore di una piega -se vogliamo- più atmosferica. La successiva Inntrenger, pur presentando una collezione di riff piacevoli ed idee accattivanti, se presi di per sé, risulta essere piuttosto disomogenea e priva di mordente, probabilmente per via dei mid tempo fin troppo monocordi che la pervadono. Huset I Havet esordisce con un riff rockeggiante immediatamente spezzato da una progressione più oscura ed allucinata -potremmo dire quasi stoner- ricorsiva nel corso nel brano. Sebbene dolga dirlo, in questo caso le -tante- idee raccolte da Hoest paiono organizzate in una maniera piuttosto erratica, quasi mancassero un filo conduttore o una ratio precisamente definita, complici continui cambi che spiazzano e confondono l’ascoltatore. La successiva Havet I Huset si caratterizza invece per un andamento più tradizionale ed in linea con gli stilemi della band, offrendo melodie in tremolo e guizzi di doppia cassa godibili e d’impatto oltre a frangenti in cui il riffing si fa thrasheggiante e trascinante. Quest’ultimo tratto è ravvisabile anche nell’energica Jernhaand, uno dei brani migliori del lotto. La conclusione è affidata a Fra Bjoergegrend mot Glemselen , brano più lungo del platter alternante sezioni cadenzate a fraseggi giocosi dal retrogusto southern, combinate con progressioni in tremolo melodiose ed affascinanti. Indubbiamente una delle proposte meglio strutturate e più accattivanti di questo full-length.

Il quadro che si è cercato di tratteggiare esaminando brevemente i brani che compongono Kong Vinter avrà indubbiamente suggerito all’ascoltatore come il lavoro in questione sia eterogeneo, ricco degli influssi più disparati, ma pur sempre caratterizzato dall’inconfondibile sound e dalla particolarissima scrittura di Hoest. E del resto gli elementi di cui si è sempre sostanziata la proposta dei nostri vi si scorgono indubbiamente per quasi tutti sebbene ovviamente reinterpretati e ri-arrangiati nella maniera più congeniale al mastermind. Il full-length tuttavia risulta da un lato privo di incisività, dall’altro costruito in parte in maniera eccessivamente dispersiva e poco coerente, risultando piuttosto ostico e difficile da metabolizzare, ma non per questo in grado di ricompensare lo sforzo. Non mancano infatti di certo buone idee nonché soluzioni particolarmente riuscite e frangenti maggiormente ispirati che potevano probabilmente essere esplorate più diffusamente.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
66.54 su 11 voti [ VOTA]
Todbringer83
Mercoledì 3 Gennaio 2018, 15.35.52
32
Ad ascoltare la nuova creatura targata Hoest si ha da subito l'impressione di un'opera incompiuta. Le idee ce ne sono, e sono pure abbastanza ispirate, ma sembra come sia stato scritto tutto molto frettolosamente ed elaborato in modo confusionario senza badare ad alcun filo logico. Mezzo passo falso, peccato. Voto: 65 e forse sono stato pure generoso.
deborah
Domenica 3 Dicembre 2017, 21.32.36
31
hanno hackerato anche me, il commento #24 non mi appartiene XD
76mpd76
Domenica 3 Dicembre 2017, 20.05.35
30
A me é piaciuto parecchio! Voto 88
Nattleite
Domenica 3 Dicembre 2017, 12.10.01
29
Tranquilli, vigiliamo su di voi Mantenete la calma e non feedate i troll
tino
Domenica 3 Dicembre 2017, 10.38.33
28
Trollato anche il lambru nella recensione concerto manowar. Siamo sotto attacco
ObscureSolstice
Domenica 3 Dicembre 2017, 9.27.19
27
Non sono io al commento@26: qualcuno si deve essere divertito a usare vari nomi come tino. Ho detto che questo disco non mi piace
ObscureSolstice
Domenica 3 Dicembre 2017, 1.14.57
26
Ma siete impazziti?
tino quello vero
Domenica 3 Dicembre 2017, 1.11.08
25
Che stai dicendo tu deborah?
deborah
Domenica 3 Dicembre 2017, 1.08.59
24
Ma che stai dicendo tino?
tino quello vero
Domenica 3 Dicembre 2017, 1.06.43
23
Ovviamente il messaggio prima non e' mio ma di un troll...norvegese? Boh comunque mi spiace per te forse però il.tuo idolo non ha fatto altro che subire l'avance di kvarforth il quale palesemente emule di gg allin l'ha fatto spesso e volentieri, sicuramente strafatto. Comunque un conto e' l'aspetto artistico e un conto il voler far credere di essere altro
tino
Domenica 3 Dicembre 2017, 0.53.53
22
Secondo me non capisci nulla deborah
deborah
Domenica 3 Dicembre 2017, 0.41.25
21
caro Tino, ci arrivo anch'io a capire che il Black, come tanti altri generi sia intriso di teatralità ma, se permetti, fa un certo effetto quando un tuo idolo si mette a fare il frocio così come se nulla fosse, se a questo aggiungi un drastico calo artistico la delusione è totale. Sai una cosa? Quando ho visto Hoest fare quel gesto ho immediatamente pensato : non ha più idee. E infatti avevo ragione, inutile dire, da fan sfegatata quale sono, che auspico un ritorno ai fasti del passato. Buonanotte ^^
ObscureSolstice
Sabato 2 Dicembre 2017, 17.20.18
20
a primo ascolto non mi è piaciuto, start...partito bene, ci siamo ma poi lungo il tragitto troppe parti discordanti, stanca abbastanza, grovigli di riff molto confusi tra di loro e cali deboli dove lascia l'ascoltatore a fermarsi interdetto non totalmente trasportato come vorrebbe, qualche lieve ripresa c'è ma troppo poco, fino ad arrivare all'ultima traccia con solo melodico malinconico a tentare di risalire nella corsa come a riportare in vetta il disco, ma ormai è troppo tardi...la corsa nella steppa innevata è finita. Per adesso, insufficiente. Magari cambia e se no, sicuramente faranno meglio al prossimo disco miei cari Taake, vi rispetto ugualmente
lux chaos
Giovedì 30 Novembre 2017, 20.08.27
19
" Ma veramente qualcuno ancora crede che questi tizi passino il tempo libero a petto nudo in mezzo alle foreste a invocare odino incazzati come delle iene?" ....purtroppo evidentemente la risposta è SI ahahaha
tino
Giovedì 30 Novembre 2017, 15.29.06
18
Deb, Non so se sono liberale o progressista e penso non freghi niente a nessuno, però so di essere abbastanza maturo anagraficamente per conoscere artisticamente questi personaggi da almeno vent’anni e ho sempre pensato che dietro a certi atteggiamenti distruttivi (e di cronaca) ci siano conflitti interiori grandi come una casa e diversi scheletri negli armadi. Posso anche capire che quando hai gusti sessuali di un certo tipo, non sei tiziano ferro o ricky martin ed hai un’immagine artistica (e un pubblico) particolare sia difficile uscire allo scoperto senza subirne le conseguenze. Io sinceramente non vedo dove sia lo scandalo a meno che uno non abbia 8 anni e creda ancora a babbo natale. Ma veramente qualcuno ancora crede che questi tizi passino il tempo libero a petto nudo in mezzo alle foreste a invocare odino incazzati come delle iene? Alla fine è tutto cinema, la classica grande truffa del rock’n’roll, una versione 2.0 dei kiss e di alice cooper.
Doomale
Giovedì 30 Novembre 2017, 14.55.56
17
Ascoltato ormai parecchie volte. Si, come dice Costanza può piaciucchiarmi . Meglio del precedente con buoni riff sparsi qua e la che però dopo il terzo-quarto pezzo cominciano un po' a smarrirsi e restare estemporanei, sembra quasi di perdere la bussola. A mio personale parere e come detto da altri pero' c'e un bel calo da qualche anno a questa parte. Inoltre manca anche la forza e l'impatto nonché le sorprese di Noregs Vaapen. Quindi si meglio del precedente, ma neanche di molto. Voto mio 6,5. P.s. In un ipotetico confronto mi e' piaciuto di piu l'ultimo dei Satyricon a cui prima di ascoltarlo non avrei dato una lira. Alla prossima.
deborah
Giovedì 30 Novembre 2017, 14.31.15
16
immancabile la replica del liberal progressista di turno XD Personalmente quando ho visto Hoest fare quella cosa ha perso tutta l'ammirazione che nutrivo per lui... I gusti son gusti, vale anche per quelli tradizionali, ohibò U_U
tino
Mercoledì 29 Novembre 2017, 22.12.29
15
Bah non penso che il bacio con niklas implichi un calo creativo visto che l'odio con l'attrazione sessuale non c'entra un fico secco. Tra l'altro meglio che facciano outing sul palco, magari dopo essersi fatti qualche riga d'incoraggiamento, piuttosto che andare ad ammazzare qualcuno nel periodo refrattario post action come fatto dai vari vikernes, mobius, Faust e notveidt.
deborah
Mercoledì 29 Novembre 2017, 21.41.08
14
@igor sono perfettamente d'accordo su tutto tranne su una cosa. I lavori di Hoest sono sempre stati leggermente tendenti al Prog, non a caso le tracce sono molto lunghe o divise in più parti. Io penso principalmente una cosa : Hoest si è imposto di fare un disco ogni tre anni e, specialmente gli ultimi due (ma non dimentichiamo il terzultimo) sono stati fatto così tanto per farli, in pratica sta vivendo di rendita. E con questo concludo : credo che il problema sia solo uno, ovvero, la mancanza di ispirazione. Principalmente nel Black dovrebbe esserci Odio, Rabbia e altri sentimenti associati, beh in questo caso non ci sono affatto. Hoest si è imborghesito, il bacio gay con quell'altro deve averlo fuso XD
Igor
Martedì 28 Novembre 2017, 15.56.29
13
@deborah, l'album è di una piattezza disarmante. Ha cercato di creare qualche riff che vagamente riportasse ai tempi di Doedskvad, ma tutto mi sembra forzato in maniera esagerata e senza senso. Il disco a me pare frammentato, ci sono momenti in cui sembra star lì lì per decollare e poi invece si arrovella in momenti "progressive" che davvero, per me, sono urticanti. Vogliamo poi parlare del missaggio? La batteria dov'è andata a finire in questo disco? Stento a sentirla. Ripeto, se fosse stato il disco di una band nuova, sarebbe stato stroncato senza pensarci due volte.
deborah
Martedì 28 Novembre 2017, 13.15.57
12
@igor noto con piacere che hai tradotto il mio commento in maniera più verace, bravo, io invece ho preferito scrivere in maniera più, diciamo, "politicamente corretta" XD
Veno
Martedì 28 Novembre 2017, 10.44.39
11
Disco che non ha nulla a che vedere con gli altri....a mio parere inutile come stridens hus ,sicuramente ci sarà un grande lavoro dietro ma poteva anche non pubblicare niente, purtroppo quasi più nessun gruppo black metal anni 90 della scena norvegese sfornerà dischi di un certo calibro , Taake ,Satyricon , Gorgoroth ,Enslaved ecc..
Igor
Martedì 28 Novembre 2017, 8.28.08
10
Uno degli album più brutti dell'intero 2017. Se fosse uscito sotto un altro nome, sarebbe stato ignorato o anche massacrato. Invece porta il nome Taake e tutti a leccargli il culo.
Pacino
Sabato 25 Novembre 2017, 20.17.07
9
bel disco, meglio dell'ultimo di 3 anni fa...voto 84
Doomale
Sabato 25 Novembre 2017, 16.43.27
8
@Costanza, si infatti si capisce dalle tue parole e in piu da qualcosa sentito qua e la. Però le uscite son tante e anche di qualità quindi l'album dovrà veramente colpirmi e riportarmi sui fasti di Noregs per comprarlo. Onestamente almeno con il precedente anche io ho pensato fosse in fase calante ( ovviamente come dici te riesce a salvarsi in corner ogni tanto). Ma capitano periodi di feeling minore nei musicisti, quindi ci sta. Comunque ripasso tra qualche giorno per vedere la bilancia da che parte pende! ,-)
Nattleite
Sabato 25 Novembre 2017, 15.28.10
7
@enry e @Doomale: a mio avviso, come ho cercato di spiegare, non è un brutto disco. Ha delle belle idee, a mio avviso in certi frangenti confuse, in altre mal congegnate, a lato di qualche lampo di genio che alla fine te lo fa rivalutare. Se li avete seguiti fino ad adesso -soprattutto per quello che riguarda gli ultimi lavori- credo vi piaciuccherà. Hanno comunque il merito di suonare assolutamente inconfondibili
deborah
Sabato 25 Novembre 2017, 15.02.35
6
io credo che hoest è in perenne declino, i lavori odierni non sono minimamente paragonabili a quelli del passato. kong vinter (ma che razza di nome è???) è sostanzialmente insipido. Concludo : se fosse stato un disco di uno sconosciuto, non avrebbe nemmeno raggiunto la sufficienza, secondo me.
Shadowplay72
Sabato 25 Novembre 2017, 14.36.21
5
Ottima band black metal.mi piacciono parecchio!
Doomale
Sabato 25 Novembre 2017, 14.34.08
4
@Enry, concordo...gia lo avevo scritto anteprima del pezzo. L'ultimo non mi piaceva troppo piatto e lontano dall'ottimo Noregs vaapen..( meglio l'apripista Kulde Ep) Spero in un prodotto migliore ma stavolta non vado a scatola chiusa anche perche sia l'anteprima ( bella a meta') che la recensione sempre precisa di Costanza qualche dubbio ancora me lo lasciano. Vedremo...
enry
Sabato 25 Novembre 2017, 14.01.40
3
Lo prenderò anche io, quel poco che ho ascoltato sembra di buon livello, anche se l'ultimo non mi era piaciuto molto...Speriamo si torni alla ispirazione di Noregs o giù di lì. Comunque alla fine ci sono affezionato seguendoli dal debut, mi hanno deluso poche volte.
lisablack
Sabato 25 Novembre 2017, 8.08.34
2
Ho ascoltato già qualche brano in rete e mi è piaciuto, era come mi aspettavo. Lo compro di sicuro.
Deris
Sabato 25 Novembre 2017, 6.24.50
1
L' ultimo non mi aveva entusiasmato tentissimo...spero in questo
INFORMAZIONI
2017
Dark Essence Records
Black
Tracklist
1. Sverdets Vei
2. Inntrenger
3. Huset i Havet
4. Havet i Huset
5. Jernhaand
6. Maanebrent
7. Fra Bjoergegrend mot Glemselen
Line Up
Hoest (Voce, Tutti gli strumenti)
 
RECENSIONI
75
82
85
84
89
ARTICOLI
04/05/2014
Live Report
TAAKE + DEWFALL + VIDHARR + BLIND HORIZON
Traffic Club, Roma, 29/04/2014
28/04/2012
Live Report
TAAKE
Traffic Club/Insomnia, Roma/Scordia (CT), 20-21/04/2012
25/04/2012
Intervista
TAAKE
Una passione chiamata black metal
11/04/2010
Live Report
TAAKE + HORNA
Girone infernale
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]