Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helevorn
Aamamata
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
FM
The Italian Job

21/02/19
LARSEN
Tiles

22/02/19
LAST IN LINE
II

22/02/19
BLOOD RED SAINTS
Pulse

22/02/19
THE MOTH GATHERER
Esoteric Oppression

22/02/19
NASHEIM
Jord Och Aska

22/02/19
CONTINUUM
Designed Obsolescence

22/02/19
HORNDAL
Remains

22/02/19
RHAPSODY OF FIRE
The Eighth Mountain

CONCERTI

21/02/19
OPERATION MINDCRIME + GUEST
DRUSO - RANICA (BG)

22/02/19
MARK BOALS + THE HOLY DIVERS
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

22/02/19
OPERATION MINDCRIME
BORDERLINE - PISA

22/02/19
DARKEND + SHADOWTHRONE + HERUKA
FUCKSIA - ROMA

22/02/19
STAGE OF REALITY + 17 CRASH
KILLJOY - ROMA

22/02/19
OPERA IX + ASHEN FIELDS
CIRCOLO ARCI ZIGGY - TORINO

22/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
ROCK OUT - BRESCIA

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

Space Vacation - Lost in the Black Divide
27/11/2017
( 406 letture )
Space Vacation è un nome che potrebbe far pensare alla synthwave di stampo ottantiano che sta nostalgicamente riemergendo (più di qualcuno è rimasto colpito dalla colonna sonora di un film come Drive) o a una qualche vecchia formazione di rock psichedelico. Tuttavia, gli Space Vacation suonano un buon heavy metal da ormai quasi una decina d’anni, e con Lost in the Black Divide giungono al traguardo del quarto album. Sotto la guida della rockeggiante voce di Scott Saphiro e della lead guitar dell’ex Vicious Rumors Kiyoshi Morgan, la band originaria di San Francisco (completata dal molto presente basso di Steve Hays e dalla batteria di Warren Ryan) propone un disco di heavy/speed metal versatile e melodico, dalle salde radici classiche, più inglesi che americane, che non risulta mai particolarmente pesante, dalla velocità abbastanza sostenuta e galoppante, ma mai esasperata. A ciò si aggiungono dei non troppo invadenti inserti di piano e influenze più puramente rock, il tutto amalgamato con un buon gusto compositivo raggiungendo un risultato piuttosto apprezzabile.

I pezzi sono vari tra loro: apre Devil to Pay, dall’animo speed metal nei riff e negli assoli, ma con un ritornello più catchy e melodico. Save Your Breath è il tipico pezzo heavy metal fino all’osso, in cui spiccano gli “ohohoh” e il basso di maideniana memoria, con un ritornello che strizza l’occhio allo speed. Sempre su binari dal voltaggio sostenuto ci sono poi Roll the Dice, in cui comunque non mancano rallentamenti più melodici, The Black Divide, con un piede nello speed e uno nel power americano -ma anche qui non manca il momento più emozionante e melodico negli eleganti arpeggi del bridge- o ancora la conclusiva Through the Door, dal riffing classico, brioso e rimbalzante. Stay Away si distingue per le sue melodie più facili e volendo più zuccherate, di grande presa sull’ascoltatore, nonché nella classe delle chitarre che nel pre-ritornello entrano in perfetta simbiosi con la voce di Saphiro. Con See You Again fa capolino un rock decisamente più leggero e spensierato, che riporta alla mente i Seventies. Live by the Sword è forse la più rocciosa del lotto, dipinta con un velo di epicità e un ritornello in cui l’amore per il classico ha il sopravvento. Si cambia ancora con Enemy, uno dei pezzi meglio riusciti, malinconico a tratti, ma incalzante e con un ritornello dall’azzeccato gusto melodico da semiballad. La vera ballad dell’album è tuttavia Reason or Rhyme, in cui protagonisti, con un’accezione quasi barocca, sono il pianoforte e la voce di Saphiro, che però rischiano di perdersi in un eccessivo manierismo.

In sostanza, Lost in the Black Divide è un disco di buon heavy metal che si rende apprezzabile per l’esecuzione, per le buone doti compositive e per il suo carattere vario. La band si dimostra anche molto abile nel fondere in uno stesso pezzo parti più heavy e speed ad altre dal più spiccato gusto catchy senza che il risultato sia mai snaturato e sempre ancorato (anche se forse a volte fin troppo) ai modelli più classici. Nessun pezzo si può dire sottotono, mentre una manciata di questi viaggia su livelli molto buoni. La produzione a volte sembra deficere in potenza, tuttavia l’album rimane un ascolto che regge sulla lunga distanza, nonostante sia lontano dall’essere qualcosa di veramente memorabile. Gli Space Vacation si rivelano una formazione dalle buone doti compositive ed esecutive, ma che ha ancora bisogno di innescare quella scintilla che gli faccia fare il salto di qualità da semplice gruppo “normale” a vera e propria grande band.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Pure Steel Records
Heavy
Tracklist
1. Devil to Pay
2. Save Your Breath
3. Stay Away
4. See You Again
5. Roll the Dice
6. Live by the Sword
7. Enemy
8. The Black Divide
9. Reason or Rhyme
10. Through the Door
Line Up
Scott Saphiro (Voce, Chitarra)
Kiyoshi Morgan (Chitarra)
Steve Hays (Basso)
Warren Ryan (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Edward Newton (Piano, Organo Hammond)
 
RECENSIONI
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]