Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Artwork della ristampa del 2015
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Inquisition - Invoking the Majestic Throne of Satan
02/12/2017
( 439 letture )
A quattro anni dalla Discesa nelle Regioni Infernali dell'Antico Culto, che aveva caratterizzato il solido debutto di una delle band più importanti del panorama black metal mondiale degli ultimi venti anni, per gli Inquisition arrivò finalmente il momento di tornare in studio. In seguito all'abbandono del bassista Debandt, la formazione si ridusse definitivamente all'inossidabile duo formato da Dagon e Incubus, mentre il suo stile, già abbastanza definito dai solchi calcati dal platter precedente, venne ulteriormente affinato, con le atmosfere che divennero più oscure e ritualistiche, il sound più pieno (nonostante l'assenza del basso), la produzione migliore e il songwriting perfezionato.

L'Invocazione al Maestoso Trono di Satana prende così forma di un assalto di puro black metal imperniato su atmosfere sulfuree, da messa nera. L'Empia Voce del Dolore di Dagon, che recita le Parole Antiche dell'Oscura Poesia vergata dalla sua stessa penna, è il principale veicolo di tali atmosfere: grave, monotona, fredda, non trasmette emozioni, ma emana quella malsana aura ritualistica diventata marchio di fabbrica del combo statunitense. Le Antiche Melodie della chitarra del frontman disegnano con perfezione diabolica gli Inni al Maestro Satana, mentre le Invocazioni Pagane delle Percussioni di Guerra di Incubus martellano nelle orecchie dell'ascoltatore per l'intero disco con distruttiva precisione.
Pur nella sua omogeneità, Invoking the Majestic Throne of Satan contiene senza dubbio degli highlight che divennero in seguito dei grandi classici della band. Uno di questi è certamente rappresentato dall'opener Embraced By the Unholy Powers of Deaths and Destruction, in cui si viene subito risucchiati in un vortice di blasfemia grazie a un riff tanto semplice quanto efficace e ad un blast beat a velocità estreme. Presto entra in campo anche la voce di Dagon che sembra quasi biascicare i versi come fosse in trance:

Powers of destruction embrace with me might
For the Annihilation of the sacred king
I am the fallen angel summoning his death
Abaddon, the one of war, I call upon his crown


Poteri della distruzione abbracciatemi con forza
Per l'Annientamento del re sacro
Io sono l'angelo caduto che invoca la sua morte
Abaddon, il guerriero, mi rivolgo alla sua corona


Un break, condito da un triste e breve assolo di chitarra, porta alla seconda “parte” della canzone, più cadenzata, ma egualmente coinvolgente.
Altro gioiello è Enshrouded By Cryptic Temples of the Cult, velocissima e demoniaca creatura in cui si possono sentire anche delle sporadiche backing vocals simili a degli scream, così come nella seguente Kill With Hate, forse la più diretta e senza fronzoli del lotto. Il capolavoro nel capolavoro è però senza dubbio Rituals of Human Sacrifice For Lord Baal, canzone lenta e misteriosa in cui si può apprezzare al meglio lo stile di riffing caratterizzato da arpeggi distorti che è un marchio di fabbrica degli Inquisition, con la voce di Dagon che si fa inoltre ancora più bassa ed oscura. La titletrack è un altro pezzo molto gradevole, in cui si respirano atmosfere un po' meno opprimenti e si assiste a ritmiche più dinamiche grazie al massiccio uso della doppia cassa. Per il resto, esclusa l'ottima The Realm of Shadows Shall Forever Reign, nella seconda metà delle release troviamo qualche pezzo un po' sottotono se paragonato ai precedenti, ma sicuramente di buona fattura e mai privo di mordente.

In conclusione, con Invoking the Majestic Throne of Satan ci troviamo probabilmente di fronte alla migliore e più matura creatura degli Inquisition creata sinora, in quanto i dischi successivi sono di frequente stati delle “variazioni sul tema” di questo capolavoro, pur non mancando di spunti di pregevole fattura ed originali, come ad esempio all’interno dell'ultimo Bloodshed Across the Empyrean Altar Beyond the Celestial Zenith. Ma, indubbiamente, questo è l’album che ha convalidato il gruppo americano come uno dei più importanti ed originali del black metal degli anni 2000 e ne ha consacrato lo stile.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Sabato 2 Dicembre 2017, 15.46.02
5
la voce da rospo di Dagon è leggenda
Shadowplay72
Sabato 2 Dicembre 2017, 14.32.51
4
Anche a me sta band piace davvero tanto.bravi!
Doomale
Sabato 2 Dicembre 2017, 14.28.33
3
Per me il migliore invece e' il primo, questo un pelo sotto. Gran bell'album. Tra i loro top album
lisablack
Sabato 2 Dicembre 2017, 13.35.00
2
Mi piacciono tanto specialmente Dagon, parlo artisticamente, gran bel disco black, forse il migliore anche per me degli Inquisition.
Ulvez
Sabato 2 Dicembre 2017, 11.23.08
1
anche per me è il disco migliore degli Inquisition, un capolavoro nel suo genere. Hail the Cult!
INFORMAZIONI
2002
War Hammer Records
Black
Tracklist
1. Embraced by the Unholy Powers of Death and Destruction
2. Enshrouded By Cryptic Temples of the Cult
3. Kill With Hate
4. Rituals of Human Sacrifice for Lord Baal
5. Invoking the Majestic Throne of Satan
6. Hail the King of All Heathens
7. The Realm of Shadows Shall Forever Reign
8. For Lucifer My Blood
9. Imperial Hymn for Our Master Satan
10. Outro
Line Up
Dagon (Voce, Chitarra)
Incubus (Batteria)
 
RECENSIONI
84
85
89
ARTICOLI
20/04/2017
Live Report
INQUISITION + NERODIA + KYTERION
Traffic Club, Roma, 13/04/2017
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
18/03/2015
Intervista
INQUISITION
Enter the Cult: Intervista con Dagon (versione italiana)
18/03/2015
Intervista
INQUISITION
Enter the Cult: Interview with Dagon (english version)
02/02/2015
Live Report
INQUISITION + ARCHGOAT
Circolo Colony, Brescia, 26/01/2015
28/07/2014
Live Report
INQUISITION + GUESTS
BLUE ROSE SALOON, BRESSO (MI) - 23/07/2014
25/02/2014
Live Report
BEHEMOTH + IN SOLITUDE + INQUISITION + SVARTTJERN
Zona Roveri, Bologna, 20/02/2014
27/12/2012
Live Report
INQUISITION + VIDHARR + SPECTRAL FOREST
Closer Club, Roma, 21/12/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]