Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
OBSCURE BURIAL
Obscure Burial

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
MIDNIGHT
Sweet Death and Ecstasy

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Joe Strummer & The Mescaleros - Rock Art and the X-Ray Style
04/12/2017
( 201 letture )
Ascesa, decadenza e rinascita dello Strimpellatore di Londra, ovvero la redenzione di Joe Strummer.

Dopo aver decretato la fine dei Clash con il controverso Cut the Crap del 1985, tragico epitaffio (a lungo rinnegato dalla stessa band) che aveva consegnato una formazione ormai demotivata ed allo sbando dopo il drammatico licenziamento dell'amico/rivale Mick Jones e dello storico batterista Topper Headon, Strummer si era ritirato dalle scene.
Nonostante alcune sporadiche apparizioni, collaborando con lo stesso Jones al suo secondo album solista ed esibendosi a fianco dei Pogues nei primi anni '90, Strummer aveva tentato con scarso successo la strada del cinema; tornato precipitosamente sui propri passi riprovava poi a riaffacciarsi sul mercato musicale con un album solista uscito in sordina.

Arrivato ad un punto morto, Strummer si guardò allo specchio e giunse alla decisione che avrebbe cambiato radicalmente la sua drastica situazione di vivacchiare all'ombra del suo illustre passato: fondare una nuova band. Assoldata così una manciata di polistrumentisti, nel 1995 nascono i Mescaleros, la carta del riscatto che avrebbe cambiato le sorti dell'artista decadente. Nel 1999 esce così sugli scaffali Rock, Art and the X-Ray Style.
Ritrovata la verve rimasta oscurata da troppo tempo, l'album rompe così il silenzio assordante creatosi in quattordici anni, ripartendo proprio da dove la storia si era conclusa. Rinnovato il piglio sperimentale che aveva contraddistinto l'operato nei Clash, l'ascoltatore viene in tal modo catapultato in un'opera che si presenta come la continuazione del discorso intrapreso con Sandinista e portato avanti in Combat Rock.

Da queste premesse prende vita un album che, pur allineandosi al glorioso passato del suo compositore, ha in sé la volontà di stupire e portare una nuova ventata di aria fresca, attraverso sperimentazioni sempre nuove: testimonianza di ciò è anche la copertina a tema primitivo ad opera del noto artista Damien Hirst. Con l'iniziale Tony Adams si parte nel migliore dei modi, con un andamento reggae accompagnato dalle note di un sax trasognato, che rievoca i tempi passati dei Clash, senza comunque rimanere solo un omaggio nostalgico ai tempi che furono. Sulla stessa scia si continua con Sandpaper Blues, ricca di ritmi etnici, e la dolce X-Ray Style, mostrandoci un cambio di pelle continuo indice della costante sperimentazione. Si alternano infatti momenti più rilassati ed acustici (Nitcomb, The Road to Rock 'n' Roll, Yalla Yalla), ad altri più elettrici (Techno D-Day, memore dei Clash più punk, o Diggin' the New) mostrando come Strummer sappia ancora il fatto suo e si trovi a suo agio in tutte le vesti, da quelle più funky a quelle da rude boy e da rocker.

Chiudendosi con la calma di Willesden to Cricklewood, si conclude il disco della redenzione (ogni riferimento alla celebre cover della canzone di Bob Marley contenuta nel definitivo Streetcore del 2003 è puramente casuale). Un album che, seppur non propriamente un capolavoro, può considerarsi degno erede a tutti gli effetti di ciò che Joe Strummer ha fatto con la band che lo ha consacrato, riportandolo negli ultimi anni della sua tormentata esistenza nelle grazie di Euterpe nell'Olimpo degli immortali.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
1999
Hellcat Records
Rock
Tracklist
1. Tony Adams
2. Sandpaper Blues
3. X-Ray Style
4. Techno D-Day
5. The Road to Rock 'n' Roll
6. Nitcomb
7. Diggin' the New
8. Forbidden City
9. Yalla Yalla
10. Willesden to Cricklewood
Line Up
Joe Strummer (Voce, Chitarra)
Gary Dyson (Voce/Coro)
Scott Shields (Chitarra, Basso)
Dave Stewart (Chitarra Acustica)
B.J. Cole (Steel Guitar)
Anthony Genn (Sintetizzatore, Pianoforte, Chitarra, Basso)
Richard Norris (Tastiera)
DJ Pete B. (Scratch)
Martin Slattery (Hammond, Sassofono)
Pablo Cook (Percussioni, Batteria)
Steve Barnard (Batteria)
Ged Lynch (Batteria)
 
RECENSIONI
82
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]