Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
OBSCURE BURIAL
Obscure Burial

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

CONCERTI

12/12/17
NORTHLANE + ERRA + INVENT ANIMATE + OCEAN GROVE
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
POCOLOCO - PAGANICA (AQ)

12/12/17
INGLORIOUS + DOBERMANN
SALUMERIA DELLA MUSICA - MILANO

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

Pagliacci - Yours Sincerely, Sister Josephine
05/12/2017
( 184 letture )
Pagliacci è un progetto fondato da due artisti bulgari: Zhivko Koen, musica e testi, e Katerina Simeonova, cantante; entrambi ex Allegorist. Il primo è conosciuto per le sue fervide composizioni, dove storytelling e musica danzano guancia a guancia e non si pestano mai i piedi. Un'esperienza che deve molto al teatro, in particolare al melodramma e alla musica da camera. La seconda è una mezzosoprano dalle sfumature acide e con un buon range tecnico, che come lui partecipa al Vivaldi Metal Project. Sui due le informazioni non abbondano, ma sembra che col proposito di dare aria alle numerose composizioni stipate tra gli archivi di Zhivko, i due abbiano intrapreso il suddetto progetto sulla via già tracciata da Giuseppe Iampieri, fondatore del VMP. Pagliacci è infatti un altro Opera Metal Project che prevede la collaborazione di metal guest da tutto il mondo.

Yours Sincerely, Sister Josephine è uno sfizio lungo venti minuti per gli amanti di un synphonic meno pomposo e più narrativo. Con il brano d'apertura Dear Brother Dominik il frate reperisce una busta contenente quattro frammenti di un antico manoscritto che Sorella Josephine ha pagato con la vita per ottenere. Questo è quanto ci è dato sapere di questo EP che è solo di introduzione ai due album venturi, fungendo più come una sorta di presentazione di personaggi e atmosfere.
Le sciorinate di pianoforte, il romanticismo dei testi e dei duetti, nonché un organico che si avvale di archi per atmosfere auree e aristocratiche, proiettano nella mente dell'ascoltatore una suggestione di rilassatezza. Negli stessi brani troviamo un ampio utilizzo non solo di chitarre elettriche e growl, ma anche di suoni sintetizzati che creano un contrasto evidente con la controparte "tradizionale" dell'organico in uso. I sintetizzatori come adoperati in Yours Sincerely apportano immediatamente un'allure ipnotica che toglie il sospetto odore di vecchio dalla composizione, che si rivela invece un bauletto di idee interessanti di un symphonic più personale che non è la solita rielaborazione del canovaccio Nightwish.
Il progetto di Katerina e Zhivko prevede dalla opening track la partecipazione, tra gli altri, di Benjamin Lechuga (Delta, Lechuga) e Georgy Latev (Ghost Warfare) al basso. Mentre i protagonisti sono quattro: le voci di Katerina Simeonova, Dimitar Naydev, Dimitar Belchev ed Elitsa Stoyanova.
Tutti e cinque i brani si presentano ben curati dalla prospettiva melodica, non abbandonando con facilità l'attenzione dell'ascoltatore, complice dopo tutto la breve durata del disco. Calling Melchizedek si serve di una filastrocca per creare un refrain cadenzato, con ricorrenti rime e allitterazioni, pericolo earworm. Il brano amalgama ordinatamente cori ed effetti temporaleschi, con growl e scale orientali, che creano tra cambi di ritmo e recitativi, un brano interessante e dinamico. Se facciamo un passo indietro troviamo Wise Men & Lunatics, il pezzo più sentimentale e lineare. Contiene un duetto, che come l'intero Yours Sincerely, si avvale di prestazioni vocali coinvolgenti e sentite, basate su testi molto semplici, anzi banali.

Per ottenere il seguito, che secondo le indiscrezioni di Zhivko si intitolerà The Village Of Madmen ed è già in cantiere, dovremo aspettare il prossimo anno. Yours Sincerely, Sister Josephine è un buon lavoro che vale un ascolto, o più di uno per gli appassionati del symphonic. D'altra parte è ancora poco, giusto un assaggio, per valutare la qualità del nome Pagliacci. Vedremo come si svilupperà la trama.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Symphonic Metal
Tracklist
1. Dear Brother Dominik
2. Black Flowers
3. So Sane
4. Wise Men & Lunatics
5. Calling Melchizedek
Line Up
Katerina Simeonova (Voce)
Zhivko Koev (Tastiere, Produzione)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]