Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

30/12/18
FERAL
Flesh for Funerals Eternal

04/01/19
CALLEJON
Hartgeld Im Club

CONCERTI

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

21/12/18
METHEDRAS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

21/12/18
SPLEEN FLIPPER
OFFICINE SONORE - VERCELLI

21/12/18
AMTHRYA + DANNATI + EFYD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

22/12/18
METHEDRAS
L'ANGELO AZZURRO - GENOVA

22/12/18
NANOWAR OF STEEL
EXENZIA DER CLUB - PRATO

22/12/18
DEWFALL + FYRNIR
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

22/12/18
NATIONAL SUICIDE + ADVERSOR + UNORTHODOX
THE FACTORY - VERONA

Goatsodomizer - The Curse Rings True
26/12/2017
( 205 letture )
“Fucking nefarious rock’n’roll from the abyss to the streets!”. Questa l’esaustiva biografia dei Goatsodomizer, disponibile sulla loro pagina facebook. Poco altro si sa su di loro, tranne che la band è nata nel 1995 e che questo The Curse Rings True è il loro album di debutto. Quanto basta comunque per inquadrare il genere proposto dagli Svedesi. Un ibrido bastardo di tutto ciò che è retrò, sporco e stradaiolo. Heavy, speed, thrash, punk e rock’n’roll sono uniti alla patina sulfurea tipica dei generi più estremi. Insomma, i Goatsodomizer non sono certo un gruppo d’avanguardia ma, pur sguazzando nel passato, ci mettono del loro.

L’album in questione si compone di una decina di brani brevi e veloci. La struttura, semplice e diretta, è debitrice del primo hardcore punk, mentre l’ossatura portante oscilla fra heavy e speed/thrash primordiale. Il suono è poi pesantemente intriso di influenze rock’n’roll, e talvolta da echi black metal. Con tali premesse, non si può non chiamare in causa band leggendarie come Motorhead e Venom, i primi non a caso omaggiati con la cover di Going to Brazil. Malgrado i molti punti di contatto, i Goatsodomizer riescono a mantenere una propria identità, mobilitando sapientemente le influenze citate. Il vero punto di forza di The Curse Rings True è infatti la discreta capacità della band nel variare i registri, pur mantenendo un suono tutto sommato coerente. Si passa quindi dall’hard rock bastardo e catchy di Sidewalk Sinner al thrash metal velenoso di Gore Galore, fino ad una sorprendente – e riuscitissima – armonica a bocca in Raping My Graveyard. Momenti più leggeri e catchy (Into the Crypt) si alternano a composizioni più pesanti (Scum of the Underworld). Ciò che fa da collante è l’attitudine generale, irriverente e divertente, che fa sì che il tutto non si prenda troppo sul serio. Buona la produzione, grezza e diretta. Lontano anni luce dalle produzioni cristalline in voga oggi, il suono di The Curse Rings True è grasso e viscerale, ma mette comunque in risalto tutti gli strumenti. Basso, chitarra e batteria danno vita ad una pasta calda, sovrastata dalla voce sgraziata di Gustaf “Throatwarrior” Browall.

Un album che pesca a piene mani dal passato, che non inventa nulla ma che non si limita a riciclare. Il risultato finale mantiene una qualità media omogenea, è vario quanto basta visto il genere, e non si prende mai sul serio. The Curse Rings True farà quindi la gioia di tutti coloro che hanno un’anima visceralmente vintage e che gioiscono nel sentire montagne di cowbell in un album metal.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Iron Shield Records
Heavy/Thrash
Tracklist
1. Graveyard Bitch
2. Iron Casket
3. Sidewalk Sinner
4. U.V.G.S.
5. Tombstone Riot
6. Scum of the Underworld
7. Into the Crypt
8. Gore Galore
9. Raping My Graveyard
10. Sodomized Till’ Death
11. Die Screaming
12. Going to Brazil
Line Up
Gustaf “Throatwarrior” Browall (Voce)
Harry Virtanen (Chitarra)
Per “Demonizer” Lindström (Basso)
Johan “Bonecrusher” Noren (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]