Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
THE TRIGGER
The Time Of Miracles

CONCERTI

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

20/07/19
THE DARKNESS + NOISE POLLUTION + HANGARVAIN
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

20/07/19
MILANO DEATH RALLY (day 1)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

20/07/19
IN THE WOODS... + MESSA + BLACK OATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/07/19
DESTRAGE
ROCK IN PARK - CEREA (VR)

20/07/19
GRAVE DIGGER + GUESTS
AMBRIA METAL FESTIVAL - AMBRIA DI ZOGNO (BG)

20/07/19
NODE
GRAVE PARTY - GAGGIANO (MI)

Black Sabbath - The Dio Years
( 9547 letture )
Per il sottoscritto i Black Sabbath sono sempre stati un gruppo immenso, in tutte le sue incarnazioni: dalla prima mitica formazione che negli anni settanta ha fatto il bello e il cattivo tempo nel mondo della musica dura con Ozzy Osbourne dietro al microfono, sino alla line-up che con Tony Martin ha chiuso la saga discografica nel 1995 con il bistrattato Forbidden, passando per gli anni ottanta e gli avvicendamenti dei vari Ronnie James Dio, Ian Gillan e Glenn Hughes, la band di Aston non ha mai smesso di produrre album straordinari.
A dispetto di tutti coloro che continuano adindicare il mark (termine di purpleiana memoria) 1970-78 come unico degno di essere preso in considerazione, album da brividi come Heaven And Hell, Headless Cross o The Seventh Star stanno lì a dimostrare la grandezza e la tenacia di una vera e propria leggenda dell'heavy metal.

La recente notizia della reunion di Tony Iommi, Ronnie James Dio, Geezer Butler e Vinny Appice sotto il monicker Heaven And Hell (scelta viziata dalle solite beghe contrattuali) per un tour mondiale, ha scosso gli animi e acceso le fantasie di migliaia di fans sparsi per il globo, pronti a celebrare il ritorno sulle scene di questi quattro mostri sacri, anche se solo sul palco.
Quale miglior modo per suggellare il lieto evento di una bella raccolta antologica? Neanche il tempo di pensarci ed ecco che The Dio Years è sugli scaffali. Il dischetto racchiude il meglio della produzione dei Black Sabbath col folletto italo-americano al microfono (a dire vero si sente la mancanza di due pezzi da novanta come Sign of The Southern Cross e Computer God, ma non si può avere tutto dalla vita).
Tredici canzoni che pescano dal monumentale Heaven And Hell, il suo altrettanto grande successore Mob Rules e il monolitico Dehumanizer, arrivato undici anni dopo. In più abbiamo tre songs nuove di zecca scritte per l'occasione. Non mi sembra il caso di soffermarmi su pezzi che dovrebbero conoscere anche i sassi, e se nomi altisonanti come Neon Knights, Children of The Sea, Die Young o TV Crimes non vi dicono niente, significa che avete sbagliato sito. In questo caso un bel cappello con le orecchie d'asino ed un immediato acquisto (almeno) di questa raccolta possono parzialmente rimediare alla grave mancanza. Per tutti gli altri, l'unico motivo di interesse di questo cd sono i tre pezzi nuovi.
The Devil Cried, Shadow of The Wind ed Ear in the Wall sono, come ci si potrebbe aspettare, tre ottime canzoni da collocare in pieno periodo Dehumanizer, forti di riff granitici e pesanti come il mondo, caratterizzate da un incedere solenne e monolitico, che si impenna nella conclusiva Ear in The Wall. La prestazione dei musicisti è entusiasmante ed ispirata, in particolare il legame tra la chitarra del mancino Iommi e la voce di un Dio che a sessantacinque anni suonati si presenta in forma smagliante, come sempre è forte come l'acciaio e lascia ad interrogarsi cosa potrebbe essere se questi due grandi artisti proseguissero assieme quello che rimane della loro carriera (brutto da dire, ma l'età avanza per tutti).

Impossibile dare un voto a un'opera del genere, nata chiaramente per portare pecunia alla corte dei novelli Heaven and Hell come sostegno al loro tour, ma per i nostalgici e per chi tra le nuove leve abbia voglia di studiarsi un bel pezzo di storia, The Dio Years rappresenta un acquisto azzeccato.
Rimedio infine alla mancanza del numeretto in calce alla recensione con una suggestiva frase che troneggia all'interno del booklet: they sold their souls for rock n' roll, but the devil has a nasty habit of taking things back.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
56.17 su 47 voti [ VOTA]
Philosopher3815
Domenica 3 Agosto 2014, 23.01.14
14
Un prodotto interessante e genuino,per quelli che magari non hanno voglia di avere tutta la discografia dei sabbath(anche se io lo metterei obbligatorio per legge!XDahah)
BLS Furlan Chapter
Lunedì 23 Settembre 2013, 11.42.05
13
Anche in questo caso pare che ci sia chi si diverte a tempestare le recensioni di voti negativi tanto per rompere le scatole... Bella raccolta, con tre inediti davvero di livello: nella versione del Live from Radio City Music All due di questi dimostrano ancor di più quanto siano Sabbatiani a tutti gli effetti. 95 (purtroppo mancava lo spazio per alcuni classiconi...)
D.P.
Giovedì 1 Agosto 2013, 12.22.20
12
il mio elogio non e' tanto per i brani storici presenti in questa raccolta di cui si e' gia' detto tutto e universalmente riconoscuti come pietre miliari dell ' hard rock ma sui musicisti : Dio, Iommy, Butler, Vinnie Appice........che band, che gruppo. La migliori mark che i Sabbath hanno avuto nella loro quarantennale vita. Con tutto il rispetto per Ozzy e Ward che hanno fatto pur sempre la storia del gruppo l'inserimento del tasso tecnico di Dio e Appice unito alla perfetta intesa musicale e compositiva con Iommi e Butler portarono i Sabb ai massimi livelli mai piu' raggiunti. Immaginate come avrebbe suonato "Heaven And Hell " con il maestoso drumming secco e potente di Vinnie ? Una curiosita' : nell ' ambiente metal la band in quegli anni era oramai denominata " il gruppo degli italiani " dalle evidenti origini nostrane di Ronnie, Tony e Vinnie. Un vanto per noi da gridare forte al mondo intero.
iommi
Domenica 21 Aprile 2013, 17.57.06
11
dei nuovi pezzi mi piace shadow of the wind,ma furono migliori quelli di The Devil You Know
Sambalzalzal
Giovedì 10 Gennaio 2013, 8.15.02
10
Disco che ho ricevuto in regalo ma che mai avrei comperato di mio pugno. Se si esclude il collezionismo o il ragazzo che si avvicina ai Sabbath e vuole farsi una cultura sommaria di un certo periodo è un prodotto profondamente inutile.
Jet
Giovedì 10 Gennaio 2013, 0.05.30
9
disco inutile, comprarsi i tre dischi della Dio-era è molto meglio. Sugli inediti meglio stendere un velo pietoso, materiale degno di Devil You Know purtroppo.
Celtic Warrior
Venerdì 3 Febbraio 2012, 8.58.07
8
Quoto Al , grande the best con tre ottimi inediti .
AL
Mercoledì 14 Aprile 2010, 21.06.45
7
valuto l'album 85! e le 3 canzoni inedite sono molto buone!
Electric Warrior
Mercoledì 8 Luglio 2009, 13.10.47
6
Meglio prendersi tutti e tre gli album con Dio piuttosto che questa specie di best of
NoRemorse
Lunedì 8 Giugno 2009, 20.20.16
5
Ma nessuno si è accorto che manca sign of the southern cross? ma sono deicienti?
aletrash
Domenica 3 Maggio 2009, 12.33.15
4
nn l'ho mai ascoltato ma i black sabbath o heaven & hell che siano sono il meglio!
hm is the law
Lunedì 16 Marzo 2009, 13.37.39
3
Questo è un disco inutile frutto di una bieca operazione commerciale
sabs_black
Mercoledì 9 Maggio 2007, 16.09.01
2
Una piacevole compilation per chi non conoscesse già i periodi dei Sabbath con Dio. Interessanti i 3 nuovi brani, credo i sabbath fan apprezzeranno! Forse un imballaggio più particolare sarebbe stato auspicabile...
Broken Dream
Lunedì 23 Aprile 2007, 19.50.41
1
un disco superfluo...
INFORMAZIONI
2007
Warner Bros/Rhino
Heavy
Tracklist
1. Neon Knights
2. Lady Evil
3. Heaven And Hell
4. Die Young
5. Lonely Is The Word
6. The Mob Rules
7. Turn Up The Night
8. Voodoo
9. Falling Off The Edge Of The World
10. After All (The Dead)
11. TV Crimes
12. I
13. Children Of The Sea - Live
14. The Devil Cried
15. Shadow Of The Wind
16. Ear In The Wall
Line Up
Ronnie James Dio: voce
Tony Iommy: chitarra
Geezer Butler: basso
Bill Ward / Carmine Appice: batteria
 
RECENSIONI
68
s.v.
87
62
79
75
87
90
83
76
78
85
91
95
83
69
90
93
97
97
92
s.v.
ARTICOLI
22/06/2016
Live Report
BLACK SABBATH + RIVAL SONS
Hallenstadion, Zurigo, 15/06/2016
21/06/2014
Live Report
BLACK SABBATH + BLACK LABEL SOCIETY + REIGNWOLF
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 18/06/2014
14/12/2013
Live Report
BLACK SABBATH
O2 Arena, Praga, 7/12/2013
12/06/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, seconda parte
14/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, prima parte
08/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I Signori delle Tenebre
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]