Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
ELA
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

CONCERTI

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

19/08/18
AGGLUTINATION
CHIAROMONTE (PZ)

ELA - Second Reality
03/01/2018
( 443 letture )
Tre lettere, semplice, conciso: ELA. Questo il nome della singer tedesca il cui esordio risale al 2004 con l’album di debutto Out of My Universe sotto il monicker di Com’n Rail. Da allora in poi l’artista non si è più fermata, continuando a sfornare materiale in studio e affiancandolo con un’attività live di tutto rispetto, accompagnando sul palco pesi massimi dell’ambiente come Scorpions e U.D.O. e di recente aprendo all’Healed by Metal Tour 2017 dei connazionali Grave Digger. Insomma, niente male. È arrivato quindi il momento per ELA di dar vita a Second Reality, tecnicamente il quarto full-length ufficiale in bacheca. Dodici tracce che scorrono via veloci veloci, a cavallo di un qualcosa che potremmo identificare a grandi linee come un hard rock melodico farcito da qualche timido strappo di power o di heavy inserito qua e là.

Apre le danze Alchemy che, come da pronostico, gioca sull’alternanza di riff “arrabbiati” ed un cantato più melodico e delicato, questo grosso modo il copione da seguire a puntino lungo i tre quarti d’ora di musica che si nascondono dietro un’ambiziosa cover alla Passion and Warfare. Si continua così allora, senza troppe sorprese né picchi compositivi almeno fino alla traccia numero cinque, la ballata al pianoforte Black Roses che vuole strizzare l’occhio agli Evanescence di My Immortal ma che fatica davvero troppo ad avvicinarcisi. Ecco quindi che si riparte spediti col ritornello powereggiante di Deadly Sins e con l’interpretazione sinistra di Witch of Salem. Lungo il percorso sfugge anche qualche intuizione vincente come il bel ritornello videoludico per l’occasione di Warcraft, le tetre linee melodiche di Welcome to Zombieland o ancora le cavalcate furiose sul finale di Lizzy Borden’s Rhyme. Nonostante i sinceri e ripetuti tentativi, però, alla fine di questo viaggio ci si arriva con il palato un po’ asciutto, non c’è praticamente nulla che faccia gridare al miracolo, nulla che renda irresistibile la tentazione del tasto replay, nulla che sia riuscito a fare davvero breccia nel cuore dell’ascoltatore.

A conti fatti la proposta musicale di ELA e del suo Second Reality, seppur con un po’ di impegno e pazienza, può comunque essere apprezzata. Certo, scordiamoci le vette compositive, tecniche ed espressive di Tarja e di tutte le altre muse del metallo, e scordiamoci anche una qualsivoglia forma di innovazione o ricercatezza nella stesura delle canzoni. Il disco scorre via veloce veloce e l’impressione finale è quella di qualcosa che assomiglia più ad una piccola sfida lanciata allo specchio da parte di ELA piuttosto che ad un prodotto di un certo spessore artistico. Un album che finisce con l’attorcigliarsi un po’ su se stesso e che tutto sommato non dice un granché; le idee sono buone ma non ottime, le canzoni pure, così come il tasso tecnico e la produzione e in fin dei conti un po’ tutto quello che circonda il disco in questione. Ciò che ne viene fuori, quindi, è un lavoro mediocre e un po’ vago, niente di indimenticabile.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Massacre Records
Power
Tracklist
1. Alchemy
2. Comatose
3. House of Lords
4. Revenge
5. Black Roses
6. Deadly Sins
7. Witch of Salem
8. Psycho Path
9. Varus
10. Warcraft
11. Welcome to Zombieland
12. Lizzy Borden’s Rhyme
Line Up
Ela (Voce)
Ralf Stoney (Chitarra)
Chris Kolb (Basso)
Micha Kasper (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
15/08/2016
Intervista
DELAIN
Una questione di equilibri
29/07/2015
Live Report
ARCH ENEMY + ELARMIR + BLACK THERAPY + NERODIA
Orion, Ciampino (RM), 22/07/2015
08/02/2015
Live Report
SABATON + DELAIN + BATTLE BEAST
Alcatraz, Milano, 03/02/2015
21/11/2013
Live Report
ULVER + PAMELA KRUSTIN
Teatro Regio, Parma, 16/11/2013
08/08/2012
Live Report
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL
Day II, Altopiano di Colfiorito (MC), 04/08/2012
10/05/2012
Live Report
DELAIN + TRILLIUM + ALCYON WAY
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 05/05/2012
13/05/2011
Live Report
DELAIN + SERENITY
Alcatraz, Milano, 09/05/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]