Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
WOLFHEART
Constellation of the Black Light

28/09/18
ANAAL NATHRAKH
A New Kind Of Horror

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
BEARTOOTH
Disease

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Leaves` Eyes - Sign of the Dragonhead
12/01/2018
( 1313 letture )
È successo quindi, è stato pubblicato Sign Of The Dragonhead, il settimo album dei Leaves' Eyes, incarnazione contemporanea di quei cantastorie medievali, frizzantini animatori di corte armati di canti epici. Solo un po' più harsh e videogenici i nostri, ma neanche troppo.
Nemmeno le antiche rune potevano però predire l'abbandono di Liv, qualcosa di improponibile, che definiremo semplicemente "dato di fatto incommentabile", per non perdere tempo nei soliti pettegolezzi. Ci si chiedeva di conseguenza come Alxander Krull avrebbe rimesso insieme vita privata e band, e cosa ne sarebbe venuto fuori. L'ossimoro non ha tardato a diventare realtà con l'ascesa sul palco di Elina Siirala, nuova frontwoman in pianta stabile. Trovare una sostituta che "calzasse" i Leaves' Eyes come Liv si sapeva improbabile. Ma va almeno spezzata una lancia: per una volta l'ignoranza mi ripaga, e non averli mai troppo idealizzati garantisce un'opinione priva da pregiudizi in merito al nuovo Sign Of The Dragonhead .

La novità che cattura l'attenzione è quindi il volto traslucido di Elina, cantante finlandese con background operistico, e side project negli Angel Nation. La biondissima soprano comunica un'inflessibile solennità negli occhi seri, e un temperamento contenuto nella composta presenza scenica. Sulla voce in sé non ci sono appunti tecnici da fare, se non che, si sa, cantare è espressione del proprio mondo emotivo, e la freddezza di cui sopra non tarda a riflettersi nel risultato vocale. Gli inni vichinghi in chiave metal me li ero immaginati più energici. Cala così una cortina di ghiaccio e rigidità tra l'ascoltatore e la performance.
Proprio di materia vichinga tratta Sign Of The Dragonhead, che riprende la narrazione delle imprese di Harald, primo re di Norvegia, presunto figlio di Odino, lì dove King of Kings si era interrotto insieme alla voce di Liv.
L'omonimo brano d'apertura è anche uno dei meglio riusciti. Alle basi della produzione dei Leaves' Eyes sta la ripetizione sfrenata di melodie gioiose e celebrative, accompagnate da un organico strumentale e corale bombastico, un'ampia massa sonora, che evoca nei suoi momenti migliori le vivaci taverne caliginose del Medioevo. Sign Of The Dragonhead e Across The Sea riescono abbastanza bene in questo, e la prestazione della band nel suo complesso risulta buona e discretamente coinvolgente, con la dovuta eccezione del growl di Alex. Niente di nuovo quindi.
In altri pezzi si sente invece come la buona intenzione di fondo, non sia riuscita propriamente ad emergere, causa un'interpretazione poco sentita, o una ripetizione dei soliti schemi che lascia poco all'immaginazione, o ancora una produzione che non sempre valorizza il valorizzabile. Esempi sono Like A Mountain e Fairer Than The Sun. Qualche bella sorpresa la si ha dal buon uso degli strumenti legati al folklore scandinavo. A tal proposito abbiamo interrogato direttamente Alex. Di flauti e fiati in generale si fa man bassa nei momenti più gloriosi e questo non disturba: la nyckelharpa è una vecchia amica del gruppo, e i fiddle ho imparato essere nient'altro che violini impiegati in brani popolari, da ascoltare in Rulers Of Find And Wind.
Stranamente il disco sembra poi impennare verso la fine. Un incipit più accattivante in Fires In The North porta finalmente una carica più palpitante, complice anche il carattere solenne del brano, che si addice ad Elina più di quello conviviale dei primi pezzi. Lo stesso dicasi per Waves Of Euphoria. In entrambi vi sono scelte compositive più felici, ma in generale non si può dire che chitarre e basso abbiano avuto giustizia nella resa sonora.

Sign Of The Dragonhead: dove un brano fa un passo avanti ma quello dopo due indietro. Nel complesso non convince, ma una luce di buone idee su cui lavorare respira ancora, ben nascosta, ma c'è. Alcuni brani che alzano il rating del platter ne sono la prova, ma purtroppo la produzione non aiuta.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
49.2 su 5 voti [ VOTA]
Alba
Lunedì 10 Settembre 2018, 20.38.16
3
Non l'ho sentito tutto ma solo alcu e canzoni che mi sono piaciute molto!!! Io adoro i vichinghi e i miti nordici in generale quindi mi piacciono davvero tantissimo le canzoni di questo gruppo!!! Su una cosa xò concordo elina mi piace è brava xò è vero che suscita poca emozione è troppo statica e troppo fredda... Ho sentito cmq tante altre canzoni vecchie di liv kristine che xò sono così lente e pesanti che na martellata sulle gengive x non dire altro da meno fastidio!!! Alcune sn super carine ma il resto da dimenticare quindi questo ultimo disco x me è già più accattivante e vivace e mi piace tantissimo soprattutto riders on the Wind quindi x me il voto è sicuramente positivo ma elina avrebbe bisogno di un po' di furto!!!
9Fede9
Giovedì 8 Febbraio 2018, 19.25.09
2
Non entro nel discorso tecnico, ma parlo solo di quello che ha trasmesso alle mie orecchie. Non ho mai sopportato la voce troppo acuta (acidula) di Liv e preferisco quella di Elina 10 volte (e non solo la voce!), per quanto sia più comune. Trovo che l'epica sia spesso molto dispersiva e una canzone non si distingua da un'altra in modo netto, il che alla lunga è un difetto. Ci sono due album che nella produzione dei Leaves' Eyes non hanno questo difetto: Meredead e questo. Quindi, relativamente alla loro carriera, Sign of the dragonhad è promosso a pieni voti.
ocram
Venerdì 12 Gennaio 2018, 14.01.53
1
Si sono ridotti vermanete male. Elina è pessima e sembra canti con una patata in bocca, niente in confronto con la classe e la personalità sgraziata di Liv Kristine. La produzione made in Krull è come sempre terribile con suoni talmente ovattati da risultare fastidiosi (le chitarre sono raccapriccianti). Ma il problema di fondo, oltre alla voce di Elina, è il songwriting, canzoni noiose, piene di soluzioni già sentite e con ritornelli al limite del ridicolo (riders of the wind è talmente brutta da strapparti un sorriso). Mi sono pentito di aver prenotato l'album e pure il vinile. Peccato veramente. Voto 50
INFORMAZIONI
2018
AFM Records
Symphonic Metal
Tracklist
1. Sign Of The Dragonhead
2. Across The Sea
3. Like A Mountain
4. Jomsborg
5. Völva
6. Raiders Of The Wind
7. Fairer Than The Sun
8. Shadows In The Night
9. Rulers Of Wind And Waves
10. Fires In The North
11. Waves Of Euphoria
Line Up
Elina Siirala (Voce)
Alex Krull (Voce, Tastiera)
Thorsten Bauer (Chitarra, Basso)
Pete Streit (Chitarra)
Joris Nijenhuis (Batteria)
 
RECENSIONI
71
77
69
70
65
ARTICOLI
09/01/2018
Intervista
LEAVES` EYES
Di saghe vichinghe e cambiamenti
10/11/2009
Live Report
LEAVES` EYES
Lo show di Triora
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]