Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
WOLFHEART
Constellation of the Black Light

28/09/18
ELEIM
Freak

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
LIVEKILL
Turned To Grey

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Circle Jerks - Group Sex
13/01/2018
( 716 letture )
Live fast, die young!

Vivi veloce, muori giovane. Una frase che non è solo il titolo della canzone più conosciuta dei Circle Jerks, ma che ne riassume anche l’intera vicenda. Siamo tra la fine dei Settanta e l’inizio degli Ottanta, gli anni di formazione dell’hardcore punk americano da parte di band fondamentali quali Minor Threat, Bad Brains e Black Flag. Questi ultimi hanno da poco pubblicato l’EP Nervous Breakdown, quando il cantante Keith Morris lascia improvvisamente il gruppo per colpa di divergenze musicali e di un problema con cocaina e speed. Quest’abbandono non segna però la sparizione del singer californiano dalla scena: lo stesso anno, Morris fonda i Circle Jerks assieme al chitarrista Greg Hetson, più tardi nei Bad Religion, al bassista Roger Rogerson ed al batterista Lucky Lehrer. Come avrete capito, si tratta dei primi passi del nascente hardcore punk e di un gruppo che, per importanza, è secondo solo ai grandi nomi citati all’inizio.

Pubblicato nel 1980, Group Sex è unanimemente considerato come una pietra miliare dell’HC, oltre che il miglior album della formazione. Come un vero classico, il debutto dei Circle Jerks contiene tutti gli stilemi fondamentali del genere. Primo fra tutti la brevità: nessuno dei 14 brani si avvicina ai due minuti di durata, per un timing totale di appena un quarto d’ora. Le canzoni sono costruite attorno ad un paio di riff scarni e diretti, ritmati da una batteria martellante e lanciati il più delle volte ad una velocità elevatissima. Malgrado la semplicità del songwriting, il contenuto si presenta relativamente vario. Si passa da episodi tiratissimi come What’s your Problem e Behind the Door a momenti più calmi e ragionati, tra i quali si distinguono Back Against the Wall e Beverly Hills. Due canzoni, Wasted e Don’t Care, sono state co-scritte da Morris all’epoca dei Black Flag e figurano anche su due loro pubblicazioni. La versione contenuta in Group Sex è sensibilmente più veloce ed aggressiva dell’originale: il confronto fra le due varianti illustra bene il passo avanti compiuto dai Circle Jerks in termini di violenza sonora. Più veloce ed estremo del punk precedente, l’hardcore suonato da Morris e compagni è un concentrato di nichilismo lirico e musicale con pochi eguali all’epoca, strabordante un’attitudine travolgente e autodistruttiva. Il nome stesso della band, traducibile con “masturbazione mutuale”, evoca subito eccesso e scorrettezza, che ben si sposano con la dimensione lirica e con la violenza che scoppiava puntualmente ad ogni loro concerto.
Come da tradizione, la produzione è grezza e a dir poco sporca, ma anche adattissima al contenuto. La chitarra di un ispiratissimo Hetson gratta e graffia che è un piacere, mentre la batteria di Lehrer, autore di una prova maiuscola, si ritaglia una posizione dominante nel mix, piuttosto che sparire in secondo piano come spesso capita in questo tipo di pubblicazioni. L’irruente strumentale, che rimane comunque sufficientemente distinta anche nei momenti più concitati, è cornice perfetta per la voce sguaiata di Morris, una vera icona del genere. A livello testuale non bisogna certo aspettarsi poesia o fini divagazioni filosofiche. I Circle Jerks deliziano l’ascoltatore con buone dosi di denuncia (Beverly Hills e Paid Vacation), volgarità (I Just Want Some Skank) e nichilismo (l’iconica Live Fast Die Young).

Non c’è molto da aggiungere. Group Sex fa parte della primissima ondata dell’hardcore punk e, assieme a pietre miliari quali Bad Brains, Damaged e Minor Threat, fa parte del gotha di pubblicazioni che prime fra tutte incisero su supporto tangibile le regole del nuovo genere. Violento, nichilista e irriverente, il debutto dei Circle Jerks ne contiene già tutti gli elementi fondamentali e, a quasi quarant’anni dall’uscita, sa ancora picchiare duro.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
91 su 2 voti [ VOTA]
Elluis
Venerdì 19 Gennaio 2018, 18.40.02
5
Un album imprescindibile, colonna portante dell'hardcore mondiale, nonostante la breve durata di soli 15 minuti. Per me voto 92 !
LAMBRUSCORE
Domenica 14 Gennaio 2018, 13.04.26
4
Non tra i miei preferiti, li ascolto ogni tanto.
d.r.i.
Sabato 13 Gennaio 2018, 14.21.38
3
Beh discone.
Galilee
Sabato 13 Gennaio 2018, 12.01.14
2
Assieme al primo dei Gorilla biscuits e il primo dei Dead Kennedys, la mia triade del punk HC. I love this album
duke
Sabato 13 Gennaio 2018, 11.55.38
1
disco storico del punk hc....brevissimo ma intenso !
INFORMAZIONI
1980
Frontier Records
Hardcore/Punk
Tracklist
1. Deny Everything
2. I Just Want Some Skank
3. Beverly Hills
4. Operation
5. Back Against the Wall
6. Wasted
7. Behind the Door
8. World Up My Ass
9. Paid Vacation
10. Don’t Care
11. Live Fast Die Young
12. What’s Your Problem
13. Group Sex
14. Red Tape
Line Up
Keith Morris (Voce)
Greg Hetson (Chitarra)
Roger Rogerson (Basso)
Lucky Lehrer (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]