Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

CONCERTI

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
RHAPSODY OF FIRE
PIAZZA MATTEOTTI - GENOVA

23/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

23/06/18
VIRGIN STEEL FEST
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

23/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + DAEMUSINEM
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
LACHESIS
THE ROCKER PUB - BARZANA (BG)

Shakra - Snakes & Ladders
23/01/2018
( 416 letture )
Undicesimo album in studio per i prolifici Shakra, il secondo dopo il ritorno in formazione del robusto Mark Fox, singer rientrato nelle fila della band nell'ottobre 2015 a seguito di un breve periodo di stop. Ebbene il successore di High Noon (2016) in realtà non è altro che la continuazione di quella che appare una missione per la band svizzera: mantenere in vita un hard rock ottantiano sempre più tendente a svanire. Il problema è che i nostri lo fanno fin troppo bene realizzando prodotti che emulano in tutto e per tutto i connotati musicali di quegli anni, senza apportare la benché minima variazione sonora e soprattutto senza un briciolo di originalità. Intendiamoci, le tracks che compongono Snakes & Ladders nella maggior parte dei casi sono persino gradevoli, ma ciascuna potrebbe durare un minuto tant'è la poca inventiva insita in esse. L'album col passare dei minuti assume quindi una piattezza frustrante, issandosi soltanto sul finale grazie ad un trittico discreto, appunto inspiegabilmente posto in fase conclusiva.

Ciò che delude maggiormente sono proprio i due singoli di lancio, ovverosia Cassandra's Curse e la titletrack: insignificanti persino per l'attuale mercato discografico, gettano gli Shakra in un sostanziale anonimato. Sicuramente una scelta infelice quella di ergerli a brani di punta. Decisamente meglio, nonostante la loro struttura scolastica, i pezzi movimentati e potenti dell'album (Friday Nightmare, I Will Rise Again) rispetto a melodie stantie riecheggianti alcune ballate di Bryan Adams, racchiuse in Something You Don't Understand e Open Water, songs peraltro distanti anni luce dai picchi emotivi raggiunti dal cantautore canadese. In ogni caso è Rollin' ad aggiudicarsi il titolo di brano peggiore del lotto: stoppate di chitarra monotone poco sensate, ritornello debole anche a causa dell'interpretazione rivedibile del frontman ed un vano tentativo centrale di riesumare assolo del passato. In extremis gli Shakra, pur non inventandosi nulla di particolare, si riprendono con la moderna The Race of My Life; la dura cavalcata Fire in My Veins, brano atipico per il gruppo poiché non prevede un chorus strabordante. Incomprensibile la scelta di concludere la canzone con la ripresa e riesecuzione all'infinito del refrain. Infine The End of Days, grazie anche all'uso della chitarra acustica, dona finalmente un tocco per così dire "innovativo" a Snakes & Ladders portando una nota di colore e spensieratezza.

Esaminando l'album emerge la mancanza d'audacia di una band ostinata a perseguire strade conosciute e sicure, magari poco tortuose ma sicuramente con tanti solchi tracciati sul terreno da visitatori passati. Il fatto di non spingersi oltre, di proseguire su un corso già esplorato porta ad un risultato soddisfacente ma non vincente. Si crea una sorta di standby compositivo, una malcelata rigidità delle emozioni. Certo che una migliore accuratezza in fase di mastering, non tanto nel bilanciamento dei suoni bensì nella scelta della successione delle tracks, avrebbe portato ad un maggior coinvolgimento durante l'ascolto.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
69 su 3 voti [ VOTA]
Maurizio
Martedì 23 Gennaio 2018, 18.23.50
3
merita almeno 70
sgrunf
Martedì 23 Gennaio 2018, 17.08.18
2
Cazzo...mi era preso un colpo,per un secondo avevo letto Shakira
InvictuSteele
Martedì 23 Gennaio 2018, 17.02.17
1
Direi che è in linea con le altre produzione, perciò è un buonissimo album di sano hard rock moderno, con bellissimi refrain e ottimi soli. Voto 75
INFORMAZIONI
2017
AFM Records
Hard Rock
Tracklist
1. Cassandra’s Curse
2. Friday Nightmare
3. Snakes & Ladders
4. Something You Don’t Understand
5. The Seeds
6. Rollin‘
7. Medicine Man
8. I Will Rise Again
9. Open Water
10. The Race Of My Life
11. Fire In My Veins
12. The End Of Days
Line Up
Mark Fox (Voce)
Thom Blunier (Chitarra)
Thomas Muster (Chitarra)
Dominik Pfister (Basso)
Roger Tanner (Batteria)
 
RECENSIONI
67
82
65
ARTICOLI
24/04/07
Intervista
SHAKRA
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]