Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
SEPTEKH
Pilgrim

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

27/08/18
EMINENCE
Minds Apart

CONCERTI

21/08/18
ORIGIN + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

22/08/18
DYING FETUS + TOXIC HOLOCAUST + GOATWHORE
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/08/18
ORIGIN + GUEST
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

23/08/18
PICTURE + SØNDAG
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
BLAZE BAYLEY + WHITE SKULL + I AM LETHE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
SEXPERIENCE + STONEDRIFT
I MERCENARI BIRRERIA - VIADANA (MN)

25/08/18
ANGEL WITCH + METHEDRAS + ANGUISH FORCE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

25/08/18
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - REGGIO CALABRIA

25/08/18
BEERAPOCALYPSE NIGHT
IL CHIRINGUITO 2.0 - PRATO

28/08/18
FLOGGING MOLLY + STREET DOGS
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Power Trip - Nightmare Logic
29/01/2018
( 649 letture )
Giunti al loro secondo album, i Power Trip assestano un colpo pesante ed a tratti quasi esaltante. Almeno per chi dal thrash metal cerca conferme e, soprattutto, realtà in grado di rielaborare la lezione dei grandi gruppi degli anni 80 senza variarne l'essenza. Insomma: l'old-school. Tutto questo dopo aver creato una certa apprensione tra gli appassionati dei ritmi martellanti per il ritardo con cui il seguito di Manifest Decimation tardava a manifestarsi. Dopo quattro anni, invece, è l'uscita di Nightmare Logic a spazzare via di prepotenza qualsiasi dubbio sulla forma degli statunitensi.

Sempre sotto le insegne della Southern Lord Records e la guida di Arthur Rizk (all'opera anche come chitarrista in Crucifixation), i Power Trip confermano sia la formazione, che la loro capacità di rendere fresco un prodotto confezionato con ingredienti non certo inediti. Corto come è più che opportuno -meno di trentatré minuti- e cattivo come è più che auspicabile, Nightmare Logic arriva vicinissimo al bersaglio grosso con apparente facilità. Tenendo ben ferma principalmente la lezione dei primi Exodus, omaggiando a più riprese gruppi come i Cro-Mags, inserendo nella scrittura ampi rallentamenti e ripartenze rabbiose (impossibile, del resto, scrivere un album old-school sfuggendo a questa regola) e non disdegnando affatto un'attitudine HC anche questa aderente alla tradizione, i Power Trip riescono a tenere altissima la tensione per tutta la durata dell'album. In ciò aiutati da un accorto lavoro da parte di Arthur Rizk il quale, per inciso, è anche chitarrista di Sumerlands e War Hungry, batterista degli Eternal Champion e tastierista. La produzione mostra infatti sezione ritmica molto compatta nella resa e chitarre riverberate con oculatezza, unitamente a testi di genere urlati da un Riley Gale bene in evidenza e mai soverchiato dagli strumentisti. Volendo muovere una critica, gli assoli di chitarra sono più fumosi che concreti, ma si fondono comunque bene con le canzoni; almeno nello spirito. Quasi inutile, vista la loro qualità media molto simile, estrapolare brani in particolare da Nightmare Logic. La citazione di Soul Sacrifice; Ruination e If Not Us Then Who è quindi più un manierismo da recensione che una necessità vera e propria.

Niente di nuovo sotto il sole? Esatto. Qualcosa che possa indicare vie per una evoluzione del classico thrash americano d'assalto? Nemmeno per sogno. Segni che possano suggerire un possibile mutamento dell'attitudine ottantiana della band? Nemmeno l'ombra. Ed è esattamente ciò che si aspettavano tutti quelli che erano rimasti conquistati da Manifest Decimation. Non è quindi Nightmare Logic il disco che salverà il metal dalle accuse di auto-plagio, di continuo citazionismo della lezione dei gruppi del passato e di assoluta mancanza di interesse verso un'evoluzione che possa garantirgli lunga vita anche nel nuovo millennio; e nemmeno ci prova. I

VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
91.5 su 2 voti [ VOTA]
Steelminded
Domenica 25 Marzo 2018, 18.52.19
8
Alessio, sì concordo... Io credo di averli visti di spalla ai Kataklysm l'anno scorso...
Silvia
Domenica 25 Marzo 2018, 16.47.05
7
Molto bella la voce però la staticità del batterista mi allontana dall'ascolto. In ogni caso è un gruppo che sicuramente svetta nel panorama delle nuove rivelazioni quindi voto ampiamente meritato
Alessio
Domenica 25 Marzo 2018, 14.58.34
6
@steelminded, io anche li ho visti di spalla ai CC qualche mese fa'. Hanno fatto un ottimo show considerato che non e' mai facile suonare prima dei Cannibal (che infatti hanno dato spettacolo e fatto tabula rasa). Comunque la Southern lord ha fiuto per questo genere di album.
Raven
Domenica 25 Marzo 2018, 14.41.22
5
Ne hai facoltà
Tatore
Domenica 25 Marzo 2018, 14.28.53
4
D'accordo con Raven, ma per me è stato il disco thrash del 2017, quindi alzo il voto fino a superare la soglia dell'80 di qualche punto
Steelminded
Domenica 25 Marzo 2018, 14.24.10
3
Visti dal vivo, di spalla a qualche gruppo... Impressionanti! Non ancora ascoltati su disco ma sono in lista Bravo Raven, concordo!
lisablack
Domenica 25 Marzo 2018, 13.51.09
2
Anch'io la penso come il post di Alessio..poco da aggiungere, un bel disco questo, niente di nuovo? Meglio così.. Una botta di thrash old school tra capo e collo fa sempre piacere.!! Continuate su questa strada ragazzi..!!
Alessio
Domenica 25 Marzo 2018, 13.17.04
1
Le recensioni del Raven sono sempre ineccepibili e ben bilanciate, apprezzo molto il suo equilibrio. Parlando dell'album in questione, e' davvero notevole. Niente di nuovo sotto l'albero, ma attitudine e pezzi tritaossa ne fanno una delle ultime migliori release nell'anno passato assieme all'ultimo Warbringer. A me hanno ricordato molto anche i vecchi canadesi Infernal Majesty. Voto che condivido
INFORMAZIONI
2017
Southern Lord Records
Thrash
Tracklist
1. Soul Sacrifice
2. Executioner’s Tax (Swing Of The Axe)
3. Firing Squad
4. Nightmare Logic
5. Waiting Around To Die
6. Ruination
7. If Not Us Then Who
8. Crucifixation
Line Up
Riley Gale (Voce)
Blake Ibanez (Chitarra)
Nick Stewart (Chitarra)
Chris Whetzel (Basso)
Chris Ulsh (Batteria, Chitarra nella traccia 7)

Musicisti Ospiti
Arthur Rizk (Chitarra nella traccia 8)
Dominick Fernow/Prurient (Synth nella traccia 5)
 
RECENSIONI
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]