Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

Dropzone - Rape Killing Murder
29/01/2018
( 329 letture )
A volte nella musica ci sono delle storie che hanno dell'incredibile, band che nonostante l'impegno profuso non riescono nemmeno a trovare un contratto discografico oppure, con il disco pronto, non hanno la possibilità di pubblicarlo. La storia dei Dropzone appartiene alla seconda categoria: nel lontano 1996 in una fredda mattina ad Helsinki un certo Björn era al bar/ristornate Roskapankki nel quartiere di Kallio insieme ad alcuni amici, la sera prima aveva suonato con i Gandalf al Tavastia Club, storico locale della capitale finlandese, e poi aveva passato la notte a bere con alcuni amici. Probabilmente grazie all'enorme quantità di birra ingurgitata ebbe la geniale idea di voler formare una band hardcore/punk/metal; dopo qualche giorno decise chiamare Hiili Hiilesma, storico produttore finlandese già al lavoro con band del calibro di Lordi, Moonspell, The 69 Eyes, HIM e si prenotò per una sessione di registrazione presso il suo studio; il problema era però che non esisteva neanche la band.

Chiamò alcuni amici, Gas alla batteria (HIM, Hallatar, Kyyria), Jari ''Jaska'' alla voce (Gandalf) e Pale al basso (Hybrid Children, Divine Decay) e si mise con loro a provare. Due mesi dopo entravano finalmente negli MD-Studios per registrare il qui presente Rape Killing Murder, per cui impiegarono otto ore, registrando in presa diretta a parte gli assoli ed alcuni cori. Avevano la demo, ma l'album non fu mai stampato fino ad oggi; dopo ventuno anni la francese Osmose decide di pubblicarlo, otto brani brutali, violenti e marci nella pura tradizione punk/hardcore; tracce di Discharge, GBH, Extreme Noise Terror, Anti-Cimex mischiate con la violenza del metal di Slayer, Entombed, Venom si riversano in questi tredici minuti di pura violenza.
L'album è un concentrato di rabbia, brutalità, dove i brani si susseguono veloci; il suono è molto grezzo, il drumming di Gas è pieno di furore ed il muro del suono che si erge è impressionante mentre la voce di Jari ''Jaska'' sputa bile ad ogni strofa. Persecuted in Existence o The Bloodbath of Innocence sono brani veloci, marci come la morte, l'andamento hardcore viene rinvigorito da un suono carico di odio. Testify The Misery a sua volta è molto più thrash metal ma è sempre presente quell'aria putrida che ne amplifica lo sconcerto, ritmiche serrate e un 4/4 martellante la rendono appassionante. La seguente Manhunt a sua volta sfiora il grind con un blast beat mostruoso ed il bridge hardcore, ogni brano trasuda quell'istinto primordiale che attanagliava il buon Björn in quei lontani giorni del secolo scorso.

I Dropzone sono indubbiamente da ammirare per la voglia di suonare in quegli anni qualcosa di estremamente brutale, dopo più di venti anni l'album vede la luce e quel marciume che si porta dentro dopo tutto questo tempo non è assolutamente cambiato.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
45 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Osmose Production
Hardcore/Punk
Tracklist
1. Persecuted in Existence
2. Enslaved Forever
3. The Bloodbath of Innocence
4. The Blood Runs in Streams
5. Testify The Misery
6. Manhunt
7. War’s no Fairytale
8. Grande Finale
Line Up
Jari ''Jaska'' (Voce)
Björn (Chitarra, Batteria)
Pale (Basso)
Gas (Batteria, Voce, Chitarra)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]