Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Gli Ignitor
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/02/18
REVENGER
The New Mythology Vol. 1

21/02/18
REACH
The Great Divine

21/02/18
CANDLE
The Keeper/s Curse

23/02/18
DEATHWHITE
For a Black Tomorrow

23/02/18
NECROPANTHER
Eyes of Blue Light

23/02/18
CHRONIC HATE
The Worst Form of Life

23/02/18
OBLIVION (FRA)
Resilience

23/02/18
TENGGER CAVALRY
Cian Bi

23/02/18
DRIVE BY WIRE
Spellbound

23/02/18
REVERTIGO
ReVertigo

CONCERTI

17/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/18
DESPISED ICON + ARCHSPIRE + MALEVOLENCE + VULVODYNIA
VIDIA CLUB - CESENA

17/02/18
AERODYNE + STRAY BULLETS
GRINDHOUSE - PADOVA

17/02/18
INFERNAL ANGELS + HELLSTEPS
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

17/02/18
JETTASANGU FEST
RAMBLAS DISCO PUB - CATANIA

17/02/18
JUGGERNAUT + ZALESKA
WISHLIST CLUB - ROMA

18/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

18/02/18
AERODYNE + STRAY BULLETS
MEETING PUB - BORNO (BS)

18/02/18
RAM + PORTRAIT + TRIAL
ARCI TOM - MANTOVA

19/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ORION LIVE - CIAMPINO (RM)

Ignitor - Haunted by Rock & Roll
13/02/2018
( 215 letture )
Band “dura e pura” quella dei texani Ignitor, già incontrati in occasione della recensione del loro secondo album Road of Bones. Da allora dobbiamo registrare la pubblicazione di altri tre full length -uno dei quali composto solo da cover di classici del metal quali Fast As a Shark, Hell Bent for Leather ed altre- e, soprattutto, vari cambi di formazione prima di arrivare a quella attuale e all’uscita di Haunted by Rock & Roll. Il nuovo disco, seguendo le orme dei precedenti, conferma in pieno i loro pregi, ma anche i loro difetti. Rispetto alla line up che produsse Road of Bones, salta all’occhio la sostituzione delle due ragazze precedentemente presenti. In luogo della cantante Erika Swinnich, la quale abbandonò la band nella stessa settimana in cui il CD uscì impedendone di fatto la promozione live, troviamo adesso l’affidabile Jason McMaster (Watchtower, Dangerous Toys, Broken Teeth, Evil United), mentre alla chitarra annotiamo che Robert Williams (Witches Mark) avvicenda Annah Moore, ma esclusivamente come chitarrista ritmico, lasciando le parti da solista al solo Stuart Laurence (Agony Column). Infine, Billy Dansfiel (Agony Column) è il nuovo bassista, mentre Pat Doyle (The Offenders) resta il batterista.

Passano gli anni, cambiano le facce, ma gli Ignitor riescono ad essere sempre gli stessi. “Trve Metal” made in Austin, passione, nessuna concessione ad influenze esterne -metalliche o meno-, la costante ricerca dell’anthem da concerto, ma anche tanta, tantissima prevedibilità non troppo nobilitata dalla presenza di riff, arrangiamenti o soluzioni di qualsiasi tipo che siano realmente memorabili. Eppure, nonostante questo, l’album riesce ugualmente ad essere abbastanza piacevole. Annotata la presenza di tale Dave Ellefson in qualità di produttore esecutivo e proprietario della casa discografica che pone la propria etichetta sul CD, ed il fatto che siano stati girati ben quattro video promozionali a supporto dell’album (qui quello di No Sanctuary), Haunted by Rock & Roll può contare in primo luogo sulla propria purezza ed onestà intellettuale per colpire. A spiccare tra le altre sono Hatchet (The Ballad of Victor Crowley) e Hung, Drawn and Quartered e non soltanto per motivi contingenti. La prima è stata inclusa nella colonna sonora del film “slasher” intitolato Victor Crowley, la seconda è una cover del pezzo dei Raven, con i quali gli Ignitor hanno diviso il palco. In ambedue i casi, gli statunitensi riescono ad essere piuttosto performanti. Il resto della scaletta si barcamena con dignità tra heavy americano e qualche spunto thrash, nel segno della old-school più refrattaria al cambiamento sia musicale, che estetico. A segnalarsi, sono in particolare Heavy Is the Head That Wears the Crown -canzone piuttosto ben congegnata- ed i brani in cui gli Ignitor spingono di più sull’acceleratore come per esempio To Brave the Way. Ed anche se non sono ravvisabili meriti particolari in nessuna delle canzoni presenti, il disco si fa ascoltare, con la voce di Jason McMaster che risulta molto adatta allo stile, assoli in focus e tutti i musicisti molto coinvolti nella realizzazione, con la sola Nomad a risultare sottotono, mentre gli altri brani non stupiscono, ma nemmeno deludono chi apprezza l’articolo, con la title-track che fa onore al suo titolo, proponendo un vero rock’n’roll adeguatamente metallizzato.

Haunted by Rock & Roll è un lavoro che, di sicuro, è destinato esclusivamente ai defenders che in un nuovo album cercano solo conferme e l’atmosfera di un tempo, senza curarsi di quanto questo possa contenere dal punto di vista dell’evoluzione e concedendosi volutamente ad un alto tasso di “ignoranza metallica”. Se siete tra loro, quindi, gli Ignitor possono fare al vostro caso, in quanto bisogna riconoscergli grande credibilità in questo senso. Inoltre, probabilmente, sono anche uno di quei gruppi che, visto dal vivo, guadagna parecchi punti, anche se ciò non può avere rilevanza in sede di recensione. Se, invece, una semplice riaffermazione di quanto già detto non vi basta nemmeno nel settore “we are defenders of the faith; e ciò è quanto”, Haunted by Rock & Roll è un prodotto che potete saltare senza troppi rimpianti, ma questo era già ovvio, no?



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Sabato 17 Febbraio 2018, 20.53.06
1
Niente evoluzioni, cammufazioni e contaminazioni, solo heavy metal. Non aggiunge niente ma va bene così. Non eccezionali ma sinceramente li preferisco adesso a prima, 70 ci sta
INFORMAZIONI
2017
EMP Label Group
Heavy
Tracklist
1. To Brave the War
2. Haunted by Rock & Roll
3. Heavy Is the Head That Wears the Crown
4. Hatched (The Ballas of Victor Crowley)
5. Leather Forever
6. Nomad
7. No Sanctuary
8. Throw Them from the Cliff
9. Hung, Drawn, and Quartered
Line Up
Jason McMaster (Voce)
Stuart Laurence (Chitarra solista)
Robert Williams (Chitarra ritmica)
Billy Dansfiel (Basso)
Pat Doyle (Batteria)
 
RECENSIONI
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]