Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death SS
Rock `N` Roll Armageddon
Demo

Third Island
Omelas
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/18
THE THREE TREMORS
The Three Tremors

21/09/18
MAYAN
Dhyana

21/09/18
VOIVOD
The Wake

21/09/18
DRAUGURINN
Spira

21/09/18
JOE BONAMASSA
Redemption

21/09/18
THE CRUEL INTENTIONS
No Sign of Relief

21/09/18
LYNYRD SKYNYRD
Live In Atlanta

21/09/18
THERAPY?
Cleave

21/09/18
Slash feat Myles Kennedy And The Conspirators
Living The Dream

21/09/18
SUPEFJORD
All WIll Be Golden

CONCERTI

20/09/18
BATUSHKA + DARKEND
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

20/09/18
VOIVOD + NIGHTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

20/09/18
KORMAK + STILEMA + AMRAAM
LET IT BEER - ROMA

21/09/18
KARMIAN + DEMIURGON +HERCESIS
Associazione Culturale EKIDNA - SAN MARTINO SECCHIA (MO)

21/09/18
TOSSIC + GUESTS
EXENZIA - PRATO

22/09/18
FLESHGOD APOCALYPSE + GUESTS
AFTERLIFE LIVE CLUB - PERUGIA

22/09/18
ROCK LAND FESTIVAL
LEGEND CLUB - MILANO

22/09/18
WARMBLOOD + IRA
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/09/18
ELVENKING + DEATHLESS LEGACY + GUESTS
AREA EXP - CEREA (VR)

22/09/18
TRICK OR TREAT + FROM THE DEPTH
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

RAM - Rod
16/02/2018
( 690 letture )
Quinto album per gli svedesi RAM che, con il loro inossidabile heavy metal fortemente legato alla tradizione eighties, ci propongono da oltre dieci anni il loro credo. La ricetta del gruppo di Gothenburg è ormai nota, tanto che i RAM hanno ormai uno zoccolo duro di fans duri e puri devoti ad un heavy metal cristallino fatto di riff famigliari ma sempre esaltanti, assoli taglienti su dei mid-tempos gloriosi, il tutto ovviamente senza mai rinnegare la melodia. Insomma, il classico del classico, a tratti certamente un po’ derivativo e pieno zeppo di citazioni di rimando ai grandi pilastri del metal europeo, Judas Priest su tutti, ma complessivamente non scontato e soprattutto suonato con estrema convinzione e passione. I RAM ci sanno fare e lo dimostrano per la gioia di tutti gli estimatori della tradizione anche con questo nuovo album dalla bella copertina dai toni rossastri. Rod presenta la consueta formazione, nella quale emerge la carismatica figura del biondo cantante Oscar Carlquist, ottimamente coadiuvato dalla coppia d’asce composta da Harry Granroth, il fondatore del gruppo, e Martin Jonsson, unitosi alla band da ormai un lustro. I tre, insieme a Tobias e Morgan Petterson, rispettivamente al basso e alla batteria, completano una line up che nel corso degli anni è riuscita a essere piuttosto stabile, ben affiatata ed unita, caratteristica che si percepisce durante l’ascolto.

Rod, strutturato essenzialmente in due sezioni distinte, la prima formata da quattro pezzi e la seconda da una suite composta in sei parti, inizia con l’oscura Declaration of Independence, un pezzo che riesce a scaldare a dovere l’atmosfera grazie alla voce graffiante di Oscar Carlquist. Ma è con la successiva traccia che la band mostra il meglio di sé: On Wings of No Return è infatti un brano ispirato e trascinante, di cui è stato girato anche un videoclip davvero divertente in quanto a pacchianeria e sarcasmo. Il brano è invece una cavalcata arrembante in cui la semplice melodia conduce al trascinante refrain centrale perfetto per le esibizioni live, e completa il tutto un assolo dai toni priestiani. Come per la precedente, anche per Gulag è stato prodotto un video promozionale, nello specifico un lyrics video; il brano, che tocca delle interessanti tematiche politiche, si struttura su un mid tempo ipnotico tanto semplice quanto efficace e vede anche qui nel refrain centrale il maggior pathos. Cosa che invece non possiamo dire di A Throne at Midnight, che non mostra particolari qualità, ma scorre via senza colpo ferire. È con la successiva Ramrod the Destroyer che il gruppo svedese si cimenta in una ambiziosa suite composta in sei parti. Dopo un’intro dal tono sulfureo, Pt. 2: Ignitor regala un pezzo coinvolgente con un ottimo lavoro delle chitarre che tessono intricate melodie, caratteristiche che si ripetono per tutti i restanti brani della suite, dimostrando l’intento riuscito della band di provare anche qualcosa di più articolato, con diversi cambi di tempo e parti melodiche, a dimostrazione di una certa maturità e volontà di trovare soluzioni più ricercate e personali. Incinerating Storms, preceduta da un’intro malefica, fa emergere l’aurea di King Diamond, per un brano tiratissimo che vede Oscar Carlquist sempre protagonista. Come il sereno dopo una tempesta, chiude il tutto la strumentale Ashes, che sposta ben poco nell’economia complessiva del disco.

I RAM, quindi, con questo Rod hanno certamente confermato e ulteriormente consolidato la loro posizione di riferimento tra le nuove band di heavy metal classico. Come da aspettative, l’album non mostra particolari varianti al classico suono della band, che rimane saldamente ancorato ai dogmi dei mostri sacri del passato, ma lo attualizza, grazie anche ad una produzione contemporanea buona sotto ogni punti di vista. Pertanto si tratta di un disco assolutamente consigliato a tutti gli estimatori dell’heavy old school.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Sabato 17 Febbraio 2018, 20.29.52
1
stile RAM inconfondibile al 100%. Il termine derivativo mi è sempre stato antipatico e troppo soggetto a essere citato al giorno d'oggi, non ha senso di esistere, perchè allora anche le band poco dopo l'inizio degli anni ottanta lo sono. La band di Oscar (un personaggio) ha una personalità sua e forte con la sua presenza e voce tagliente fa un altro centro con questo ROD di una band ormai consolidata da anni che non ha bisogno di presentazioni per gli amanti dell' heavy metal e soprattutto una delle migliori band e prime band uscite a fine novanta-inizio duemila dell'attuale movimento di metallo tradizionale in terra scandinava svedese. Visti, stravisti e rivisti in sede live, mi hanno sempre fatto scapocciare come un matto e per me sono una garanzia attuale e futura nell'underground. Da quando li scoprii ci sono affezionato. Sicuramente quest'altro lo comprerò. Disco più che buono. 80
INFORMAZIONI
2017
Metal Blade Records
Heavy
Tracklist
1. Declaration of Independence
2. On Wings of No Return
3. Gulag
4. A Throne at Midnight
5. Ramrod the Destroyer, Pt. 1: Anno Infinitus
6. Ramrod the Destroyer, Pt. 2: Ignitor
7. Ramrod the Destroyer, Pt. 3: The Cease to Be
8. Ramrod the Destroyer, Pt. 4: Voices of Death
9. Ramrod the Destroyer, Pt. 5: Incinerating Storms
10. Ramrod the Destroyer, Pt. 6: Ashes
Line Up
Oscar Carlquist (Voce)
Harry Granroth (Chitarra)
Martin Jonsson (Chitarra)
Tobias Petterson (Basso)
Morgan Petterson (Batteria)
 
RECENSIONI
70
ARTICOLI
10/10/2016
Live Report
PENTAGRAM
Init Club, Roma, 03/10/2016
07/12/2015
Live Report
MALEVOLENT CREATION + GRAVE + PENTAGRAM (CHILE)
CIRCOLO COLONY, Brescia( BS ) 03/12/15
04/06/2015
Intervista
ADRAMELCH
L’ultimo Opus
29/05/2014
Live Report
ABYSMAL GRIEF + STRAMONIA
L'Angelo Azzurro Club, Genova, 24/05/2014
03/10/2013
Live Report
EXTREMA + INMATE + TRAMORTIRIA + D WITH US
Rock’N’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 28/09/2013
13/07/2013
Live Report
RAMMSTEIN + DJ JOE LETZ
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 09/07/2013
02/06/2013
Articolo
SEI NOTE DI PENTAGRAMMA
La recensione
01/05/2013
Live Report
RAMMSTEIN + DJ JOE LETZ
Unipol Arena, Bologna, 26/04/2013
10/01/2013
Intervista
KRAMPUS
Mentalità da music business
16/02/2012
Live Report
RAMMSTEIN + DEATHSTARS
Olimpijskij Stadion, Mosca, 10/02/2012
21/04/2011
Live Report
PENTAGRAM + IN SOLITUDE
Bronson Club, Madonna Dell'Albero (RA),17/04/2011
23/11/2010
Live Report
DIAFRAMMA
Kalua, Messina, 20/11/2010
05/07/2010
Live Report
RAMMSTEIN + COMBICHRIST
Castello Scaligero, Villafranca, 01/07/2010
27/04/2009
Intervista
CORAM LETHE
Parla la band
24/10/2008
Editoriale
CAMERAMAN, BAMBINI & CORRENTI
Problemi con la TV
08/10/2008
Intervista
ASHRAM
Intervista al gruppo
16/03/07
Intervista
CORAM LETHE
Parla Erica Puddu
24/09/2004
Intervista
CORAM LETHE
Parla Mirco Borghini
01/11/2002
Intervista
STRAMONIO
Parla Cris Zanvettor
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]