Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

CONCERTI

14/10/19
VOLBEAT + BARONESS + DANKO JONES
FABRIQUE - MILANO

14/10/19
OMNIUM GATHERUM + IN MOURNING + HEIDRA
LEGEND CLUB - MILANO

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

Fear - The Record
03/03/2018
( 847 letture )
Nel 1982, mentre nel Regno Unito uscivano capisaldi dell’hardcore punk più tirato e senza fronzoli del calibro di Troops of Tomorrow, Hear Nothing See Nothin Say Nothing e City Baby Attacked by Rats (rispettivamente di The Exploited, Discharge e Charged GBH), negli States si respirava un’aria differente.
Quello stesso anno, infatti, i losangelini Fear davano alle stampe la loro prima fatica in studio, dopo una gavetta iniziata già nel 1977 (l’anno d’oro del punk), nel quale si apprestavano a ridefinire il concetto di punk. Lanciati anche grazie alla forte amicizia con John Belushi (che, ahinoi, morirà nello stesso 1982), grazie al quale erano riusciti a comparire durante il Saturday Night Live dell’anno precedente, la band capitanata dal cantante/chitarrista Lee Ving riuscirà in questo modo a portare il suo debutto nelle case dei punkers californiani sempre affamati di novità.

Con l’iniziale Let’s Have a War si mette subito in chiaro come stanno le cose: la sua voce roca ma allo stesso tempo canzonatoria di Ving ci presenta tutti i tratti salienti dei Fear, che accoppiano testi goliardici carichi di ironia e umorismo nero, ma che a volte mascherano una sottile critica sociale, ad una musica a primo impatto sgraziata e senza fronzoli, che a un più attento ascolto presenta però tratti riconducibili a generi come blues e jazz. Ciò è anche riconducibile ai trascorsi del frontman (classe 1950) che accompagnò per brevi periodi musicisti blues di grossa caratura, BB King per fare un nome. Tornando al disco, in questo melting pot di generi, che a primo impatto parrebbe assolutamente improbabile, sono proprio canzoni come Beef Boloney (o “Bologna”, come a volte riportato) e New York’s Alright if You Like Saxophones, quest’ultima impreziosita di uno sgangherato sax che rievoca a tratti quanto già sperimentato una manciata di anni addietro dagli inglesi X-Ray Spex, alcuni dei momenti migliori dell’album, per non parlare dei deliranti testi che li accompagnano. Non mancano ovviamente momenti più tirati come We Destroy the Family e Camarillo, le cui linee vocali ricordano vagamente certe cose dei connazionali Dead Kennedys, per non citare I Don’t Care About You, arricchita di un ritornello semplice ed efficace che è diventato un po’ il motto dei Fear stessi e I Love Livin’ In The City, forse i due brani più noti della band. Ma in realtà tutto l’album dei suoi 27 minuti scarsi è degno di nota, godibile e graffiante da Let’s Have A War alla superba No More Nothing, ciliegina sulla torta di un album che vanta ancora una grezza freschezza strafottente nonostante la sua età.

I Fear sono tutt’oggi ancora attivi, nonostante sia il solo Lee Ving l’elemento costante nella girandola di musicisti che si sono apprestati a mantenere in vita questo progetto (da cui passerà per un breve periodo anche Flea dei Red Hot Chili Peppers), girandola che causò gravi deficit alla stessa produzione musicale della band, la quale darà alle stampe soltanto altri tre album, che però non riusciranno a replicare la genuinità del debutto. L’album sarà peraltro ri-registrato nel 2012 con scarsi risultati. Nonostante la scarna produzione e i problemi di line-up i Fear sono comunque riusciti a ritagliarsi un posto speciale tra le band di culto, con una folta schiera di estimatori illustri, per fare qualche nome: Scott Ian, che coi suoi S.O.D. omaggerà la band di Los Angeles riproponendo dal vivo I Love Livin’ In The City, oppure ancora Jeff Hanneman, Duff McKagan e Kurt Cobain.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
79 su 3 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Venerdì 9 Marzo 2018, 12.20.05
6
Non li ho mai cagati più di tanto, non so perché, dovrò recuperare, poi dirò la mia..
Galilee
Mercoledì 7 Marzo 2018, 17.14.13
5
Eh la pappa... devo proprio segnarmelo e ascoltarmelo. Bene bene.
Carlos Satana
Mercoledì 7 Marzo 2018, 16.06.38
4
Fra i più grandi album di tutti i tempi.
duke
Sabato 3 Marzo 2018, 19.09.20
3
band storica e fondamentale.....io avrei messo un voto ancora piu' alto!
Alex Cavani
Sabato 3 Marzo 2018, 12.24.04
2
Ok ,appena ricaricata la pagina ed è sparito quello che avevo segnalato ahah
Alex Cavani
Sabato 3 Marzo 2018, 12.23.25
1
Cavolo, questo non me l'aspettavo! Gran disco e bella recensione, con tanto di citazioni illustri (vedi X-Ray Spex)! Un album che ho ascoltato tanto nei miei "anni hardcore" e che ho rispolverato pochi giorni fa a proposito. I Love Livin' In The City l'avrò ascoltato un migliaio di volte, anche grazie a quella trashata di film che è "SLC Punk - Fuori di cresta". Voto che condivido in toto e album che tutti dovrebbero conoscere. P.S. Secondo me c'è un piccolo refuso nelle rece dopo il titolo di I don't care about you.
INFORMAZIONI
1982
Slash Records
Hardcore/Punk
Tracklist
1. Let's Have a War
2. Beef Boloney
3. Camarillo
4. I Don't Care About You
5. New York's Alright If You Like Saxophones
6. Gimme Some Action
7. Foreign Policy
8. We Destroy the Family
9. I Love Livin' in the City
10. Disconnected
11. We Got to Get Out of this Place
12. Flesh Flesh
13. Getting the Brush
14. No More Nothing
Line Up
Lee Ving (Voce, Chitarra, Basso su traccia 5)
Philo Cramer (Chitarra)
Derf Scratch (Basso, Cori, Sassofono, Chitarra su traccia 5, Voce su traccia 13)
Spit Stix (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
30/10/2016
Live Report
MINDWARS + EXTINCTION + FEARY TALES
Border Circolo Arci, Torino, 28/10/2016
01/12/2015
Live Report
FEAR FACTORY + GUESTS
Magazzini Generali, Milano (MI) , 27/11/2015
06/11/2013
Live Report
ARCTURUS + RIUL DOAMNEI + NO MORE FEAR + ARTAIUS
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 02/11/2013
05/12/2012
Live Report
FEAR FACTORY + DEVIN TOWNSEND PROJECT + DUNDERBEIST
Magazzini Generali, Milano, 25/11/2012
01/06/2012
Live Report
FEAR FACTORY
Orion Live Club - Roma 29/05/2012
22/04/2012
Live Report
SEVENTH WONDER + FROM THE DEPTH + RAISING FEAR + AVELION
Onirica, Parma, 13/0/42012
14/02/2010
Intervista
FEAR FACTORY
Concretizzare la Paura
09/01/2010
Live Report
NECRODEATH + DEATH MECHANISM + SHINING FEAR
Resoconto di una grande serata
01/12/2007
Live Report
U.D.O. + PRIMAL FEAR
Alcatraz, Milano, 15/10/2007
13/03/2006
Articolo
RAISING FEAR
Lo studio report
18/08/2004
Articolo
FEAR FACTORY
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]