Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
MONO
Exit In Darkness

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

Harakiri for the Sky - Arson
04/03/2018
( 2074 letture )
Con quella massima precisione temporale solitamente imputata ai loro elvetici vicini di casa, fanno il loro sulle scene gli Harakiri for the Sky. Retti dai due inossidabili fondatori e mastermind Michael "JJ" V. Wahntraum e Matthias “M.S.” Sollak e coadiuvati da un ospite d’eccezione e d’eccellenza come il batterista Kerim "Krimh" Lechner, già membro di Septicflesh e Decapitated, gli austriaci presentano al loro pubblico l’atteso Arson, quarto album della loro carriera e quarto album a venire licenziato dalla Art of Propaganda.

Nell’ora abbondante che ci accompagna lungo l’evolversi di questo Incendio Doloso, costeggiato dalle sempre più strazianti e massicce parole dell’inossidabile J.J., moderno bardo dell’umana disperazione e del più intimo dolore, delle soffocate confessioni di disperazioni quotidiane e delle più angosciose lacerazioni dell’animo, si susseguono sette capitoli dal -deterrente- minutaggio minimo di nove minuti, ad eccezione del solo Tomb Omnia, che si accommiata dal pubblico ‘solamente’ dopo onesti minuti otto. E, fin dai primi ascolti, la nuova release di casa Harakiri for the Sky appare migliorata rispetto alla prova che l’ha preceduta, delineandosi come un platter dove quasi nulla è stato lasciato al caso, sia dal punto di vista strumentale, che dei testi, che della ben più nitida produzione globale. La proposta dei due giovani salisburghesi non viene stravolta, in quanto il loro sound distintivo e mood tormentato permeano tutto Arson con facilità disarmante, ma è fuori dubbio che il duo d’oltralpe abbia operato qualche preciso perfezionamento, qualche giusta correzione nel tiro e qualche studiata limatura per migliorare il proprio post black e mantenere alta la varietà e capacità di accattivare dei diversi elementi che costituiscono i 65 minuti proposti in questo gelido inizio di 2018. La voce di J.J., come da tradizione saldamente ancorato al suo riconoscibile screaming salvo qualche digressione clean, ci accompagna dunque lungo un Arson ricco di riffing sfaccettati, occhiatine allo shoegaze e trame inaspettate che possono sia sorprendere, sia confondere soprattutto l’ascoltatore meno esperto (vedasi ad esempio Tomb Omnia e le sue sfumature post rock o Stillborn e la sua anima quasi folkeggiante, per non parlare dell’inaspettata bonus cover di Manifesto degli indie rockers statunitensi Graveyard Lovers), ma che mantengono alto il livello dell’album e gli permettono di non scadere in facili monotonie e ripetitività, qualora gli venga accordato quel molteplice numero di necessari ascolti per esplorarne a fondo sentimenti e visioni. Nonostante la durata, infatti, il talento dei musicisti coinvolti fa sì che le emozioni, dalla Lynchiana opener Fire, Walk with Me, fin nei meandri della suggestiva ma tagliente You Are the Scars o della furiosa e tossica Heroin Waltz, e giù fino alla melodica ed evocativa Voidgazer, siano assicurate.

Il diverso e più maturo approccio scelto da J.J. e M.S. rende dunque questo Arson ulteriore conferma del loro talento, nonché indubbio passo avanti nella giusta direzione rispetto al precedente, già convincente III: Trauma. I due austriaci, pronti a calcare i palchi del Belpaese tra pochi giorni, si mantengono dunque tra i più fini cesellatori europei di quella oscura materia che è il post black metal, intarsiando sette solide tracce che sanno restare eleganti e con mordente, senza perdere la loro più tipica graniticità legata all’elevato minutaggio che mantiene anche in questa sede la creatura Harakiri for the Sky indigesta a molti palati.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
81.63 su 11 voti [ VOTA]
Todbringer83
Sabato 21 Luglio 2018, 1.28.43
5
Ad oggi, tra le migliori uscite dell'anno corrente. Lavoro senza punti deboli, ennesima riconferma del duo austriaco. Forse il più melodico, etereo e sognante della loro discografia, riprende li dove si era arrestato Trauma. Ovviamente non adatto alle orecchie di tutti, sopratutto dei puristi del Black, ma allo stesso tempo va a completare ed arricchire il filone Black-Gaze/Post Metal giocando una partita di tutto rispetto. L'intermezzo acustico in Stillborn (brano in parte influenzato da ritmiche Hardcore Punk) e il cambio di passo in Voidgazer sono da considerarsi a mio avviso le gemme dell'intero album. Voto: 83
Inflames69
Giovedì 5 Aprile 2018, 23.24.42
4
CAPOLAVORO ASSOLUTO!!
Pirox
Lunedì 5 Marzo 2018, 14.11.24
3
*Secondo me
Pirox
Domenica 4 Marzo 2018, 18.46.59
2
Secondo il precedente Trauma era un po' meglio ma anche questo è un grandissimo disco! Grandi!
Pacino
Domenica 4 Marzo 2018, 15.59.12
1
Ma perchè non si suicidano. Voto 45
INFORMAZIONI
2018
Art of Propaganda
Black
Tracklist
1. Fire, Walk with Me
2. The Graves We've Dug
3. You Are the Scars
4. Heroin Waltz
5. Tomb Omnia
6. Stillborn
7. Voidgazer
Line Up
J.J. (Voce)
M.S. (Tutti gli strumenti)

Musicisti Ospiti
Bernth Brodträger (Chitarra in traccia 4)
Kerim "Krimh" Lechner (Batteria)
 
RECENSIONI
76
75
ARTICOLI
06/02/2019
Live Report
DRACONIAN + HARAKIRI FOR THE SKY + SOJOURNER
Dagda Live Club – Retorbido (PV) – 31/01/2019
04/03/2018
Intervista
HARAKIRI FOR THE SKY
Dopo che tutto è bruciato, si può voltare pagina
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]