Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

17/07/18
IRON MAIDEN + TREMONTI + RHAPSODY OF FIRE + THE RAVEN AGE
PIAZZA UNITA` D`ITALIA - TRIESTE

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Harakiri for the Sky - Arson
04/03/2018
( 1089 letture )
Con quella massima precisione temporale solitamente imputata ai loro elvetici vicini di casa, fanno il loro sulle scene gli Harakiri for the Sky. Retti dai due inossidabili fondatori e mastermind Michael "JJ" V. Wahntraum e Matthias “M.S.” Sollak e coadiuvati da un ospite d’eccezione e d’eccellenza come il batterista Kerim "Krimh" Lechner, già membro di Septicflesh e Decapitated, gli austriaci presentano al loro pubblico l’atteso Arson, quarto album della loro carriera e quarto album a venire licenziato dalla Art of Propaganda.

Nell’ora abbondante che ci accompagna lungo l’evolversi di questo Incendio Doloso, costeggiato dalle sempre più strazianti e massicce parole dell’inossidabile J.J., moderno bardo dell’umana disperazione e del più intimo dolore, delle soffocate confessioni di disperazioni quotidiane e delle più angosciose lacerazioni dell’animo, si susseguono sette capitoli dal -deterrente- minutaggio minimo di nove minuti, ad eccezione del solo Tomb Omnia, che si accommiata dal pubblico ‘solamente’ dopo onesti minuti otto. E, fin dai primi ascolti, la nuova release di casa Harakiri for the Sky appare migliorata rispetto alla prova che l’ha preceduta, delineandosi come un platter dove quasi nulla è stato lasciato al caso, sia dal punto di vista strumentale, che dei testi, che della ben più nitida produzione globale. La proposta dei due giovani salisburghesi non viene stravolta, in quanto il loro sound distintivo e mood tormentato permeano tutto Arson con facilità disarmante, ma è fuori dubbio che il duo d’oltralpe abbia operato qualche preciso perfezionamento, qualche giusta correzione nel tiro e qualche studiata limatura per migliorare il proprio post black e mantenere alta la varietà e capacità di accattivare dei diversi elementi che costituiscono i 65 minuti proposti in questo gelido inizio di 2018. La voce di J.J., come da tradizione saldamente ancorato al suo riconoscibile screaming salvo qualche digressione clean, ci accompagna dunque lungo un Arson ricco di riffing sfaccettati, occhiatine allo shoegaze e trame inaspettate che possono sia sorprendere, sia confondere soprattutto l’ascoltatore meno esperto (vedasi ad esempio Tomb Omnia e le sue sfumature post rock o Stillborn e la sua anima quasi folkeggiante, per non parlare dell’inaspettata bonus cover di Manifesto degli indie rockers statunitensi Graveyard Lovers), ma che mantengono alto il livello dell’album e gli permettono di non scadere in facili monotonie e ripetitività, qualora gli venga accordato quel molteplice numero di necessari ascolti per esplorarne a fondo sentimenti e visioni. Nonostante la durata, infatti, il talento dei musicisti coinvolti fa sì che le emozioni, dalla Lynchiana opener Fire, Walk with Me, fin nei meandri della suggestiva ma tagliente You Are the Scars o della furiosa e tossica Heroin Waltz, e giù fino alla melodica ed evocativa Voidgazer, siano assicurate.

Il diverso e più maturo approccio scelto da J.J. e M.S. rende dunque questo Arson ulteriore conferma del loro talento, nonché indubbio passo avanti nella giusta direzione rispetto al precedente, già convincente III: Trauma. I due austriaci, pronti a calcare i palchi del Belpaese tra pochi giorni, si mantengono dunque tra i più fini cesellatori europei di quella oscura materia che è il post black metal, intarsiando sette solide tracce che sanno restare eleganti e con mordente, senza perdere la loro più tipica graniticità legata all’elevato minutaggio che mantiene anche in questa sede la creatura Harakiri for the Sky indigesta a molti palati.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
75.28 su 7 voti [ VOTA]
Inflames69
Giovedì 5 Aprile 2018, 23.24.42
4
CAPOLAVORO ASSOLUTO!!
Pirox
Lunedì 5 Marzo 2018, 14.11.24
3
*Secondo me
Pirox
Domenica 4 Marzo 2018, 18.46.59
2
Secondo il precedente Trauma era un po' meglio ma anche questo è un grandissimo disco! Grandi!
Pacino
Domenica 4 Marzo 2018, 15.59.12
1
Ma perchè non si suicidano. Voto 45
INFORMAZIONI
2018
Art of Propaganda
Black
Tracklist
1. Fire, Walk with Me
2. The Graves We've Dug
3. You Are the Scars
4. Heroin Waltz
5. Tomb Omnia
6. Stillborn
7. Voidgazer
Line Up
J.J. (Voce)
M.S. (Tutti gli strumenti)

Musicisti Ospiti
Bernth Brodträger (Chitarra in traccia 4)
Kerim "Krimh" Lechner (Batteria)
 
RECENSIONI
76
75
ARTICOLI
04/03/2018
Intervista
HARAKIRI FOR THE SKY
Dopo che tutto è bruciato, si può voltare pagina
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]