Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
DOMINATION INC.
Memoir 414

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
ISOLE
Dystopia

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
NEMESEA
White Flag

23/08/19
AVIANA
Epicenter

CONCERTI

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

01/09/19
DRAKKAROCK (day 3)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

Devin Townsend - Ziltoid The Omniscient
( 8609 letture )
L’uscita di un nuovo disco di Townsend mi incuriosisce sempre, non solo per il debito che il tipo di metal che ascolto maggiormente deve a questo particolarissimo artista, ma soprattutto perché, abituato alla multiforme pazzia del personaggio, di fronte ad un’uscita targata Devin posso aspettarmi sempre quel qualcosa di inconfondibile che caratterizza ogni lavoro prodotto dal celebre cantante-compositore-produttore-canadese. Ziltoid The Omniscient è dunque un nuovo prodotto della “fabbrica Townsend”, e davvero non è fuoriluogo avvicinare il personaggio Townsend ad una fabbrica di musica, soprattutto per la la strabordante quantità di prodotti che pone alla nostra attenzione. Nel giro di un anno abbiamo potuto registrare un’uscita della David Townsend Band, The New Black degli Strapping Young Lad e questo ZTO, e, seppure nessuno dei tre si possa definire un capolavoro, probabilmente rimangono tre uscite superiori alla (bassa) media del 2006. Inizierei col dire che questo ZTO è un concept più che un semplice disco, basato sulla figura (naturalmente di townsendiana invenzione) di questo tragicomico alieno Ziltoid, che arriva sulla terra minacciando di invaderla, a meno di ricevere una tazza di caffè (in cui riecheggiano echi del cinema di Lynch e del cammeo del nostro A.Badalamenti nel suo Mulholland Drive) di ottima qualità “entro tre minuti terrestri”, inutile aggiungere che la tazza di caffè che riceve non è di suo gradimento, ed il destino di noialtri terrestri ne risulta irrimediabilmente compromesso. Il disco si compone di undici brani e vanta un artwork del tutto anni ’80 (a ri-sottolineare le chiare origini ottantiane dell’estetica townsendiana), con il disegno fumettoso dell’alieno con la tazza di caffè in mano in copertina, e le scritte che sembrano appena uscite da uno dei primi film di Indiana Jones. Dopo l’intro, in cui si presenta l’arrivo di Ziltoid sulla Terra, il disco entra direttamente nel sound che conserverà grossomodo per tutta la sua durata (se si esclude la decima traccia The Greys, con le sue tastiere oniriche e le sue atmosfere rarefatte), un sound in cui gli arrangiamenti di voci e tastiere fanno la parte del leone, integrandosi con la sintesi sonora di Toontrack, il pacchetto software utilizzato per realizzare quasi interamente le parti strumentali. Nel suddetto pacchetto software crediamo di aver riconosciuto soprattutto un rullante che grida Catch 33 e Drumkit From Hell in ogni colpo, ed una cassa (pure DFH ma meno Catch 33) anch’essa dichiaratamente “triggerata”. I brani contribuiscono (se ancora possibile) a mettere in luce un'ulteriore faccia del multiforme artista e, pur non potendo certamente definirsi memorabili, presentano comunque dei passaggi e dei refrain interessanti. In particolare, il momento migliore del disco sembra passare tra la seconda By Your Command e la sesta N9, con la quinta (Hyperdrive), che ci è parsa la traccia migliore del lotto con i suoi chorus quasi fearfactoriani e gli (ottimi) arrangiamenti a più voci. Del resto parlare di Devin nel 2007 è divenuto (fatte le stra-dovute proporzioni) quasi come parlare di un piccolo Zappa del metal anni ’90, capace di toccare più o meno tutte le sfumature del genere nei vari dischi e creare un piccolo esercito di affezionati tra i metallari di tutto il mondo. Per quanto riguarda la qualità generale e la “significatività del prodotto” va semplicemente detto che questo disco non potrà mancare nella collezione dei fan del poliedrico artista canadese, specie per alcune interpretazioni alla voce solista (come sempre magistrali). Ma, anche andando al di là di alcuni difetti di produzione (il lavoro sul sound di Synchestra e gli altri lavori recenti di Townsend si attesta ad un livello sensibilmente superiore), non sarà facile che ZTO sia apprezzato da chi non fosse già un amante della produzione di Devin, trattandosi di un disco fortemente ironico, a tratti demenziale e addirittura vagamente autocelebrativo. Crediamo che piacerà, comunque, a gran parte degli appartenenti alla prima categoria, e per loro risulterà senz’altro un buon acquisto.


VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
63.33 su 63 voti [ VOTA]
daniele
Lunedì 29 Aprile 2013, 19.41.14
11
L'ho ascoltato più volte in quanto ammiratore devoto di Devin in tutta il suo genio e follia.. Questo lavoro però proprio non riesce a dirmi nulla, sembra sempre che gli manchi qualcosa per decollare..
Salvatore
Giovedì 25 Ottobre 2012, 15.17.14
10
Accelerated Evolution + Synchestra + The New Black = Ziltoid The Omniscient
Sangi
Martedì 14 Dicembre 2010, 20.59.55
9
Uno dei dischi migliori del signor townsend, secondo me. E' quello che mi ha fatto avvicinare ai suoi lavori solisti!
chuck
Mercoledì 6 Febbraio 2008, 4.03.56
8
ha fatto tutto da solo no comment... p.s. Hyperdrive è stupenda
Quasimodo
Giovedì 26 Luglio 2007, 3.24.14
7
Folle come sempre.. Non si sa neanche come definirlo sto album.. trash spaziale? di sicuro non il migliore tra i suoi album ma strano com'è merita anch'esso parecchi ascolti. Pesante psichedelico e divertente. (Cmq Synchestra è favoloso).
Renaz
Mercoledì 18 Luglio 2007, 10.01.33
6
A me è piaciuto, e quoto la rece, bravo Valè
Broken Dream
Martedì 8 Maggio 2007, 14.25.05
5
Ultimamente D T tende a ripetersi un pò troppo per i miei gusti..
francesco gallina
Venerdì 4 Maggio 2007, 9.10.21
4
Il Segugio è sempre il Segugio
Il Mentalista
Venerdì 4 Maggio 2007, 0.19.00
3
mmm, a questo giro Devin non mi ha convinto... Tecnicamente avanti come sempre, concept e artwork irresistibili nella loro demenzialità, ma alcune canzoni mi sono parse eccessivamente macchinose, soprattutto quelle di 8 o 9 minuti e passa. Poche buone idee ripetute un pò troppo. Alla lunga un disco noioso secondo me.
GaLaXyStop
Giovedì 3 Maggio 2007, 20.59.38
2
Dire ke è un capolavoro sarebbe troppo....ma sentire questo disco è una vera esperienza. In alcune parti inizio a ridere pensando a quanto sia pazzo/geniale Devin. Alcune song se ne scendono un pò di tono.....ma comunque il voto complessivo non è assolutamente inferiore ad un bel 82-83/100. Non male la recensione ma sono in disaccordo col voto . cmq sono gusti visto ke ho trovato in rete un genio ke ha dato 4.5/10 a synchestra....mah gusti
Seifer
Giovedì 3 Maggio 2007, 15.45.04
1
Sono 5 minuti terrestri, non 3 Comunque il finale del concept è spettacolare. Il disco lo vedo come una prosecuzione del discorso - interrotto tanto tempo fa - del progetto Physicist. E' volutamente autoironico e dissacrante, tant'è che ci sono diversi riff e anche parti di testo rubacchiate da altri lavori di Devin (specie gli ultimi due The New Black e Synchestra). Fino a N9 è eccezionale, poi si perde un po'. Il rullante di DrumKits From Hell è terribile, i Meshuggah l'hanno programmata molto meglio quella cazzo di drum machine, e in generale la produzione non mi convince come in altri lavori di Devin. Migliori del lotto sicuramente Hyperdrive e By Your Command. Voto tra l'80 e l'85
INFORMAZIONI
2007
Hevydevy Records
Inclassificabile
Tracklist
01) ZTO
02) By Your Command
03) Ziltoidia Attaxx!
04) Solar Winds
05) Hyperdrive
06) N9
07) Planet Smasher
08) Omnidimensional Creator
09) Color Your World
10) The Greys
11) Tall Latté
Line Up
Devin Townsend - vocals, guitar, bass, samples
 
RECENSIONI
69
71
100
90
84
ARTICOLI
22/07/2015
Live Report
DEVIN TOWNSEND PROJECT
Rockplanet, Pinarella di Cervia (RA), 17/07/2015
14/03/2015
Live Report
DEVIN TOWNSEND PROJECT + PERIPHERY + SHINING
Live Club, Trezzo Sull’Adda (MI), 08/03/2015
15/09/2014
Intervista
DEVIN TOWNSEND
A tu per tu col genio
16/08/2014
Live Report
DEVIN TOWNSEND + SHINING
Rock Planet, Pinarella di Cervia (RA), 11/08/14
05/12/2012
Live Report
FEAR FACTORY + DEVIN TOWNSEND PROJECT + DUNDERBEIST
Magazzini Generali, Milano, 25/11/2012
02/01/2006
Intervista
DEVIN TOWNSEND
Si racconta a Metallized
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]