Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/08/19
NOX ARCANA
The Haunted Symphony

20/08/19
SORCERY
Necessary Excess of Violence

23/08/19
FREEDOM CALL
M.E.T.A.L.

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
ASTRALIUM
Land of Eternal Dreams

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

CONCERTI

20/08/19
FRANK TURNER & THE SLEEPING SOULS
FESTA RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

21/08/19
FOR THE FALLEN DREAMS + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

22/08/19
RHAPSODY OF FIRE + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

David Bowie - Lazarus – Original Cast Recording
07/03/2018
( 1133 letture )
Ci sono infiniti modi per celebrare la scomparsa di un grande della musica, ma pochi sono degni di essere presi in considerazione, soprattutto se la figura di cui stiamo parlando è David Bowie, la cui scomparsa addolora ancora ogni appassionato di musica. Il rischio di un’operazione di sciacallaggio sopra un nome così grande resta alta. Fortunatamente Lazarus Original Cast Recording si è rivelato essere molto di più, ma prima di approfondire la disamina dobbiamo fare un piccolo passo indietro. Lazarus è il titolo del secondo singolo estratto da Blackstar, l’ultimo album in studio di Bowie, uscito ormai l’8 gennaio di due anni fa, due giorni prima della sua morte, e già da molti considerato un capolavoro. Il brano è anche quello che dà il titolo al musical scritto dallo stesso Bowie insieme ad Enda Walsh (noto commediografo e sceneggiatore teatrale irlandese), sorta di sequel de L'uomo che cadde sulla Terra. Lo spettacolo ha debuttato il 7 dicembre 2015 al New York Theatre Workshop e l’8 novembre è sbarcato al King Cross Theatre di Londra. Lazarus è anche il titolo del “Cast album”, ovvero le registrazioni da parte degli attori, che in questa sede diventano cantanti, delle versioni delle canzoni di Bowie contenute nello spettacolo teatrale. È bene notare che il progetto è nato non come un’operazione commemorativa, ma era stato ideato ben prima della morte di Bowie, tanto che le registrazioni erano state programmate per l’11 gennaio, il giorno successivo all’improvvisa morte del Duca, e i musicisti e gli attori ne sono venuti a conoscenza solo poco prima delle registrazioni. Il disco è diviso in due cd, il primo contiene tutte le canzoni dello spettacolo – che variano dai classici (Life On Mars?, Heroes e via elencando) fino agli ultimi pezzi di Blackstar, mentre il secondo contiene quattro canzoni interpretate da Bowie stesso: No Plan, Killing a Little Time e When I Met You, oltre a Lazarus che già conosciamo. I tre brani suddetti sono inediti e rappresentano gli ultimi incisi da Bowie prima di morire, sempre con la produzione di Tony Visconti e arrangiati dagli stessi musicisti di Blackstar.

Diciamoci la verità, tutta l’attenzione è verso il secondo disco e quelle tre “nuove” canzoni, che rappresentano la nostra ultima possibilità di ascoltare qualcosa di inedito e di alta qualità (sicuramente in futuro compariranno demo a iosa) da parte del Duca. D’altro canto sarebbe superfluo dilungarsi troppo sul primo disco, sia perché ampiamente conosciute, sia perché comunque sarebbe ingiusto giudicare la musica al di fuori del contesto teatrale in cui questa era inserita. Basti dire che le interpretazioni, soprattutto considerato che parliamo di gente che non fa il cantante di professione, sono più che dignitose, anche se difficilmente reggono il confronto con l’originale. Menzione d’onore per la quindicenne Sophia Anne Caruso, soprattutto per quanto riguarda la sua interpretazione di This Is Not America, toccante e molto ben riuscita. Bella anche la versione minimale e rallentata di Heroes cantata da Michael C. Hall (ex star della serie tv Dexter) insieme alla stessa Caruso e al resto del cast. Anche i musicisti non se la cavano male e reinterpretano con originalità le canzoni (interessante la versione quasi trip hop di The Man Who Sold The World) senza perdere il sapore bowiano, peccato per una produzione che spesso appiattisce i suoni e che non raggiunge minimamente la profondità e intensità di Blackstar.
Passiamo dunque al tanto agognato secondo disco.
Dopo un primo ascolto appare chiaro come le tre canzoni siano la naturale prosecuzione di Blackstar, si sente chiaramente che inizialmente dovevano far parte del disco. No Plan è perfettamente in linea con la musica di Blackstar: oscura, ipnotica, dolente, anche in questo caso le liriche del Duca rispecchiano la sua condizione: Here, there’s no music here e poi ancora This no place, but here I am, this is no plan. Killing a Little Time è una virata verso il rock duro, forse anche per questo esclusa dal disco, è basata su un riff di chitarra che ricorda gli episodi più duri The Next Day, poi si distende su un’orchestrazione jazz che la rende più conforme al sound di Blackstar. Davvero un ottimo pezzo, non avrebbe per nulla sfigurato sull’ultimo album del Duca. When I Met You è una sorta di mix fra le due precedenti: ancora una volta un rock piuttosto duro, ma rispetto a Killing a Little Time più cadenzato è con più enfasi per la parte ritmica che sul furore delle chitarre.

Ascoltare le ultime canzoni incise da David Bowie, oltre a commuovere, fa capire ancora di più lo stato di grazia (a livello musicale, s’intende) in cui si trovava. Anche il cast album ha una notevole importanza, è un progetto interessante e ben realizzato e fa invidiare chi ha avuto la fortuna di assistere al musical. Lo stesso Bowie credeva molto in questo progetto e, anche se ormai indebolito dalla malattia, partecipava regolarmente alle prove; proprio ad una di queste è stato visto per l’ultima volta in pubblico. Lazarus Original Cast Recording è quindi un’altra buona occasione per godere dell’opera di un genio che ci ha lasciato molto e di cui, purtroppo, non potremmo più sentire nulla di nuovo. Se non siete interessati al cast album, cosa comprensibile, è bene sapere che è più recentemente uscito un EP che porta il titolo di No Plan e che contiene solo Lazarus e le tre canzoni inedite.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
92 su 1 voti [ VOTA]
LostHighway78
Martedì 5 Marzo 2019, 10.27.52
2
Senza dubbio integrabili in Blackstar, anzi questi tre brani arricchirebbero ulteriormente il già stupendo album/testamento artistico del Duca. Medesime atmosfere(coerenza e formidabile ispirazione, nessun rischio di ripetitività), medesimo alto valore. Struggente No Plan, di composita emozionante bellezza When I Met You. Epico DB.
P2K!
Mercoledì 21 Marzo 2018, 9.13.30
1
Ho acquistato l'EP e non posso che confermare che da quelle tre tracce si sentiva che David stava VERMENTE ispirato. Degne di quel capolavoro che è Blackstar.
INFORMAZIONI
2017
Sony Music
Rock
Tracklist
CD1

1. Hello Mary Lou (Goodbye Heart)
2. Lazarus
3. It’s No Game
4. This Is Not America
5. The Man Who Sold the World
6. No Plan
7. Love Is Lost
8. Changes
9. Where Are We Now
10. Absolute Beginners
11. Dirty Boys
12. Killing a Little Time
13. Life on Mars
14. All the Young Dudes
15. Sound and Vision
16. Always Crashing in the Same Car
17. Valentine’s Day
18. When I Met You
19. Heroes

CD2

1. Lazarus
2. No Plan
3. Killing a Little Time
4. When I Met You
Line Up
London Cast

Michael C. Hall (Voce)
Michael Esper (Voce)
Sophia Anne Caruso (Voce)
Amy Lennox (Voce)
Gabrielle Brooks (Voce)
Sydnie Thomas (Voce)
Richard Hansell (Voce)
Maimuna Memon (Voce)
Jamie Muscato (Voce)
Tom Parsons (Voce)
Yulie Yammanee (Voce)
Hannah Rose Thompson (Voce)
Jon Boydon (Voce)
Alexandra Da Silva (Voce)
Trina Hill (Voce)
Paul Westwood (Voce)
Ricky Nelson (Voce su traccia 1)
Lynn Craig (Voce su traccia 3)
Charlie Pollack (Voce su traccia 5)
Cristin Milioti (Voce su traccia 8)
Krystina Alabado (Voce su traccia 10)
Nicholas Christopher (Voce su traccia 14)
David Bowie (Voce)
 
RECENSIONI
85
81
87
90
88
94
90
70
89
90
90
89
82
90
80
75
ARTICOLI
10/04/2011
Articolo
DAVID BOWIE
A New Carrier In A New Town
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]