Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SILENT BULLET THEORY
Divine Ways of Chaos

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

CONCERTI

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

Ironthorn - After the End
18/03/2018
( 664 letture )
Provenienti dalla provincia di Agrigento, gli Ironthorn sono una giovane e promettente formazione dedita ad un heavy rock prettamente classico e senza troppi fronzoli. La loro è una storia recente, che li vede giungere oggi al traguardo del primo album ufficiale, autoprodotto e pubblicato nello scorso mese di novembre. Poche sono le informazioni che ci vengono fornite e che al momento sono reperibili sul sito ufficiale e sulla pagina social della band siciliana, che sembrerebbe guardare più al presente e al futuro che al proprio passato. Così non è chiaro per quale motivo ancora manchi un batterista in formazione e chi abbia suonato in quel ruolo sul disco. La line-up infatti si compone di soli quattro elementi: il cantante Luigi Pullara, dotato di un discreto timbro vocale, ma non ancora in grado di ergersi a luce guida o colonna portante del gruppo; i chitarristi Maurizio Liberto e Gabriele Misuraca, entrambi con una buona tecnica alle sei corde e tanto amore per i riff corposi e graffianti, ma allo stesso tempo melodici, tipici dell’heavy più classico e il bassista Eliseo Bonacasa, il cui operato sembrerebbe al momento nella norma.

Gran parte della curiosità, va ammesso, è dovuta all’artwork di copertina, a prima vista contrastante con la proposta musicale della formazione siciliana. Ma dietro a tale raffigurazione si cela un intero racconto a fumetti, proposto insieme all’album, utile a rendere più comprensibile l’ascolto e aumentare il nostro coinvolgimento. Una volta inserito il disco nel lettore, o nel nostro caso il jack delle cuffie nel portatile, veniamo guidati alle porte dell’album tramite la breve intro strumentale The End, dall’atmosfera piuttosto cupa. La prima vera canzone è Blind, un heavy rock grintoso e piacevole, che ci permette già di capire a grandi linee con che tipo di proposta abbiamo a che fare. Gli echi sono quelli di Iron Maiden -nel comparto riff- e Metallica -nel cantato- e da qui non si scappa, ma emerge comunque la buona prestazione di tutti i singoli, che rende questo il brano più rappresentativo e migliore dell’intero lavoro. Restando sui punteggi più alti, troviamo poi la malinconica e prevalentemente melodica ballad Arrow’s Place, che ci mostra una band capace di spaziare su più registri, non facendosi mancare un certo impatto emotivo. Un altro buonissimo brano è anche l’unico pezzo cantato in lingua madre. Torna in te, questo il titolo, è l’esatta rappresentazione di ciò che noi amanti delle sonorità più dure vorremmo trovare in tutti i brani delle cosiddette rock band italiane, le quali invece finiscono quasi sempre per rifugiarsi in facili contaminazioni pop. Canzone vera, seria e aggressiva quanto basta per meritarsi gli onori delle cronache. Purtroppo il disco non propone molti altri brani degni di nota, facendosi apprezzare giusto su un altro episodio, Eternity, dove troviamo ancora le chitarre sugli scudi. La pur parzialmente apprezzabile titletrack After the End, non convince appieno, mancando un po’ di sprint e mordente, così come The Concrete Man, mentre Breathless e Monkeys with Ties sono entrambe molto rivedibili.

A conti fatti, cosa rimane dunque? Una band dal buon potenziale e dal buon talento, soprattutto per quanto riguarda il reparto chitarristico, ma non ancora in grado di proporre un lavoro pienamente convincente. Tante le carenze, in generale a livello compositivo e nello specifico riguardo il cantato, sia per quanto concerne l’interpretazione che la “presenza”, con un Luigi Pullara da cui ci aspettiamo miglioramenti già a partire dal prossimo disco. La produzione ci appare nella norma e questo è un punto a favore. Le possibilità per farsi strada agli Ironthorn non sembrano mancare ed anche se al giorno d’oggi prendersi la scena non è certo facile, confidiamo che i quattro musicisti originari della provincia di Agrigento possano farcela, o perlomeno possano provarci.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
87.33 su 15 voti [ VOTA]
Maurizio Liberto
Lunedì 9 Luglio 2018, 18.01.26
6
Ciao a tutti, sono Maurizio e sono uno dei chitarristi ed il Produttore degli Ironthorn. Grazie a tutti di cuore per il vostro giudizio chiaro e sincero, per noi è molto importante e prenderemo tesoro delle vostre critiche. @David Craine: Thanks a lot for your comment and we won't let you down! Speriamo che il nostro secondo album "Legends of the Ancient Rock" sia di vostro gradimento... Grazie nuovamente e viva il Rock N'Roll! \m/_
Alessandro Gnoli
Domenica 10 Giugno 2018, 7.03.10
5
Già sentiti, si, potrebbero migliorare molto, ma sembrano determinati nella loro causa. L'album presenta dei messaggi forti e tracce ben collegate ma come dice Pietro Di Campo, non dispiacerebbe l'utilizzo di vari riff magari in clean o con leggero riverbero tra una canzone e l'altra giusto per dare continuità e maggior senso di continuità della storia essendo un concept album. Molto classici, ma è giusto partire dalle origini meno estreme del genere per essere apprezzati in un territorio dove la musica resta molto legata alla tradizione. Spero possano nei prossimi lavori, spiccare il volo.
David Craine
Domenica 10 Giugno 2018, 6.59.07
4
I can't say nothing about this band, except they're fantastic.... I hope they can bring up the name of heavy metal even in Italy. A little good start for a band that use passion in his work.
Pietro Di Campo
Giovedì 7 Giugno 2018, 9.10.47
3
A mio parere un buon inizio per portare nella mia provincia del buon heavy metal di impatto, molto classico ma che non sfocia nel pregiudizio a cui molti abitanti della provincia di Agrigento sono abituati nei confronti di questo genere.... È un primo lavoro ben riuscito, un concept album che a me personalmente ha preso, dispiace solo che le tracce si distacchino un po' tra loro melodicamente , quello che io consiglierei è di mettere molti più intermezzi tra le varie tracce per cercare di non soffrire troppo gli stacchi e le differenze (mi rifarei molto ad un loro intermezzo adottato nell'omonima traccia After The End al minuto 3:05 circa, quello stesso riff se riarrangiato dopo vari pezzi potrebbe avere un forte impatto sonoro), dopotutto sentire come le tracce si ricolleghino a me personalmente fa venire i brividi, possiamo prendere come esempio vari album progressive o ambientali sperimentali come ad esempio i vari album dei Tool o Metropolis pt2 dei Dream Theater, A thousand Suns dei Linkin Park o anche il loro penultimo The Hunting Party, comunque se prese a singolo le tracce hanno una loro solidità. Sicuramente non un capolavoro, ma a mio parere un ottimo inizio.... Se fossi un vero critico e il mio voto contasse qualcosa assegnerei non meno di un 8,5... Credo molto in questa band e nei componenti, con i quali ho stretto un buon rapporto, in particolare col neo batterista e il bassista... Riguardo la formazione, l'ex batterista è davvero valido, non contemplo la dimenticanza in questo progetto originale, la band ultimamente ha subito delle modifiche nella formazione.
Flight 666
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.51.24
2
Nella line-up di quest'album non è presente, probabilmente lo stanno ancora cercando e il disco è stato registrato con altri mezzi.
Ziltoid
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.17.32
1
Ma suonano senza batterista o è talmente scrauso da non menzionare?
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Heavy Rock
Tracklist
1. The End
2. Blind
3. Breathless
4. Torna in te
5. Arrow’s Place
6. Monkeys with Ties
7. Eternity
8. The Concrete Man
9. After the End
Line Up
Luigi Pullara (Voce)
Maurizio Liberto (Chitarra)
Gabriele Misuraca (Chitarra)
Eliseo Bonacasa (Basso)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]