Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Skepticism
Companion
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/21
VADER
Blitzkrieg in Texas: Live 2005

22/10/21
DAN LUCAS
The Long Road

22/10/21
PHANTOM FIRE
The Bust of Beelzebub

22/10/21
CATALYST CRIME
Catalyst Crime

22/10/21
LIVLOS
And Then There Were None

22/10/21
ARMORED SAINT
Symbol of Salvation Live

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

22/10/21
COGNOS
Cognos

CONCERTI

19/10/21
DEEP PURPLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

21/10/21
H.E.A.T
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

06/11/21
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Museo Rosenbach - Zarathustra
( 7708 letture )
Un peccato, un vero peccato che Zarathustra non abbia portato alcuna fortuna ai suoi autori, perché il Museo Rosenbach (dal nome di un editore tedesco che tradotto suona “ruscello di rose”), produssero con questo disco uno degli episodi più riusciti della prima metà dei 70’s. Il gruppo si formò sulla scia degli insegnamenti provenienti dall’Inghilterra targati Nice, EL&P, Van Der Graaf Generator, Pink Floyd e, dopo avere trascorso un periodo da cover band di quei gruppi, giunse nel '73 a pubblicare per la Ricordi l’oggetto della presente recensione. Oltre ad un impianto musicale derivato e sviluppato con un certo gusto italiano proveniente dai gruppi citati prima, il connotato saliente della musica dei Museo Rosenbach era fornito dal cantato di “Lupo” Galifi, dotato di una voce che oggi si giudicherebbe quasi adatta all'estremo se adeguatamente usata, di matrice blues, che ricordava quella di Otis Redding o Joe Cocker e che, malgrado sia stata troppo imbrigliata dai poco disponibili tecnici del suono della Ricordi, forniva un’impronta decisamente originale alla band.

Il disco fu però affossato da due scelte concettuali prese in maniera poco cosciente: innanzi tutto il concept dell’album fondato sullo scritto nietzscheiano di Zarathustra, e sul conseguente generico fraintendimento dell’enucleato sul superuomo, dai più erroneamente interpretato come codificazione ante-litteram di quella pseudo-filosofia di estrema destra che avrebbe poi prodotto gli orrori che conosciamo (è opportuno forse ricordare una frase premonitrice del filosofo stesso che, in riferimento al dualismo ambiguo del libro, diceva : “Chissà quante generazioni dovranno trascorrere per produrre persone che sentano dentro di sé ciò che ho fatto. Ed anche allora mi terrorizza il pensiero di quelli che impropriamente si richiameranno alla mia autorità. Ma il maestro dell’Umanità sa che, in determinate circostanze, può diventare una sventura o una benedizione”), e che invece fu scelta dalla mente del gruppo, Alberto Moreno, più che altro per il suo lirismo onirico che ben si sposava con la musica del Museo. La seconda scelta fu la veste grafica affidata a Monti, che vedeva la testa di Zarathustra su fondo nero, ed inglobante anche un busto di Mussolini, anche se la prima versione proposta dalla band vedeva invece delle rovine antiche all’interno del collage al posto del resto. Il tutto in un momento storico in cui se non facevi parte del movimento controculturale eri automaticamente escluso dalla possibilità di essere valutato in maniera minimamente oggettiva.

Quanto sopra fruttò il boicottaggio a priori da parte della RAI, che all’epoca era l’unico canale efficace per la diffusione di massa, e se mamma RAI ti rifiutava eri socialmente finito. Da notare che i Museo Rosenbach erano invece un gruppo apolitico e che nei credits citavano per esempio Guccini. La televisione di Stato chiese scusa molti anni dopo, ma il Museo intanto era finito. Musicalmente il platter era introdotto dalla lunga suite Zarathustra, canonicamente divisa in cinque parti, al quale seguivano tre pezzi di durata più o meno normale, che presentavano interessanti aperture tastieristiche sinfoniche, con l’uso del mellotron di tanto in tanto calante e le frequenti incursioni blues, a malapena represse da Lupo, l’anima hard’n’blues del gruppo. Questo produceva una tracklist "forte", in grado di mantenere viva l'attenzione dell'ascoltatore e senza veri cali di tensione fino alla conclusiva Dell'Eterno Ritorno.

Della presenza come batterista di Giancarlo Golzi, poi J.E.T. ed infine Matia Bazar, vi ho già accennato nella recensione dei J.E.T., mentre rimane da sottolineare come questo rarissimo vinile sia senza dubbio uno dei prodotti più rappresentativi di un’epoca, quella dell’utopia prog, che deve ancora essere riscoperta appieno in particolare dai più giovani, frequentamente completamente all'oscuro di quanto il nostro Paese ha saputo produrre prima di essere azzerato da Cecchetto e dagli anni dell'edonismo reaganiano.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
77.27 su 83 voti [ VOTA]
Area
Giovedì 23 Marzo 2017, 13.27.53
13
Capolavoro del Prog Italiano! E' un peccato che all'epoca la copertina del disco creò delle controversie, ma per fortuna dopo gli anni 70 questo disco é stato rivalutato e scoperto anche all'estero e gli viene riconosciuto il prestigio che merita.
Mr.Darcy
Sabato 1 Ottobre 2016, 12.20.34
12
Riuscito a prendere ora una versone su ebay stampata in Germania della Flawed Gems del 2011. Versione digipack senza libretto e testi. Album stupendo, con dei passaggi davvero innovativi. Un vero capolavoro a livello mondiale che va riscoperto e davvero valorizzato.
Rob Fleming
Domenica 31 Gennaio 2016, 17.36.12
11
Visto che la vecchia cara cassetta è diventata pressoché inascoltabile e visto che non potevo andare avanti con la versione in mp3, appena il mio negoziante di fiducia mi ha detto che era stato nuovamente ristampato me lo son prenotato. Una volta arrivato me lo son goduto almeno una decina di volte (i 39 minuti scarsi hanno agevolato non poco i molteplici ascolti). La versione che ho io è in digipack che riproduce la confezione del vinile dell'epoca con i testi a parte. La magia è rimasta inalterata. Confesso di non aver fatto mente locale, pur sapendo che il gruppo Il tempio delle clessidre annovera alla voce Stefano "Lupo" Galifi, non avevo realizzato che prende il nome dall'ultimo movimento della suite Zarathustra.
Mr.Darcy
Sabato 31 Gennaio 2015, 19.24.33
10
capolavoro vero, poco da dire.
sleepin' giant
Lunedì 15 Dicembre 2014, 22.13.14
9
Disco assolutamente immenso. 90
GianCortese
Martedì 30 Luglio 2013, 12.43.37
8
Il panorama del progressive italiano ha sfornato moltissimi capolavori tanto che può essere considerato il migliore prog, forse secondo solo a quello inglese. Ma dinanzi a un album del genere tutti dovrebbero piegare la testa e inginocchiarsi: un concept album completo, che affronta una tematica complessa come quella nietzschiana con versi eccellenti e una musicalità perfetta. Inutile dire che l'abilità dei musicisti è straordinaria e questo album è assolutamente tra i migliori. Voto 100
piggod
Giovedì 11 Ottobre 2012, 23.27.33
7
Dimenticavo, voto: 100.
piggod
Giovedì 11 Ottobre 2012, 23.26.40
6
Sicuramente uno dei dischi Prog più belli di tutti i tempi. Un capolavoro dall'inizio alla fine, un disco di proporzoni colossali, un disco da possedere, custodire gelosamente ed ascoltare quando si vuole viaggiare con la mente. Cazzo, una volta quì sorgevano gli Area, gli Osanna (per non citare i "soliti" PFM e BMS), i vari progetti di Bartoccetti...
hm is the law
Mercoledì 14 Settembre 2011, 13.00.26
5
Disco epico
Dan g warrior
Martedì 11 Gennaio 2011, 3.34.02
4
grandissimo disco-capolavoro, di sicuro tra i primi 3 più belli del prog italiano.
Nikolas
Lunedì 10 Dicembre 2007, 19.22.14
3
Capolavoro del prog italiano, voto meritatissimo, che mi permetterei di alzare fino al 90
Rob
Venerdì 18 Maggio 2007, 14.31.26
2
Clap clap clap clap.... Verissimo quanto detto su Nietsche.
Vincenzo
Sabato 12 Maggio 2007, 19.58.56
1
Grande Raven, continua così. Mi piacerebbe, da lettore esterno che oltre ai classici del prog come fa Francesco, venissero recensiti altri grandi della musica, come avete fatto con Nick Cave qualche tempo fa.
INFORMAZIONI
1973
Crime Records
Prog Rock
Tracklist
Zarathustra
a) L'Ultimo Uomo
b) Il Re di Ieri
c) Al di Là del Bene e del Male
d) Superuomo
e) Il Tempio delle Clessidre
Degli Uomini
Della Natura
Dell'Eterno Ritorno
Line Up
Giancarlo Golzi - batteria, voce
Alberto Moreno - basso, pianoforte
Enzo Merogno - chitarra, voce
Pit Corradi - Mellotron, Hammond
Stefano Lupo Galifi - voce
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]