Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
WOORMS
Slake

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
FENRIR
Legends Of The Grail

CONCERTI

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

25/01/19
MILL OF STONE + GUEST
GALIVM GARAGE - PIEVE DI SOLIGO (TV)

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Saber Tiger - Bystander Effect (Expanded Edition)
06/05/2018
( 492 letture )
Fondati nel 1981 dal chitarrista Akihito Kinoshita, dopo consistenti cambi di line-up, i Saber Tiger arrivano in Europa con un’edizione dedicata al mercato occidentale di Bystander Effect: i paladini dell’heavy metal giapponese propongono una versione ri-registrata del loro ultimo album datato 2015. Le novità consistono nella traduzione dei testi in lingua inglese di quattro brani, nella nuova traccia acustica Ship of Theseus, in una rimasterizzazione del brano storico della band First Class Fool e nell’aggiunta delle demo di Sin Eater e What I Used to Be. L’album si presenta quindi notevolmente arricchito nei contenuti rispetto alla versione originale, perdendo ogni singola traccia dell’origine del gruppo e acquisendo una durata notevole (si tratta comunque di tre brani extra che non influiscono particolarmente nell’economia del CD).

Passando alla sostanza, non si può che notare una certa solidità e concretezza nell’opera del gruppo giapponese, che stilisticamente cerca di avvicinarsi a sonorità in linea a quelle dei grandi dell’heavy metal europeo e americano, come Judas Priest o gruppi affini. Difatti l’obiettivo è proprio quello di trovare uno spazio nel mercato occidentale, operazione iniziata con i primi concerti nel vecchio continente nel 2016. La traduzione di tutti i testi in inglese facilita sicuramente questo: Bystander Effect sembra un prodotto nostrano, sia sotto il punto di vista sonoro che nel songwriting. La band nipponica si muove con grande forza in pezzi decisamente carichi di energia come l’opener Dying Breed o la successiva Sin Eater grazie a una prestazione efficace da parte di tutti i musicisti: la voce di Takenori Shimoyama graffia sempre con grande intensità, mentre le chitarre si snodano in riff e assoli dall’elevato tasso tecnico, sempre veloci e precisi. Altre tracce degne di particolare attenzione sono What I Used to Be, Shameless e Afterglow, che grazie a ritmiche e riff dal gusto decisamente catchy restano facilmente impresse nella mente dell’ascoltatore. Un piccolo strappo alla regola viene fatto da An Endless End: Another Time, una power ballad con il solito climax ascendente e dall’inedita Ship of Theseus, brano acustico, lento e completamente strumentale. Buona anche la riedizione di First Class Fool, in linea con il resto di Bystander Effect e le due demo aggiuntive, nulla di trascendentale ovviamente, considerando che si presentano pressoché in maniera identica alla versione definitiva. Il disco scorre e si lascia ascoltare con grande fluidità: i ritornelli, gli assoli e le parti ritmiche si snodano in maniera sempre accattivante e orecchiabile, sfiorando anche momenti tendenti al power e al thrash, senza mai perdere il suono rude e graffiante tipico dei Saber Tiger. La produzione è tecnicamente impeccabile e riesce a rendere al meglio quanto fatto della band, che si esprime in maniera sempre quantomeno convincente, sia dal punto di vista strettamente musicale che stilistico, allineandosi con successo agli standard dell’heavy metal storico, alla pari dei connazionali Loudness e Anthem.

È difficile pretendere qualcosa in più da un disco che si rifà apertamente ai classici del metal degli ultimi trent’anni come Bystander Effect. L’obiettivo fissato dai Saber Tiger, quello di fare del sano heavy metal vecchia scuola (senza inventare niente) viene raggiunto senza difficoltà e forse anche superato: la tecnica non manca, le idee che sicuramente non sono il punto di forza dell’album vengono ben sviluppate, grazie anche a degli ottimi arrangiamenti. L’aria che si respira è sempre elettrica e frizzante al punto giusto: probabilmente non si può parlare di un capolavoro, ma Bystander Effect regala senz’ombra di dubbio momenti di buona musica, godibile e accessibile a tutti, addirittura entusiasmante e con qualche spunto particolarmente interessante per gli amanti del genere.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Sliptrick Records
Heavy
Tracklist
1. Dying Breed
2. Sin Eater
3. Act of Heroism
4. Dreadout
5. One Last Time
6. Just-World Hypothesis
7. What I Used to Be
8. Shameless
9. An Endless End: Another Time
10. Devastation Trail
11. Afterglow
12. Ship of Theseus
13. First Class Fool (Bonus Track)
14. Sin Eater (2013 Demo)
15. What I Used to Be (2013 Demo)
Line Up
Takenori Shimoyama (Voce)
Akihito Kinoshita (Chitarra)
Yasuharu Tanaka (Chitarra)
Hibiki (Basso)
Yasuhiro Mizuno (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]