Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/18
CULTES DES GHOULES
Sinister

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
VULCAIN
Vinyle

28/09/18
GORY BLISTER
1991. Bloodstained

CONCERTI

22/09/18
FLESHGOD APOCALYPSE + GUESTS
AFTERLIFE LIVE CLUB - PERUGIA

22/09/18
ROCK LAND FESTIVAL
LEGEND CLUB - MILANO

22/09/18
WARMBLOOD + IRA
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/09/18
ELVENKING + DEATHLESS LEGACY + GUESTS
AREA EXP - CEREA (VR)

22/09/18
TRICK OR TREAT + FROM THE DEPTH
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

22/09/18
EVADNE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/09/18
KANSEIL + GUESTS
FEFFARKHORN FESTIVAL - MASERADA SUL PIAVE (TV)

22/09/18
EDU FALASCHI
OFFICINE SONORE - VERCELLI

23/09/18
ERIC MARTIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

23/09/18
BIGFOOT
LEGEND CLUB - MILANO

Pennywise - Never Gonna Die
04/06/2018
( 790 letture )
C’è davvero bisogno dell’ennesimo album dell’ennesimo gruppo punk rock, un genere di natura statico e poco evolutivo? Assolutamente sì, se l’album in questione è Never Gonna Die dei Pennywise. Stiamo pur sempre parlando di una band che questo sottogenere ha contribuito a crearlo. Skate punk, melodic hardcore, punk rock, pop punk, tanti nomi per descrivere l’evoluzione melodica dell’hardcore, iniziata in California verso la fine degli Ottanta sulla scia di quello spartiacque che fu No Control dei Bad Religion. Un genere poi esploso il decennio successivo, portato all’apice del successo commerciale dagli stessi Bad Religion e da storici act californiani quali NOFX, The Offspring e appunto Pennywise. Il quartetto nasce a Hermosa Beach nel 1988, località che già diede i natali a Black Flag e Circle Jerks qualche anno prima. Dopo un paio di lavori ben accolti negli ambienti underground, i Pennywise raggiungono il successo con l’album About Time del 1995, in pieno movimento punk-revival, massimo fulgore per questo hardcore arresosi alla melodia, divenuto la colonna sonora di milioni di adolescenti nel mondo.

Dopo trent’anni di carriera, una decina di album pubblicati e oltre tre milioni di dischi venduti, i Pennywise sono ancora in pista. Il nuovo Never Gonna Die – dodicesima fatica in studio – si distingue innanzitutto per essere il primo inedito con lo storico cantante Jim Lindberg assente dal 2009 al 2012, che ritrova i membri originali (Fletcher Dragge alla chitarra, Byron McMackin alla batteria e Randy Brandbury, subentrato nel 1996 dopo il suicidio di Jason Thirsk). La formazione originale ha evidentemente giovato ai Pennywise, che sfornano un album fresco e coinvolgente. A livello musicale, quest’ultimo non di distingue particolarmente dai predecessori. La band propone la solita formula, quella di un punk veloce ed irruento che si mantiene in equilibrio fra l’aggressività e la melodia. Gli elementi costituitivi dall’HC – riffing lineare ed immediato, drumming martellante, cori e gang vocals – si mescolano quindi con melodie indovinate e ritornelli che si stampano in testa al primo ascolto. Ne risultano 14 brani in puro stile Pennywise, un insieme piuttosto coeso e lineare, ma soprattutto efficacissimo, come dimostrato da Keep Moving On, Little Hope e Can’t be Ignored, i brani migliori di un lavoro. Benché le canzoni tendano ad assomigliarsi, si possono distinguere dei momenti più muscolari (Won’t Give up the Fight e Listen, questa praticamente puro HC), ed altri più pop, come She Said o Good Bye Bad Times. Come da tradizione, i testi sono impregnati da un’attitudine positiva progressista, benché non manchi una denuncia intelligente. We Set Fire se la prende con le misure di austerità e il loro impatto sui servizi sociali, mentre American Lies denuncia la disinformazione che infesta gli Stati Uniti. Più classicamente, Live while you Can esorta l’ascoltatore a godere dell’attimo presente e a vivere il momento; Good Bye Bad Times esalta la potenza e l’indipendenza di ogni singolo individuo.

L’album è ottimamente prodotto e preformato, ogni musicista è azzeccatissimo nel proprio ruolo. Ma al di là della prova tecnica – invero limitata, per natura stessa del genere – brilla la coesione e la perfetta armonia delle parti. Quel quid in più dunque, difficilmente descrivibile ma fondamentale, ottenibile solo dopo decenni di carriera alle spalle. È proprio questo quid che rende un album basato sulle stesse quattro coordinate trite e ritrite un lavoro riuscito, trascinante, ma specialmente ancora attuale nel 2018. È ciò che ci permette, in definitiva, di rispondere in modo affermativo alla domanda posta all’inizio della recensione.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
76 su 3 voti [ VOTA]
Newsted Head
Mercoledì 13 Giugno 2018, 13.55.58
18
Silvia ti sei persa davvero belle cose se hai smesso di seguire i BR da Gray Race.I 2 album usciti dopo,No Substance e New America,sono abbastanza mediocri e in particolare no substance lo considero il punto più basso della discografia dei bad religion.Però poi sono usciti Process Of Belief e Empire Strikes First che segnano il ritorno di gurewitz alla chitarra che non hanno niente da invidiare agli album classici dei bad religion,credimi.Te li consiglio onestamente
Silvia
Mercoledì 13 Giugno 2018, 13.47.01
17
Verissimo, come tutta la fantastica discografia dei Bad Religion fino a The Gray Race incluso. Poi non li ho seguiti piu' ad essere sincera perche' mi son parsi ripetitivi - magari sbaglio...
LAMBRUSCORE
Mercoledì 13 Giugno 2018, 12.56.33
16
@The skull... d'accordo su No Control, un capolavoro che -secondo me- ogni amante del punk, come del metal o del rock in generale, dovrebbe almeno ascoltare...
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 8 Giugno 2018, 14.06.21
15
@Area: meglio non approfondire il discorso, concordo che su Metallized sia in corso un'apertura, ma è innegabile che una pietra miliare come No Control, cosi come una band come i Bad Religion, siano stati tagliati fuori da un'impronta -almeno inizialmente- estremamente settoriale (metal only). No control è uscito nel 1989, il tempo di fare una recensione ci sarebbe stato, senza ombra di dubbio non è mai stato considerato "in scope" fino a (probabilmente e spannometricamente) pochi anni fa, ma sia chiaro che questa non è un'accusa: un sito amatoriale fatto di appassionati che trattano di ciò che gli piace è semplicemente frutto di una scelta. Lo specifico -ci tengo- perchè le mie sembrano accuse ma in realtà sono una semplice constatazione dei fatti: risposte risentite sono fuori posto, sarebbero un'indiretta ammissione di colpevolezza, mentre è preferibile per tutti lasciar parlare i fatti e appunto all'atto pratico qualcosa si sta muovendo e noi, io, possiamo e dobbiamo apprezzarlo. Nei commenti il Griso si stupisce/compiace dell'interesse e del consenso verso i Pennywise: nella massima onestà, col massimo rispetto per tutti, nel 2018 l'interesse di un appassonato medio di musica robusta potrebbe forse essere maggiore per gli Uriah Heep? O magari deve esserlo perchè gli Uriah sono metal ed i Pennywise no? Ma le orecchie le abbiamo... si sta semplicemente manifestando un contrasto generazionale, contrasto di colori, di mood, di sapori, non certo di ragioni o torti, di vincenti o merde, ecc. Io amo la musica tutta e rinnovo i ringraziamenti alla redazione che sembra aver accettato la sfida di dare ai propri lettori ancora di più.
Area
Venerdì 8 Giugno 2018, 13.13.53
14
@TheSkullBeneathTheSkin, per fare delle recensioni ci vuole del tempo, ma loro hanno dimostrato una buona apertura mentale anche verso roba che é semplicemente Rock o Punk.
TheSkullBeneathTheSkin
Martedì 5 Giugno 2018, 13.52.49
13
@Area: mi sembra manchi lo stesso "No Control" che viene citato come pietra miliare dalla recensione... quindi spazio per recuperare ce n'è in abbondanza. Alla reda non piace sentirselo dire, ma è evidente che c'è tantissima GRANDE musica non-espressamente-metal che è stata ignorata in favore di lavori più ortodossi ma meno meritevoli. Sono sicuro che pian piano arriverà tutto ciò che manca e ringrazio nuovamente la reda, che ho punzecchiato espressamente sui pennywise/nfaa nelle news, come skull e come disorder (nick che ho usato un paio di volte). Cosi rispondo anche a @Silvia (scusa il ritardo) riguardo il nome, non lo cambio perchè all'occorrenza posso mettermi dietro qualunque cosa (beneath) e rimanere skull voto 80 perchè l'album nella globalità può valere un 70/73 ma preferisco guardare alla presenza di "bombe" piuttosto che alla qualità media. Una buona qualità media senza tracce che spiccano non vale una buona qualità media con filler e killer... e qui come dicevo un tre quattro killer song da far girare ci sono eccome (aggiungo alla playlist "we won't give up the fight" e famo il poker)
Area
Martedì 5 Giugno 2018, 9.58.52
12
@LAMBRUSCORE, non male gli Zeke, anche loro avevano fatto album per la Epitaph records, che pur avendo pubblicato anche altri tipi di punk in misura minore (e tra questi ci sono Zeke e i Total Chaos ad esempio) era specializzata soprattutto nell'hardcore melodico. @TheSkullBeneathDisorder, Ecco a proposito di "punzecchiare" (in senso buono ovviamente) io spero che qualcuno recensisca i primi album dei Total Chaos usciti proprio perl a Epitaph... dato che ci sono le recensioni di Exploited, GBH e Discharge.
Macca
Martedì 5 Giugno 2018, 9.46.47
11
Mi unisco alle grida di giubilo per questa grande band, sempre presenti su una scena della quale sono sempre stati colonna portante insieme a gente come Bad Religion, Nofx, Rancid, No Use For A Name (RIP Tony Sly) e Lagwagon: da "Unknown Road" a "Land Of The Free?" non ne hanno toppato mezzo, con le punte di eccellenza "About Time" (il loro capolavoro) e "Full Circle". Le anteprime mi erano piaciute, potrei tornare a comprare un loro album dal 2001 e sentirmi di nuovo ccciovane e ribelle alla veneranda età di 35 anni.
No Fun
Lunedì 4 Giugno 2018, 21.59.02
10
Stupito che a @Lambru piacciano i Pennywise. Gli Zeke li ho scoperti dalla raccolta tributo Everybody Loves Antiseen, uno dei pochi gruppi di quel disco di cui ho trovato facilmente qualcosa in giro! Questi qui invece sinceramente sono quindici anni che non li ascolto... un'occasione per ricominciare.
Silvia
Lunedì 4 Giugno 2018, 21.19.02
9
@TheSkull hai cambiato nome? In che senso buono ma voto 80?
TheSkullBeneathDisorder
Lunedì 4 Giugno 2018, 20.43.19
8
Visto che avevamo punzecchiato la reda... adesso, ringraziamo la reda dello spazio dedicato ad una leggenda vivente del punkrock Bella recensione, pulita, semplice ed ampiamente condivisibile... tolto magari i brani top, gusti personali, sulla mia playlist "never gonna die", "american lies" e "live while you can". Buon disco, ma lo voto 80, perchè dopo così tanto tempo la vecchia guardia ancora non abdica: full speed ahead, hard and fast!
LAMBRUSCORE
Lunedì 4 Giugno 2018, 19.51.52
7
Occasione buona per far conoscere un gruppo di cui non ho trovato niente sul sito, gli ZEKE, spero se ne parlerà, hanno pubblicato un disco nuovo dopo 14 anni di assenza in studio..
Griso
Lunedì 4 Giugno 2018, 17.29.00
6
Mi fa piacere constatare questo consenso per i Pennywise, e grazie per i complimenti!
Silvia
Lunedì 4 Giugno 2018, 16.09.03
5
Che bello About Time, assieme al primo! Stra-consumati!
Area
Lunedì 4 Giugno 2018, 15.59.03
4
Questo me lo ascolterò! I Pennywise sono legati ai miei ascolti Punk della adolescenza, soprattutto i classici "About Time", "Full Circle" e "Land of the free" uscito proprio quando ero adolescente. Non era roba mainstream ma tra chi si interessava al Punk la roba Melodic Hardcore era molto popolare e loro tra Pulley, Nofx e No Use for a name non mancavano mai!
AkiraFudo
Lunedì 4 Giugno 2018, 15.47.45
3
Secondo me fra i migliori nel genere, secondi solo agli immortali Bad Religion... lo ascolterò sicuramente
Silvia
Lunedì 4 Giugno 2018, 12.58.26
2
Album fresco sicuramente, dopo tanti anni credo che ritornero' a comprare un loro album! Recensione molto bella come al solito, grande Griso che ci illustra perfettamente cio' che andremo ad ascoltare . Vorrei solo aggiungere che secondo me qui non c'e' nessun richiamo al pop, neppure in pezzi come She Said che semmai, secondo me, ha qualche passaggio "catchy" che puo' far pensare forse a gruppi piu' melodici come i Millencollin o i No Fun at All. Grande la voce di Jim, sempre piaciuta
LAMBRUSCORE
Lunedì 4 Giugno 2018, 12.40.46
1
Qualche volta anch'io concordo col recensore. I Pennywise mi sono sempre piaciuti, riconoscibili tra 1000 altri gruppi, merito di una voce unica, anche qua si ripetono all'infinito ma lo fanno bene. Per me sono ottimi quando si ha voglia di un sano scazzo, cioè niente di troppo impegnativo.
INFORMAZIONI
2018
Epitaph Records
Punk Rock
Tracklist
1. Never Gonna Die
2. American Lies
3. Keep Moving On
4. Live while you Can
5. We Set Fire
6. She Said
7. Can’t be Ignored
8. Goodbye Bad Times
9. A Little Hope
10. Won’t Give Up the Fight
11. Can’t Save you Now
12. All the Ways you Can Die
13. Listen
14. Something New
Line Up
Jim Lindberg (Voce)
Fletcher Dragge (Chitarra)
Randy Brandbury (Basso)
Byron McMackin (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]