Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

CONCERTI

16/01/19
BEHEMOTH + AT THE GATES + WOLVES IN THE THRONE ROOM
ALCATRAZ - MILANO

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
LEGEND CLUB - MILANO

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Cult of the Fox - By the Styx
05/06/2018
( 358 letture )
Gli svedesi Cult of the Fox potrebbero essere tranquillamente classificati tra quelle numerose band underground dedite al metallo più puro e incorruttibile, fortemente tributario e revivalista. Il combo nordeuropeo è una realtà ormai consolidata: By the Styx è infatti il terzo full-length pubblicato nel giro di sette anni, con una componente organica non più giovanissima.

Il nuovo album fa intravedere con chiarezza lo spirito fatto di puro heavy metal ottantiano dei Cult of the Fox, che si rifà particolarmente alla NWOBHM e ai Black Sabbath. Canzoni con strutture semplici e brevi, suonate con una tecnica adeguata che non si mette mai in grande evidenza e una produzione sporca e grezza (se non si conoscesse la data di pubblicazione si potrebbe veramente supporre che By the Styx sia un prodotto dei primi anni Ottanta) danno all’uscita discografica una patina old school, evidente fin dal primissimo ascolto. Non manca nemmeno una certa vena epica in diversi pezzi, e anche la copertina, per quanto opinabile, con un Cerbero dalle fattezze volpine, s’inserisce perfettamente nel clima degli anni in cui l’heavy metal propriamente detto si preparava a vivere la sua epoca d’oro. L’album non è però esente da difetti, riscontrabili in una certa staticità compositiva e in un songwriting non sempre particolarmente brillante, e con la voce di Magnus Hultman che non riesce a trasmettere alle canzoni la carica che dovrebbero avere: poco potente, troppo poco aggressiva, finisce per ritrovarsi quasi fuori luogo rispetto al resto della band. Tutto ciò, però, non esclude che tra le undici canzoni di cui è composto By the Styx non ci possa essere qualcosa di buono: la cadenzata Blackfriar’s Bridge è un buon pezzo che si assesta su binari epici ed emoziona soprattutto nell’assolo che per qualche secondo possiede l’essenza del compianto Quorthon; Bones Alley è abbastanza prevedibile, ma se la cava bene con i suoi cori e con la linea melodica del riff principale; A Warrior Reborn gioca tra una strofa carica ed energica e un ritornello più disteso ed epicheggiante. Per il resto, la scaletta si assesta su livelli tutt’altro che esaltanti, per quanto non ci si imbatta mai in un pezzo realmente disastroso. Si riesce a trovare qualche buon riff, qualche buon solo, ma il livello generale delle canzoni non consente di tenere l’ascoltatore così coinvolto nell’ascolto, per un disco che già dai primi giri finisce per annoiare.

C’è sicuramente del buono nei Cult of the Fox, ma si può ancora migliorare molto. Il songwriting manifesta alcune buone idee, ma non sono abbastanza per etichettare By the Styx come un buon album, mentre gioverebbe sicuramente un cantante più dotato e magari con un’estensione vocale maggiore di quella di Hultman, in grado di dare alle canzoni la giusta potenza. Un album che va ascoltato solo se siete fruitori veramente accaniti di heavy metal vecchia scuola, altrimenti passate tranquillamente oltre.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Iron Shield Records
Heavy
Tracklist
1. Siege from the Sky
2. By the Styx
3. Killing the Black Dog
4. Riddle of Steel
5. Blackfriar’s Bridge
6. Nightmaster
7. Bones Alley
8. A Warrior Reborn
9. Return to the Burning
10. The Damnation of Albert Caneham
11. Shuttin' em Down
Line Up
Magnus Hultman (Voce)
Erika Wallberg (Chitarra)
Fredrik Theander (Chitarra)
Peter Svensson (Basso)
Marcus Rosenkvist (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]