Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKELETOON
Nemesis

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
BLAZON RITE
Dulce Bellum Inexpertis E.P. (Ristampa)

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Marduk - Viktoria
19/06/2018
( 5314 letture )
Viktoria è il quattordicesimo album in studio dei Marduk, leggende viventi della second wave of black metal e oracoli continuamente interpellati di un sound che, nella sua controversa evoluzione, ha segnato indelebilmente la scena estrema mondiale. Il nuovo corso intrapreso con l’ingresso nella band di Daniel Rostén dietro al microfono ha visto il consolidarsi di una vena sperimentale non sempre a fuoco, ma a tratti risplendente di quella stessa insana luce viola ametista che da De Mysteriis Dom Sathanas irradiò il “culto” sopra ogni cosa. Non fa eccezione alla regola Viktoria, un saliscendi che alterna il canone black scandinavo, recitato come una poesia mandata a memoria, a lampi di classe compositiva ed esecutiva che riaccendono la Nera Fiamma adottando come comburente l’aria invece del miasma, la dilatazione in luogo della compressione.

Werwolf, primo singolo estratto dal platter, apre un po’ didascalicamente l’opera con ululati prolungati come sirene di un attacco aereo che si innestano su un tappeto in doppia cassa squadrato e aguzzo; la voce di Mortuus, selvaggia e declamatoria, incide ad acquaforte il riffing di chiara impronta thrash con cui Morgan zinca la lastra d’acciaio del motorik mansoniano. Il pezzo, pur nella sua spiccata vocazione da instant hit, tutto sommato si dimentica con la stessa facilità con cui lo si memorizza.
La successiva June 44, richiamando l’immaginario bellico tipico dei Nostri, attacca in selvaggio blast beat nobilitato dai disegni melodici che affiorano in trasparenza nel tremolo di chitarra. La grana “progressiva” del brano emerge lentamente dalle gelide acque dell’impianto ritmico complessivo, fino a disegnare una fuga di abbagliante paesaggismo à la Enslaved. L’assalto alla gola riparte deciso in Equestrian Bloodlust, con un armamentario di lame che si assottigliano e si affilano nel riffing mayhemiano che a tratti emerge nella sua sinistra dissonanza, mentre Tiger I è un numero stoner solcato da spettrali presenze black, come se la Perla Nera, colta da una estenuante bonaccia di vento, fosse improvvisamente illuminata dai raggi della Prima Luna. Al di sopra delle sabbie doom si addensa una tempesta nerissima, ribollente della stessa furia dei Venenum di Trance Of Death resa catarsi dagli Ascension di Under Ether, che sfoga d’un tratto la sua ira e lascia dietro di sé l’effige di ciò che è stato, il giro di chitarra nella sua nudità melodica settantiana.
La successiva Narva è un’iconostasi che narra, nella sua apparente fissità, la metamorfosi del groviglio mostruoso first wave (vedasi Venom, Tormentor) nella silhouette esangue second wave (à la Taake, Dark Funeral), fino a scintillare della decorazione a foglia d’oro del paganesimo est-europeo (Drudkh, Arkona).
The Last Fallen apre ancora una volta in chiave hard seventies, per poi sbranare, lacerandole, le carni nel più classico martirio old school, librandosi infine opalescente come solo certo atmospheric black francofono (Alcest, Sombre Forêts, Gris) sa fare.
La seguente titletrack è 100% a marchio Marduk nel riffing spiritato e nel drumming assassino iniziale, ma si schiude in un mirabile incubo polimorfo come le grandi tavole di Hieronymus Bosch: distese doom solcate dal sangue, miniature avantgarde nell’intreccio fra i ricami di basso e il terzinato spiazzante di batteria, come nei disegni liquidi dei Ved Buens Ende, e scatti thrash-black a fornire la tavolozza di colori d’insieme.
A seguire The Devil’s Song attacca con il fantasma di una sequenza cotton blues, come la memoria di un calpestio nervoso fra i filari di una piantagione, improvvisamente spezzato da uno sparo che si fa sventagliata black, caustica e furente ma un filo statica nella circolarità del riffing. La chiusura è invece affidata a Silent Night, un lento incubo sabbathiano indotto dalle ipnosi stoner del lavoro di chitarra e preso a male dai rigurgiti di materia nera affidati a Mortuus, che dispiega tutte le sue eclettiche capacità di screamer fino alla doccia di soda caustica dell’urlo finale.

L’ascolto dei trentadue minuti di Viktoria lascia in qualche modo interdetti. La riconoscibilità del sound dei Nostri è evidente, ma il songwriting, in particolare negli episodi più vicini all’ortodossia novantiana, è poco ispirato e privo di guizzi. Paradossalmente assai più convincenti sono i momenti in cui il quartetto abbandona la trincea già scavata nel suolo black per cogliere il panorama d’insieme della Terra di Nessuno, quello spazio insieme fisico e mentale che catalizzava le paure e le speranze dei soldati sfibrati dalla vita al fronte, e che qui appare percorso da fantasmi doom in maschera antigas, berserkir pagan avvolti dalla bruma gelata dell’alba di una nuova battaglia, e cingolati thrash che avanzano fra la polvere in perenne, intossicante, sospensione.
I Marduk hanno già da tempo tracciato la strada verso l’evoluzione e la sofisticazione del proprio sound, ma il passo nel breve Viktoria appare claudicante, meno sicuro e spedito che nel precedente Frontschwein. Album nel complesso interlocutorio e di mestiere.



VOTO RECENSORE
67
VOTO LETTORI
84.47 su 21 voti [ VOTA]
Francesco
Sabato 5 Ottobre 2019, 21.34.04
76
Buon album per me.
Andrea
Mercoledì 31 Luglio 2019, 16.23.51
75
Bello
thrasher
Sabato 23 Febbraio 2019, 14.45.40
74
Certo senza h ha un altro significato
Ezio
Sabato 23 Febbraio 2019, 13.30.09
73
Ahh, scusa se ti sei offeso per la mancanza della lettera h, un saluto
thrasher
Venerdì 22 Febbraio 2019, 21.24.26
72
Ezio thrasher si scrive con la lettera h
thrasher
Venerdì 22 Febbraio 2019, 21.23.14
71
Ezio leggi i miei commenti... Ho detto che quest album mi fa schifo non i marduk un saluto
tino
Venerdì 22 Febbraio 2019, 21.03.50
70
Macca fury e' un film spettacolare, adoro i film di guerra con i tedeschi pur non essendo affatto di dx, i marduk sono certamente espliciti ma comunque lo fanno in maniera intelligente e adatta alla proposta musicale. Poi Morgan è comunque un personaggio di tutto rispetto, ben diverso da cialtroni tipo goatmoon o burzum
Ezio
Venerdì 22 Febbraio 2019, 20.50.49
69
Con tutto il rispetto io trasher proprio non ti capisco,se i marduk ti fanno cosi' schifo non commentarli neanche no? A mio parere non dovresti intrometterti con chi apprezza la band o questo tipo di musica, io ad esempio non commentero' mai gli album dei rage against the macchine, system of a Down o p.o.d proprio perche' odio le loro tematiche e la loro musica, anche band come metallica o iron maiden sempre perche' non mi piace la loro musica, quindi se e' per conto mio dovresti commentare cio' che ti piace piuttosto di dare lezioni morali a chi apprezza altre cose.(se non ho capito male, magari ti ho frainteso)
thrasher
Venerdì 22 Febbraio 2019, 20.32.37
68
Musicalmente mi fa schifo lisa e politicamente ancora di più quindi per me è zero ripeto.
lisablack
Venerdì 22 Febbraio 2019, 19.44.39
67
Allora se il problema è la politica, è il tuo discorso che vale zero. Valutalo invece come è suonato, com'è prodotto e i testi, vedrai che non è zero. Io ho sul culo sia la destra e pure la sinistra, ma qui si valuta la musica..
thrasher
Venerdì 22 Febbraio 2019, 19.31.02
66
È proprio per la tematica che dò zero...
lisablack
Venerdì 22 Febbraio 2019, 19.28.21
65
Quoto tino post 55 ..questo rimane un buon disco, votarlo zero è esagerato anche se non piace. Lo zero è proprio per i dischi inascoltabili, mediocri, malriusciti e questo non lo è. Anche se non viene apprezzata la tematica nazi, guerrafondaia..vabbe' rimane un lavoro valido.
thrasher
Venerdì 22 Febbraio 2019, 19.16.10
64
Ciao macca purtroppo non mi piace nulla di quest album ma proprio nulla quindi per me è 0... Un saluto
Macca
Venerdì 22 Febbraio 2019, 13.34.42
63
@tino: a me i film di guerra piacciono, e tra Fury e Salvate il Soldato Ryan c'è una bella differenza Sull'album in questione, non sarà un capolavoro ma da qui a votarlo 0 acqua sotto i ponti ce ne passa. Poi de gustibus, anche se il buon thrasher non mi pare uno da mezze misure.
Area
Venerdì 22 Febbraio 2019, 13.09.02
62
@tino, guarda la cosa non dovrebbe riguardarmi, però a volver fare l'avvocato del diavolo lo stesso Morgan mi pare che avesse affermato più volte che i testi dei marduk e lui stesso non appartengono ad alcuno schieramento politico di destra, lui mi sembra che si definisse un appassionato del periodo storico della seconda guerra mondiale. Roba del genere... Quando questo sottogenere mi interessava diversi dischi dei Marduk (i più importanti almeno) li avevo preso per completezza più che per altro, dei big Svedesi preferivo i Dissection...
tino
Giovedì 21 Febbraio 2019, 22.24.28
61
Mah per me l'effetto sorpresa per questo genere è passato da un pezzo e infatti ascolto pochissimo Black, i marduk mi presero da matti all'epoca di nightwing e panzer, il nuovo corso che ormai è ultradecennale e' ottimo ma abbastanza statico e prevedibile e questo li penalizza dal punto di vista artistico...dal punto di vista del consenso no perché danno ai loro fans ciò che vogliono ed e' giusto così
Mulo
Giovedì 21 Febbraio 2019, 22.19.09
60
Pure il mio. Da quando se n’è andato Legion nn mi han più preso. Certo saranno anche dischi ben fatti e con rinnovata ispirazione ma a me nn emozionano. Questo è durato poco. Rivenduto quasi subito.
thrasher
Giovedì 21 Febbraio 2019, 22.02.18
59
Il mio album preferito rimane opus nocturne
thrasher
Giovedì 21 Febbraio 2019, 21.58.42
58
Ahahahah Tino certamente eccomi qua e ti garantisco che non sono l unico
tino
Giovedì 21 Febbraio 2019, 21.37.52
57
Ma esistono settantenni che ascoltano i marduk?
thrasher
Giovedì 21 Febbraio 2019, 21.26.52
56
Lisa io do da zero a 100 come voto... Per me questo disco è da 0
tino
Giovedì 21 Febbraio 2019, 20.40.03
55
concordo con lisa, musicalmente fanno il loro genere con passione e qualità da più di vent'anni, idem con patate per le tematiche nazi guerrafondaie di morgan che non condivido assoluitamente ma trovo comunque spettacolari e ben fatte nel contesto del gruppo, un po' come un bel film di guerra hollywoodiano tipo fury o salvate il soldato ryan
lisablack
Giovedì 21 Febbraio 2019, 20.14.49
54
Voto 0..esagerato ahahaah, può non piacere OK, ma dai..
thrasher
Giovedì 21 Febbraio 2019, 19.45.56
53
Ascoltato l album lo trovo inutile sia musicalmente sia per le tematiche trattate. Voto 0
Area
Giovedì 21 Febbraio 2019, 14.46.00
52
@Ezio, loro hanno sempre negato affiliazioni politiche da che mi ricordo... E comunque i Club Dogo non sono mai stati politici... nei primi album sognavo di farcela, poi quando ce la fecero davvero hanno parlato di roba soprattutto di roba zarra... tutta roba non politica.
Ezio
Giovedì 21 Febbraio 2019, 14.38.50
51
se non vi piacciono i nazi non ascoltateli che problema c'e? andate ad ascoltarvi i rage against the machine, o i club dogo,j-ax loro si che appoggiano le parti politiche giuste, viva il regime, viva maduro, chevez e castro, infatti si vede come sono conciati i loro rispettivi paesi, poverta e sofferenza, scorte umanitaria che non entrano e inflazione al 700%, sono tutte paranoie di gente che non sà, in nazismo non governa più da nessuna parte, mentre il regime comunista si, e dove lo fa' spesso fa guai e danni, a me l'album piace e me ne sbatto le palle che sono nazi, grande ritorno voto 80
Todbringer83
Lunedì 19 Novembre 2018, 23.50.28
50
Album che andava recensito un tantino meglio e non cosi tanto per buttare giù due righe disconnesse tra loro. L'unico fattore che mi vede in accordo con il recensore è la consapevolezza che non ci troviamo di fronte ad un capolavoro e forse nemmeno ad un lavoro che vada in classifica a fine anno. A metà tra Panzer ed il precedente Frontschwein il platter scorre via come una rasoiata, diretto e senza fronzoli, il che giova ad un orecchio non avvezzo a soluzioni complesse e rischia di essere ripetitivo ai palati più raffinati. Ecco io vi preferisco Frontschwein perchè curava meglio questo dettaglio. Qui i nostri sembrano lasciarsi trasportare dalla foga, voler essere cinici a tutti i costi, ripercorrere il passato (panzer) senza lasciare spazio ad un qualcosa di più ragionato. Nonostante ciò l'ascolto credo sia molto gradevole ed appagante. Voto 74
Macca
Martedì 16 Ottobre 2018, 15.49.55
49
Buon album, mi è piaciuto di più il precedente ma da qui a definirlo sufficiente e privo di guizzi ce ne passa: il sound è riconoscibilissimo, ottimi brani veloci nel pieno del loro stile (June 44, Narva) e anche più sincopati (Tiger I). Spicca l'ottima prova di Mortuus, forse uno dei suoi migliori lavori da quando è nella band. Peccato per la durata un pochino risicata, un brano in più non ci sarebbe stato male ma va bene anche così. Voto 75
bmcult
Domenica 7 Ottobre 2018, 14.01.56
48
Album di mestiere, totalmente prevedibile. Poi hanno rotto con i loro presunto immaginario storico. Sono dei cazzo di nazi. E questa robaglia non centra un cazzo con il black metal/death metal. Ild school rules. support obscirity
gref
Sabato 6 Ottobre 2018, 17.29.55
47
fuori nazi da metal
cronos69
Domenica 22 Luglio 2018, 23.04.45
46
ottimo album, veloce, ma con un gran tiro . June 44 DA MANICOMIO!!!
dan
Mercoledì 18 Luglio 2018, 10.18.50
45
a mio avviso la canzoni sono troppo scontate, totalmente prevedibili. preferivo i marduk quando trattavano tematiche sataniche....a quel tempo le loro canzoni sprigionavano un aura maligna e potente. Il riffing era davvero ottimo e Morgan aveva dei guizzi compositivi di altissimo livello. Putroppo ora è solamente assalto sonoro senza capo ne coda.
JackFrusc
Giovedì 12 Luglio 2018, 9.44.17
44
Che ne pensate di recensire hekatomb dei funeral mist e rispolverare anche i vecchi? Gran band ed è un peccato non trovare recensioni su questo portale
Aceshigh
Martedì 26 Giugno 2018, 18.42.36
43
Album diretto e senza fronzoli. Nel complesso si viaggia ad alta velocità, pur non mancando rallentamenti e qualche spunto black'n'roll; in 32 minuti e comunque tenendo ben presente l'obiettivo primario (che è quello di dispensare mazzate!) la band riesce ad assicurare anche un minimo di varietà (il che è cosa solo apparentemente facile, vista appunto la brevità del prodotto). Per me i Marduk rimangono una garanzia. Voto 78 provvisorio.
sicktadone
Martedì 26 Giugno 2018, 10.36.30
42
Ma infatti questo disco è lontano anni luce anche da Panzer Division Marduk che è, come giustamente detto, un monolite, caratteristica non assimilabile a questo ultimo disco. E non mi riferivo neanche a una valutazione a ribasse con il "vabbè", ma semplicemente il richiamo fatto a un disco del 1994 non c'entra proprio nulla con un disco del 2018, a prescindere dai gusti musicali e dalle preferenze stilistiche, soprattutto quando gli interpreti non sono manco tutti i medesimi.
Buried Alive
Lunedì 25 Giugno 2018, 23.23.22
41
L'attuale 78 (con soli 5 voti) dato dai lettori è più idoneo che il 67 del recensore. Buon album ma non mi pare epocale, certo poco più della sufficienza non ci sta.
lisablack
Lunedì 25 Giugno 2018, 20.29.06
40
Ho detto me lo ricorda, sarà anche per la tematica, che sono all'opposto me ne rendo conto..e poi non li voglio paragonare. Panzer era un bel disco anche se non è tra le mie preferenze in casa Marduk.
Punto Omega
Lunedì 25 Giugno 2018, 19.25.43
39
Ma dove diavolo le vedete le similarità con Panzer Division Marduk? Panzer era un album monolitico, sempre sparato sugli uptempo, questo ha mid-tempo, cose quasi black 'n roll... Veramente, come fate a paragonare i due dischi?
Pete
Domenica 24 Giugno 2018, 11.36.24
38
Lo sto ascoltando ora su youtube perchè non è ancora giunto dalle mie parti. I testi sono ovviamente sempre interessanti in particolare quello su Narva città molto complessa e dalla storia non felice. Sempre piaciuti anche nei momenti meno memorabili.
tino
Sabato 23 Giugno 2018, 19.54.41
37
lisa non ho detto che tu paragoni al ribasso questo lavoro ho detto che la tendenza generalista è che quando esce un lavoro nuovo di un qualsiasi gruppo, i detrattori o gli eterni nostalgici che sono comunque tantissimi, tendono sempre a fare paragoni (al ribasso) con i lavori seminali...ma non intendevo tu.
lisablack
Sabato 23 Giugno 2018, 19.35.01
36
Ma dove l'avete visto il ribasso? Mi rivolgo anche a sicktadone..ho detto perfino che lo preferisco pure a Panzer, che un po' me lo ricorda..boh!
tino
Sabato 23 Giugno 2018, 19.12.20
35
capiamo capiamo ma il confronto di un ultimo disco di un gruppo con i primi lavori, spesso distanti per sonorità, è quasi sempre una costante al ribasso. L'elenco ai gruppi ai quali si può applicare è infinito
lisablack
Sabato 23 Giugno 2018, 19.05.13
34
Un senso invece ce l'ha..il mio discorso era in senso positivo, non è un paragone fatto per sminuire questo disco( che ripeto, mi piace) di fronte a classici come Opus e altri. Volevo dire che è diverso da quei dischi..però valido lo stesso. Più di così, non so come spiegarvelo...
tino
Sabato 23 Giugno 2018, 17.37.13
33
Secondo me perché la carriera di un gruppo e' frutto di una progressione temporale ed ha poco senso il continuo paragone con i primi lavori specie quando sono passati più di vent'anni.
lisablack
Sabato 23 Giugno 2018, 15.04.36
32
Perché vabbe'? Non ho detto nulla di male, mi piace molto questo disco, comparizioni o meno, lo sto ascoltando da 2 giorni..
sicktadone
Sabato 23 Giugno 2018, 13.48.01
31
sempre comparazioni molto attinentii "lontano anni luce da opus nocturne e heaven shall burn", vabbè. In ogni caso, anche a sto giro i Marduk hanno tirato giù un album valido, non solo di scuola ma anche ben ispirato.
No Fun
Venerdì 22 Giugno 2018, 17.58.50
30
Bello. Ho scoperto i Marduk da poco, li ho sempre snobbati perché Panzer all'epoca non mi piacque, poi di recente ho cominciato ad ascoltarli e mi hanno preso un sacco, Panzer compreso, soprattutto il suono della chitarra e i riff di Hakansson, selvaggi ma leggeri come lupi che corrono. Devo ancora sentirmi gli album successivi a Panzer quindi non posso paragonare questo ai lavori più recenti, è molto diverso da quelli precedenti ma sì è vero che il suono mantiene una sua riconoscibilità. Però non mi sembra simile a Panzer come dicono alcuni, quello è monolitico, freddo e neanche veloce e violento come spesso viene descritto, questo è più vario, più grezzo a tratti black n roll. In alcuni punti ad esempio in Werwolf mi ha ricordato, non fucilatemi, i primi Disciplinatha... aiuto!
God of Emptiness
Venerdì 22 Giugno 2018, 17.02.35
29
Ascoltato.....Panzer Divion 2.0 con una vena epica a stemperare la furia; a me è piaciuto un sacco devo dire!!! Voto 80 per me. Marduk davvero una band da ricordare per la capacità di rinnovarsi senza smarrirsi \m/\m/
lisablack
Venerdì 22 Giugno 2018, 13.20.47
28
Allora l'ho comprato e mi piace molto. Mi devo ricredere ero dubbiosa..lontano anni luce da opus Nocturne e heaven shall burn, album che ho adorato..non importa, lo stile Marduk c'è tutto. Mi ricorda vagamente Panzer, la tematica piu che altro, secondo me è meglio di Panzer division, alzo il voto a 75 per ora, ma sento che cresce con gli ascolti..
MH
Venerdì 22 Giugno 2018, 12.12.31
27
Ma per caso qui qualcuno deve riscattarsi del brutto voto preso nella prova di italiano alla maturità?
God of Emptiness
Giovedì 21 Giugno 2018, 23.06.56
26
Aspetto di ascoltarlo appena disponibile sul tubo. Nel frattempo mi sto letteralmente devastando con l'ultimo album dei Funeral Mist, a me é piaciuto tantissimo (sarebbe degno di recensione 😉. Confido che i Marduk mi regalino l'ennesima mazzata
Area
Giovedì 21 Giugno 2018, 8.15.38
25
@Boh, eppure io vedo che continui a dedicarmi così tante righe... non so se hai visto quanto sia chilometrico il tuo commento di risposta e questa cosa la dice lunga... ma va bene dai chiudiamola qui e bona
tino
Giovedì 21 Giugno 2018, 8.08.25
24
Morgan nonostante l'apparenza e' un tipo molto tranquillo ci sono un sacco di interviste sul tubo, una anche con un bambino metallaro americano che intervista un sacco di musicisti metal famosi. A parte questo penso siano un grande gruppo ma alla lunga sui pezzi veloci tendono a ripetersi viceversa li trovo più interessanti nei pezzi più rallentati e sabbatiani. Lo stile punk roll che comincia a fare capolino qua e là lo trovo azzeccato e convincente
Ad Astra
Giovedì 21 Giugno 2018, 5.17.09
23
Sulla recensione non mi esprimo, sul disco invece... L'ho amato dal primo ascolto. Avevo paura fosse troppo simile al nuovo funeral mist, ma son tornsti indietro nel tempo, pare quasi una versione moderna di panzer... Bello bello!!
pagio
Mercoledì 20 Giugno 2018, 18.28.16
22
disco da ascoltare al primo impatto non mi sembra molto entusiasmante
kroky78
Mercoledì 20 Giugno 2018, 18.10.13
21
E' ufficialmente aperta la gara letteraria tra i recensori di Metallized?! Ragazzi queste inutili sequele di metafore forzate e sparate a cazzo non si possono leggere....
Boh
Mercoledì 20 Giugno 2018, 14.51.14
20
@Area: quale colpo accusato? Sarà la quinta volta che ti leggo scrivere nient’altro che “quando ascoltavo il Black Metal cento anni fa...” / “ormai non mi piace più...” / “non lo ascolto da secoli...”. Quello che forse non ti è chiaro è che i commenti di un articolo dovrebbero parlare di ciò che è il focus dell’articolo. Se te non hai idea di cosa si stia parlando, perché come tu stesso ci tieni a rimarcare in mille occasioni non te ne frega più di sta musica, a che pro un tuo commento neutrale che tradotto significa “sappiate che ne so niente” - o peggio, come in questo caso, che esprime anche un velato giudizio negativo su una band che hai smesso di ascoltare nel 99? Un tuo giudizio su qualcosa che non ascolterai nemmeno. Sinceramente, non frega nulla a nessuno di leggere per l’ennesima volta che te non ascolti più Black Metal. Davvero, fa lo stesso sia che piaccia o meno. Il colpo accusato è che apro una articolo e mi piace leggere commenti che stimolino qualcosa di costruttivo. A volte vero compendio di una recensione che sia condivisa o meno. Ma se si parla di Viktoria dei Marduk e te mi ripeti per l’ennesima volta che il Black Metal non lo ascolti e che ti facevano schifo nel 99, sticazzi? Quindi il colpo accusato se vuoi c’è (se leggi i commenti noti che non sono manco l’unico) ma tranquillo che è solo il fastidio di leggere commenti assolutamente fuori topic, che parlano continuamente di te piuttosto che di musica. Fregacazzi, quindi tanta tenerezza che ci tieni a ridirci che di sta musica non ti frega. A noi che leggiamo evidentemente sì? Poi continua pure e beato te.
tino
Mercoledì 20 Giugno 2018, 12.42.08
19
giusto riccardo vero...queste terminologie intellettuali sono abbastanza ridicole, mi sembra quando nei vecchi telefilm dell'ispettore derrick si usavano termini di una volta come mascalzone, giovanotto, sgualdrina, soprabito...meglio andare sul sicuro con il prezzemolino "devastante"
Ricky
Mercoledì 20 Giugno 2018, 12.31.43
18
Gli ho sempre ascoltati ho tutti i CD...per me e' un buon lavoro...alla MARDUK !!
Area
Mercoledì 20 Giugno 2018, 9.42.56
17
@Boh, a parte che non mi sembra di aver commentato molti articoli black metal ma se lo dici tu... ad ogni modo a me fai più tenerezza tu che dai così tanta importanza ai miei commenti confermando il fatto che sia stato un colpo accusato
DF800
Martedì 19 Giugno 2018, 20.44.09
16
Il problema è che qui bisognerebbe eliminare la recensione e rifarla. Qui è come nn avere ascoltato il disco e si aggiunge l aggravante di paragoni insensati e fuori luogo. terribile.
Riccardo
Martedì 19 Giugno 2018, 20.37.40
15
"La successiva Narva è un’iconostasi che narra, nella sua apparente fissità, la metamorfosi del groviglio mostruoso first wave (vedasi Venom, Tormentor) nella silhouette esangue second wave (à la Taake, Dark Funeral), fino a scintillare della decorazione a foglia d’oro del paganesimo est-europeo (Drudkh, Arkona)". Vi voglio bene, vi leggo spesso, ma passaggi come questo fanno emergere solo quanto il recensore voglia sentirsi bello, figo e colto.
Kappa
Martedì 19 Giugno 2018, 19.54.57
14
Sempre a criticare i recensori...Metallized seleziona spesso nuovi candidati, datevi da fare e lasciate un po' in pace chi si sbatte solo per passione!
Alessio
Martedì 19 Giugno 2018, 19.40.41
13
Il primo singolo per me era ottimo. Molto raw e minimalee con quella sirena che entrava nel cervello. Pensavo di essere l'unico a non capire i commenti del vorrei ma non posso di Area...mah vabbe che ognuno puo esprimersi liberamente, ma che senso hanno? Boh, sarò strano io...rimpiango i vecchi tempi di metallized. Lasciacelo a noi il metal estremo vai tranquillo. Grandi Marduk sempre.
DF800
Martedì 19 Giugno 2018, 17.57.08
12
@lisa....ottimo, se come dici te che ti piacciono Heaven shall burn o Nightwing, puoi pure passare oltre.
DF800
Martedì 19 Giugno 2018, 17.52.31
11
è un album in pieno stile Marduk ma completamente differente da tutti gli altri. cio non vuol dire che c e sperimentazione...è semplicemente il proseguo stilistico di una band sulla scena da trent anni. punto forte di sicuro il concept ben curato e una produzione analogica old school. da segnalare l eccelso lavoro di Mortuus, sempre piu mattatore.
lisablack
Martedì 19 Giugno 2018, 17.47.59
10
Molto bene, mi interessava proprio "black metal nel loro stile". OK allora lo compro..tra l'altro Panzer divisione non è tra quelli che preferisco, mi piacciono di più Heaven shall burn o Nightwing. Comunque non ci sono sorprese da quello che ho capito..
Boh
Martedì 19 Giugno 2018, 17.42.46
9
@lisablack: è nel loro stile a patto che uno conosca quello che hanno fatto negli ultimi venti anni. Chi è fermo a Panzer Division meglio guardi altrove, ma del resto i suddetti si saranno anche persi agilmente dischi clamorosi del calibro di Rom o Wormwood. Giusto per parlare anche della "vena sperimentale non sempre a fuoco". Quindi sì, considerando i Marduk non sono i due anni tra Those e Opus e che su quasi trent'anni di attività evolvono in questa direzione da quasi venti, è un black metal nel loro stile.
lisablack
Martedì 19 Giugno 2018, 17.29.22
8
Sono curiosa..ma non posso ancora ascoltarlo purtroppo. Il primo singolo non mi aveva preso più di tanto..percio chiedo, a chi già ha ascoltato l'album...È un black metal nel loro stile, o ci sono sorprese?? Me lo consigliate?
DF800
Martedì 19 Giugno 2018, 17.13.27
7
@boh...Confermo il tuo pensiero e ripeto che da due settimane che sono in possesso del disco (con tanto di genesi in forma di intervista a Morgan) e non faccio altro che ascoltarlo. Amio parere uno dei 4 album piu belli dei Marduk in assoluto. assolutamente ispirato, devastante, mai monotono. in una sola parola pazzesco a partire dall artwork, dai testi, dalla produzione, composizione. nulla fuoriposto. 85.
Boh
Martedì 19 Giugno 2018, 16.40.27
6
Io il disco l'ho ascoltato perché provvisto di promo. Al di là del giudizio sullo stesso, quoto tutti i commenti qui sotto ad eccezione ovviamente di quello di Area che ormai commenta fisso ogni articolo sul Black Metal giusto per dire che non lo ascolta più da una vita e che quindi non ha idea di cosa si stia parlando nel suddetto. Tanta tenerezza. Recensione semplicemente ridicola da parte di un ascoltatore che, evidentemente, non ha proprio idea del percorso dei Marduk. Millantare la scoperta di influenze di DMDS nel 2018 è risibile nonché esercizio di stile, e paragoni totalmente senza senso ad Ascension (ma davvero?) ed Enslaved (????) confermano su tutta la linea. Un peccato.
df800
Martedì 19 Giugno 2018, 14.42.13
5
Piu che una recensione mi sembra un dozzinale track by track di chi ha ascoltato l album 2/3 volte se è tanto (con tutto rispetto per chi ha scritto questa "recensione", ci mancherebbe, nulla di personale). Dire che questo è un album poco ispirato mi fa sorridere, sono due settimane che gira nel mio lettore senza sosta e piu gira piu scopro passaggi qualitativi di assoluto valore (considerato che parliamo di una band che gira da 28 anni ed ha sfornato 14 studio album senza parlare di Ep, singoli e quant altro). Il concept sulla seconda guerra mondiale ci ricollega a piene mani a quello che fu Panzer division Marduk ma con una consapevolezza storica decisamente superiore e ben piu precisa. La produzione è pazzesca, nel senso che non abbiamo porcherie pompate "alla ghost", qui si è utilizzata una produzione anaogica volutamente per far risaltare maggiormante le atmosfere guerrigliere del lavoro, voce, batteria, basso e due chitarre. nulla di più. Mortuus ha un interpretazione vocale da manuale per non parlare del reparto ritmico. di morgan manco a parlarne, un riff suo lo riconosci ormai al pari di uno di mustaine ra mille altri chitarristi. Pertanto piu che una recensione questo, ripeto, con tutto rispetto per la persona, è un track by track di chi ha malapena ascoltato senza sapere manco cosa stesse ascoltando.
Area
Martedì 19 Giugno 2018, 13.43.40
4
Quando mi piaceva il black metal già da nightwing e da dopo panzer division hanno sempre usato la stessa formula o quasi e li trovavo quasi tutti uguali i loro album. Su questo non mi esprimo perché il metal estremo per me non significa più niente... ma la conclusione della recensione sembra darmi ragione e voglio fidarmi. P.S: Chi ama il black metal é liberissimo di ascoltarselo e amarlo ovviamente.
Lord Tristan
Martedì 19 Giugno 2018, 13.13.41
3
Premesso che devo anch'io ascoltare l'album non mi trovo d'accordo col recensore su Mortuus, secondo me con lui hanno avuto una nuova rinascita condita da album davvero spettacolari e ispirati senza voler togliere nulla ai classici con Legion…spero risultino la solita conferma! Hell
tino
Martedì 19 Giugno 2018, 12.38.29
2
il primo singolo è bello un bel po'
Max
Martedì 19 Giugno 2018, 10.40.02
1
Premesso che non ancora ascoltato il disco e che non ho niente contro il voto del recensore, ma vedo troppi nomi citati manco i Marduk fossero esordienti e hanno bisogno di riferimenti...
INFORMAZIONI
2018
Century Media Records
Black
Tracklist
1. Werwolf
2. June 44
3. Equestrian Bloodlust
4. Tiger I
5. Narva
6. The Last Fallen
7. Viktoria
8. The Devil’s Song
9. Silent Night
Line Up
Daniel "Mortuus" Rostén (Voce)
Morgan Steinmeyer Håkansson (Chitarra)
Magnus “Devo” Andersson (Basso)
Fredrik Widigs (Batteria)
 
RECENSIONI
85
78
75
80
80
68
85
84
83
90
90
79
ARTICOLI
14/05/2018
Live Report
MARDUK + RAGNAROK + INFERNAL WAR
Traffic Club, Roma, 09/05/2018
20/05/2016
Live Report
MARDUK + IMMOLATION + ORIGIN
Circolo Colony, Brescia, 17/05/2016
12/03/2015
Live Report
MARDUK + BELPHEGOR + ALTRI
Circolo Colony, Brescia, 07/03/15
19/12/2013
Live Report
MARDUK + GRAVE
Circolo Colony, Brescia, 14/12/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]