Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/11/18
SKULL PIT
Skull Pit

16/11/18
DIVINE ASCENSION
The Uncovering

16/11/18
ARTILLERY
The Face Of Fear

16/11/18
AFIRE
On The Road From Nowhere

16/11/18
ESBEN AND THE WITCH
Nowhere

16/11/18
THE TANGENT
Proxy

16/11/18
THE SMASHING PUMPKINS
Shiny and Oh So Bright Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

16/11/18
OF GRACE AND HATRED
Toxic Vows

16/11/18
SLEGEST
Introvert

16/11/18
SACRIFICIUM CARMEN
Hermetica

CONCERTI

16/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CENTRALE ROCK PUB - ERBA

16/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/11/18
SHINING (NOR) + ALITHIA
LEGEND CLUB - MILANO

16/11/18
SISKA
BIRRERIA TRENTI - POVE DEL GRAPPA (VI)

16/11/18
IGORRR
SPAZIO211. BUILT TO R-ESIST AREA - TORINO

16/11/18
ELECTRIC WIZARD + CARONTE
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

16/11/18
MADNESS OF SORROW
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

17/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

17/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

17/11/18
GLI ATROCI
EXENZIA - PRATO

Pripjat - Chain Reaction
28/06/2018
( 563 letture )
Non Ritorneremo. Addio.
Pripjat 28.04.1986


Questo messaggio è stato ritrovato inciso tra i banchi di un asilo di Pripjat, la città simbolo di quella catastrofe ambientale rappresentata dal tristemente noto incidente nucleare di Chernobyl. Un pericolo, quello del nucleare, che aleggia in maniera ingombrante anche (e soprattutto) al giorno d'oggi: basti pensare al disastro di Fukushima, in Giappone, avvenuto nel 2011 a causa del terremoto. L'olocausto nucleare è un tema tutt'altro che finito nel dimenticatoio, anzi, è più radicato che mai, specialmente se le tragedie le si è vissute, siano esse in primo che secondo piano.
Questa introduzione è utile a sottolineare quanto i Pripjat abbiano a cuore questo argomento. Già nel 2014 lo avevano affrontato in Sons of Tchernobyl del 2014 ed ora, a quattro anni di distanza, proviamo a capire se il gruppo ha portato avanti le proprie idee maturando anche lo stile.

L'artwork di Chain Reaction è semplice ma sicuramente d'impatto. Un teschio, cui sotto una specie di lente d'ingrandimento compaiono alcuni elementi legati all'olocausto nucleare. Ciò che colpisce, oltre all'uso essenziale dei colori è l'occhio spalancato in basso a sinistra, visibilmente impaurito, costretto a vedere l'inimmaginabile. Un dettaglio che certamente colpisce e sonda nel profondo. Musicalmente parlando Chain Reaction è un disco che farà felici tutti gli amanti di un thrash più elaborato e tecnico, senza però rinunciare ad un'immediatezza di fondo. Quest'ultima è forse la caratteristica più importante in quanto aumenta di molto la longevità dell'album. Il tono lo si capisce fin dalla prima Just a Head, breve e concisa e dotata di un riffing sufficientemente violento e articolato. Volendo fare un paragone, la musica deiPripjat (fin da subito) è paragonabile alla forza distruttiva che ha corroso l'intera città costringendo gli abitanti ad una fuga immediata. Le influenze della band sono facilmente riconoscibili, il timbro di Kirill Gromada riporta molto ai Kreator e agli Slayer di ottantiana memoria. Questi ultimi si possono riscontare in praticamente tutto l'album. Citare e far tesoro di un repertorio musica così vasto non è un male, specialmente se lo si rielabora come fanno i Pripjat. La band dimostra inoltre di essere a suo agio sia con le tracce più dirette e martellanti come ad esempio Brick by Brick che con quelle più complesse e articolate, come la conclusiva Returnless. Quest'ultima in particolare è un degno finale in quanto contiene al suo interno tutti gli elementi caratteristici dell'album: armonia, violenza ed immediatezza.

I Pripjat riescono dunque a fare centro proponendo un disco fresco, violento e suonato in maniera eccellente che mostra solo il fianco per quanto riguarda il comparto vocale ma nulla di così grave da compromettere il lavoro dei nostri. Per il resto Chain Reaction è un album maturo, suonato in maniera impeccabile, dotato pure di un concept intelligente. Il che non è poco, considerando quanto sia abusato il tema dell'olocausto nucleare.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Silvia
Martedì 3 Luglio 2018, 12.25.54
5
Bella recensione, spinge all'ascolto! Tornero' x esprimere un giudizio... Superbo il riffing dei Vorbid anche se la formula e' gia' sentita (e la voce non mi piace).
Tatore
Martedì 3 Luglio 2018, 11.54.49
4
Non distinguo i due album l'uno dall'altro. Viva i Vorbid!!!
asimov
Lunedì 2 Luglio 2018, 21.52.25
3
voce fastidiosissima, ottimo.
Gabriele
Venerdì 29 Giugno 2018, 21.53.27
2
Toh, gli Overkill
Alessandro Bevivino
Venerdì 29 Giugno 2018, 9.15.01
1
Interessante, bella recensione, andrò ad ascoltare.
INFORMAZIONI
2018
Noise Art Records
Thrash
Tracklist
1. Just a Head
2. Take the Law
3. The Seed
4. Banned , yet Unbroken
5. Knew, Burns
6. 28.04
7. Brick by Brick
8. Survival of the Sickest
9. Chain Reaction
10. Returnless
Line Up
Kirill Gromad (Voce, Chitarra)
Eugen Lyubavsky (Chitarra)
Pablo Topis (Basso)
Yammik Bremerick (Batteria)
 
RECENSIONI
78
ARTICOLI
23/03/2014
Intervista
PRIPJAT
Unica Regola: Thrash!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]