Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
THE LONE MADMAN
Let the Night Come

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

CONCERTI

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

19/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

19/10/19
PINO SCOTTO
KILL JOY - ROMA

19/10/19
DOOM OVER KARALIS
CUEVAROCK LIVE - QUARTUCCIU (CA)

19/10/19
ERESIA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VERONA)

19/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
SCUMM - PESCARA

19/10/19
GIGANTOMACHIA + ASHENFIELDS + BRVMAK
EQUINOXEVENTS - FROSINONE

19/10/19
PEDIGREE + GUESTS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Planet X - Quantum
( 5294 letture )
Che i Planet X siano un gruppo dalle doti tecniche molto notevoli mi sembra fatto assodato, ed anche stavolta tutti i componenti della band offrono una ottima performance, specialmente per ciò che riguarda il drumming di classe superiore di Virgil Donati, ma il risultato finale di questo sforzo, complice una non troppo fervida fantasia nel song writing, (assolutamente necessaria per questo tipo di proposta), tende ad avvilupparsi troppo su sé stesso, risultando dopo l’ascolto dei primi tre o quattro pezzi troppo cerebrale per infondere nell’ascoltatore la voglia di schiacciare nuovamente il tasto play per un secondo ascolto.

Orfani del grande Tony MacAlpine, (un tipo che già a metà degli anni '80 seppe entusiasmare parecchi kids), i Planet X si giovano dell’apporto di Allan Holdsworth, (anche se alla fine egli compare solo su due pezzi: Desert Girl e The Thinking Stone, forse, vedi caso, le cose migliori dell’album assieme a Poland), che però non riesce a risollevare le sorti di un lavoro che sembra come un pesante 747 di linea sempre in procinto di spiccare il volo, ma che inesorabilmente non riesce a staccarsi dalla pista.

La sensazione è che, per privilegiare la voglia di inserire per forza architetture Fusion-Jazz spesso troppo manieristiche all’interno di composizioni che risultano mancare di spunti di vera ispirazione, queste, lungi dal nobilitarle, contribuiscono invece ad appesantire inutilmente il risultato finale. Certo, la tecnica ha la sua importanza, e qui se ne trova da vendere, ma il fatto che rimanga quasi sempre fine a sé stessa impedisce di giungere alla formulazione di un giudizio finale favorevole. Probabilmente se Derek Sherinian abbandonasse l’idea di cercare di essere qualcosa di più e di meglio dei Dream Theatre e si concentrasse sullo scrivere vere canzoni, potremmo disporre di una grandissima realtà musicale, ma per ora non è così.
Un plauso comunque alla bellissima cover ispirata, credo, alla teoria quantica dei multiversi e molto ben riuscita. La cosa migliore di questa uscita.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
35.67 su 31 voti [ VOTA]
Analizzatore
Mercoledì 18 Settembre 2019, 14.16.01
11
Un piccolo gioiello prog fusion, ricco di idee e di raffinatezze non solo strumentali, suonato con maestria e passione. Il chitarrista è Brett Garsed. Questa recensione dovrebbe essere affissa in tutte le piazze per essere esposta al pubblico ludibrio.
Luka2112
Lunedì 18 Febbraio 2019, 0.02.27
10
Sui gusti personali non si discute, e probabilmente questo non è nemmeno lo spazio ad eguato per parlare di min disco come questo. Il paragone con i Dream Theater non sta in piedi visto che ci troviamo di fronte ad una proposta molto differente. Sicuramente è difficile da assimilare ma offre spunti molto interessanti oltre ad una performance che pochi nell’ambito del metal o metal prog possono vantare,.
Menna
Domenica 28 Agosto 2016, 4.48.50
9
Virgil donati è bravo e parla anche italiano. A sentirlo sembra paperino, un vero spasso. Quasi un paperino quantistico, pieno di universi disposti su varie stringhe o strati, multistrati, molti strati, come un tiramisù o per meglio definire il concetto che qui in poche righe sarebbe inutile affrontare, un ricco piatto come melanzane alla parmigiana.
Sabaton \\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\
Mercoledì 21 Novembre 2012, 22.07.36
8
Benson dice che sono dei grandi, quindi dato che mi fido di benson voto 99,senza averli mai sentiti
Trattacasu
Sabato 12 Maggio 2012, 14.17.32
7
Album inutile ? Manieristico ? Mi incuriosite molto : potreste nominarmi un lavoro di questo ambito secondo voi, al contrario di questo, valente ?
Francesco Gallina
Lunedì 18 Giugno 2007, 13.29.49
6
Una lettura ad alcuni siti divulgativi possono certamente spiegare gli elementi principali della teoria meglio di me. Ad ogni modo qui lo spazio non è sufficiente e la spiegazione doveva necessariamente presupporre una conoscenza minimale dell'argomento.
Luca999
Lunedì 18 Giugno 2007, 13.06.14
5
Francesco ma che hai scritto? Album da dare a fuoco!
Francesco gallina
Lunedì 18 Giugno 2007, 8.09.18
4
Probabilmente questo spazio non basta. Si tratta di uno dei postulati principali della fisica quantistica, derivata, credo, dalla teoria delle stringhe e dalla possibilità che esse , vibrando in maniera dissonante dalla stringa sulla quale è adagiato il nostro piano della realtà, contengano infiniti universi che potrebbero occupare il nostro spazio fisico, ma non essere rilevati in virtù di questa dissonanza.
Thomas
Domenica 17 Giugno 2007, 23.04.00
3
Non mi sono mai piaciuti... cos'è la teoria dei multiversi?
Zagor76
Sabato 16 Giugno 2007, 13.07.06
2
Concordo con voi, disco al quanto inutile, VOTO: 51
moh
Venerdì 15 Giugno 2007, 22.56.36
1
sto disco fa schifo
INFORMAZIONI
2007
Inside Out/Audioglobe
Prog Metal
Tracklist
Alien Hip Hop
Desert Girl
Matrix Gate
The Thinking Stone
Space Foam
Poland
Snuff
Kingdom Of Dreams
Quantum Factor
Line Up
Derek Sherinian - tastiera
Rufus Philpot - basso
Virgil Donati - batteria

Allan Holdsworth - Guitar
 
RECENSIONI
67
55
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]