Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VANANIDR
Road North

31/05/19
CONSTANTINE
Aftermath

31/05/19
EVIL ANGEL
Unholy Evil Metal

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
FULCI
Tropical Sun

CONCERTI

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

06/06/19
DEIPHAGO + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

07/06/19
MORTADO
ISTANBUL CAFE' - LECCE

Dream Theater - Systematic Chaos
( 17191 letture )
PREMESSA
I Dream Theater con buona probabilità rappresentano uno dei gruppi più discussi dell'intero panorama heavy metal. Da chi li venera incondizionatamente, a chi li detesta a priori. Da questo scenario, scaturisce la nostra decisione di sentire più d'una campana in merito a quanto fatto dal gruppo di New York con l'ultimo album, Systematic Chaos.
Ne è venuta fuori una triplice recensione. Buona lettura!



Prima Recensione di: Roberto Tirelli "Your Darkest Hour"
Nessuno penso sia capace di spaccare il pubblico quanto i Dream Theater, e sono sicuro che questo Systematic Chaos non farà certo eccezione. A torto o ragione? Beh, questo sarete voi a deciderlo, quello che vi posso dire io è che, per quanto mi riguarda, l'album in questione non è un lavoro epocale, ma di sicuro qualitativamente superiore all'ultima produzione del combo newyorkese. Systematic Chaos è un album più che buono. Non regge il confronto con i mostri sacri del passato (è davvero il caso di dirlo) Images & Words su tutti. Probabilmente non è all'altezza nemmeno del passato più recente, Scenes From a Memory, ma, nonostante tutto, il mio giudizio è positivo. Non nascondo che l'album abbia dei cali nella sua mastodontica lunghezza (79 minuti scarsi di musica vi bastano?). Cali dovuti alla recente crisi compositiva che ha attanagliato i nostri, e che li aveva portati a scrivere molti pezzi (su Train Of Thought e Octavarium) che erano più di un semplice rimando alle bands alle quali si ispiravano. Tracce di questa “malattia”, sono ancora visibili: il singolo Constant Motion ne è la dimostrazione, dove i Metallica campeggiano sulle teste di Petrucci e soci come una spada di Damocle pronta a trafiggerli. Fatte le giuste premesse, procedo ad una breve, e spero efficace, analisi dei pezzi che compongono Systematic Chaos.

In The Presence Of Enemies - Part I afferma che i Dream Theater sono tornati a suonare prog metal scevro da contaminazioni di ogni tipo, il prog che li ha resi famosi. Molto buona la partenza del disco. Forsaken è un pezzo molto catchy, dalle linee melodiche facili, di presa sicura insomma. Allo stesso tempo questa caratteristica può rappresentare il suo stesso limite. Si scende di livello, come detto, con Constant Motion. Davvero fastidiosa la marcata somiglianza con i Metallica. Buono, comunque, il break centrale. The Dark Eternal Night se da un lato ci mostra, ancora una volta, quanto gli dei siano stati generosi con questi cinque musicisti in quanto ad abilità tecnica, dall'altro lato aumenterà la schiera dei detrattori che li accusano di pure divagazioni prog fini a se stesse. Il pezzo più pesante dell'album: da brividi la parte strumentale. Continua la saga sull'alcolismo scritta da Mike Portnoy, e questa volta tocca a Repenteance, una raffinata ballad, a portarla avanti. Un pezzo lungo e articolato che si apprezza meglio di ascolto in ascolto. Ottimo l'assolo di Petrucci. Da segnalare la numerosa presenza di ospiti come voci narranti, tra cui: Mikael Akerfeldt, Daniel Gildenlow, Neal Morse, Joe Satriani, Corey Taylor e Steve Vai. Con Prophets Of War tornano i Muse tanto cari a Portnoy, ma stavolta la riuscita sarà ben diversa rispetto a Never Enough, dove si era davvero rischiato il plagio. Promette molto bene in sede live. The Ministry Of Lost Souls e In The Presence Of Enemies - Part II dovrebbero essere nell'enciclopedia della musica alla voce: Come scrivere una suite di quindici minuti. Oggettivamente l'apice dell'album. Melodia, potenza e tecnica come in pochi sanno fare. Più magniloquente la prima, decisamente più criptica la seconda. Da applausi a scena aperta l'interpretazione di LaBrie. Mi hanno colpito molto le tematiche affrontate nei testi, normalmente ancorate alla realtà (Forsaken, Repentance e Prophets Of War, quest'ultima un'efficace affresco sulla guerra), alle quali i Dream Theater hanno affiancato tematiche a dir poco fantasy (The Dark Eternal Night ci parla di un mostro, The Ministry Of Lost Souls è una struggente storia di due amanti, ed In The Presence Of Enemies è l'eterna battaglia tra bene e male, resa storia narrabile dalla caduta del nostro eroe e dalla conseguente redenzione). Ulteriore appunto sulla lingua, molto “letteraria”, forse come mai in passato.
In sintesi, l'album migliore dai tempi di Scenes From a Memory.

VOTO Prima Recensione: 77



Seconda Recensione di: Luca Chieregato "Arakness"
Nonostante quanto state leggendo sia solo un intervento, vi assicuro che sono diverse volte che cancello il mio scritto, cambiando e ricambiando la forma del commento.
Ma attenzione: con questo non voglio dare ad intendere che le mie idee siano confuse, oppure che il mio giudizio sia variato in fase di stesura. Come ho scritto, è solo una questione di forma, e non di contenuto! Eh sì, perchè come tutti sanno quando si parla di Dream Theater tutto ciò che in altro contesto risulterebbe semplice da spiegare, qui assume la forma del più complesso e articolato labirinto, dove una serie di variabili, solo all'apparenza insignificanti, acquista il peso di un macigno. Dopo aver citato il preambolo più abusato da tutti i saggi colleghi sparsi per il globo, che, permettetemi, suona come un bel mettere le mani avanti, ora con la coscenza libera, posso finalmente sbilanciarmi; e visto che, come già detto, nel capo trovo non poche difficoltà, parto dalla coda: Systematic Chaos è semplicemente un discreto lavoro, che segna un bel passo in avanti rispetto ai due predecessori, ma ancora lontano anni luce dai fasti passati. A questo punto, già vedo la maggior parte dei lettori esclamare: bella scoperta! Invece, invito tutti ad una riflessione più sottile e mirata, girando l'interrogativo che frulla nella mia malata testolina: cosa ha distinto nel bene o nel male, la carriera dei newyorkesi da altri quotati gruppi? La risposta è tanto semplice quanto esplicativa: il gran parlare. In effeti, indipendentemente dal risultato finale, capolavoro (Awake o Image & Words), buonissimo lavoro (Scenes From a Memory, A Change of Seasons, etc...) o flop (Octavarium o Train Of Thought) che sia, i nostri sono sempre riusciti a catturare l'attenzione, rubando la scena. Del resto, come un astuto politico professa, ciò che veramente conta è il vociferare. So bene di non aver ancora sostenuto nulla di sconvolgente (semmai il contrario), ma come anticipo è mia intenzione compiere un ulteriore passo.
A questo punto, per figure abituate, nel bene e nel male, ad avere i riflettori puntati, sempre benedetti dalle luci della ribalta, quale potrebbe essere la peggiore delle condanne? Seguendo la teoria dantesca del contrappasso, ritengo nulla di più sofferente se non l'indifferenza. La mia nebulosa tesi inizia forse ora a prendere forma e convergendo finalmente verso un enunciato: che piaccia o meno i Dream Theater sono normali, e Systematic Chaos è il loro manifesto di normalità, quello che qualsiasi gruppo avrebbe potuto realizzare passando del tutto inosservato.
Allo stato attuale auspicare al quintetto un futuro contraddistinto da una stentata indifferenza da parte dell'opinione, è quanto di più azzardato e folle si possa osare.

Dunque potrei a questo punto partire con una analisi del disco, scrivendo che la nuova fatica dei Dream Theater ha alcune buone intuizioni, immerse in un mare di citazioni che rimbalzano dai Metallica ai Rush, passano per i Pink Floyd, fino ad accarezzare Muse e RadioHead; oppure, giustamente potrei apprezzare l'ottimo stato di forma di LaBrie, che sembra aver trovato una seconda giovinezza, come del resto rimanere estasiato dalle performance del funambolico Petrucci e del portentoso Portnoy, che per una volta sveste i panni del protagonista, mettendosi al servizio della brigata; o ancora potrei soffermarmi su Myung e Rudess, perchè sì bravi, ma eterei nel contesto...
Potrei dire ancora molto, ma nulla di meno o più di tutto ciò che è stato detto e ridetto, cadendo così nel nodo gordiano della tesi sopra espressa. Lascio allora ad altri l’ardua sentenza, confinando i Dream Theater nel mio personale girone di normale indifferenza.

VOTO Seconda Recensione: 65



Terza Recensione di: Francesco Gallina “Raven”
Sicuramente in progresso rispetto agli ultimi due lavori oggettivamente criticabili, Systematic Chaos probabilmente creerà una diatriba invero abbastanza scontata tra i sostenitori ed i denigratori dei Dream Theater. Prendendo le mosse dal concept derivato dalla teoria enunciata dal titolo -lo studio dell’ordine apparentemente nascosto dei macro sistemi complessi ha aperto strade nuove alla comprensione della realtà, ma probabilmente non è il caso di affrontare questi problemi all’interno di una recensione, per di più contenuta per motivi di spazio- Systematic Chaos presenta alcuni aspetti apprezzabili, come un certo ritrovato gusto della melodia, alcuni chorus molto indovinati, una minore complessiva presenza di parti eccessivamente prolisse (comunque facenti parte del DNA di super gruppi metal-prog) ed un piglio generalmente più aggressivo che nel recente passato. Oltre al consueto lavoro di Petrucci e Portnoy, ed una certa buona vena di Myung e Rudess, è probabilmente LaBrie a cercare maggiormente quest’ultimo aspetto, ad esempio in Forsaken, per altro di impianto più easy-listening rispetto ai canoni della band. Sono comunque abbastanza lontani i fasti di Images and Words e personalmente non riesco a mandare giù che un gruppo così dotato debba scimmiottare talvolta Muse e Metallica (certe parti di Constant Motion), ma comunque rispetto alla media di quello che si sente oggigiorno un lavoro che va valutato, pur con più di una pecca, in maniera complessivamente positiva.

VOTO Terza Recensione: 70



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
78.29 su 338 voti [ VOTA]
VASCO ROSSI
Mercoledì 13 Marzo 2019, 15.31.28
92
ALBUM DEVASTANTE...LA SUITE RKMANE IL PEZZO PIÚ TECNICO DEI DREAM...DIFFICILE ANCHE PER LORO RIPROPRLA LIVE.(SI VEDE LA SOFFERENZA CHE FANNO IN CHAOS IN MOTION)...SUONI PERFETTI...IL MIGLIOR ALBUM DELLA BAND ASSIEME A TOT E BC....ALTROCHE LE SCIOCCHEZZE CHE FANNO USCIRE OGGI!
Gianluca7
Giovedì 3 Marzo 2016, 9.07.49
91
Non lo reputo un brutto album, considerando quello che propongono oggi I DT...meglio questo
Undertow
Sabato 13 Febbraio 2016, 13.19.34
90
Non mi vengono altre parole per definirlo se non BRUTTO. Di una bruttezza lucida, premeditata e sistematica. Constant Motion imbarazzante almeno quanto la terrificante I Walk Beside You dell'altrettanto brutto predecessore Octavarium. Pezzi molto diversi tra loro, ma stessa commercialità e bruttezza. Non mi stancherò mai dire quanto sia brutto st'album. Unico pezzo ascoltabile l'opener.
Rob Fleming
Giovedì 21 Gennaio 2016, 11.46.08
89
Chi li vuole re della tecnica si sfogherà con In the presence of enemies e The dark eternal night. Chi li apprezza ruffiani ha da che godere con Forsaken. Repetance (magnifica!) ha l'eleganza degli Anathema; Prophets pesca nuovamente nel songbook dei Muse più epici (e ciò, a pensarci, è incredibile a dimostrazione che i DT hanno un bagaglio musicale pressoché sconfinato), mentre Constant motion omaggia palesemente i Metallica. Un album vario e godibile. 78
SIOUX
Domenica 8 Novembre 2015, 23.29.45
88
Album apoalittico, oscuro, denso, splendidamente suonato(il finale di THE DARK ETERNALNIGHT è qualcosa di troppo orgasmico, così come il solo di COSTANT MOTION &DI THE MINISTRY OF LOST SOULS) la suiteè diun livello distruttivo enorme, con un inizio da cardiopalma così come tutto lo svolgimento, si sente la matrice claustofobica e pesante di ispirazione PANTERA & OPETH, album troppo sottovalutato ingiustamente (molto meglio dell'ultimo del 2013), non è di semplice ascolto ne di facile ascolto (per quello c'è Laura Pausini) ma cazzo spacca di brutto.
ste
Venerdì 22 Agosto 2014, 21.54.13
87
Bruttino forte, e' davvero ostico l'ascolto e la comprensione di tutta questa polentona sonora. Detta in breve, le canzoni non conducono da nessuna parte e, quando ti aspetti il momento clou o qualcosa che possa risollevare il brano ecco che ritorna la carenza di un vero fine nel discorso della canzone. In poche parole: fiacco, piatto, monotono e inconcludente. Octavarium era tutta un'altra cosa. Bocciati, con Black clouds e silver linings faranno molto meglio. Il disco peggiore dei Dream Theater dopo TOT. Voto 50
Steelminded
Venerdì 15 Agosto 2014, 17.28.49
86
Secondo me è un album più che buono, a me piace molto: 85 ci sta tutto per chi ama i Dream Theater. La suite divisa è ottima nel suo insieme, anche se la seconda parte è un po' prolissa. Forsaken e Prophets of War sono bellissime track leggere/melodiche, la prima sicuramente meglio, la seconda con evidente richiamo ai Muse. Constant Motion e Dark Eternal Night sono i pezzi con meno melodia, ma spaccano di brutto e contengono ostentazioni di tecnica a gogo... Repentance è un po' neniosa ma tutto sommato scorre bene di sottofondo. The Ministry of Lost Souls ha un'ottima parte solista, sebbene le strofe mi sembrano un po' allungate; comunque bella. Lo ascolto sempre volentieri...
DarkSide
Venerdì 1 Agosto 2014, 21.55.09
85
Un album troppo lungo...saranno 80 minuti ad orecchio. è un pò il solito problema dei DT dal 2003 in poi. Tagliassero 20 minuti ad album sarebbero davvero ottimi. Cmq, questo album rimane troppo duro e prolisso: I DT sono sempre stati più bravi con la melodia che non con il bombardamento. Il loro peggiore, assieme a Train Of Thought. Images e Scenes rimarranno ineguagliabili.
Giorgio
Martedì 1 Ottobre 2013, 19.04.20
84
Questo è oggettivamente il loro peggior album, non comprendo come si possa elevarlo rispetto a Train of though che oggettivamente ne vale 100.
suocera
Venerdì 27 Settembre 2013, 18.43.48
83
beh, leggendo le varie recensioni, vedo che non sono l unico a pensarla così
suocera
Venerdì 27 Settembre 2013, 18.42.33
82
L HO SEMPRE TROVATO PESANTE, FORZATO, forzoso e caustico. tons di note buttate li dimostrando di saper suonare da paura, ma con composizione alla fine sterili. insieme a six degrees lo trovo tra i meno ispirati del gruppo.
Danimanzo
Venerdì 27 Settembre 2013, 18.08.31
81
Una maggiore ripresa della componente progressiva della loro musica, ma come detto con "Octavarium" un pessimo disco dove il carattere e la volontà del leader Mike Portnoy ha influito molto in fase di scrittura. Insieme a "Train of Thought" e per l'appunto ad "Octavarium" rappresentano, a mio avviso, la triade di album meno interessanti della loro discografia.
vascomistaisulcazzo
Giovedì 13 Giugno 2013, 11.45.06
80
ascoltato un paio di volte ieri dopo una vita e lo trovo davvero un ottimo album. Se solo la smettessero con i polpettoni da 80minuti; a mio parere togliendo "Costant Motion" e "Dark Eternal Night" sarebbe davvero tra i loro migliori, comunque anche così dopo da Six Degrees ad oggi è il mio preferito.
Doom
Venerdì 29 Marzo 2013, 10.01.13
79
Ho ascoltato adesso quest'album per la prima volta dopo 5 anni dalla sua uscita. Cavolo se sono primitivo negli ascolti. Ottimo lavoro molto orecchiabile e non credo sia un difetto, anzi. Tecnicamente poi sono dei draghi.
Steelminded
Martedì 10 Luglio 2012, 21.45.49
78
Ah Joker sia questo che Octavarium e Black Clouds sono album grandiosi, che il 99% delle band contemporanee (esclusi i 70s dunque) si sognano. Secondo me siamo troppo esigenti con i DT, perchè ci hanno abituato troppo bene! Evviva!
Joker
Martedì 10 Luglio 2012, 20.23.31
77
Beh, devo dire che Systematic Chaos è l'album che mi piace meno dei Dream, e secondo me si colloca al di sotto di Octavarium, non sopra. Sebbene la suite In The Presence Of Enemies divisa in 2 parti, all'inizio alla fine del disco, e la bellissima The Ministry Of Lost Souls siano degli autentici capolavori, nel mezzo io non trovo niente di entusiasmante da farmi balzare come un grillo. Constant Motion e The Dark Eternal Night sono, a mio avviso, la peggior accoppiata che abbiano mai partorito; e Repentance, nonostante i numerosi ascolti, non mi ha mai convinto (10 minuti ripetuti fino alla nausea sono veramente troppi), fosse stata dimezzata sarebbe più digeribile. Ma in definitiva ho sempre intrapreso il sentiero dell'amore, che in tutti i suoi percorsi finisce sempre in un lieto fine: beh che volete da me, LI AMO!!! 80/100
harris95
Domenica 17 Giugno 2012, 0.39.04
76
@electric warrior surrounded*
luke
Sabato 31 Marzo 2012, 16.54.53
75
ho sbagliato, il voto è più alto. Un album con canzoni come In the presence of enemies part1, Forsaken, Repentance e The Ministry Of Lost Souls merita un voto molto più gratificante. 80/85, ma confermo che non risulta molto omogeneo nel complesso
Delirious Nomad
Domenica 29 Gennaio 2012, 10.57.47
74
Questo è il primo cd dei Dream Theater che ho comprato, è un lavoro medio, mi piacciono molto ITPOE pt.1 (la parte 2 è un po' noiosa), forsaken e the dark eternal night mentre constant motion è bruttina. I dischi dopo sono di migliore qualità comunque.
luck
Lunedì 7 Novembre 2011, 20.02.32
73
A me personalmente è piaciuto molto, certo rispecchia il sound heavy metal della band degli ultimi 10 anni ma ci sono comunque delle belle canzoni, come Forsaken, Repentance, In the Presence of enemies pt.1 (molto più bella delle altre due) ma prima fra tutte The Ministry of Lost souls unico vero capolavoro dell'album. Il mio voto è 75, ma non è abbastanza. ALBUM INCOMPIUTO come tutti i loro da 10 anni a questa parte. Serve una sterzata, che si è notata con l'album successivo e con l'ultimo: A Dramatic Turn Of Events
Painkiller
Martedì 20 Settembre 2011, 9.13.55
72
me lo sono riascoltato per intero ieri sera...che fatica arrivare alla fine!!! Mi piacciono solo i.t.p.o.e. pt1 e forsaken, il resto è di una noia mortale, ripetitivo e scopiazzato qua e là da se stessi e da altri. Per non parlare del filtro sulla voce in the dark eternal night e quelle strofe simil-rappate...brutto brutto...
Davide
Domenica 4 Settembre 2011, 16.01.25
71
Per me i DT hanno smesso di essere "prog" (se sapete VERAMENTE cosa significa) dopo Scenes from a memory, da li in poi possono essere definiti semplicemente metal melodico, o qualunque altra cosa che non ha niente a che fare col prog
Electric Warrior
Sabato 6 Agosto 2011, 15.04.11
70
Le recensioni mi sono piaciute tantissimo, però non capisco questa ostinazione nel cercare comunque di salvare un album perchè è dei Dream Theater. Io penso a ballad prog come Surrender e penso a Forsaken e mi viene semplicemente da ridere. Per me i veri Theater sono quelli di Images & Words, una classe che hanno poi vergognosamente abbandonato (e soprattutto il prog). Questo album fa schifo, come quasi l'intera discografia della band. Il prog metal sta altrove.
Davide
Mercoledì 6 Luglio 2011, 14.37.43
69
Quest'album è stato una vera e propria delusione..... ma già avevo capito che con Train Of Thought stavano iniziando a calare parecchio.
Sono il vostro Dio
Sabato 18 Giugno 2011, 3.05.53
68
il loro album peggiore senza dubbio... non sopporto the dark eternal night, è la canzone peggiore in assoluto loro perchè rappresenta la loro tamarria ed è tutta una frullata di merda. in compenso in the presence of enemies 1 e costant motion mi piacciono molto.
Jandekser
Mercoledì 8 Giugno 2011, 12.31.25
67
Un album poco più che sufficiente dove i migliori episodi sono sicuramente ITPOE, TMOLS e Repentance. Constant Motion la odio come odio anche metà TDEN (di cui salvo solo la parte strumentale). Prophets Of War e Forsaken mi sembrano un po' troppo scialbe e scontate. In definitiva per me è leggermente meglio di Octavarium ed inferiore (non di molto) a BC&SL.
Argo
Sabato 26 Febbraio 2011, 23.05.10
66
Dopo "Scenes", credo che questo sia il loro album più bello dopo molti anni, difatti dopo un disco bello come questo è uscita una cagata di ultimo cd.
madovesono
Giovedì 30 Dicembre 2010, 2.38.42
65
stima per gli admin che hanno deciso di mettere più recensioni, con un disco del genere era necessario visto che ognuno non può che giudicarlo secondo i propri gusti. secondo me il disco è in ogni caso un passo in avanti rispetto a Octavarium per lo meno nell'aver abbandonato in gran parte le sonorità al limite del pop del suo predecessore....non che le canzoni fossero male, però dai DT ci si può aspettare di meglio, anche rispetto a questo cd. the ministry of lost souls è semplicemente da brividi (certo lo sproloquio strumentale si poteva accorciare un po'). voto alto
Olof
Lunedì 1 Novembre 2010, 19.51.16
64
"Fantozzi cosa ne pensa di Systematic Chaos?" "Per me.... Systematic Chaos.... è una cagata pazzesca" (escludendo the dark eternal night che, invece, si salva)
viktorward
Domenica 3 Ottobre 2010, 17.47.21
63
non condivido dopo qualche clamoroso passo falso Petrucci è tornato a divorarsi la concorrenza...
Franky1117
Mercoledì 1 Settembre 2010, 3.05.06
62
Solito furto e saccheggio di Genesis,Rush,Pink Floyd,Muse,Metallica....gruppo senza senso davvero,peccato perchè non sono stati sempre così.Comunque questo a parer mio è il peggior disco di sempre che abbia mai ascoltato e the dark eternal night mette davvero in imbarazzo
Ste 90
Venerdì 20 Agosto 2010, 17.34.21
61
Molto meglio octavarium, ma superiore a train of thougth, al posto loro non avrei spezzato in due in the presence of enemies, l'hanno rovinata. Voto: 70
Gemini
Martedì 10 Agosto 2010, 19.24.21
60
Buon album, anche se preferisco il precedente. Bella la suite, anche se spezzarla in 2 ne rovina l'atmosfera, bellissima "The Ministry...", rovinata però da una sezione strumentale troppo pesante e fuori luogo (difetto che da troppi anni i DT si portano dietro...). 75
Remocasper92
Venerdì 11 Giugno 2010, 12.37.53
59
Un album buono e ascoltabile in (quasi) ogni sua parte.. capolavori gli ultimi 2 pezzi.
Sasso
Martedì 18 Maggio 2010, 21.15.33
58
Il migliore dei Dream Theater da Train of Thought. E' sempre un piacere ascoltarlo!
Stecca
Lunedì 19 Aprile 2010, 18.40.47
57
Ottimo lavoro. Dopo il deludente Falling to Infinity ed il modesto Train of Thought i "mostri" hanno composto un disco energico e si constant motion è un po' Metallica, ma va bene cosi. Lunga vita ai D.T.
Screamforme77
Lunedì 22 Marzo 2010, 14.09.19
56
Credo anchio sia ora di finirla di paragonare ogni album dei DT a I&W,Awake o SFAM.Insomma se vogliamo riascoltare quegli album basta rimetterli nel lettore e schiacciare Play che ce li abbiamo aposta.Io credo che fare album capolavoro non deve diventare un demerito per il futuro di una grande band,ma deve esaltarne solo le doti.Con questo voglio dire che si puo fare un album eccellente anche se non si raggiunge apici di capolavori del passato.Ed è cio che penso di SC,una netta ripresa a mio modesto parere rispetto al precedente.Confesso che quando ascoltai alla radio in anteprima il singolo Costant Motion non ne rimasi entusiasta,trovando troppo marcata l'influenza dei Metallica nella strofa.Ma col tempo ho imparato ad apprezzarla e nn è la prima volta che mi capita ciò ascoltando i DT.Poi è stata la volta di Forsaken,giuro che ero convintissimo si trattasse di un nuovo pezzo degli Evanences fin che nn ho sentito la voce di LaBrie.Ma il pezzo nonostante cio e che può risultare un po Easy mi piace molto,in oltre le melodie della Lee e soci non mi dispiacciono affatto.Poi hanno trasmesso In Presence Of Enemies Pt 1 di cui ne sono rimasto letteralmente folorato ed è stato lì che ho deciso che l'album lo dovevo assolutamente comprare.Quest'ultima è la grande chicca dell album con il suo inizio strumentale ove ho notato un ispirazione che non avevano da tempo.Trovo anche buona la formula "sendwich" adottata per aprire e chiudere l'album con questo capolavoro,un po come fecero i Pink con Shine On...per Wish You Where Here.Forse la seconda parte è ancora più bello con i suoi caratteristici cambi dove vi è tutto il loro inconfondibile stile.Credo che un pezzo così in un capolavoro come I&W o Awake nn avrebbe sfigurato.In mezzo troviamo la scura e interessante The Dark Eternal...con un midtime che a tratti rimanda a Dance Of....Repetence in pieno stile Pink Floyd con tanto di assolo Gilmoriano di John,un ottima ballad sperimentale,Prophet Of War che c'entra ben poco con il loro modo di fare musica ma che si fa apprezzare abastanza.Infine la epocale e struggente The Ministry Of.....un altra grande perla della loro magnifica carriera.In conclusione dico che ben che nn si raggiunge l'apice di lavori precedenti,questo disco è a mio avviso un altro capolavoro.Sicuramente il migliore del secondo segmento discografico.Personalmente lo metto dietro solo a Image,Awake e Scene.Grandi Dream!!!!!!!!!
Fede
Lunedì 15 Marzo 2010, 22.39.43
55
Capolavoro prog, nonostante 2 tracks che non ritengo azzeccate, ma andrebbe comprato anche solo per le due "In The Presence of Enemies". Ha picchi di qualità eccellenti
Paso
Giovedì 18 Febbraio 2010, 7.06.58
54
Beh, sicuramente non si avvicina neanche a Images And Words, ma alcuni pezzi come l'opener e The Dark Eternal Night potrebbero diventare dei classici della band. In The Presence Of My Enemies part.I in particolare
Paul the boss
Mercoledì 4 Novembre 2009, 15.42.29
53
è più aggressivo rispetto agli altri ma è discreto
stefy
Lunedì 24 Agosto 2009, 18.22.23
52
mr raffo ha ragione.....e cmnq nn capisco questa mania di giudicare una band solo guardando il disco + bello....se una band esce facendo un capolavoro se gli album che vengono dp nn sono all'altezza vengono etichettati cm "mediocri" solo xkè nn sono a liv del capolavoro....dp I&W i DT sono stati crocefissi xkè nn facevano + niente al livello di I&W.....ora invece quei dischi tanto criticati vengono osannati cm le " perle dei DT".....a questo punto mi chiedo se i dischi dei DT prima di giudicarli li ascoltate 1 volta alla cazzo e poi gli sputate sopra tt le critiche possibili
metal4ever
Domenica 23 Agosto 2009, 0.26.34
51
Ad dire il vero a me piace molto questo album, l'unica pecca penso che sia Forsaken (sa un pò di coomerciale), cmq tutti i pezzi sono tutti molto belli sopratutto le ultime 2 The ministry of lost souls, e in he presence of enemies part 2 beh cazzo sono dei capolavori sia a livello strumentale e compositivo io a sto album do un bel 90
Angel and Devil
Mercoledì 8 Luglio 2009, 17.09.17
50
Un album bruttino, pochi picchi dopo un pò annoia
LordBahamut
Sabato 20 Giugno 2009, 12.42.23
49
Systematic Chaos è veramente un passo avanti rispetto al pesantissimo Train Of Thought e al noioso Octavarium. Alcune melodie sono davvero azzeccatissime, le strumentali sono spesso azzeccate... Ogni tanto si perdono nelle suite, ma una canzone come "The Dark Eternal Night" è veramente magnifica.
Marcy
Venerdì 5 Dicembre 2008, 10.57.24
48
Chi conosce la musica, chi ne ha ascoltata tanta, sà che questi signori sono dei campioni di plagio ed in alcuni casi di vero e proprio copia-incolla. Comunque come musicisti sono dei grandissimi, nulla da dire, ma non possono prendere in giro la gente che non ha cultura musicale. Alcuni riffs sono presenti tali e quali in album diversi ma sempre gli stessi, ma ci prendono per fessi?!
Raven
Lunedì 28 Gennaio 2008, 18.16.34
47
Non importa, i commenti articolati dei lettori sono sempre benvenuti
airraidsiren
Giovedì 24 Gennaio 2008, 14.15.38
46
sn d parte anke sui dream theater,xkè sn tra i miei gruppi metal preferiti e tra i pochi gruppi ke secondo me hanno mantenuto la qualità dei loro album sempre a un alto livello...oltre a loro mi viene da citare addirittura solo iron maiden e symphony x,i symphony al primo posto su tutti i gruppi d qualsiasi tipo d metal a mio avviso...veniamo a systemathic chaos..un buon album a mio avviso,e concordo soprattutto cn il primo recensore sul punto in cui dice ke nn è all altezza d images and words e aggiungo anke d awake,ke sn i miei preferiti...da metropolis part 2 in poi secondo me è il peggiore pero,insieme ad octavarium...e sn ank io infastidito dagli scopiazzamenti,soprattutto ai metallica..pero nn posso definirlo un brutto album cmq...la pecca maggiore? canzoni troppo e dico troppo prolisse!!!ki li ha visti a roma come me ha provato quanto è dura reggere in the presence of enemies sviluppata in entrambe la parti attaccate tra loro in una specie d medley se nn ero...bel pezzo,decisamente eccessivo pero unirlo in quel modo e proporlo dopo brani tipo sorrounded gia allungati dalla band a dismisura!!!! a mio avviso i dream theater devono ritrovare il songwriting piu coniciso ed efficace come lo era nel monumentale images and words!!! scusate tanto x la lunghezza!!!sn tr interessato ai dream theater!
Metallaro
Giovedì 29 Novembre 2007, 23.01.34
45
ke dire???? i dream theater sono dei grandi!! tutti e 5 da petrucci a myung!!!!!hanno una buona tecnica, canzoni molto fantasiose!!!! l'ultimo disco è davvero bello!!!!
Paolo Loddo
Mercoledì 28 Novembre 2007, 18.45.39
44
Non metto in dubbio la superiorità di Scenes From A Memory and Images & Words... Però signori cari, già entrati del XXImillennio chi se non i Dream Theater soppratutto hanno retto dal calo complessivo musicale?? il vero rock, il metal, il progressive fanno parte soppratutto del passato.. Ringrazio fortemente i DT per la loro generosità. Numero 1 dell'album sicuramente la numero 8... LaBrie favoloso... una salita davvero faticosa ed una discesa impossibile da controllare (apparte i Dream Theater).. è stupenda... il finale ricorda un pò le chiusure dei Queen ma ci stà.... e Poi La numero 6...Muse? può darsi.. ma molto di più... alla fine del terzo minuto inizia un qualcosa che solo i DT potevano inventarsi.. sono quele piccolo cose cha danno volume alla musica... Volevo scrivere anche un pensiero per quanto riguarda il malcontento generale sui soggetti in questioni... Si Octavarium forse non regge... però: Quali sono i bei film recenti? Il signore dgli anelli, million dollar b
Marcus
Martedì 2 Ottobre 2007, 16.01.57
43
All'ascolto di quest'ultimo album dei DT mi ha pervaso la stessa sensazione che avevo provato precedentemente ascoltando gli altri album...ad ogni primo ascolto di un loro album mi spavento..un po' deluso da una prima "lettura" mi abbandono ad altri capolavori metal...poi(ormai è automatico)riprendo in mano l'opera e la riascolto con calma...più e più volte...e ad ogni ulteriore ascolto riesco ad apprezzare il loro lavoro....fino ad amarlo in ogni sua parte..ogni loro album è un capolavoro imprescindibile;..come tutti ho canzoni che preferisco ad altre...ma il fascino della loro complessità,delle loro melodie, della loro tecnica sublime, delle loro riflessioni è ineffabile.racchiudono tutto nella loro musica: semplicità e complessità, crudeltà e amore, aggressività e dolcezza,serenità e oscurità.
frankeyboard
Lunedì 3 Settembre 2007, 17.00.24
42
Ho sempre ascoltato i DT dal primo lavoro e li ho sempre apprezzati. Più di una volta mi è capitato, all'uscita di un nuovo cd, di pensare che non c'era bisogno di chiamarsi Dream Theater per fare cose del genere. Ma sono anche straconvinto che nessun gruppo rischierebbe la faccia se non si sentisse rappresentato dalle cose che produce. Perchè non prendere atto che i DT fannno semplicemente quello che secondo loro ha valore? Si può dissentire, certo, ma da qui a dire che non hanno idee e clonano roba altrui ce ne passa. Quando i confronti con I&W vengono dal popolo metal li capisco e condivido ma, che lo continuino a fare i presunti addetti ai lavori è davvero triste. Le ragioni del cambiamento sono talmente ovvie che chi fa questo mestiere non si può permettere di ignorarle.
fede
Lunedì 3 Settembre 2007, 15.51.50
41
personalmente non trovo il disco bello. "passabile". Credo che i DT abbiano trovato la via per fare il botto a livello commerciale con i pezzi più duri e li si siano insediati in pianta stabile. Quando acquistai Change of season nessuno li conosceva. Ora sono tra i più quotati. Perchè allora Portnoy e soci si divertono con progetti più marcatamente prog come Transatlantic, Neal Morse, Osi etc...? Troppo metal per i Dream... Non mi piace come potrebbe
MR.RAFFO
Venerdì 31 Agosto 2007, 15.19.16
40
sono almeno 15 anni che ascolto ormai stufo i commenti di chi critica i DT. Adesso tutti apprezzano I&W, A Change of seasons, SFAM, ma ai tempi delle loro incisioni anche quegli album erano considerati mediocri. Non so cosa si vuole da una band che in vent'anni ci a deliziato con la sua tecnica e con le sue melodie inimmaginabili da una "normale" mente umana. Anche i Queen non hanno vita facile. Ad ogni nuovo album la critica era divisa....chissà perchè adesso sono un mito.
cygnus
Lunedì 27 Agosto 2007, 13.46.39
39
Non sono mai stato un grande fan dei Dream Theater, però non si può dire che questo disco sia brutto. Va bene, si sentono i Metallica, i Muse ed anche i Porcupine Tree in "Repentance", però il disco si fa ascoltare. Come ha gia detto qualcuno è sbagliato paragonare i dischi a quelli precedenti e, valutandolo senza pensare a I&W questo è un disco dignitoso, come non lo era Octavarium. Forse tagliando qualcosa sarebbe stato anche migliore.
Biggio
Martedì 14 Agosto 2007, 3.28.09
38
Siamo alle solite,ogniuno giudica il lavoro dei dream confrontandolo con i precedenti..è sbagliato;è quasi ovvio che non verrà più fuori un Scenes from a Memory,ma è anche ovvio che il Prog (come genere) e quindi i gruppi che seguono queste correnti,vadano sempre sperimentando nuove strade e che quindi cambino,a volte deludendo i fan nostalgici..io trovo quest'album ricco di spunti nuovi e solo in alcuni pezzi riferimenti agli album precedenti..un buon album insomma..per una recensione completa, ci vorrebbe più spazio!!
Renaz
Mercoledì 18 Luglio 2007, 9.57.04
37
Ok, confermo l'impressione iniziale: è un album bruttino. La personalità dei Dream si è persa tra le mille influenze che cercano di inserire nelle composizioni, con la speranza di evitare la noia.
Oby
Domenica 8 Luglio 2007, 19.44.56
36
Sinceramente non sono mai stato un grande fan dei Dream Theater,anche se ho riconosciuto sempre la loro immensa bravura. Mentre sto scrivendo sto ascoltando il loro ultimo lavoro " Systematic Chaos" e devo dire che gira nel mio stereo da un mesetto circa. Se questi sono i nuovi D.T. allora benvengano,perchè al di la che si parli di plagi di altri gruppi, questo rimane un grandissimo album!
El Feroce
Giovedì 5 Luglio 2007, 11.09.25
35
Il 90 per cento dei commenti mi sembra provenire da un pubblico che più che ascoltare HEAVY METAL ascolti musica classica. Per l'ennesima volta i 5 di New York insegnano la musica infondendole emozioni sempre nuove e mai placate e meravigliosamnte assorbite da chi si abbraccia alle loro canzoni. Per tutti gli altri continuate ad ascoltarvi Beethoven e Mozart invece di sezionare ogni singolo riff, ogni singola nota, perfino ogni singola nota non suonata manco fossino cavie da laboratorio. Dream Theater Uber Alles!!!
Renaz
Giovedì 28 Giugno 2007, 9.19.07
34
Bruttino, ma mi servirà ancora tempo per il giudizio finale
Rob
Mercoledì 27 Giugno 2007, 18.59.34
33
Beh ultimamente qualche prosciutto sulle orecchie dei DT fans l'ho visto, ma tu che ne pensi di Systematic Chaos?
Renaz
Mercoledì 27 Giugno 2007, 9.48.03
32
Ma infatti io lo adoro... sono un grandissimo fan dei vecchi Dream... però il dubbio che forse abbiamo tutti il prosciutto sulle orecchie mi viene...
Rob
Martedì 26 Giugno 2007, 22.48.09
31
"Images & Words" è storia... a 15 anni di distanza sfido chiunque a dire che si annoia a sentirlo... Non penso si possa dire che lavori come quelli siano solo fumo...
Renaz
Martedì 26 Giugno 2007, 19.02.20
30
Azzardo una considerazione: spesso si comprende il vero valore di una band nel momento dell'invecchiamento quando, messi da parte le irruenze e gli estremismi della gioventù, comincia a scrivere più con il cuore saggio e meno con la mano svelta. Il fatto che i Dream album dopo album non convincano tutti con le loro proposte mature, è forse il segno che anche gli album di gioventù altro non fossero che fumo con poco arrosto... ho detto forse.
GGGerry
Martedì 26 Giugno 2007, 8.52.29
29
Il mio commento nn era completo: volevo finire dicendo che se a questo disco togliessimo ipoteticamente "Constant Motion" e "Prophets of war" e le sostituissimo con ad es. "Pull me under" e "Lie" sarebbe un disco enorme, da applausi. Quindi ciò che manca forse a Petrucci e co. oggi per rinverdire i fasti del passato è scrivere un paio di brani epocali (una cosetta da niente insomma!!!). Rob sei un grande e fammi sapere le tue future recensioni! VOTO al disco: 65
Broken Dream
Martedì 26 Giugno 2007, 1.00.16
28
Il sogno si era già spezzato con i vari Tot, Octavarium ed in parte SDOIT; non me la sento di stroncare quello che nell'insieme si può definire un buonissimo disco. Il problema è che ci sono un paio di momenti molto bassi che fanno abbassare la qualità globale del disco. Spero per questo che il prossimo disco sia quello della completa rinascita!!
Rob
Lunedì 25 Giugno 2007, 20.27.12
27
E' vero GGGerrryyy!!! (A proposito ti saluta Diego ) Molto spesso i gruppi che sfornano dei capolavori, come quelli citati da te, diventano "vittime" del loro glorioso passato. Certo è che "SC", come ho già detto nella rece, resta il migliore degli ultimi 3 album....
GGGerry
Lunedì 25 Giugno 2007, 20.07.19
26
L'album non è per niente male a parte due tragedie colossali come "Constant Motion" (a mio avviso inspiegabile la sua pubblicazione su disco, per di più anche come singolo, visto che è un orrendo scimmiottamento dei Metallica, che c'entra anche poco con lo stile Dream Theater) e "Prophets Of War" (che inizia come "Bliss"). L'ascolto è godibile e ha anche dei picchi, sia melodici (la dolcezza di "Repentance" e la grinta di "Dark Eternal Night", le mie preferite), che tecnici (le due suite conclusive). Il problema dei Dream Theater è che "Image and words", "Awake" e "Scenes from a memory" non li rifaranno mai più, semplicemente perchè li hanno già fatti e anche perchè stanno pian piano invecchiando (forse nn così piano). Quindi i dischi a venire saranno sempre degli onesti prodotti di maniera con qualche intuizione suonati da dei mostri, a meno di qualche incrocio d'astri. Certo se al posto di quelle due vergogne ci fossero stati due pezzi tipo "Pull Me Under" e "
Salvo
Lunedì 25 Giugno 2007, 11.42.51
25
...come è giusto che la qualità è un parametro strettamente soggettivo, quindi non esiste il concetto di qualità in senso assoluto ma solo in senso relativo.
Rob
Venerdì 22 Giugno 2007, 13.42.45
24
Giustissimo...
Francesco GALLINA
Venerdì 22 Giugno 2007, 12.46.53
23
Certo che ognuno fa quel che vuole e , se ci riesce, si evolve. Il fatto è che, a nostro parere, in fatto di qualità assoluta questo è inferiore ai loro migliori lavori, tutto qui.
Giova!
Venerdì 22 Giugno 2007, 11.13.40
22
Sono contento di Systematic!ci sono delle linee sia di voce che strumentali stupende!su tutte James in TNOLS e ITPOE pt.2!strumentalmente da brividi in TDEN e nell'ultima,veramente un ottimo lavoro!per chi osa paraganoare i dream di oggi a quelli di 15 anni fa è un pazzo!non sono automi che fanno quello che vuoi a comando!grandi Dream
Haem
Giovedì 21 Giugno 2007, 17.25.43
21
Non è il massimo...avrebbero potuto fare molto meglio! 60
Rob
Mercoledì 20 Giugno 2007, 13.01.10
20
Ok Vince, nn temere che lo farò Ciao!
Vincenzo
Mercoledì 20 Giugno 2007, 11.52.34
19
Ti ringrazio Rob, ma come ho già scritto, credo che non l'ho ricevuta per problemi che credo abbia il mio dominio di posta su virgilio. Ho digitato un'altra mail che non presenta problemi. Se vuoi, puoi scrivermi là per qualsasi comunicazione/insulto
Rob
Mercoledì 20 Giugno 2007, 11.47.15
18
Ciao Vincenzo, per dovere di cronaca, volevo farti sapere che ti ho mandato una mail circa 10 giorni fa.
Vincenzo
Mercoledì 20 Giugno 2007, 9.05.52
17
Ad ogni modo, non credo che sarei obiettivo, come lo siete stati voi, nel recensire un disco di un gruppo che odio, quindi, forse, è meglio che non scriva niente su Systematic Chaos (non vorrei far scappare qualche lettore alla concorrenza . Magari manderò una recensione di un classico a Thomas che, se vorrà e se sarà di suo gradimento, provvederà a pubblicare. Ancora grazie. Saluti.
Vincenzo
Mercoledì 20 Giugno 2007, 9.02.09
16
Francè, ho guardato ma non c'è niente, forse avete digitato male il mio indirizzo, o forse non mi è arrivata la vs. mail perchè l'antivirus l'ha presa per spam (in effetti è un problema che sto avendo spesso). Vi dò l'altra mia mail, ringraziandovi di cuore del pensiero (non c'ra nessuna polemica nel mio post, sia chiaro).
Francesco gallina
Mercoledì 20 Giugno 2007, 8.27.52
15
Vincenzo, circa la paternità della triplice rece, noi volevamo farne una quadrupla, guarda la posta.
Vincenzo
Mercoledì 20 Giugno 2007, 7.54.12
14
In ogni caso mi fa piacere che ci sia in questa zine, l'oggettività giusta per recensire questo disco. Andando in giro per internet, ho letto certe recensioni davvero ridicole che sembravano scritte da parenti o dal manager di Petrucci. Il fatto è che la maggior parte dei vecchi fans dei DT si sta finalmente rendendo conto di quanto il gruppo americano li stia prendendo per il culo, e, ovviamente, per risollevarne le sorti, Labrie e soci tendono a fare sempre più musica per gli adolescenti dell'ultim'ora.
Vincenzo
Mercoledì 20 Giugno 2007, 7.48.04
13
Devo innanzitutto complimentarmi con la redazione per l'idea delle tre recensioni diverse (anche se ne rivendico la paternità ) e per la professionalità dei tre recensori. L'album, come dice giustamente Arakness, è l'ennesimo polpettone citazionistico di gruppi che vanno per la maggiore al momento e dei soliti gruppi del passato (primi fra tutti i Pink Floyd). I Dream Theater sono un gruppo davvero indecente. Con le loro qualità potrebbero fare faville e, invece, si accontentano di essere dei semplici cloni di altri. Davvero vergognosi. Peccato, perchè Images and Word era un album ottimo (anche se non mancavano rimandi a pezzi prog del passato).
Rob
Martedì 19 Giugno 2007, 17.34.31
12
Voglio dire... In "Prophets Of War", i Muse si sentono per il synth iniziale e la batteria di Portnoy soprattutto, ma non lo trovo fastidioso come in "Never Eneough", dove LaBrie giocava con gli effetti a fare il Bellamy...
francesco gallina
Martedì 19 Giugno 2007, 14.46.56
11
Anch'io se è x questo.
Rob
Martedì 19 Giugno 2007, 10.17.32
10
I Muse io li sento molto meno rispetto ad "Octavarium"...
francesco gallina
Lunedì 18 Giugno 2007, 23.26.05
9
L'assonanza di almeno un pezzo con i Metallica è evidentissima, i Muse sono spesso citati da un componente dei DT che li ammira, quindi....poi lo ripeto, meglio di gran parte della roba che esce ora, però.... in tema Prog Metal in questo momento preferisco i Suspyre.
Rob
Lunedì 18 Giugno 2007, 20.04.28
8
Per i motivi sopraelencati un album dei Dream Theater non è mai normale...
Salvo
Lunedì 18 Giugno 2007, 19.34.36
7
Personalmente lo ritengo un bel disco, lo ascolto a ruota continua da quando l'ho preso e ad ogni ascolto mi piace sempre di più. per me è un 80.
Yossarian
Lunedì 18 Giugno 2007, 17.31.25
6
A me nn dispiace, il fatto di parlare di indifferenza e poi scrivere 3 recensioni, implica che tanto normale quest'album nn lo è. Si menzionano i tallica ed i Muse, va beh ma paragonare questi 2 gruppi al giorno d oggi poi, un pò di vergogna io la sentirei. certo che possedere il bagaglio tecnico del Teatro e sentirsi dire che questo platter è normale è davvero un bel paradosso......andiamoci ad ascoltare S. Anger o Absolution, 2 pilastri portanti di innovazione e tecnica.....ciao!!!!
Zagor76
Lunedì 18 Giugno 2007, 15.02.15
5
Alla fine i tre diversi punti di vista non sono poi così distanti, quindi in conclusione sembra possa affermarsi che si tratta di un discreto lavoro. A me però la prova di LaBrie non ha convinto molto. VOTO: 70
Renaz
Lunedì 18 Giugno 2007, 13.58.53
4
L'ho detto e lo ripeto, non la leggerà nessuno
Rob
Lunedì 18 Giugno 2007, 13.45.48
3
Ehm... forse sono stato un pò lunghetto... sorry
Renaz
Lunedì 18 Giugno 2007, 12.23.16
2
In effetti Francè alla fine ci hai azzeccato solo tu...
Francesco gallina
Lunedì 18 Giugno 2007, 12.02.31
1
Ma lo avevate detto solo a me di essere molto sintetico?
INFORMAZIONI
2007
Roadrunner Records
Prog Metal
Tracklist
1. In The Presence Of Enemies Pt. 1
2. Forsaken
3. Constant Motion
4. The Dark Eternal Night
5. Repentance
6. Prophets Of War
7. The Ministry Of Lost Souls
8. In The Presence Of Enemies Pt. 2
Line Up
James LaBrie: voce
John Petrucci: chitarra, backing vocals
Jordan Rudess: tastiere
John Myung: basso
Mike Portnoy: batteria, percussioni, backing vocals
 
RECENSIONI
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]