Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Motley Crue - Saints of Los Angeles
21/07/2018
( 2270 letture )
Se c'è un gruppo che ha incarnato alla perfezione lo stereotipo “sesso, droga e rock 'n' roll”, questo risponde certamente al nome di Motley Crue: dubitiamo sia necessario ripercorre la lunga avventura di questo quartetto di ragazzi californiani, capaci di mescolare hard rock, punk ed heavy metal, di scandalizzare più o meno metà del mondo civilizzato con i loro testi ed atteggiamenti, di vendere oltre cento milioni di album e di sfiorare più volte la morte a causa dei loro eccessi. Al di là di quel che si può legittimamente pensare su Nikki Sixx e soci come persone e sulla loro musica, negare la loro importanza per il mondo dell'hard rock e del cosiddetto glam metal è semplicemente impossibile: prima di autodistruggersi per liti interne ed abusi di ogni tipo, i quattro hanno scritto alcuni capolavori della storia del rock, fra i quali meritano di essere annoverati quantomeno Shout at the Devil, Girls Girls Girls e soprattutto Dr. Feelgood.

Quest'oggi, tuttavia, non ci occupiamo di un capolavoro, ma di un semplice, onesto e buon lavoro di caro, vecchio hard rock, che ha poi costituito anche l'ultimo lascito in studio dei Motley Crue; stiamo dunque parlando di Saints of Los Angeles, edito nel 2008 e rivelatosi, nonostante alcune successive voci poi dimostratesi infondate, l'ultimo atto di una storia iniziata ventisette anni prima, con Too Fast for Love. Si tratta, come detto, di un buon album, a tratti molto buono, che, con il senno di poi, ha chiuso la carriera della band di Los Angeles in modo più che dignitoso, anche grazie all'apporto compositivo di DJ Ashba e James Michael, compagni di Nikki Sixx nei suoi Sixx:A.M..
Dopo una intro a dire il vero piuttosto lunga, Face Down in the Dirt inaugura l'album con una discreta scarica di adrenalina, mostrandoci un Tommy Lee in buona forma ed un Mick Mars misurato ed efficace. Anche la voce di Neil, uno dei talloni d'Achille del gruppo nei suoi ultimi anni, specie dal vivo (parliamo per esperienza diretta), fa il suo sporco dovere, regalandoci pertanto un buon inizio. What's It Gonna Take bissa il suddetto buon inizio, mostrandosi più camaleontica rispetto al pezzo precedente e non disdegnando saltuari accenni blues rock; Mars è nuovamente sugli scudi ed è quasi commovente pensare che riesca ancora ad offrire performance di questo livello, nonostante la ben nota malattia che lo affligge da decenni. I suoi riff puntellano anche la più heavy Down at the Whisky, dove si fa notare anche la sezione ritmica, davvero abile e precisa. L'eccellente inizio di Saints of Los Angeles culmina nella titletrack, con ogni probabilità il miglior pezzo del disco ed uno dei migliori partoriti dalla penna dei Crue negli ultimi venti anni: un basso quasi lugubre ed atmosferico ci accompagna verso un riff di chitarra incalzante, con la voce di Neil che offre una delle prove più convincenti e linee vocali che faticherete a non cantare a squarciagola. Sembra davvero di essere tornati negli anni 80, quando la band sfornava grandi canzoni a ripetizione! Anche Mutherfucker of the Year, secondo singolo dell'album, conferma l'elevato livello qualitativo della prima parte del disco, benché, come detto, la nostra preferenza vada proprio a Saints of Los Angeles. Animal in Me mostra l'importanza dell'apporto compositivo di Michael ed Ashba in un brano che può effettivamente ricordare qualcosa dei Sixx:A.M., con melodie a metà fra anni ‘80 e modernità. Welcome to the Machine, omonima del piccolo capolavoro pinkfloydiano, continua su una strada heavy di stampo recente, con il solito Mars sugli scudi, ma convince meno rispetto ai brani precedenti, al pari della successiva Just Another Psycho, che pure beneficia di un buon ritornello. Il piccolo momento di empasse è tuttavia prontamente superato grazie alla divertente e stradaiola Chicks = Trouble, pezzo di stampo più classico che diverte e convince in tutte le sue parti; si prosegue con la valida This Ain't a Love Song, ben interpretata da Neil, mentre è la sezione ritmica a giganteggiare su White Trash Circus, uno dei brani migliori della seconda metà di Saints of Los Angeles. Gli hard rocker incalliti, tuttavia, saranno senza ombra di dubbio conquistati maggiormente dalla rapida Goin' Out Swingin', un piccolo pezzo di bravura dei musicisti ed anche di Neil, abile nel conferire spessore ad un ritornello particolarmente veloce e catchy.

Non resta molto altro da aggiungere: Saints of Los Angeles è davvero un buon disco, a tratti ottimo, che costituisce il miglior prodotto in studio di casa Crue almeno dal 1994, anno di pubblicazione del sottovalutato, eponimo disco. Rispetto alle prove immediatamente precedenti, per di più abbastanza lontane del tempo, questo album suona fresco, potente, divertente e dannatamente ben suonato, il che ci fa comprendere come la band di LA, al di là dei rotocalchi, delle vicende personali a tratti drammatiche e degli eccessi, sia sempre stata animata da un cuore fieramente rock.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
76.25 su 8 voti [ VOTA]
Tbone
Mercoledì 31 Ottobre 2018, 23.45.06
31
I crue sono il mio gruppo preferito, li ho amati alla follia! Cmq voglio essere obbiettivo, credo che sia dall'89 che non scrivono un album decente, saints è un disco di mestiere, l'ononimo che non è un disco dei crue è molto bello, purtroppo tutti vogliono i crue con vince che diciamo la verità : dal vivo è pietoso! Visti 4 volte dal 2005, ogni volta sempre peggio e si vede che e proprio una reunion fatta per fare cassa, si stanno sui coglioni e sul palco si vede che sono venuti a fare il compitino. Mio personale parere da fan.
Maurilio
Mercoledì 31 Ottobre 2018, 23.17.12
30
Ascoltato diverse volte, purtroppo non ci siamo secondo me....
Andy
Lunedì 3 Settembre 2018, 0.00.22
29
questo fu un grande ritorno con alcune ottime songs!!!....aggiungerei anche if i die tomorrow del precedente best of che ci stava con l'insieme modernista!!!!
Voivod
Lunedì 23 Luglio 2018, 16.26.09
28
Album poco ispirato...riflette l'acronimo del titoLo: S.O.L.A....
P2K!
Lunedì 23 Luglio 2018, 9.13.29
27
Un buon disco, un po' di mestiere e che leggendo i credits dei brano andrebbe preso per un "QUASI" disco dei Sixx A.M., con quell'anatra starnazzante di Vince Neil alla voce.
Bestial Invasion 98
Domenica 22 Luglio 2018, 23.07.01
26
Condivido in pieno la rece, me lo sono riascoltato dopo tempo sta sera. Ricordo che quando uscì avevo 10 anni e la canzone Saints of Los Angeles mi da ancora mille emozioni come 10 anni fa
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 21.27.31
25
Quello di Vince è molto carino e si scopre un personaggio sicuramente più profondo di quello che si potrebbe pensare. Quello di Tommy è divertente, lui è un cazzone. Quindi direi di si. A me son piaciuti.
Mulo
Domenica 22 Luglio 2018, 21.22.47
24
Come sono i libri di Vince e Tommy,aggiungono qualcosa a dirt e heroine diaries?
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 21.20.59
23
Io ho letto anche il libro di Vince a quello di Tommy. Si comunque a quel tempi erano tutti fuorissimi e i rapporti erano tesissimi .
Mulo
Domenica 22 Luglio 2018, 21.11.59
22
Io ho letto The Dirt e Heroine diaries e da quel che c’e Scritto i rapporti con Vince ai tempi di Theatre e Girls erano pessimi, tregua in Feelgood e poi licenziamento..... Adesso nn saprei in che rapporti sono...
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 21.07.46
21
Ho letto qualsiasi merda abbiano scritto, quindi qualche idea me la sono fatta. : D
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 21.06.31
20
Non è cosi mulo. In realta col tempo tra Vince e i vari compagni s'instaurò una buona amicizia. L'unico a non sopportare Neil era Tommy, anche se comunque in questi ultimi anni i due si sono un pò riappacificati.
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 21.03.02
19
Ok. Ora ho capito. Si la prima reunion fu una farsa difatti andò di merda. La seconda no, fu voluta da Nikki Sixx, e in seguito da tutta la band, e per fortuna ci riuscirono. È tra l'altro Han saputo smettere nel momento giusto. Quindi chapeaux
Mulo
Domenica 22 Luglio 2018, 21.01.09
18
Neil non lo sopportavano già ai tempi dell’incidente che costò la vita a Razzle,resto dell’idea che già ai tempi sia intervenuto il management e l’elektra x farsi che i 3 nn scaricassero Neil visto che la band era in grandissima ascesa...
Metal Shock
Domenica 22 Luglio 2018, 20.21.36
17
Esattamente! La reunion fu voluta dai manager dei Crue, visto che Tommy e Nikki proprio non sopportavano più Vince, tant'è che loro avevano già composto Generation swine pensato per la voce di Corabi e poi cantata dal biondo con risultati pessimi. Non penso che in questi anni si siano mai amati e a mala pena sopportati. Più farsa di così. Poi il valore di dischi e concerti è soggettivo, per me i Crue sono morti con l'omonimo del 1994, ciò che è venuto dopo non mi ha mai preso.
Mulo
Domenica 22 Luglio 2018, 19.04.16
16
Galilee,MS intende reunion farsa xchè dopo il flop del disco del '94 nessuno voleva richiamare Neil ma la elektra li obbligò a farlo altrimenti afvrebbe rescisso il contratto multimilionario che aveva stipulato con loro dopo il trionfo di Feelgood.Penso intenda questo x reunion farsa....
Galilee
Domenica 22 Luglio 2018, 14.56.27
15
Reunion farsa de che e perché? Viva le reunion farsa allora. Visto che ho visto uno dei Live più belli di sempre, ho goduto di un disco come questo che la maggior parte delle band odierne e old si sognano, vista l'onestà della proposta tra l'altro, più tanto materiale inedito old fuori catalogo finalmente confezionato come si deve.
Metal Shock
Domenica 22 Luglio 2018, 13.11.09
14
Anche per me disco carino e nulla più. Dopo Dr.Feelgood e l'omonino con Corabi per me i Crue dopo la reunion farsa con Neil hanno non hanno più fatto dischi che potessero essere allo stesso livello del passato. Voto 60.
HeroOfSand_14
Domenica 22 Luglio 2018, 13.05.45
13
Gran disco, ricordo quando vidi passare il video della titletrack penso 8-9 anni fa su Rock Tv e da li scoprii i Motley, gruppo che ho apprezzato parecchio in passato. Questo disco suona bene, fresco e pieno di ottimi brani come, appunto, la titletrack, Down At The Whisky, Face Down In The Dirt e la cattiva White Trash Circus. Ottimo come back insomma
Mulo
Sabato 21 Luglio 2018, 22.19.44
12
Bel disco,canzoni in stile Crue che catturano subito. Bravi,voto giusto.
Galilee
Sabato 21 Luglio 2018, 18.40.11
11
Ottima recensione Barry.
Galilee
Sabato 21 Luglio 2018, 18.39.40
10
Ottimo disco e grande album di fine carriera. Suona bene, suona Motley e suona moderno. In più le Song sono tutte più che dignitose più una manciata di pezzi superlativi. Yeah. 80/100
Savatta I
Sabato 21 Luglio 2018, 17.47.51
9
A me è piaciuto di più New Tattoo. Questo è comunque buono. Generation Swine invece, per me è proprio una cagata colossale.
Bright Light
Sabato 21 Luglio 2018, 17.39.34
8
Anche per me il miglior album dopo Dr. Feelgood, meglio del per me noioso omonimo, del pessimo GS e dello spento NT. Detto questo, resta tutto tranne che un capolavoro, un lavoro da 70, degna chiusura del carrozzone
Argo
Sabato 21 Luglio 2018, 16.56.14
7
Band che amo alla follia, ma disco che reputo inutile, si salvano giusto le canzoni nr. 4 e 5.
duke
Sabato 21 Luglio 2018, 15.02.47
6
grande band...buon album....restano dei maestri dell' hard rock usa......fa sempre piacere sentire un loro album....
Enrisixx
Sabato 21 Luglio 2018, 14.14.42
5
Sempre grandi buon album voto 85
nonchalance
Sabato 21 Luglio 2018, 12.28.19
4
Sì, è vero..questo è proprio "carino"!
tino
Sabato 21 Luglio 2018, 12.22.11
3
Carino niente di particolare ma comunque piacevole.
lux chaos
Sabato 21 Luglio 2018, 10.50.40
2
Concordo, il migliore da Dr. Feelgood (dato che l'acclamato omonimo non mi fa impazzire, cosi come i due successivi), una bella chiusura di carriera!
Radamanthis
Sabato 21 Luglio 2018, 10.45.51
1
Un gran bel disco ascoltato e riascoltato quando uscì! Mi sa che oggi gli dò una rinfrescata all'ascolto! Voto 77 corretto
INFORMAZIONI
2008
Motley Records / Eleven Seven Music
Hard Rock
Tracklist
1. L. A. M. F.
2. Face Down In The Dirt
3. What's It Gonna Take
4. Down At The Whisky
5. Saints Of Los Angeles
6. Mutherfucker Of The Year
7. The Animal In Me
8. Welcome To The Machine
9. Just Another Psycho
10. Chicks = Trouble
11. This Ain't A Love Song
12. White Trash Circus
13. Goin' Out Swingin'
Line Up
Vince Neil (Voce, Chitarra)
Mick Mars (Chitarra)
Nikki Sixx (Basso)
Tommy Lee (Batteria)

Musicisti Ospiti
James Michael (Tastiere, Cori)
Marti Frederiksen (Cori)
Melissa Harding (Cori)
 
RECENSIONI
77
73
75
83
99
93
79
90
80
ARTICOLI
30/03/2019
Articolo
MOTLEY CRUE
The Dirt - Il film visto da Metallized
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]