Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SILENT BULLET THEORY
Divine Ways of Chaos

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

CONCERTI

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

Gioeli-Castronovo - Set the World on Fire
25/07/2018
( 801 letture )
La collaborazione che ci propone oggi la nostra Frontiers Music non è esattamente nuova: Johnny Gioeli e Deen Castronovo, infatti, entrambi cantanti e musicisti acclamati, hanno già lavorato assieme nell'ormai lontano 1992, anno di debutto degli Hardline. Chi ricorda le melodie di Double Eclipse sa pertanto molto bene cosa aspettarsi da questi due navigati amanti del rock melodico, tanto più se consideriamo che, ad affiancarli, troviamo due autentiche garanzie come Alessandro Del Vecchio e Nik Mazzucconi, oltre all'esperto Mario Percudani. Con questi “genitori”, è normale che una creatura come Set the World on Fire nasca sotto buonissimi auspici.

Come detto, i due sono noti per il loro amore sperticato per un rock non troppo pesante, ma infarcito di piacevoli inserti melodici: la title-track, strategicamente posta ad inizio album, mostra infatti una interessante alternanza fra parti più delicate ed altre più tipicamente rock, sostenute dall'eccellente batteria; le voci dei due cantanti, ben riconoscibili, si dividono le parti vocali, ma spesso cantano all'unisono, risultando una gioia per le orecchie. A voler essere pignoli, il ritornello del brano ricorda un po' troppo quello di Hunting High and Low, degli Stratovarius, ma ci sentiamo di perdonare i nostri amici. Through è AOR puro e semplice, nonché, va detto, molto ben fatto; le tastiere non sono mai invadenti e gli altri strumenti tessono un gradevole sottofondo che i due singer interpretano in maniera più che convincente, in particolare Castronovo. Anche Who I Am predilige la melodia ed è dotata di una struggente linea vocale, molto ben composta e, tanto per cambiare, splendidamente interpretata; è ovvio (ed era ampiamente immaginabile) che il fulcro dei brani siano proprio le linee vocali affidate ai due assi del microfono, con la musica di fatto messa al loro servizio, ma fa comunque piacere vedere che i musicisti riescono a dare un tocco personale al tutto; il lavoro di Mazzucconi sulla canzone appena analizzata, ad esempio, è davvero interessante. Fall Like an Angel, dove si mette in evidenza anche Del Vecchio, ci riporta dritti agli anni 80, anche se in tutta sincerità ci sentiamo di preferirle It's All About You, altro brano AOR decisamente più emozionante; molto valido, fra le altre cose, l'assolo di chitarra. Passata la cover Need You Now dei Lady Antebellum, non indimenticabile a dire il vero, si torna su livelli elevati con Ride of your Life, introdotta da una bella melodia di pianoforte e beneficiaria dell'ennesima, valida linea vocale. Il talento di questi ragazzacci e dei loro partner per l'occasione è davvero di prim'ordine! Mother è infarcita di cori che delizieranno gli amanti del rock melodico, ma è Walk With Me la vera perla di questa seconda metà dell'album: una ballad dolce, struggente e splendidamente eseguita, che scioglierà il cuore del più rude metallaro. Se però gradite un po' di energia in più, allora a far per voi è certamente Run for your Life, canzone decisamente più hard rock dove assistiamo ad una delle migliori prove di Gioeli di tutto Set the World on Fire. A chiudere questo bel viaggio provvedono l'atmosferica Remember Me e la valida Let Me Out.

Spesso la Frontiers viene tacciata di produrre dischi in fotocopia: qui, però, abbiamo a che fare con un prodotto certamente non innovativo o destinato a cambiare la storia del rock, ma ben suonato, egregiamente composto e dotato di alcune canzoni sinceramente emozionanti; le voci dei due cantanti si sposano alla perfezione e regalano momenti che, onestamente, possono essere definiti soltanto di ottima musica.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
65 su 2 voti [ VOTA]
tino
Mercoledì 25 Luglio 2018, 14.22.42
2
Direi che l’ultima frase della recensione è abbastanza indicativa della realtà nel senso che la frontiers all’apparenza sforna una marea di dischi perfettini, senza una virgola fuori posto, con questi supergruppi assemblati ad hoc che magari manco si incontrano ma si limitano ad incidere le proprie parti ognuno a casa propria. Però spesso il supergruppo è difficile che faccia breccia più di quel tanto specie se deve emergere in un mare di apparente perfezione e melodia che rende il tutto prevedibile (anche se gradevole) e di conseguenza può disincoraggiare gli ascolti. Comunque questi due sono veramente bravi, vocalmente parlando, anche se non sono per nulla personali, gioeli troppo simile al (vecchio) bon jovi e castronovo a steve perry, comunque ci sta, musicalmente quello che emerge è che il nostrano del vecchio è veramente un talento come pochi e meriterebbe di uscire dalla nicchia per calcare palchi maggiori. Tornando al discorso frontiers è curioso notare come il gruppo melodico anni 80 vincente su tutti i fronti non sia nella loro scuderia ma bensì alla blast, sto parlando dei night flight orchestra il quale ultimo lavoro è straordinario.
Graziano
Mercoledì 25 Luglio 2018, 12.58.43
1
Di solito non sono amante di questi progetti partoriti a tavolino, tuttavia per una volta son stato costretto a ricredermi. L'album non inventa nulla di nuovo, ma ha una freschezza compositiva ed interpretativa che spinge al riascolto. Voto 80.
INFORMAZIONI
2018
Frontiers Music
Hard Rock
Tracklist
1. Set The World On Fire
2. Through
3. Who I Am
4. Fall Like An Angel
5. It’s All About You
6. Need You Now
7. Ride Of Your Life
8. Mother
9. Walk With Me
10. Run For Your Life
11. Remember Me
12. Let Me Out
Line Up
Johnny Gioeli (Voce)
Deen Castronovo (Voce, Batteria)
Mario Percudani (Chitarra)
Alessandro Del Vecchio (Tastiere, Cori)
Nik Mazzucconi (Basso)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]