Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

CONCERTI

14/10/19
VOLBEAT + BARONESS + DANKO JONES
FABRIQUE - MILANO

14/10/19
OMNIUM GATHERUM + IN MOURNING + HEIDRA
LEGEND CLUB - MILANO

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

The Black Dahlia Murder - Nightbringers
29/07/2018
( 667 letture )
Contraddistinti da uno stile piuttosto personale ed eclettico, anche se ormai con gli anni consolidato, i Black Dahlia Murder tornano a dire la loro ancora una volta. Si tratta dell’ottavo album in studio della loro carriera. Inizialmente non troppo semplice da digerire, Nightbringers ama svelare le sue carte nascoste un po’ per volta, un ascolto dopo l’altro. Dote rara, riservata perlopiù alle opere artistiche di un certo rilievo. Non sto con questo affermando che l’album qui esaminato sia un capolavoro, questo no di certo; ne siamo anzi davvero lontani. Però non vi sono dubbi che il quintetto di Detroit abbia dalla sua almeno un paio di chiavi vincenti: quella del talento verso i generi di musica estremi e quella (sempre importantissima) della duplice esperienza in studio e dal vivo.

Non un capolavoro, dicevo. Non lo è perché manca una considerevole dose di elementi innovativi in grado di trasformare ancora una volta la musica del gruppo. Lo stile personale, appunto. Già questo potrebbe essere una plausibile spiegazione del motivo per il quale la band non osi più sperimentare ulteriormente: vi sono troppe cose oramai consolidate, cose che “funzionano già perfettamente bene così come sono”, e che permettono ai cinque musicisti di Michigan di lasciare il solco a ogni loro passaggio. Un solco distintivo, chiamato, ovviamente, originalità.
Dunque, lo stile è quello che ogni fan dei Black Dahlia Murder si aspetterebbe di sentire da parte loro: un veloce melodic death metal farcito di riff taglienti e ritmi martellanti. Fin qui tutto bene, certo, anzi: benissimo. Ma poi il punto debole, segnato dal fatto che tutto ciò non sembra bastare nel soddisfare le esigenze del gruppo, il quale sfocia sovente nel deathcore e in tutta la sua energia deflagrante. Accade così che le linee vocali si assestano un po’ troppo spesso in uno scream prolungato e talvolta fastidioso, tipico appunto di generi quali metalcore e deathcore, e il growl gutturale della grande tradizione death finisce relegato in seconda posizione soltanto. Sebbene non siano presenti cambi di tempo e passaggi maggiormente granitici, i musicisti riescono comunque a fare pieno sfoggio delle loro abilità tecniche che incontrano il loro picco massimo negli assoli di chitarra. Questi ultimi sono frequenti e sempre molto ispirati, risultando così essere delle vere e proprie sezioni fondamentali in ogni brano. Belli anche i riff, che si ritrovano però a dover pagare eccessivamente la tendenza della band ad “andare sempre avanti spedita come un treno”, senza rallentare mai. Qualche rallentamento qua e là avrebbe di certo permesso alle parti ritmiche di risaltare maggiormente, magari sfociando in qualche bel groove poderoso.

Nightbringers è sicuramente un album eccellente e ben curato sotto ogni aspetto. Non sembrano esserci dei riempitivi e l’ascolto fila liscio fino in fondo terribilmente presto, senza mai annoiarsi o distrarsi. Anche se, va notato, la sua lunghezza è piuttosto contenuta: trentatré minuti. È importante, come detto già in apertura, ascoltare più volte, anche in successione, l’album, perché ogni traccia è così densa e veloce che sicuramente molte sfumature sfuggono ed è bene recuperarle con l’ascolto successivo. Un ascolto discreto, nulla più, nulla meno.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
Steelminded
Giovedì 22 Novembre 2018, 21.12.48
3
Comunque, a parte la classificazione in death melodico che mi trova assolutamente in disaccordo , bella recensione che condivido abbastanza. Buon lavoro dei TBDM! Evviva!
Steelminded
Giovedì 22 Novembre 2018, 21.09.37
2
Melodic death... ma che melodic death???
Earthformer
Mercoledì 5 Settembre 2018, 23.11.04
1
Tra i miei dischi preferiti dell'anno scorso, non siamo sicuramente ai livelli di nocturnal ma ci si avvicina abbastanza, un disco ottimo in tutti i suoi punti a mio parere : dalla voce, alle chitarre, alla sezione ritmica, hanno fatto centro con questo disco . Un 80 da me se lo prende tutto .
INFORMAZIONI
2017
Metal Blade Records
Melodic Death
Tracklist
1. Widowmaker
2. Of God and Serpent, of Spectre and Snake
3. Matriarch
4. Nightbringers
5. Jars
6. Kings of the Nightworld
7. Catacomb Hecatomb
8. As Good as Dead
9. The Lonely Deceased
Line Up
Trevor Strnad (Voce)
Brian Eschbach (Chitarra)
Brandon Ellis (Chitarra)
Max Lavelle (Basso)
Alan Cassidy (Batteria)
 
RECENSIONI
66
s.v.
70
60
50
50
85
ARTICOLI
25/08/2018
Live Report
THE BLACK DAHLIA MURDER
Circolo Magnolia, Segrate (MI), 20/08/2018
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]