Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
RISE OF THE NORTHSTAR
The Legacy of Shi

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
EXXXEKUTIONER
Death Sentence

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
EADEM
Luguber

19/10/18
THE STICKY FINGERS LTD.
Point of View

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
NORTHWARD
Northward

CONCERTI

17/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ALCATRAZ - MILANO

17/10/18
LUCIFER
VINILE - BASSANO DEL GRAPPA (VI)

17/10/18
CARNIVAL OF FLESH + RABID + DANNATI
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

Two of a Kind - Rise
05/08/2018
( 353 letture )
Meglio tardi che mai: così potremmo sintetizzare la pubblicazione del secondo disco dei Two of a Kind, che vede la luce a distanza di ben undici anni dal primo, omonimo lavoro in studio; nata per iniziativa di Fred Hendrix dei Terranova, la band propone, oggi come allora, un hard rock molto melodico che strizza l'occhio ai giganti del genere, come i Boston, pur non disdegnando citazioni degli Heart delle sorelle Wilson; come sempre in questo genere di lavori, la bravura dei musicisti coinvolti sta nel dosare sapientemente parti più tipicamente rock ed altre più catchy.

Rispetto all'ottimo esordio del 2007, tuttavia, questo Rise, caratterizzato da una bellissima ed evocativa copertina, colpisce sicuramente meno, pur trattandosi comunque di un discreto prodotto: le danze sono aperte dalla rockeggiante Here is the Now, caratterizzata dai validi riff del chitarrista Gesuino Derosas e dalle acrobazie vocali delle due cantanti, Ester Brouns ed Anita Craenmehr. Anche Ron e Fred Hendrix fanno la loro parte con i loro strumenti, regalando già all'inizio una delle tracce migliori di tutto Rise. Rock your World, a dispetto di un'altra valida prova delle due padrone del microfono, non convince come la traccia precedente, forse a causa di un ritornello in salsa gospel che, pur valido, viene prolungato in maniera eccessiva; poco male, la sostenuta Wheel of Life riporta l'album su buoni livelli, benché la produzione, un po' troppo concentrata sulle cantanti, non permetta di apprezzare appieno la valida prestazione degli strumentisti. Viene poi il momento di una ballad, la gradevole, seppur non indimenticabile Naked, punteggiata dal basso di Fred Hendrix, prima dell'arrivo della title-track: rispolverando sonorità più robuste, i Two of a Kind ci regalano un altro degli indiscutibili highlights del disco, ben sostenuto dalla chitarra del solito Derosas e da una sezione ritmica in stato di grazia; il ritornello, nuovamente molto arioso ed in stile vagamente gospel, appare meglio congegnato e più coinvolgente rispetto a quello di Rock your World; da sottolineare, infine, anche sporadici passaggi quasi prog, alle tastiere, da parte di Ron Hendrix. Touch the Roof prosegue su questa falsariga, mostrandoci un altro pezzo dove i musicisti sono bravi nell'alternare porzioni più tipicamente hard rock ad altre palesemente AOR. Se Higher convince francamente meno, eccessivamente infarcita di tastiere com'è, la ballad Alienation costituisce sicuramente un brano più valido ed interessante. Anche It Ain't Over, al pari di Higher, fatica un po' più del dovuto ad entrare nei nostri cuori, mentre Without You torna a farci spuntare un convinto sorriso sulle labbra. Si chiudono le danze, infine, con la suggestiva, ariosa Run Girl, dove le ragazze tornano a mostrare di che pasta siano fatte.

Come detto, Rise convince complessivamente meno dell'esordio, ormai risalente ad undici anni or sono: ad alcune canzoni onestamente degne di applausi a scena aperta, si alternano infatti brani molto pomposi, che però non “mordono” come necessario, risultando troppo anonimi. Fortunatamente la classe dei musicisti è di prim'ordine e consente loro di lasciarsi alle spalle, senza troppi danni, qualche passaggio a vuoto.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
55 su 1 voti [ VOTA]
Paolo Emilio
Venerdì 24 Agosto 2018, 11.22.46
1
Recensisci anche il primo - bellissimo - Grazie!
INFORMAZIONI
2018
Frontiers Music
AOR
Tracklist
1. Here Is The Now
2. Rock Your World
3. Wheel Of Life
4. Naked
5. Rise
6. Touch The Roof
7. Higher
8. Alienation
9. It Ain’t Over
10. Without You
11. Run Girl
Line Up
Esther Brouns (Voce)
Anita Craenmehr (Voce)
Gesuino Derosas (Chitarra)
Ron Hendrix (Tastiere)
Fred Hendrix (Basso)
Hans In’t Zandt (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]