Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

Exalt Cycle - Across The Ashes And The Roots
( 2749 letture )
Gli Exalt Cycle sono una realtà emergente della scena milanese, all'esordio con questo Across The Ashes And The Roots composto da dieci brani in tutto (inclusa una breve intro) in cui si propone un crossover di chiara matrice statunitense, con riferimenti abbastanza evidenti a Korn, Deftones, Rage Against The Machine etc. La musica proposta alterna, di conseguenza, parti dure e massicce ad altre più rarefatte e riflessive, con il basso in primo piano ed arpeggi puliti di chitarra. La voce si muove tra vari stili, passando dall'impostazione americana "west coast" tipica dell'hip hop anni '90 a parti melodiche e ad altre più ruvide e violente. I testi affrontano spesso tematiche sociali e politiche, caratteristica, questa, sottolineata dalla band stessa, come un preciso intento del progetto. I brani rispondo tutti abbastanza fedelmente ad un certo tipo di struttura e questo, se da una parte fornisce una buona omogeneità e riconoscibilità alla proposta, non aiuta a fare rilievi particolari su canzoni che escano fuori dal "coro del disco", che si mantiene su una cifra stilistica pressochè costante per circa quaranta minuti, pur senza disdegnare qualche incursione in sonorità vagamente tribali e "Sepulturiane". Nel corso del platter la band mette certamente in luce delle potenzialità e dei margini di miglioramento, ma per adesso non è sembrata ancora in grado di fornire spunti di particolare interesse o eccezionale creatività/originalità. Su questo ci è parsa pesare almeno in parte la scelta di un approccio che, già da qualche anno, mostra di aver regalato molto di ciò che poteva esprimere. E' lecito attendersi uno sviluppo abbastanza accentuato da questo progetto, specialmente in virtù dell'età media dei componenti della band, ma per ora non ci siamo potuti spingere molto in alto come valutazione. In ogni caso le capacità non mancano: ad majora.


VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
40 su 28 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2007
Autoprodotto
Crossover
Tracklist
01. Intro
02. U Got Deserve
03. Soldier Child
04. Anti Myth
05. Naked Think
06. Monk Instrumental
07. Monkey
08. Rising
09. Digger
10. Nothing Control
Line Up
Zack - vocals
Wolverine - guitar
Balo - drums
Andrea - bass
 
RECENSIONI
76
58
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]