Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Alexander Roland Freilich
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

30/12/18
FERAL
Flesh for Funerals Eternal

04/01/19
LEGION OF THE DAMNED
Slaves Of The Shadow Realm

CONCERTI

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

21/12/18
METHEDRAS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

21/12/18
SPLEEN FLIPPER
OFFICINE SONORE - VERCELLI

21/12/18
AMTHRYA + DANNATI + EFYD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

22/12/18
METHEDRAS
L'ANGELO AZZURRO - GENOVA

22/12/18
NANOWAR OF STEEL
EXENZIA DER CLUB - PRATO

22/12/18
DEWFALL + FYRNIR
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

22/12/18
NATIONAL SUICIDE + ADVERSOR + UNORTHODOX
THE FACTORY - VERONA

22/12/18
PARMA METALHEADZ FESTIVAL
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

22/12/18
ESSENZA + GUESTS
CLUBHOUSE MESSAPI - TORRE SUDA (LE)

With the End in Mind - Unraveling; Arising
06/08/2018
( 419 letture )
Per i fan di Wolves in the Throne Room, Altar of Plagues e Panopticon: questo è ciò che è indicato sul materiale promozionale relativo all’esordio degli With the End in Mind, composto in verità già nel 2016 ma rilasciato ufficialmente quest’anno dalla Temple of Torturous. Dobbiamo tuttavia parlare in questo caso di one-man band, dal momento che dietro il monicker si cela la mano e l’intelletto di un’unica personalità ovvero Alexander Roland Freilich servitosi, per l’occasione, di una cospicua rosa di guest. L’ascolto del disco non può che confermare l’impressione data dai riferimenti offertici dalla label: Unravelling; Arising rappresenta difatti una sintesi di quanto prodotto in ambito cascadian, black atmosferico e post black negli anni più recenti. Ciò si rende palese sin dall’etereo incedere della traccia di apertura, Signs the Sky, affidato ad un arpeggio avvolgente e morbido, contornato da delicati cori maschili. Il brano tuttavia si serra mediante blast beat e tremolo, questi ultimi tratteggianti melodie dal carattere solenne e malinconico a un tempo. Allentamenti in slow tempo, dominati da un guitar work particolarmente intriganti, danno corpo e dinamismo ai ben oltre quattordici minuti di cui si compone il brano. Anguish Symmetry, sebbene più straziante sin dai primi secondi -scanditi da screaming, pelli e poche linee di chitarra- mostra un carattere piuttosto simile all’opener, sia per strutture e stilemi che per uso delle linee melodiche. La title track è indubbiamente il brano avente il minutaggio più esile: si tratta peraltro di un intermezzo atmosferico affidato essenzialmente a cori e tastiere, quasi fosse una cesura tra le due metà del platter. Segue From The Source, esordiente con un giro di accordi in chitarra acustica, ben presto raggiunto da flauti ed un vellutato sottofondo di archi e sonagli, sicché abbiamo quasi l’impressione di esser trasportati in una foresta lussuriosa e verdeggiante. Il drammatico timbro dello screaming di Freilich irrompe introducendoci alla sezione più blackeggiante della composizione che si mantiene assolutamente azzeccato e coinvolgente, sia in virtù del dinamismo della componente ritmica sia per via della pervasività delle soluzioni melodiche utilizzate. A chiudere Unraveling; Arising è Wheeling, Endlessy Wheeling in cui l’incipit in slow tempo è seguito da un pregevole gioco tra chitarre arpeggiate ed archi languidi e sofferenti. Sono questa volta le vellutate vocals femminili di Caitlin Fate a duettare con Freilich. L’intreccio delle linee vocali segue il filo di un crescendo tormentoso sino alla conclusione, nella quale a farsi sempre più incisivo -persino più dei blast beat e dei tremolo- è proprio il violino.

Non si può certo dire che Unravelling; Arising sia un lavoro poco riuscito o poco raffinato. Pur essendo un esordio, infatti, mostra un songwriting consapevole e già maturo, in grado di tratteggiare tracce convincenti e coerenti, in grado di tener desta l’attenzione dell’ascoltatore -e considerando la durata non esigua delle stesse, non è senz’altro da tutti. Ciò che tuttavia manca ai nostri sono la freschezza e la spontaneità derivanti dall’uso di una formula ben nota e collaudata, messa in atto da più illustri e precedenti esempi. Sebbene ciò renda la release ben poco memorabile nel mare magnum del black atmosferico statunitense, non mancherà di rappresentare un ascolto gradevole e ben apprezzato da parte di chiunque apprezzi le sonorità qui delineate. I nostri sono dunque promossi, sebbene non a pieni voti, sperando che in futuro si mostrino più coraggiosi ed intraprendenti.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
ToT Records
Black
Tracklist
1. Sings the Sky
2. Anguish Symmetry
3. Unraveling; Arising
4. From The True Source
5. Wheeling, Endlessly Wheeling
Line Up
Alexander Roland Freilich (Voce, Basso, Chitarra, Percussioni)

Musicisti Ospiti:
Caitlin Fate (Voce, Tastiera)
Kyle Valery (Chitarra)
Tom Boyer (Basso)
Pierson Roe (Batteria)
SPNR (Violino)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]