Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Magnum
The Serpent Rings
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

28/01/20
SABATON + APOCALYPTICA + AMARANTHE
ALCATRAZ - MILANO

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

Sodom - Masquerade in Blood
31/08/2018
( 1547 letture )
Mai come nel caso degli anni 90, forse, fu la decade di appartenenza a decretare, nel bene e nel male -più il secondo- le derive intraprese da moltissime band che negli anni 80 avevano fatto fortuna. L'irrompere sulla scena di stili che sembravano relegare nell'angolo il metal tradizionale in quasi tutte le sue forme espressive, fortemente assecondate da case discografiche interessate solo a guadagnare quanto più possibile dal trend del momento prima di passare a spremere il limone successivo, tolse molte delle certezze precedentemente acquisite. Moltissimi gruppi si sciolsero, quelli che decisero di continuare come avevano sempre fatto incontrarono nella maggioranza dei casi difficoltà di sopravvivenza, ed altri andarono incontro ad una scelta più o meno cosciente. Quella di cambiare stile cercando di assecondare le mode.

La premessa che avete letto, tratta dalla puntata numero nove della serie Sine Qua ...Boh?, non solo serve ancora ottimamente ad introdurre ed inquadrare il contesto in cui un disco come Masquerade in Blood prese vita, ma la sua stessa appartenenza alla collana in questione indica anche come non si sia trattato certo di un capolavoro. Un gruppo che insieme ad un pugno di altri ben noti per aver stabilito un certo standard all'interno del Thrash metal, era reduce da anni di rabbiosa e produttiva creatività, si trovava ora in netta difficoltà. Il mutare delle condizioni del mercato, il conseguente "pilotaggio" dei gusti del pubblico verso suoni e look totalmente diversi dal loro, ma soprattutto le conseguenze degli abusi di alcol ed altri deprecabili sostanze, avevano portato anche i Sodom a dover fare delle scelte per alcuni versi desolanti. Eppure, anche nel quadro di una condizione generale non certo felice che non produsse di sicuro un capolavoro, i figuri di Gelsenkirchen si distinsero da quasi tutti gli altri almeno per la filosofia del cambiamento. Sia con questo lavoro, che col precedente Get What You Deserve, da considerare più o meno sullo stesso piano.

Quando quasi tutti puntarono (o punteranno in seguito) verso tonalità musicali più sfumate, più ammiccanti, più soft per sopravvivere, i Sodom scelsero di cambiare, sì; ma in maniera decisamente diversa. Per farlo, si diede l'addio ad un Andy Brings sempre più lontano dall'estremo ed il benvenuto a Dirk "Strahli" Strahlmeier, un chitarrista adatto al nuovo corso, ma zeppo di problemi contingenti che lo porteranno alla morte nel 2011. Una soluzione adatta ad un nuovo corso indirizzato verso una produzione punkeggiante, fatta di suoni crudi e lontani da quelli più di moda all'epoca dei fatti, al servizio di un lotto di pezzi teoricamente in linea col nuovo stile (Ulli Posselt, già al lavoro con Axel Rudi Pell, Onkel Tom Angelripper, Massacra, Rage), più lineare ed "in your face" che mai, ma una scrittura priva di una visione complessiva e di conseguenza un po' sconnessa ed incapace di dare una direzione unitaria al disco. Visto quanto sopra, Masquerade in Blood resta solo un gigantesco "vorrei, ma non posso", o meglio: "vorrei, ma non riesco ad essere lucido abbastanza per..." Qualche buona cosa che emerge qua e là da questo muro di brutalità gratuita (Masquerade In Blood; Gathering Of Mind; Braindead; Murder In My Eyes e soprattutto Scum) e che ogni tanto coglie nel segno fino alla conclusiva cover di Let's Break the Law degli Anti-Nowhere League -un segnale preciso, questo- Tom Angelripper che ruggisce e sbava come deve, ma tutto scorre senza un vero collante, anonimo, privo di un filo conduttore definito. Così comunicando l'impressione che i Sodom dell'anno di grazia 1995 fossero ancora in possesso della loro fierezza, determinati a rifiutare le derive più commerciali che il metal stava affrontando -un punto d'onore, questo- ma che non si rendessero bene conto di come fare e tendessero a rinchiudersi in sé stessi. Ed anche la copertina, con Knarrenheinz che si occupa teneramente di Helmut Khol e Boris Eltsin ha un sapore posticcio, una volta assimilata l'opera.

Quel richiudersi, però, non provocava il ripiegarsi in un guscio saldo e corazzato contro il mondo esterno, ma in una propria realtà poco rassicurante. Una realtà fatta di un trio poco coeso, con problemi di dipendenza molto gravi, tanto che Strahlmeier suonerà solo in questo album e finirà come prima evidenziato, capace solo di menare colpi alla cieca per difendersi da un'aggressione esterna cui i Sodom non volevano adeguarsi, ma così più grande di loro da schiacciarli comunque. Masquerade in Blood non è un disastro totale e risulta migliore, ad esempio, del compagno di "Sina Qua" The Least Successful Human Cannonball dei Destruction, per esempio, ma resta un prodotto deludente anche a distanza di anni. Le sue vendite al di sotto delle aspettative ed ammesso che precise aspettative in tal senso ci fossero, produssero anche l'abbandono del batterista Atomic Steif oltre che quello di Strahlmeier e, a posteriori e vista la storia successiva della band, questo resta forse il merito principale dell'album. Curiosità: l'edizione giapponese del prodotto contiene anche la cover di 20,000 Feet dei Saxon come bonus-track.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
70 su 7 voti [ VOTA]
David D.
Giovedì 6 Giugno 2019, 18.24.55
15
Ragazzi recuperate il successivo Code Red... una bomba nel vero senso della parola!
Kappa
Giovedì 13 Settembre 2018, 10.55.11
14
Diciamo che i loro apici non sono a mio avviso paragonabili a quelli dei compatrioti Kreator, magari sono capolavori se presi come riferimento solo della loro discografia. Mia opinione sia chiaro...
Aceshigh
Sabato 8 Settembre 2018, 14.16.02
13
Per me Agent Orange e Persecution Mania sono capolavori, e lo è anche M-16. Questo qui purtroppo - insieme a GWYD e TDDUU - appartiene a una fase non memorabile della band... 59 comunque è troppo poco.
lisablack
Sabato 8 Settembre 2018, 13.36.31
12
Dire che non hanno mai fatto capolavori..mah, Agent Orange e Persecution Mania ci vanno vicino secondo me! Comunque voto un po' basso, ma è lo stesso.
Kappa
Venerdì 7 Settembre 2018, 8.15.04
11
Pur reputandoli sotto i Kreator e pur credendo che non abbiano mai fatto un vero e proprio capolavoro al pari dei loro cugini, trovo davvero basso il voto. Per me sotto il 70 non sono quasi mai scesi.
thrasher
Giovedì 6 Settembre 2018, 12.09.38
10
Album inutile
rik bay area thrash
Mercoledì 5 Settembre 2018, 19.20.32
9
I sodom fino a better off death sono stati in grado di realizzare grandissimi album, tenendo presente che hanno iniziato con uno stile black/thrash (black è da intendersi quello dei middle eighties ) per poi sviluppare un certo upgrade a livello tecnico strumentale e qui @LAMBRUSCORE ha sintetizzato al meglio. Dopo una parentesi di parecchi dischi di cui mi sono completamente disinteressato perché non di mio gusto, i sodom nel nuovo millennio si presentano nel migliore dei modi possibili con un album come m16 al quale ne sono seguiti altri, magari non dei masterpiece ma sicuramente di valore. Poi naturalmente c'è il gusto musicale personale di ognuno di noi che è insindacabile e quindi .... (imho)
d.r.i.
Mercoledì 5 Settembre 2018, 19.04.27
8
Disco senza infamia e senza lode, di sicuro sopra il 60. Direi 65. I primi Sodom compresi quelli più Black sono imperdibili.
LAMBRUSCORE
Mercoledì 5 Settembre 2018, 19.01.00
7
@duke, se in dischi come Agent Orange o Persecution mania avevano poche idee, forse ti sei perso qualcosa ....
duke
Mercoledì 5 Settembre 2018, 16.48.25
6
non mi hanno mai fatto impazzire....li trovo scarsi tecnicamente e con poche idee ...ho sempre preferito i kreator maestri indiscussi del metal estremo teutonico....e questo disco non fa che confermare le mie idee a riguardo....
Antonino
Martedì 4 Settembre 2018, 11.37.49
5
59????? Mah... Non mi esprimo, metto solo 99 per aumentare la media
Masterburner
Lunedì 3 Settembre 2018, 17.27.30
4
59? Non sono d'accordo, ci sono ottime canzoni, certo non tutte; la produzione non è il massimo ma a me i Sodom piacciono così, sporchi e senza fronzoli (non come negli ultimi loro dischi)
LAMBRUSCORE
Domenica 2 Settembre 2018, 10.31.49
3
Non lo ascolto da tempo ma non mi sembrava male, di sicuro non tra i loro migliori lavori, comunque.
Er Trucido
Domenica 2 Settembre 2018, 10.27.48
2
Discaccio più o meno come il precedente, salvo giusto la titletrack e Scum. Certo, c'è la volontà di suonare il più crudi ed urticanti possibili, ma a me non basta, son proprio le canzoni che mancano. Col successivo torneranno sopra la sufficienza, per quanto mi riguarda.
valz
Sabato 1 Settembre 2018, 18.41.01
1
disco molto sottovalutato, non il loro migliore, ma uno dei più cattivi ed oscuri. voto secondo me ingiusto. a mio avviso, merita un 75
INFORMAZIONI
1995
Steamhammer
Thrash
Tracklist
1. Masquerade in Blood
2. Gathering of Minds
3. Fields of Honour
4. Braindead
5. Verrecke!
6. Shadow of Damnation
7. Peacemaker's Law
8. Murder in My Eyes
9. Unwanted Youth
10. Mantelmann
11. Scum
12. Hydrophobia
13. Let's Break the Law
Line Up
Tom Angelripper (Voce, Basso)
Dirk "Strahli" Strahlmeier (Chitarre)
Atomic Steif (Batteria)
 
RECENSIONI
73
77
s.v.
90
82
45
82
88
59
58
80
88
93
88
80
79
ARTICOLI
15/03/2019
Live Report
THE ABYSS FEST - SODOM + GRIM REAPER + OTHERS
Day 2 - Gothenburg Film Studios, Göteborg (SWE), 02/03/2019
19/12/2018
Live Report
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS
MTV HEADBANGERS BALL TOUR 2018 - Phenomenon, Fontaneto d'Agogna (NO), 14/12/2018
19/03/2014
Live Report
SODOM + ASPHYX + GUESTS
Demodè Club, 15/03/2014, Bari (BA)
13/09/2011
Articolo
SODOM
La biografia
15/02/2011
Live Report
SODOM + DIE HARD + IRREVERENCE
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 10/02/2011
10/11/2010
Intervista
SODOM
De bello germanico
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]