Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
GLORYFUL
Cult of Sedna

18/01/19
WOORMS
Slake

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

CONCERTI

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

25/01/19
MILL OF STONE + GUEST
GALIVM GARAGE - PIEVE DI SOLIGO (TV)

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Mordant Rapture - The Abnegation
13/09/2018
( 308 letture )
Fondati nel 2013, i symphonic death metallers Mordant Rapture, provenienti dall’assolata California, hanno da poco rilasciato il loro EP di debutto, The Abnegation. Stando alle parole di Ben Wilkinson, chitarrista del gruppo, per giungere a questo risultato sono stati necessari innumerevoli galloni di caffè e parecchie ore di sonno, quindi direi di non perdere ulteriore tempo e cominciare a sviscerare questo esordio interessante.

Ci viene proposto un death metal sinfonico a tinte black che si rifà ai grandi del genere, ma con un tasso tecnico decisamente alto: ciò permette alla band di godere di un sound discretamente personale che non si limita a fare il verso ai gruppi dai quali Rodríguez e soci traggono ispirazione (si posso sentire influenze di Septicflesh, Fleshgod Apocalypse, Spawn of Possesion, Necrophagist e Dissection). La produzione è ottima e consente a tutti gli strumenti, orchestrazioni comprese, di ritagliarsi il loro posto senza risultare invadenti, il tutto è ovviamente coadiuvato da una performance più che buona da parte dei musicisti: a colpire è soprattutto il cantato di Rodríguez, abrasivo ed aggressivo al punto giusto. Le chitarre sfornano riff e assoli precisi, velocissimi e accattivanti, accompagnate da un basso funambolico e scoppiettante e una batteria forse troppo poco fantasiosa, anche se molto veloce e tecnicamente ineccepibile. Le orchestrazioni sono tutte di pregevole fattura e, rimanendo comunque quasi sempre in secondo piano, contribuiscono a donare a The Abnegation una propria identità. Tutte le tracce sono meritevoli di attenzione: a me personalmente hanno convinto molto Withered (ricorda molto i Fleshgod Apocalypse in salsa black metal) e Quell the Voiceless, nel suo incedere furioso e nei suoi bellissimi assoli, i migliori del disco.

A giovare al platter sta il fatto di essere un EP composto da sole cinque canzoni, di cui una è un breve intermezzo strumentale (A Plea Above Ashes): ciò permette all’ascoltatore di dover compiere grandi sforzi di attenzione e di non incappare nel rischio noia, soprattutto perché le canzoni sono strutturalmente molto simili tra di loro e un album intero composto da canzoni di questa tipologia farebbe sbadigliare l’ascoltatore. Il difetto principale di The Abnegation è proprio questo: spesso e volentieri sembra che i musicisti si lascino troppo prendere dalla voglia di strafare ed esagerino con la velocità e con un songwriting forse fin troppo ambizioso per le loro seppur ottime capacità. Personalmente ritengo che essi se ne siano resi conto e abbiano preferito rilasciare un EP, in attesa di ulteriori miglioramenti a livello tecnico e compositivo.

Dovendo tirare le somme e concludere, un ascolto a The Abnegation non posso non consigliarlo. Non garantisco che potrà essere apprezzato da tutti, visto che, come ho detto, quella che i cinque californiani propongono è un’alchimia piuttosto ambiziosa e ancora imperfetta, ma con la possibilità di essere migliorata in futuro. In futuro sentiremo ancora parlare dei Mordant Rapture, ne sono fermamente convinto.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
The Artisan Era
Technical Death Metal
Tracklist
1. Unsightly Beast
2. Withered
3. A Plea Above Ashes
4. Quell the Voiceless
5. Natal Throphies
Line Up
Rodrigo Rodríguez (Voce)
Ben Wilkinson (Chitarra, Basso)
Kent Congdon (Chitarra)
Josh Miller (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]