Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/18
CULTES DES GHOULES
Sinister

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
VULCAIN
Vinyle

28/09/18
GORY BLISTER
1991. Bloodstained

CONCERTI

23/09/18
ERIC MARTIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

23/09/18
BIGFOOT
LEGEND CLUB - MILANO

23/09/18
INJECTION + SAKEM
ROCK'N'ROLL CLUB - RHO (MI)

23/09/18
DISEASE ILLUSION
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

23/09/18
ARCANA OPERA
GOTHIKA - SANTA LUCIA DI PIAVE (TV)

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

Vader - De Profundis
15/09/2018
( 514 letture )
Una carriera lunghissima (iniziata nel lontano 1983), quella dei Vader, band-simbolo del death metal polacco. Partiti come esponenti dei generi maggiormente in voga negli anni ottanta, primi fra tutti speed e thrash metal, hanno saputo evolvere nel tempo il loro sound in maniera estremamente originale e riconoscibile a un primo ascolto, divenendo così uno dei gruppi principali della musica estrema di matrice polacca. Il cambio di direzione da loro intrapreso verso il death metal ha saputo trascinare con sé le principali caratteristiche dei generi (già citati) da loro precedentemente suonati. Quella che per loro rappresentava un’evoluzione è stata, per il death, una rivoluzione.

Già nel 1995 è facile riscontrare perfettamente quanto sopra menzionato; l’esempio migliore ci è dato dal loro secondo full-length in assoluto, De Profundis. Pur possedendo una struttura standard e vistosamente equilibrata (nove tracce di media durata, per un tempo totale di trentaquattro minuti), l’album merita di essere apprezzato per una serie di peculiarità che lo rendono una delle migliori uscite in ambito metal di quell’anno. Follemente intriso di thrash metal per tutta la sua durata, il disco sprigiona una violenza inaudita. La batteria del compianto Doc impazza come un demoniaco martello pneumatico, senza mai sbagliare un colpo, facendo da sfondo a riff velocissimi e a sferzate di assoli che più Slayer non si può. Le lunghe cavalcate a base di tremolo picking, che pervadono le tracce con la loro aria sinistra, ci ricordano che pur sempre di death stiamo parlando. Anche la velocità delle parti vocali trae in inganno, in un cantato che sta esattamente a metà tra il growl e una furia, ancora una volta, di netta fattura thrash.
Qualitativamente parlando, l’album non delude in nulla: l’ottima produzione ben sottolinea la precisione strumentale dei musicisti che, a sua volta, rispecchia il grande lavoro di composizione dei brani. Tutto ciò reso possibile dall’ottima intesa fra ogni membro del gruppo, dopo i molteplici anni di esperienza assieme. Riff, melodie, groove, blast beat…la ricetta perfetta per un’intera mezzora di headbanging ininterrotto è qui presente e non sembra fare cilecca. Numerosissimi assoli riempiono i vuoti di pochi secondi presenti all’interno dei brani, così da non concedere tregua all’ascoltatore.

De Profundis marca in modo indelebile il sound che da quel momento in poi sarà il biglietto da visita mezzo insanguinato e mezzo insudiciato dei Vader. Nel suo piccolo, merita un plauso: ripetuti ascolti non bastano a fornire indicazioni circa sezioni inutili dell’album; tutto sembra stare perfettamente a suo posto, e non si vorrebbe un solo minuto in più o in meno. Da ascoltare assolutamente.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
97 su 2 voti [ VOTA]
Pacino
Lunedì 17 Settembre 2018, 12.32.39
4
Capolavoro del Death europeo, mazzata Deicide oriented, grande band.
lisablack
Sabato 15 Settembre 2018, 21.15.14
3
Grande band, li adoro, una bomba di album questo, da paura. Giusto il voto ma anche di più !!
ObscureSolstice
Sabato 15 Settembre 2018, 19.00.27
2
Eccezionale De Profundis. Importante per ogni deathster che si rispetti di matrice vecchia scuola. Doc + Peter = Vader... la batteria e la voce di Peter torvida e grezza piu' unica che rara si riconosce tra mille; questa è storia dei Vader e del death metal che passa anche dalla Polonia e sgorga, silenziosamente, nelle bettole e nei piccoli fetidi club a livello internazionale. Per me almeno da 94 De Profundis
Alessio
Sabato 15 Settembre 2018, 13.36.30
1
Il Capolavoro dei Vader assieme a The Ultimate Incantation. Poi sempre su livelli alti, ma per me i primi due non si battono. Ho visto anche il tour di supporto a questo a spalla dei Cannibal Corpse e c'erano pure i Krabathor di "Lies". Grande concerto al Frontiera.
INFORMAZIONI
1995
Croon Records
Death
Tracklist
1. Silent Empire
2. An Act of Darkness
3. Blood of Kingu
4. Incarnation
5. Sothis
6. Revolt
7. Of Moon, Blood, Dream and Me
8. Vision and the Voice
9. Reborn in Flames
Line Up
Peter (Voce, Chitarra)
China (Chitarra)
Shambo (Basso)
Doc (Batteria)
 
RECENSIONI
80
80
50
80
77
87
87
87
ARTICOLI
08/05/2014
Intervista
VADER
Vite in webcam
23/04/2014
Live Report
VADER + BUNKER 66 + GUESTS
Discoteca Blackout, Modica (RG), 19/04/2014
28/04/2013
Live Report
VADER + MELECHESH + STERBHAUS + W.I.L.D
Init Club, Roma (RM), 24/04/2013
01/02/2013
Live Report
VADER + ABORTED + BONDED BY BLOOD + FHOBI + BLOODSHOT DAWN
Colony Club, Brescia, 27/01/2013
15/12/2011
Live Report
GORGOROTH + VADER + altri
Traffic Club, Roma, 09/12/2011
26/01/2009
Live Report
DEICIDE + SAMAEL + VADER
Rolling Stone, Milano, 18/01/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]