Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
COCHISE
Exit: A Good Day to Die

CONCERTI

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

Devangelic - Phlegeton
16/09/2018
( 173 letture )
Nati nel 2012, i Devangelic rilasciano subito una demo che mette già in chiaro di che cosa sono in grado di fare; due anni dopo arriva Resurrection Denied, puro brutal americano con forti influenze Disgorge e Condemned (e una copertina che più gore e blasfema non si può). Dopo due anni di concerti per la promozione dell’album (tra i quali ricordiamo il festival indonesiano HellPrint Day Open Air di supporto ai Dying Fetus e il Deathfest Open Air) e di meritato successo, inizia la stesura del secondo album, che vede la luce nell’ottobre del 2017. Stilisticamente non ci si discosta molto dal brutal no-compromise di Resurrection Denied, anche se qualcosa di nuovo si avverte: il sound è diventato più oscuro, malefico e misterioso, scelta azzeccata se il concept dell’album è l’Inferno dantesco. Il groove ricopre sempre un ruolo di primaria importanza e non mancano assolutamente le sezioni con cui svitarsi il cranio a furia di headbanging. La produzione, ad opera della Comatose Music, rispecchia alla perfezione l’attitudine primordiale del genere, evitando quindi i suoni cristallini e perfetti che cozzano con l’idea originale del death metal. Detto in poche parole: gli amanti del sound old school non potranno non apprezzare.

Si parte con Plagued by Obscurity, forse il miglior brano mai scritto dai romani: riff brutali e pesantissimi si susseguono senza interruzioni e mentre la sezione ritmica accompagna instancabilmente il reparto chitarristico, Paolo Chiti ci delizia con il suo cantato ultra-gutturale inintelligibile stile Chris Barnes, ancora più cavernoso e oscuro di quello presente su Resurrection Denied. Tutti gli altri brani seguono più o meno la stessa falsariga della open-track, mantenendo alta l’asticella qualitativa e rendendo così non semplice la scelta dei brani migliori: sono sicuramente da menzionare Mutilation Above Salvation con il suo stacco di basso, Of Maggots and Disease con la sua andatura più cadenzata e Malus Invictus, tiratissima dall’inizio alla fine. Prima della tripletta finale da infarto la band propone una traccia ambient alquanto sinistra e inquietante, Wretched Incantations, che se non altro permette di riprendere fiato dopo la colata di death brutale al quale si è stati sottoposti. Curiosità: il fade out con il quale si conclude l’ultima canzone in scaletta, Asphyxiation Upon Phlegethon, si ricollega al fade in inziale di Plagued by Obscurity, segno che l’ascolto in loop dell’album è vivamente consigliato! Ciliegina sulla torta la cover della mastodontica He Who Sleeps dei Morbid Angel , presente come bonus track sulla versione deluxe dell’album.

Phlegethon conferma le buone impressioni date dal suo predecessore e ci mostra una band coesa e con ulteriori margini di miglioramento. Non resta che aspettare il fatidico terzo disco, con il quale si spera che i Devangelic compiano il salto di qualità definitivo. Non inventano assolutamente nulla, ma cavoli se ci sanno fare! Caldamente consigliato.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Comatose Music
Brutal
Tracklist
1. Plagued by Obscurity
2. Mutilation Above Salvation
3. Of Maggots and Disease
4. Malus Invictus
5. Abominated Impurity of the Oppressed
6. Condemned to Dismember
7. Wretched Incantations
8. Manifestation of Agony
9. Decaying Suffering
10. Asphyxiation Upon Phlegethon
11. He Who Sleeps
Line Up
Paolo Chiti (Voce)
Mario Di Giambattista (Chitarra)
Damiano Bracci (Basso)
Marco Coghe (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
23/09/2014
Live Report
ANTROPOFAGUS + UNBIRTH + DEVANGELIC + BLOODTRUTH + TO FEED OF FLESH
Blue Rose Saloon, Bresso (MI) - 20/09/14
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]