Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

CONCERTI

14/10/19
VOLBEAT + BARONESS + DANKO JONES
FABRIQUE - MILANO

14/10/19
OMNIUM GATHERUM + IN MOURNING + HEIDRA
LEGEND CLUB - MILANO

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

Little Caesar - Little Caesar
22/09/2018
( 254 letture )
Uno dei dischi più belli ed energetici dell’ondata street/sleaze. Un esordio stupendo, ricco di sfumature, pregevolezza, capacità, atmosfere variegate e un cantante come Ron Young dotatissimo nel saper interpretare alla perfezione ogni singolo secondo di musica con la sua ugola, calda, avvolgente, versatile e di grande espressività. I Little Caesar si formano nel 1987 a Los Angeles, con una formazione in origine composta da Ron Young (voce), Apache (chitarra), Loren Molinare (chitarra), la prima apparizione del quintetto avviene nel 1989 su una compilation edita dalla Metal Blade Records chiamata Street Survivors. Quello stesso anno pubblicano il primo EP di quattro tracce, sempre per la Metal Blade, intitolato Name Your Poison, prodotto da Joe Hardy (ZZ Top). Il riscontro di questo primo lavoro porta gli yankee ad aprire una serie di date per i Jane's Addiction, e a suonare qualche show nel ruolo di headliner in alcuni club del circuito. Vengono notati dalla label Geffen Records tramite l'A&R John Kalodner, e nel 1990, lanciano questa bomba, l'omonimo Little Caesar, prodotto dal mago della consolle, Bob Rock (Metallica, Mötley Crüe, The Cult, tra gli altri).

L'album splende per una serie di brani di hard rock fortemente ispirato allo stile anni 70, influenze R&B/Soul e la sporcizia street tanto in voga in quel periodo. L’opera viene ben accolta dalla critica specializzata, entra nella classifica di Billboard Top 100, ricevendo buon airplay su radio e soprattutto su MTV. 12 pezzi in scaletta, 2 cover, il tutto suonato, composto ed espresso in maniera elettrizzante, stuzzicante e dal grande valore, un coacervo musicale come pochi seppero fare all’epoca e pure nelle decadi a venire. 55 minuti di lapilli esplosivi con Down-N-Dirty che mostra subito la pasta della band, scatenando un pogo saltellante con le sue radici blues-southern al servizio di chitarre hard, Hard Times colpisce tra nuca e noce del capocollo con il suo potere grattugiante tra sei corde, voce e cori a scheggia, Chain of Fools, di Aretha Franklin, estratta come singolo, è semplicemente trascinante con Ron che fa il prestigiatore vocale. From the Start è clamorosa con un ritornello irresistibile, In Your Arms solca varie atmosfere, parte soft e a basso tono, per poi brulicare di un chorus pazzesco in sospeso tra rock e blues, la voce, il piano, il solo delle guitar, letteralmente perfetti. Rock-N-Roll State of Mind è tutta racchiusa nel titolo, Drive It Home pesta che è una libidine, Midtown è uno slow trasudante pathos sudista, Cajun Panther è una sventola in piena faccia e l’inciso non lascia nessuno indifferente con i piedi che battono il ritmo infernale, Wrong Side of the Tracks è hard nell’anima, I Wish It Would Rain è la seconda cover, originariamente dei The Temptations, qui resa in chiave rock con una lettura di lignaggio aureo, pezzo micidiale. Chiude il disco Little Queenie intrisa di hard grezzo impastato con rhythm and blues avvincente.

Il quintetto suonò da spalla ad importanti act come Kiss, Social Distortion, Iggy Pop, Billy Idol, e Lynyrd Skynyrd, portando in giro questo disco maiuscolo e coinvolgente che ancora oggi suona a mille, ed è da riscoprire a tutti i costi: una gemma che non si può lasciare nel cassetto ad accumulare pulviscolo e detriti. Grandi Little Caesar.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
duke
Mercoledì 17 Ottobre 2018, 22.05.47
4
disco di piacevole ascolto....onesto rock n roll....
Jaw
Mercoledì 17 Ottobre 2018, 21.45.40
3
Grezzo, aor, poco sporco, troppo pulito, semplicemente i Bad Company degli 80, che resistono al cambiamento dei '90. C'è chi vede rock da chain of fools e che rnr state of mind
Galilee
Domenica 30 Settembre 2018, 21.36.36
2
L'ho cercato per anni ma alla fine non l'ho apprezzato un granchè. Quella sporcizia Street che nomina Frankiss non l'ho mai sentita. Questo è un disco di hard rock, quasi AOR mi verrebbe da dire, visto il super packaging deluxe.. produzione, arrangiamenti, stile etc etc.. Sicuramente un ottimo prodotto, che però ha delle difficoltà a conquistare il sottoscritto per questione di gusti.
Metal Shock
Domenica 30 Settembre 2018, 20.11.40
1
Disco meraviglioso, che con lo Street Glam non c'entra niente (mio caro Frankiss, sarà anche uscito i quel periodo ma questo è puro hard rock), uno dei migliori di quell'anno ed il migliore della band. Dai brani più sostenuti alle ballad, alla straordinaria cover di Chain of fools, qui non c'è un calo, con la stupenda vice di Young che dà quel quid in più che avrebbe dovuto far salire tra il firmamento del genere questo gruppo che purtroppo invece non andò al di là di band di culto. Voto 90.
INFORMAZIONI
1990
Geffen Records
Hard Rock
Tracklist
1. Down-N-Dirty
2. Hard Times
3. Chain of Fools
4. In Your Arms
5. From the Start
6. Rock-N-Roll State of Mind
7. Drive It Home
8. Midtown
9. Cajun Panther
10. Wrong Side of the Tracks
11. I Wish It Would Rain
12. Little Queenie
Line Up
Ron Young (Voce)
Louren Molinare (Chitarra, Cori)
Apache (Chitarra, Cori)
Fidel Paniagua (Basso, Cori)
Tom Morris (Batteria)
 
RECENSIONI
88
88
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]