Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enforcer
Live By Fire II
Demo

The Hirsch Effekt
Gregær
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
THE OFFSPRING
Let the Bad Times Roll

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
DISORDER ASSEMBLY
Combustion Fossil

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Candlebox - Candlebox
29/09/2018
( 1588 letture )
Non sarebbe una bestemmia dire che il grunge è stata probabilmente l’ultima zampata rock nel mainstream. È durato poco meno di quattro anni (anche se le prime avvisaglie c’erano già da metà anni 80, con i vari Green River, Screaming Trees e Melvins), ma ha lasciato strascichi che, nel bene e nel male, continuano ancora oggi. Da metà anni 90 ad oggi si sono susseguiti una miriade di gruppi di dubbio talento che hanno venduto milioni di copie esasperando gli stereotipi dell’ondata grunge e sfruttandone l’incredibile successo fra i giovani, basti citare i vari Creed o Nickelback. I Candlebox sono considerati i primi di questa serie di gruppi, ma da dove inizia la loro storia? Ai capoccioni della Maverick (succursale della Warner Bros.) devono essersi illuminati gli occhi quando gli è pervenuta la demo di una band grunge (di Seattle oltretutto) che era in giro dal 1990. Un’ultima buona occasione per spremere le tasche dei teenager a suon di copie vendute. E per giunta questi quattro scapestrati avevano un paio di canzoni orecchiabili niente male, come Change e You.

Candlebox, l’omonimo primo album uscito nel 1993, divenne quattro volte disco di platino, ma solo nel 1994, quando la band rilasciò il terzo singolo: Far Behind. Inutile dire che Far Behind è una di quelle canzoni che tutti abbiamo sentito almeno una volta nella vita: classico crescendo rock a partire da un arpeggio pulito condito dalla bella voce del cantante Kevin Martin, un testo molto sentito (dedicato ad Andrew Wood) e i chitarroni distorti che entrano nel ritornello. Niente di troppo speciale, semplicemente un’ottima canzone orecchiabile che raggiunse il suo scopo: far conoscere la band al mondo intero. Ciò che è veramente importante è il resto dell’album, che più che grunge è assimilabile ad un hard rock un po’ sporco, simile a quello che già avevano fatto i ben più noti Pearl Jam e i magnifici, ma molto meno conosciuti, Warrior Soul.
Il disco si apre con la dura Don’t You, un’opener perfetta, breve e coincisa. Poi si passa ai sei minuti e mezzo di Change, indubbiamente fra le migliori del disco, che mette in chiaro la formula dei Candlebox: arpeggi in pulito, chitarre distorte nei ritornelli, assoli di fattura veramente pregevole da parte del chitarrista Peter Klett e l’ottima prova vocale di Kevin Martin, che lascia trasparire un trasporto e un coinvolgimento non indifferente. Non sono presenti filler, ogni traccia scorre bene, coinvolge e lascia qualcosa. Ma i picchi vengono raggiunti da You, in cui Martin urla disperato: “And I’ll cry for you, yes I’ll die for you!” e dai sette minuti di Rain, la vera perla del disco, uno dei pochi episodi in cui la band rompe lo schema tipicamente grunge “parte tranquilla / ritornello duro / parte tranquilla / ritornello duro / assolo” per creare un blues lento che si evolve poi in una cavalcata elettrica che mette in mostra nuovamente l’ottimo guitarwork di Peter Klett. Ottima anche la ballata Cover Me, arricchita da intermezzi elettrici che possono far tornare alla mente gli Alice in Chains di Jar of Flies, e No Sense con un lungo assolo blueseggiante alla fine.

Insomma, Candlebox non è di certo un capolavoro (non sfiora neanche lontanamente i picchi toccati da lavori come Dirt o In Utero, tanto per citarne un paio nel genere di competenza), ma si tratta di un disco facente parte di una certa schiera di album che, pur ottenendo un ottimo riscontro commerciale, furono troppo presto bollati come derivativi e scontati anche quando con il grunge non c’azzeccavano poi così tanto. Basti citare i Live con il loro meraviglioso Throwing Copper, il primo omonimo album dei Days of the New o anche i due bellissimi lavori a nome Blind Melon. Come già detto, non stiamo parlando dei Nickelback o dei Three Days Grace, ma di musicisti veri che ancora oggi suonano in piccoli club con la stessa passione e grinta di venti e più anni fa. Da riscoprire e ammirare, perlomeno per gli appassionati del genere.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
75.25 su 4 voti [ VOTA]
L'ImBONItore
Martedì 5 Gennaio 2021, 12.41.37
22
Grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrande album. Madonna fa cacaghe come aghtista, ma la sua etichetta sa faghe il fatto suo !
Alessandro bevivino
Domenica 20 Gennaio 2019, 14.30.33
21
Caro Giacomo Canton "Pink Maggit" quando fai la recensione dei Days of the New??? È na vita che aspetto di leggere. 😀
Alessandro bevivino
Domenica 7 Ottobre 2018, 12.48.55
20
Ok Rob Fleming, te lo spiego molto in parte : Io e THE MAESTRO Facciamo praticamente parte dello stesso filone musicale post grunge / Alternative , suoniamo acoustic music tutti e 2 . Io suono in acustico dal 95 praticamente come Travis, lo stile musicale riprende in pieno come sai i primi 5/7 anni dei 90. Poi c'è altro, molto di più e preferisco tenermelo per me (sorry). Grazie per l'interesse.
Rob Fleming
Sabato 6 Ottobre 2018, 17.25.19
19
Grazie Alessandro. Insomma ho praticamente tutto. Quando arriverà la recensione sarai costretto a spiegare meglio perché definisci My brother Travis Meeks
Alessandro bevivino
Sabato 6 Ottobre 2018, 17.04.52
18
Ciao Rob Fleming, di ufficiale i Days of the New di Travis Meeks hanno fatto tre album + un'antologia senza inediti, un Vhs Live uscito con il primo lavoro ed un Live Bootleg solista di Travis davvero molto bello. Ci sono anche 2 singoli versione cd tratti dal primo album con tre inediti molto belli ed un singolo sempre in cd tratto dal secondo lavoro Green ma senza inediti. Nella O. Soundtrack del film Godzilla ci sono altri 2 inediti un po' inutili. In YouTube trovi molto materiale anche non ufficiale tipo b side, Live ecc.
Rob Fleming
Sabato 6 Ottobre 2018, 10.07.25
17
Il primo Days of the New è stupendo, una sorta di Alice in Chains acustici (chi ha parlato di Jar of flies?) ma meno drogati. Ma anche gli altri 2 non sono male. Poi però, la formula non era più la novità e li ho abbandonati (non so se hanno fatto altro). Come per i Candlebox. Questo è bello, ma Lucy e Happy Pills si ascoltano sempre benone
Alessandro bevivino
Sabato 6 Ottobre 2018, 9.54.05
16
GRASIE MIE A TI Giacomo Canton ”Pink Maggit”, . Il primo dei Days of the New è uno dei miei album preferiti, un album perfetto, lo conosco come le mie tasche, 20 anni che lo ascolto e mi regala sempre nuove emozioni. I testi di Travis Meeks sono stupendi e la sua musica è davvero super. Non vedo l'ora di leggere la recensione.
Pink Maggit
Venerdì 5 Ottobre 2018, 18.53.14
15
*mille
Pink Maggit
Venerdì 5 Ottobre 2018, 18.52.43
14
@Alessandro bevivino Grazie mie. I Days of the New spero di recensirli presto, il primo album è uno dei miei preferiti in assoluto
Alessandro bevivino
Venerdì 5 Ottobre 2018, 9.36.04
13
Che bella recensione . Ottima band con un bravissimo cantante , i loro primi tre album li ascolto ancora oggi. Giacomo Canton ”Pink Maggit" hai nominato i Days of the New di my BROTHER Travis Meeks ( Wow). Recensione futura????
Diego75
Mercoledì 3 Ottobre 2018, 14.33.20
12
Ai tempi girava il video su video music
Diego75
Mercoledì 3 Ottobre 2018, 14.33.19
11
Ai tempi girava il video su video music
Area
Martedì 2 Ottobre 2018, 14.27.33
10
Mai sentiti... ma famosi in Nord America o anche in Europa? Non mi stupirei se in Italia non li conoscesse o non se li ricordasse nessuno, dato che parlando di Grunge quando chiedi dei Nirvana tutti li conoscono ma poi scopri che davvero ricordano solo Smells like teen spirit, Lithium e Come As You Are.
Metal Shock
Lunedì 1 Ottobre 2018, 20.33.53
9
Un buonissimo album per una delle ultime band venute fuori dell'ondata grunge: originalità zero ma ottime canzoni. Voto 80. Ma i Warrior Soul cosa c'entrano?????
Red Rainbow
Lunedì 1 Ottobre 2018, 8.27.09
8
Un ottimo album che ogni tanto libero dalla polvere e ripesco ancora, insieme al (giustissimamente) citato Throwing Copper e a Gentlemen in casa Afghan Whigs. Avendo sempre avuto qualche problema di feeling con Nirvana, Pearl Jam e Alice in Chains, il "mio" grunge era soprattutto questo, chissà, forse proprio perchè, come scrive Giacomo, questi album con il grunge non c'entravano poi così tanto...
InvictuSteele
Lunedì 1 Ottobre 2018, 0.30.13
7
Molto sottovalutati, hanno fatto tre dischi bellissimi all'epoca, in particolare questo e il secondo li ho nel cuore.
Jaw
Sabato 29 Settembre 2018, 22.53.28
6
La maverick era l etichetta creata da Madonna, nessuno ha detto che questi sono la seconda scelta rispetto gli Sweet Water, band molto cara alla Tower rec
Turbozauro
Sabato 29 Settembre 2018, 17.37.10
5
Ai tempi non se li cagava nessuno...
Rob Fleming
Sabato 29 Settembre 2018, 14.29.22
4
Fatto. Vuol dire che il recensore ha studiato. E bene
nonchalance
Sabato 29 Settembre 2018, 14.01.22
3
@Rob Fleming: Ti basta cliccare sulla firma per sapere l'età! 😉
Rob Fleming
Sabato 29 Settembre 2018, 13.42.41
2
Recensione veramente ben fatta. Non sapendo l'età del recensore si può dire che o ha studiato bene (menzione specialissima per aver citato i Days of the new) o ha vissuto in prima persona in periodo. Io faccio parte del secondo gruppo. I Candlebox copiano spudoratamente gli Stone Temple Pilots che già di loro prendevano molta ispirazione dai Pearl Jam. Però quando alla fine si compongono perle quali Rain, No sense, You e He calls me e la classicamente grunge Far behind (disperazione mista a melodia) il fatto che risultino poco originali interessa poco. La qualità era alta. 78
nonchalance
Sabato 29 Settembre 2018, 13.12.57
1
Ascoltato poco fa. Pensavo di conoscerlo già..e, invece no! 😅 Io, comunque, ci sento anche i Jane's Addiction e i sempreverdi Mother Love Bone. Al contrario, chi si rifà tanto a loro sono i Puddle of Mudd!
INFORMAZIONI
1993
Maverick Records/Warner Bros. Records
Grunge
Tracklist
1. Don’t You
2. Change
3. You
4. No Sense
5. Far Behind
6. Blossom
7. Arrow
8. Rain
9. Mothers Dream
10. Cover Me
11. He Calls Home
Line Up
Kevin Martin (Voce)
Peter Klett (Chitarre)
Bardi Martin (Basso)
Scott Mercado (Batteria)
 
RECENSIONI
82
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]