Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Near Death Experience - Threshold of Consciousness
( 3712 letture )
Non capita spesso di rimanere a bocca aperta di fronte ad un disco di debutto: i bei tempi dei Kill 'em All, The Legacy, Alice in Hell e compagnia bella sono irrimediabilmente andati e guardarsi attorno al giorno d'oggi per scovare nuove promettenti realtà e talenti musicali in erba risulta spesso infruttuoso, se non in alcuni casi addirittura deprimente. Eppure c'è sempre qualcuno o qualcosa in grado di farmi cambiare idea: è il caso dei nostrani Near Death Experience, che con questo Threshold of Consciousness confezionano un'opera prima in grado di sbaragliare la concorrenza e di imporsi come uno dei prodotti più interessanti mai venuti fuori dal substrato metallico della nostra penisola.
La proposta della band calabrese affonda le radici nel power-thrash metal di stampo americano e vede i Nevermore come principale ispirazione, riuscendo tuttavia a mettere in mostra una personalità ben definita che si palesa nella spiccata propensione alla ricerca melodica che marchia a fuoco i dieci pezzi del disco. Troviamo così affiancate a potenti strutture metalliche, molto spesso intricate e al limite del prog, una serie di linee melodiche ricercate e mai banali che fanno il paio con il riffing serrato della chitarra di Bruno Guarascio e con le ritmiche telluriche di Mike Pirozzi (basso) e Tony Mocerino (batteria). Il tutto senza mai dimenticare il devastante impatto sonoro congenito al thrash metal più moderno di cui si fa testimone la doppietta iniziale Pain Therapy - Threshold of Consciousness, songs in grado di mettere in chiaro i bellicosi intenti dei Near Death Experience in un tripudio di potenza e melodia, capaci di schiantarsi contro i timpani con la violenza di un treno in corsa. L'anima più melodica del sound dei nostri invece emerge prepotentemente nelle riuscite Building Ruins, e Clepsydra, che si snodano su una serie di riff melodici e cadenzati, rivelandosi nella loro struttura da power ballad (più power che ballad in verità) due degli episodi più affascinanti del platter; soprattutto la prima è la classica piccola perla che non avrebbe sfigurato in un disco come Dead Heart in a Dead World di Warrel Dane e Soci. E il resto del lavoro non è certo da meno: dalla particolare At the Mountains of Madness alla violenta Wall of Sleep, ogni episodio riesce ad accattivarsi l'attenzione dell'ascoltatore in virtù di soluzioni ricercate e arrangiamenti deliziosamente metallici, abbinando allo straordinario contenuto musicale un concept lirico incentrato sulle opere del grande H.P. Lovecraft. Dal Boia Elettrico ai Miti di Chtulu, da L'orrore di Dunwich alle vicende dei Grandi Antichi, i testi di Threshold of Consciousness sono pane per i denti degli appassionati del romanzo dell'orrore e degli irriducibili fan dello scrittore americano e costituiscono assieme all'ottima produzione dei Sound Farm Studios di Catanzaro e ad uno splendido ed inquitante artwork di copertina un valore aggiunto che non fa altro che alzare le quotazioni, per altro già altissime, di una band su cui puntare per il futuro.
Da segnalare infine la presenza di ospiti d'eccezione come Emil Bandera dei Death SS (At The Mountain Of Madness) e Gianluca Ferro dei Time Machine (Paintherapy) e l'unica nota stonata dell'album che risiede nella pronuncia inglese non proprio perfetta dell'ottimo singer Giuseppe Ierise. Frivolezze.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
34.76 su 30 voti [ VOTA]
maledicta
Sabato 21 Febbraio 2009, 20.27.37
6
grandissimi! anche in italia si fa ottimo metal! bravi
Alien
Martedì 17 Luglio 2007, 14.23.38
5
Ho avuto modo di sentire alcune songs sul loro my space se tutto il disco è cosi' è davvero una gran figata!
BLackElenoire
Giovedì 12 Luglio 2007, 22.07.48
4
concordo davvero ung gran bel disco!
Vegan
Giovedì 12 Luglio 2007, 15.27.07
3
Un disco da paura!!!
Il Mentalista
Giovedì 12 Luglio 2007, 0.16.57
2
Semper prontis
Francesco Gallina
Mercoledì 11 Luglio 2007, 13.05.48
1
Bravo Peppe, se fosse stato x me avrebbero dovuto aspettare ancora un bel pò.
INFORMAZIONI
2006
Deadbang Records
Thrash
Tracklist
1. Suffering First
2. Paintherapy
3. Threshold Of Consciousness
4. Building Ruins
5. Dressed Of Darkness
6. At The Mountains Of Madness
7. E.S.P.
8. Clepsydra
9. Wall Of Sleep
10. Night Ocean
Line Up
Bruno Guarascio – Guitars
Giuseppe Ierise – Vocals
Mike Pirozzi – Bass
Tony Mocerino – Drums
 
RECENSIONI
65
ARTICOLI
29/09/2007
Intervista
NEAR DEATH EXPERIENCE
Parla Bruno Guarascio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]