Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

CONCERTI

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

19/08/18
AGGLUTINATION
CHIAROMONTE (PZ)

Kamelot - Ghost Opera
( 5708 letture )
Quando ho ricevuto questo album ho pensato che ripetersi ai livelli di “The Black Halo” sarebbe stato difficile, troppo difficile, forse impossibile. I miei timori si sono tramutati in realtà dopo pochi ascolti. “Ghost Opera” non regge il confronto con il suo predecessore.
Detto questo, non voglio indurvi a pensare che il nuovo parto dei Kamelot sia una delusione. Anzi, a parte lo scotto iniziale causato da un approccio in generale troppo soft, “Ghost Opera” si fa apprezzare senza troppe difficoltà; si mantiene comunque su standard qualitativi alti. Un cambio di direzione rispetto a “The Black Halo” c’è stato, soprattutto in fase di arrangiamento, curato in maniera maniacale in “Ghost Opera”, laddove nel platter precedente veniva leggermente sacrificato in favore di un’immediatezza e di una potenza che vedeva la “tagliente” chitarra di Youngblood come punto di forza. Non condivido questa scelta, ma i Kamelot per altri versi, ci presentano comunque un grande album, meno immediato, ma teatrale e maestoso come mai in precedenza.
Lasciamo parlare la musica ora. “Solitaire” sembra una prefazione dell’album, un minuto scarso di melodia dove a farla da padrone è un malinconico violino, che dona una teatralità che sarà il filo conduttore dell’album. Segue “Rule The World” che ci fa capire che aria tira, grandi orchestrazioni che sfociano in un buon refrain, dominato dall’ugola di Khan, autore di una grande prova. La voce norvegese dimostra ancora una volta di essere uno dei migliori cantanti sul mercato. Uguale per struttura e bellezza la title track, ricca di un ritornello ancor più convincente. Youngblood cesella un grande assolo. Nei soli semra molto ispirato, mentre nella costruzione di riff granitici (come in “The Black Halo”) sembra latitare, probabilmente per la natura più melodica ed orchestrale del disco. Si sperimenta in campo elettronico con “The Human Stain”, forse il pezzo più riuscito di “Ghost Opera”. La voce di Khan ci fa sognare mentre s’intreccia a raffinati cori femminili e al pianoforte di Oliver Palotai, entrato in pianta stabile nella formazione. “Blücher” sembra troppo macchinosa, comunque buona alla lunga. “Love You To Death” è una canzone stupenda. Trovo poche parole per descrivere questo dialogo tra i due “amanti” (Khan e Amanda Sommerville). Era da tempo che non sentivo un pezzo così bello. Troppo “normale” la successiva “Up Through The Ashes”, non brutta, ma davvero scontata nel sua struttura. Dai Kamelot, da questi Kamelot mi aspetto di più, anche perché mi ricorda un pezzo qualsiasi dei Within Temptation di “The Silent Force”. Neppure “Mourning Star” sembra convincere appieno, comunque grande l’assolo di Youngblood. “Silence Of The Darkness” ci riporta su livelli discreti, una canzone Kamelot old style, con la doppia cassa di un grande Grillo a farla da padrone. “Anthem” rappresenta il suicidio di un fonico. Assolutamente orribile l’effetto che deturpa la voce di Khan, che ancora una volta ha tirato fuori “un coniglio dal cilindro”, una grande prestazione per una delle ballads migliori del repertorio dei Kamelot. Chiude l’album la bella “EdenEcho”, godibile e raffinata allo stesso tempo.
Un album che necessita più di un ascolto per farsi apprezzare in maniera completa. Un’altra grande prestazione dei Kamelot, ormai entrati di diritto tra i “nomi grossi” del panorama internazionale.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
56.5 su 42 voti [ VOTA]
aliceinhell
Martedì 14 Agosto 2012, 15.53.49
9
Bellissimo album solo Blucher è la canzone che mi ha convinto meno,il resto è eccellente!!
Luxifer
Domenica 15 Luglio 2012, 18.35.27
8
Per me in Ghost Opera ci sono quattro canzoni stupende: la title-track, The Human Stain (che ha un test meraviglioso), Love You To Death e Rule the World. Le altre sono tutte brutte o bruttine. Avrebbero dovuto fare un EP con solo le quattro traccie citate...
Master of Reality
Sabato 30 Luglio 2011, 16.09.08
7
Solitaire = 6.5; Rule the World = 6.5; Ghost Opera = 6.5; The Human Stain = 7.5; Blucher = 7; Love You to Death = 7.5; Up Through the Ashes = 7; Mourning Star = 5.5; Silence of the Darkness = 6.5; Anthem = 7; Eden Echo = 5.5; The Pendulous Fall (Bonus Track) = 6.5; Voto album = 6.5
Stefano
Sabato 25 Settembre 2010, 19.22.38
6
Gotich???? Ma i Kamelot non erano una bamd power metal??? comunque sia love you to dead è strepitosa, quando qualche giorno fà ho visto il videoclip originale girato per questa canzone ( quindi la prima volta che l'ascoltai) mi sono venuti i lacrimoni
andre666
Venerdì 26 Settembre 2008, 18.18.07
5
bella la recensione , complimenti... io amante del gothic questo album piace molto...molto vittoriano a partire dall'orchestra anche se secondo me i kamelot hanno toccato l'apice della genialità con epica....capolavoro aprendo addirittura a un tango metal....amo i preziosismi.... un saluto a tutti i fans della buona musica
proud nomad
Giovedì 19 Luglio 2007, 14.15.40
4
Ottima recensione. La penso come te e non sono rimsto particolarmente entusiasta per questa svolta melodica. Troppo lente le canzoni, troppo "studiate" le parti dark, quasi volessero strizzare l'occhiolino agli amanti di sonorità gotiche. La canzone Ghost Opera è una bomba!
Rob
Martedì 17 Luglio 2007, 12.51.19
3
De gustibus...
Renaz
Martedì 17 Luglio 2007, 12.01.51
2
Giusta osservazione.
JasonTheReaper
Martedì 17 Luglio 2007, 11.50.33
1
Mi dispiace ma bisogna ammettere la quasi totale mancanza di soluzioni vicenti. Ho ascoltato questo album fino alla noia ma non ti lascia niente! Sarebbe meglio che pensassero a fare qualche disco in meno per poter prendere solo il meglio delle loro composizioni.
INFORMAZIONI
2007
SPV/Steamhammer
Power
Tracklist
01. Solitaire
02. Rule The World
03. Ghost Opera
04. The Human Stain
05. Blücher
06. Love You To Death
07. Up Through The Ashes
08. Mourning Star
09. Silence Of The Darkness
10. Anthem
11. EdenEcho
Line Up
Khan – Vocals
Thomas Youngblood – Guitars
Glenn Barry – Bass
Oliver Palotai – Keyboards
Casey Grillo – Drums

www.kamelot.com
 
RECENSIONI
73
69
78
74
75
75
79
83
85
78
68
65
65
ARTICOLI
25/10/2016
Live Report
KAMELOT + AEVERIUM + WITHEM
Phenomenon, Fontaneto d’Agogna (NO), 19/10/2016
01/11/2015
Intervista
KAMELOT
La parola a Oliver Palotai
13/10/2015
Live Report
KAMELOT + GUS G.
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 08/10/2015
17/11/2012
Live Report
KAMELOT + XANDRIA ed altri
Estragon, Bologna, 13/11/2012
19/07/2007
Intervista
KAMELOT
Parla Roy Khan
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]