Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

CONCERTI

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

15/12/18
STONEDRIFT + TOTEM AND TABOO
CONDOR DARK CLUB - RUBIERA (RE)

15/12/18
SPEED KILLS + CARRION SHREDS + ADEPTOR
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

15/12/18
BARBARIAN + MERCILESS ATTACK + APOCALYPTIC SALVATION
CIRCOLO MU - PARMA

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

Garbo - A Berlino... Va Bene
11/11/2018
( 894 letture )
Prima di affrontare assieme l’album in questione, ovvero A Berlino...Va Bene, di cui la Universal ha fatto uscire nel 2017 la ristampa, è bene contestualizzare un attimo (e brevemente) di che periodo siamo musicalmente parlando. In Italia, negli anni 70, si era sviluppata una forte fase progressive, che per contesti sociali e politici era andata piano piano a scemare verso la fine del decennio. A riguardo di questo argomento, ovvero la nascita, l’apice e la decadenza di questa decade vi sono degli articoli presenti in questo sito che consigliamo caldamente di leggere (STORIA DEL PROG ROCK ITALIANO - # 2 - 1974/1978). C’è inoltre da aggiungere che molti gruppi al termine degli anni 70 si erano incartati su una serie di barocchismi molte volte fini a se stessi (per quanto magari di assoluta qualità in termini compositivi). È evidente dunque il declino di quel determinato periodo e c’era bisogno di qualcosa di nuovo che ne prendesse il testimone.

Paradossalmente parlando la New Wave è un genere in netta contrapposizione con il progressive, dato che prende e semplifica la proposta musicale puntando sull’immediatezza pur essendo un vero e proprio calderone di generi.
A Berlino... Va Bene si inserisce in questo contesto di “rivoluzione” e cambiamento prendendo chiaramente spunto dalla scena internazionale (Garbo sarà più volte chiamato il David Bowie italiano). Quest’opera prima si può definire dunque l’album giusto al momento giusto, in quanto catapulta l’artista di fronte ad un successo di notevoli proporzioni (da qui a Sanremo dove vinse il premio della critica il passo era relativamente breve). Musicalmente parlando il disco si presenta come un efficace connubio di pop elettronico, funzionale e al tempo stesso acerbo. Il meglio arriverà a partire dal successivo Scortati (1982), dove Garbo prenderà la formula presente in questo esordio e la migliorerà sotto tutti gli aspetti. Ciò non toglie a Berlino… Va Bene lo status di cult d’epoca e, in seguito, l'album verrà inserito nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 55. Si tratta di un lavoro che presenta diverse caratteristiche interessanti, tra cui quella di mantenere l’italiano come lingua principale pur sperimentando con altre lingue come il francese (C’est la Vie) e l’inglese (On the Road), anche se la resa rimane complessivamente un po’ grezza nell’esecuzione.

L’album dunque, attraverso chiare scelte compositive riesce ad essere lo specchio di una generazione inquieta e con tanta voglia di affermarsi. A trentasette anni di distanza ci si chiede cosa rimane? L’impatto forse non sarà lo stesso ma l’indiscusso valore di un esordio (in molti punti acerbo) che ha segnato una generazione attraverso i suoi singoli, quello resta.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
80 su 3 voti [ VOTA]
Kuix79
Martedì 20 Novembre 2018, 12.32.19
15
Disco fondamentale per lo studio del post punk italiano. Il singolo "A Berlino..va bene" ebbe molto successo ristampato in 7" poco tempo fa dalla Contempo in occasione del Record Store Day. Peccato che scelse la strada di San Remo per cercare il successo... Disco da scoprire. Voto: 75
Raven
Venerdì 16 Novembre 2018, 12.57.12
14
Il ritardo italico nel recepire il cambiamento è tradizionalmente atavico. Personaggi come Garbo sono da inquadrare in relazione alla loro importante per la scena nazionale. Sono chiaramente meno importanti se paragonati al mondo.
Le Marquis de Fremont
Venerdì 16 Novembre 2018, 12.16.40
13
Non conosco questi musicisti che vedo hanno preso molto spazio, in questa sezione di Metallized: Liftiba, Diaframma, CCCP/CSI, Garbo... Ho però l'impressione che siano molto derivativi dal sound punk/post punk/new wave Inglese. Questo tizio, mi ricorda molto le atmosfere di Vienna degli Ultravox o Spandau Ballet, anche come look. Ce ne faremo una ragione. Au revoir.
Galilee
Giovedì 15 Novembre 2018, 21.20.39
12
Non lo conosco, andrò ad ascoltare qualcosa.... a quando Camerini ?
Steelminded
Giovedì 15 Novembre 2018, 21.16.08
11
Rainbow te lo dico con Garbo... quello che hai scritto riferito a me tu identifica pienamente... 😀 #klostrilibero
Rainbow Rising
Giovedì 15 Novembre 2018, 20.33.38
10
Il disco non lo conosco, ma Garbo è fondamentale per la scena post punk/new wave italiana degli anni Ottanta. Chi tira in ballo Cotugno solo perché per una volta non si parla di un disco con rutti nel microfono e doppia cassa a manetta è un idiota, punto.
Raven
Mercoledì 14 Novembre 2018, 18.28.53
9
Ci sono già i j. E. T., se conosci.
Luigi
Mercoledì 14 Novembre 2018, 17.50.24
8
Ed i Mattia Bazar dei primi 80 dove li lasciamo?
Diamond
Mercoledì 14 Novembre 2018, 10.27.45
7
@Alex Cavani lusingato ti abbia messo dell'interesse. Significa che in parte ho fatto bene il mio lavoro 😊
Steelminded
Mercoledì 14 Novembre 2018, 10.23.25
6
Non conosco il settore infatti, perché troppo impegnato ad ascoltare black e death metal... ahahah era una battuta.
Raven
Mercoledì 14 Novembre 2018, 9.54.31
5
Garbo è personaggio fondamentale per definire la musica italiana non commerciale di un certo periodo, specialmente col disco successivo. Si ascolti ad esempio "A Berlino che giorno è". Il paragone con Toto Cotugno è decisamente fuori luogo e denota poca conoscenza del settore Diverso il discorso per Ruggeri, che in linea teorica potrebbe essere recuperato, magari con i Decibel.
Lucignolo
Mercoledì 14 Novembre 2018, 9.44.00
4
Ottima scelta quella di recensire un album che credevo dimenticato,un sinto pop eclettico e introspettivo, Garbo ha proseguito su questa strada infischiandosene Delle mode e Delle classifiche.e qui in Italia non è da poco.voto anche 85.
Alex Cavani
Mercoledì 14 Novembre 2018, 9.38.41
3
Questo disco mi manca totalmente, così come il suo autore. Il che è molto strano pr me . Ma la recensione mi ha spinto all'ascolto, per cui grazie!
Steelminded
Mercoledì 14 Novembre 2018, 9.14.20
2
Direi che siamo pronti per toto Cutugno
ObscureSolstice
Martedì 13 Novembre 2018, 23.52.00
1
Anche enrico ruggeri faceva post punk. A quando la recensione?
INFORMAZIONI
1981
EMI Records
Post Punk
Tracklist
1. A Berlino… Va bene
2. C’est la Vie
3. Futuro
4. In questo Cielo a Novembre
5. Dans une Nuit Ainsi
6. On the Radio
7. A Milano...Va Bene
8. Anche con Te...Va Bene
9. Lili Marlene
10. Mekong
Line Up
Garbo (Voce, Sintetizzatore)
Maurizio Gianni (Chitarra)
Maurizio Anesa (Basso)
Bruno Bergonzi (Batteria, Percussioni)
Sergio Franzosi (Tastiera, Pianoforte)
Giuseppe Pagani (Sax, Clarino, Basso)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]