Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helevorn
Aamamata
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/02/19
ONIROPHAGUS
Endarkenment (Illumination Through Putrefaction)

19/02/19
EVIL CONSPIRACY
Evil Comes

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
LARSEN
Tiles

21/02/19
FM
The Italian Job

22/02/19
BLOOD RED SAINTS
Pulse

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

22/02/19
NASHEIM
Jord Och Aska

22/02/19
RHAPSODY OF FIRE
The Eighth Mountain

22/02/19
MORTANIUS
Till Death Do Us Part

CONCERTI

17/02/19
WHILE SHE SLEEPS + LANDMVRKS + STRAY FROM THE PATH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/19
MICHALE GRAVES
DRUSO - RANICA (BG)

17/02/19
BLACK OATH + NIGHT GAUNT
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/02/19
OPERATION MINDCRIME + GUEST
DRUSO - RANICA (BG)

22/02/19
MARK BOALS + THE HOLY DIVERS
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

22/02/19
OPERATION MINDCRIME
BORDERLINE - PISA

22/02/19
DARKEND + SHADOWTHRONE + HERUKA
FUCKSIA - ROMA

22/02/19
STAGE OF REALITY + 17 CRASH
KILLJOY - ROMA

22/02/19
OPERA IX + ASHEN FIELDS
CIRCOLO ARCI ZIGGY - TORINO

22/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
ROCK OUT - BRESCIA

Haunt - Burst Into Flame
23/11/2018
( 318 letture )
Una copertina dal sapore tanto retrò quanto evocativo presenta il primo full-length degli statunitensi Haunt, con una giovane donna incappucciata che sembra domare un fuoco con le mani sotto una notte stellata. La band aveva in realtà debuttato l’anno precedente con l’EP Luminous Eyes, realizzato di fatto dal solo Trevor William Church che per il presente Burst into Flame ha radunato attorno a sé una band vera e propria, rimanendo a occuparsi “soltanto” di voce e chitarra.

Le atmosfere evocate dalla cover sono azzeccate nell’inquadrare il mood della musica degli Haunt: un heavy metal tradizionalista, melodico e frizzante che guarda specialmente alla NWOBHM ma con una patina oscura che conferisce alla musica un appeal decisamente dark, mistico e vagamente epico. Il sound è volutamente grezzo e ben si sposa con l’atmosfera, retrò e anni Ottanta a tutto tondo. Nove canzoni per trentasette minuti, tutte di una durata tra i tre e i quattro minuti, tutte di struttura lineare e tra loro abbastanza simili. I singoli membri della band si comportano bene anche se senza mai strafare, con le chitarre galoppanti, melodiche e vivaci che si sposano benissimo con la voce pulita ma sbarazzina di Church. I brani non sono complessi e l’intero Burst Into Flame scorre via nell’ascolto senza intoppi (anche grazie al minutaggio non certo elevato), ma ci sono sicuramente degli episodi che rimangono più impressi di altri, come giustamente la title track, uno dei momenti più martellanti e sostenuti, ma anche sinistri. L’incipit melodico di Crystal Ball è semplicemente squisito; Reflectors ha invece un incedere sostenuto, che culmina perfettamente in un chorus ammiccante e quasi ruffiano. Ancora, Wanderlust è uno dei pezzi più gustosi e coinvolgenti della tracklist e anche Heroes o la conclusiva The Looking Glass contribuiscono a tenere alta l’asticella della qualità dell’album, nonostante non siano altro che leggere variazioni sul tema di quanto sentito fino a poco prima.

Burst into Flame è un gradito tuffo nel passato, che anche grazie alla produzione ruvida suona tranquillamente come un prodotto che potrebbe essere uscito all’inizio degli anni Ottanta. Gli Haunt si dimostrano dei musicisti capaci, in grado di scrivere una manciata di buone canzoni che riescono a intrattenere benissimo chi ama determinate sonorità, anche al netto di qualche brano meno riuscito, che comunque non intacca la qualità media dell’album. Tuttavia, il punto di forza dei Nostri non sta tanto nel songwriting quanto nello stile, che per quanto sia assolutamente tributario afferma una bella personalità: tanta melodia, energia, calore e vitalità si uniscono a sensazioni magiche ed esoteriche; suggestioni quasi medievali viste attraverso la lente impolverata degli anni Ottanta. C’è anche da dire che l’album dopo un po’ di ascolti tende a farsi mettere da parte, ma la sua bontà e l’entusiasmo che vi si sente dietro non vengono mai compromessi. Un esordio quindi sicuramente riuscito, anche se per il suo successore si auspicano dei miglioramenti nel songwriting (comunque già discreto) e nella varietà interna dell’album.



VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Venerdì 18 Gennaio 2019, 20.26.19
1
Sufficiente e bel dischetto degli Haunt senza pretese, Burst into Flame sembra come spunto all'heavy metal 'king diamondiano' con coretti vocals in falsetto misto al catchy dell'heavy metal british, Crystall Ball patinata oscura soprattutto vocale si trova anche negli osannati e pluricitati metal/rock ghost ma loro molto più radio friendly, strumentalmente heavy metal molto validi datato anni '80 guardando solo a certi valori old school. Andando avanti si capisce le direttive che vogliono intrapendere sulla scia Angel Witch, la voce dà quel non so che di doomy maculato da vocals apparentemente candida da tradizione, oltre il fatto che il cantante, chitarrista, ho visto che ha una band doom credo classic in parallelo, andrò ad ascoltare qualcosa. Disco comunque che può sembrare con diverse tracce molto simili tra di loro come dice il recensore, ma credo di dissentire che con diversi ascolti si riesce ben a distinguerle, si riesce a scoprire ogni differenza all'interno di questo debutto discreto, ma che è più che discreto, non lo sottovaluterei questo primo debutto full-lenght seguito da un EP un anno prima dal nome Luminous Eyes senz'altro da adorare degli Haunt che nel tempo sarà a loro favore. Per adesso le migliori: Burst into Flame, Reflectors, My Mirage, Heroes...72...al prossimo e imminente disco
INFORMAZIONI
2018
Shadow Kingdom Records
Heavy
Tracklist
1. Burst Into Flame
2. Crystal Ball
3. Reflectors
4. My Mirage
5. Wanderlust
6. Frozen in Time
7. Heroes
8. Can’t Get Back
9. Looking Glass
Line Up
Trevor William Church (Voce, Chitarra)
John Michael Tucker (Chitarra)
Matthew Wilhoit (Basso)
Daniel Wilson (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
21/03/2017
Live Report
RISE OF THE UNDERGROUND V - CLAUDIO SIMONETTI'S GOBLIN + TRINAKRIUS + HAUNTED + ANCESTRAL
Barbara Disco Lab, Catania, 17/03/2017
26/08/2014
Intervista
THE HAUNTED
Ferite
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]