Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

CONCERTI

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

15/12/18
STONEDRIFT + TOTEM AND TABOO
CONDOR DARK CLUB - RUBIERA (RE)

15/12/18
SPEED KILLS + CARRION SHREDS + ADEPTOR
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

15/12/18
BARBARIAN + MERCILESS ATTACK + APOCALYPTIC SALVATION
CIRCOLO MU - PARMA

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

Korpiklaani - Kulkija
27/11/2018
( 558 letture )
Kulkija.
Termine finlandese che si riferisce ad una persona impegnata in un cammino senza fretta e senza meta. Un viaggio a piedi per il gusto di viaggiare a piedi.

È il viaggio che conta, non la destinazione

Recitava uno di quegli aforismi difficili da attribuire ad un autore preciso (vi prego, no, non l'ha detto Einstein), ed è un po' l'idea di atmosfera che i Nostri volevano trasmettere tramite le quattordici canzoni (per oltre un'ora e dieci di durata totale) che compongono la loro ultima fatica. E poi, diciamolo, a piedi nessun poliziotto potrà fermarvi per sottoporvi all'alcol test.
Che poi non sarebbe nemmeno necessario, perché il decimo full-lenght della band di Lahti appare come meno “caciarone” rispetto allo standard delle loro pubblicazione. Non un cambio drastico, visto che non mancano le incursioni folk sfrenate, ma sono presenti momenti in cui le melodie si fanno più cupe e l'atmosfera vira rispetto all'elogio dell'alcol medio.
Non ci credete?
Ascoltate il malinconico intro di violino in Aallon alla, della successiva Harmaja o di Kallon Malja, dove è sempre il buon Tuomas Rounakari a guidare melodie decisamente poco festose e a proiettarci in un momento dove possiamo ascoltare dei Korpiklaani più oscuri e riflessivi.
Sezioni in cui possiamo peraltro apprezzare il range basso di Jonne Järvelä, che si esprime qui in modo molto più elegante rispetto al resto dell'interpretazione, che viaggia prevalentemente sulle linee del suo cantato più “aggressivo” e sgraziato, dal timbro sporco ma indubbiamente caratteristico, valorizzato dall'ennesimo album di testi unicamente in lingua madre.
Le parti di chitarra di Cane, alternano momenti più allegri (Henkselipoika, Juomamaa) con la classica alternanza tra terzinati festosi e plettrate in levare, ad altri più heavy (Sillanrakentaja) che mette in campo un riffing che vuole suonare il più malvagio possibile, riuscendo nella sua relativa semplicità (non aspettatevi chissà quali prodezze tecniche).
La sezione ritmica mostra la stessa versatilità, ma senza brillare mai di luce propria, insomma, non sentirete filler particolarmente complessi o linee di basso fantasiose. Se, però, c'è un merito da attribuire alla coppia Matson/Aaltonen è quello di saper accompagnare tutti i pezzi in modo ragionato, quelli tirati come l'opener Neito, dove Matson tira fuori dal cilindro un drumming più intenso con qualche tappetino di doppia cassa a contorno, ad altre come la successiva Korpikuusen kyynel, dove il drumming si fa più easy (tolto un piccolo momento quasi solista) ma entra più in gioco il basso ben udibile di Jarkko, che accompagna in modo tenace tutto il resto dell'ensemble.
La fisarmonica di Sami Perttula tende invece ad uscire nei brani più allegri (Korpikalliota, Henkselipoika, Juomamaa e Korpikuusen kyynel, giusto per citarne alcun) dove emerge maggiormente il trademark Korpiklaani e si nota l'affiatamento tra l'accordion del citato Perttula, il violino di Rounakari e gli altri strumenti tradizionali suonati da Jonne. Un lavoro di concerto ben fatto ma che non può non suonare spesso “già sentito”.

La produzione di Kulkija è classificabile come “nella media” dei dischi dei Korpiklaani passati. Il budget fornito dalla NB è stato sfruttato appieno per incidere un album che suona moderno (con il loro tipo di folk la cosa non è poi nemmeno così incoerente), senza eccessi, ma anche abbastanza lineare in termini di dinamiche.
Ci sono violini che suonano al volume delle chitarre elettriche e strumenti tradizionali che non sfigurano accanto a ritmiche di batteria sostenute, segno di una compressione abbastanza marcata.
Il mix ha lasciato a tutte le tracce il giusto spazio e non c'è nulla di sacrificato, le timbriche sono gradevoli ma piuttosto standardizzate.
Insomma, Dante lo definirebbe un lavoro un tantino “ignavo”, “Sanza 'nfamia e sanza lodo ".

Non è immediato classificare una nuova uscita dei Korpiklaani in mezzo ad una discografia così prolifica e senza particolari alti e bassi.
I finlandesi sono una live band e Kulkija non sposta di una virgola questa consapevolezza, restituendoci un'opera piacevole da ascoltare, ma che non vivrà mai di lunga vita se rimarrà confinata alle cuffie o alle casse da cui la riproduciamo.
C'è una, citata, vaga virata verso atmosfere apparentemente più riflessive (in riferimento al passato, non in senso generale, sempre dei Korpiklaani parliamo), ma nulla che sposti gli equilibri o che ci dia l'idea che Järvelä e compagni di bevute siano usciti dal seminato.
Comunque valido per i fan e per gli amanti delle atmosfere rilassate, per il resto: li aspettiamo sul palco.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
AL
Mercoledì 28 Novembre 2018, 20.07.31
3
Lo sto metabolizzato. Già Noita era un cd un po' diverso ma ottimo. I migliori Korpiklaani per me. Questo è un album particolare da approfondire.
Muki97
Martedì 27 Novembre 2018, 22.46.16
2
L'ho ascoltato dal tubo, e devo dire che dopo quel piccolo gioiello che è Noita, questo mi ha lasciato molto l'amaro in bocca. Non mi dispiace tanto il fatto della virata riflessivo-intimista delle canzoni, quanto il fatto che tale cambiamento non sia stato sviluppato adeguatamente nei suoni. Cerco di spiegarmi (purtroppo la proprietà di linguaggio non è la migliore delle mie qualità): i suoni sono ancora "troppo metal" rispetto a quello che richiederebbero dei pezzi di questo tipo, e secondo me appesantiscono molto l'ascolto. Se faccio il confronto con gli album solisti di Jarvela (dove comunque il folk predomina), trovo questi ultimi molto più scorrevoli. Poi questa ovviamente è la mia opinione, non vuole essere un parere oggettivo.
Metal Shock
Martedì 27 Novembre 2018, 20.50.48
1
Per me è stata una piacevole sorpresa perché questo disco, invero troppo lungo, si distacca un po' dal sound festaiolo che caratterizza il gruppo finlandese; infatti le atmosfere si fanno più serie e malinconiche e per me è forse il miglior disco del Clan dei boschi da anni. 80 come minimo.
INFORMAZIONI
2018
Nuclear Blast
Folk
Tracklist
1. Neito
2. Korpikuusen kyynel
3. Aallon alla
4. Harmaja
5. Kotikonnut
6. Korppikalliota
7. Kallon malja
8. Sillanrakentaja
9. Henkselipoika
10. Pellervoinen
11. Riemu
12. Kuin korpi nukkuva
13. Juomamaa
14. Tuttu on tie
Line Up
Jonne Järvelä (Voce, chitarra acustica, mandolino, percussioni, violafon)
Cane (Chitarra)
Sami Perttula (Fisarmonica)
Tuomas Rounakari (Violino)
Jarkko Aaltonen (Basso)
Matson (Batteria)
 
RECENSIONI
73
74
73
50
75
71
79
82
85
85
ARTICOLI
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
07/11/2016
Live Report
KORPIKLAANI + MOONSORROW + SKALMOLD
Alcatraz, Milano, 02/11/16
22/02/2013
Live Report
KORPIKLAANI + METSATOLL
Temporock, Gualtieri (RE), 16/02/2013
12/09/2011
Intervista
KORPIKLAANI
Monosillabi di Folk
10/09/2010
Intervista
KORPIKLAANI
Il sud, il folk e il tasso alcolico!
09/11/2007
Live Report
KORPIKLAANI
La data di Milano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]